HomeFotografiAndrew Bernstein: Il fotografo dell NBA

Andrew Bernstein: Il fotografo dell NBA

Andrew Bernstein è il capo fotografo della NBA (National Basketball Association) e ha lavorato con loro negli ultimi 42 anni. Ha catturato momenti iconici con Kobe Bryant, LeBron James, Michael Jordan e molte altre leggende.

Bernstein ha fotografato Kobe Bryant, il 18 volte All-Star che ha vinto cinque campionati NBA ed è diventato uno dei più grandi giocatori di basket della sua generazione durante i suoi 20 anni di carriera nell’NBA, dalla prima partita con i Lakers all’ultima .

Andy, come tutti lo chiamano affettuosamente, è stato determinante nella creazione di NBA Photos nel 1986 come agenzia di licenza interna della lega ed è stato direttore senior fino al 2011. Ha raccontato il Team USA durante i suoi campionati olimpici del 1992, 1996 e 2000.

Fotografare LeBron James battere il record di canestri

La foto iconica più recente di Bernstein è stata della superstar dei Lakers LeBron James che ha battuto il record di tutti i tempi di Kareem Abdul-Jabbar l’8 febbraio 2023.

“È stato molto stressante perché sapevamo che si stava avvicinando al record”, ha detto Bernstein a PetaPixel. “Quando era a portata di tiro, sono andato in massima allerta. L’NBA mi ha mandato a New Orleans perché era a 64 punti di distanza e, ovviamente, non avrebbe segnato 64 punti in una partita [il record personale di LeBron è 61], ma per ogni evenienza, quindi è stata una specie di test. E poi quello successivo, il 7 febbraio 2023, è stato davvero il gioco che era stato assegnato dove aveva bisogno di 35 per pareggiare e 36 per battere il record di Kareem Abdul-Jabbar a 38.387 punti. C’è un sacco di preparazione che va in esso. Mi preparo per ogni partita, ma questa è stata accelerata a causa dell’importanza del momento. Abbiamo installato cinque o sei telecamere remote all’estremità opposta del campo rispetto a dove mi siedo io. Ho quattro videocamere portatili davanti a me. Se l’azione doveva svolgersi dall’altra parte del campo, dovevo prendere una decisione in una frazione di secondo se usare le telecamere portatili che erano di fronte a me o premere il pulsante della telecamera remota.”

“Ho deciso che se si trovava nell’area dipinta a chiave davanti al cesto dove sono focalizzate tutte le telecamere remote, avrei premuto il pulsante del telecomando. Altrimenti, se fosse al di fuori di quello, lo filmerei con la macchina fotografica in mano. Questo è quello che è successo, ed è andata bene. [La visuale] non era ostruita e LeBron si è preso il suo tempo per prepararsi per quel tiro. Ho solo una possibilità perché scatto con un grande sistema stroboscopico nel soffitto, quindi posso scattare solo una foto ogni quattro secondi, e quattro secondi sono un’eternità nello sport. Tutto doveva combaciare compositivamente. Dovevo essere a fuoco, ovviamente non essere bloccato da nessuno, ma anche la tecnologia doveva funzionare. I flash dovevano accendersi quando ho premuto il pulsante dell’otturatore, ed è successo tutto, quindi è stato molto gratificante poter ottenere una bella foto”.

Perché solo uno scatto alla volta?

Per un fotografo sportivo, dover vivere solo di un singolo scatto è completamente l’opposto di come funziona normalmente la fotografia sportiva, ma è l’unico modo in cui Bernstein ha saputo scattare da quando era assistente fotografico quattro decenni fa.

Sports Illustrated ha addestrato Bernstein a mettere queste gigantesche unità stroboscopiche nei soffitti delle arene nelle passerelle, e i fotografi per cui lavorava allora erano abituati a scattare un fotogramma alla volta, sia che fosse su una Hasselblad o una Canon o una Nikon SLR .

Ai tempi del cinema, la pellicola per diapositive era la migliore a 100 ISO. Erano disponibili pellicole da 400 ISO e più veloci e 400 ISO potevano essere elaborate a spinta di uno o due stop, ma la grana diventava fastidiosamente più grande e i dettagli e la nitidezza ne risentivano, il che rendeva impossibili le stampe di grandi dimensioni.

“È quello che ho iniziato a fare quando sono diventato un professionista nei primi anni ’80”, afferma Bernstein. “Fino ad oggi, l’NBA, così come la NHL, la lega di hockey, in una certa misura, ma l’NBA utilizza esclusivamente la fotografia stroboscopica dei fotografi della propria squadra in tutte le 30 arene. Non so quanto tempo ci vorrà a causa della nuova tecnologia delle telecamere e del miglioramento dell’illuminazione nelle arene. Se si preme l’otturatore troppo presto prima che gli alimentatori del flash abbiano avuto la possibilità di riciclarsi, si rischia di far saltare il fusibile. Se fai saltare un fusibile, non possiamo salire in passerella durante una partita per ripristinare il fusibile dello strobo pack o del pannello. Sei fottuto per il resto del gioco. L’illuminazione è composta da otto pacchetti Speedotron da 2400 watt al secondo, quindi sono 8×2400, ovvero, non so nemmeno cosa siano, sai, 20.000 watt al secondo o qualcosa del genere. Ciascuno è attaccato a una testa quadrupla, quindi c’è una testa per confezione, e sono collegati a margherita insieme.”

“Quando premo il pulsante di attivazione, il circuito sale istantaneamente sulla passerella e tutti e otto i flash si accendono contemporaneamente. In quel set, se ne perdi uno, sai che potresti conviverci se non è la tua luce chiave; altrimenti, stai osservando ombre e illuminazione incrociata e ogni genere di cose strane. A volte questi set non funzionano se la catena/circuito è incompleta.”

La foto di Michael Jordan che piange con il trofeo

Un’altra delle foto più famose di Bernstein è quella della leggenda dell’NBA Michael Jordan che piange con il Larry O’Brien Championship Trophy dopo aver vinto il campionato nel 1991.

È divertente perché alcune delle mie foto più famose, quella in particolare, non sono foto di azione”, afferma il fotografo NBA. 

“Questo è stato un momento molto fotogiornalistico perché sono orgoglioso di essere, prima di tutto, un fotoreporter. E’ stato un momento importante perché era il primo campionato di Michael che aveva impiegato sette anni per vincere. È stato un momento toccante nello spogliatoio con suo padre accanto a lui. Suo padre è stato tragicamente assassinato pochi anni dopo, e ci sono molti retroscena con quella foto. Era una situazione molto caotica e minuscola negli spogliatoi dopo che i Bulls avevano battuto i Lakers nelle finali nel 1991. L’NBA e la rete in quei giorni erano soliti fare la presentazione del trofeo per la squadra vincente negli spogliatoi. Sono saltato su un tavolo pieghevole che avevano nel mezzo dello spogliatoio e la rete ha fatto la presentazione del trofeo. Vanno a una pubblicità e vogliono tornare e intervistare Michael Jordan in diretta TV. Durante quel periodo, era decollato con il trofeo, quindi la gente urlava e urlava, e c’era champagne che volava dappertutto. Non riescono a trovare Michael. Qualcosa nella mia testa diceva, guarda alla tua sinistra, e io ho appena ruotato alla mia sinistra, ed eccolo lì, forse a un metro e mezzo di distanza in un armadietto.”

Quattro decenni di cambiamenti nella fotografia NBA

“Il passaggio dalla pellicola al digitale è stato il cambiamento più grande“, afferma Bernstein a proposito di come la fotografia di basket si è evoluta nel corso degli anni. 

“Mi preparo ancora per i giochi nello stesso modo in cui l’ho sempre fatto, quindi il mio processo non è cambiato con la tecnologia. Non dobbiamo più ricaricare le telecamere; non dobbiamo più tenere traccia dei conteggi dei film, specialmente sui telecomandi. Facevamo molte fotocamere remote utilizzando Hasselblad con un dorso a 24 esposizioni, quindi sapevo che non avrei potuto cambiare pellicola fino all’intervallo. Questo mi ha limitato a 24 immagini che potevo scattare senza rimanere senza pellicola. Se guardi i vecchi filmati delle finali NBA o dei playoff, vedi probabilmente 60 fotografi in campo. Ora ci sono 12 fotografi in tutto l’intero campo. L’NBA è stata molto attenta a prendersi cura della sicurezza dei giocatori e ha sempre tenuto presente che i giocatori hanno meno probabilità di cadere e inciampare con meno persone.

La scelta dell’attrezzatura fotografica di Bernstein

Bernstein ha quattro fotocamere portatili con quattro diversi obiettivi montati. Le fotocamere Nikon D5 e Nikon D6 sono collegate direttamente al sistema stroboscopico, il che significa che un filo [un cavo di sincronizzazione flash per PC] va dalla fotocamera fino al soffitto nei flash.

“Uno è principalmente per il campo vicino dove utilizzo un AF-S NIKKOR 28-300mm f/3.5-5.6G ED VR, e sul campo in basso utilizzo l’AF- S NIKKOR 80-400mm f/4.5- 5.6G ED VR per riprendere cose dall’altra parte del campo”, afferma.

“Le altre due fotocamere sono quelle della D4, quelle che io chiamo le mie fotocamere walkabout con un PocketWizard collegato. Vado in giro e ottengo lo scatto di gruppo, lo scatto di celebrità o qualunque cosa devo fare in campo ed essere mobile. Su quelle D4 sto usando un AF-S Zoom-NIKKOR 17-35mm f/2.8D IF-ED su uno e di solito un AF-S NIKKOR 70-200mm f/2.8E FL ED VR sull’altro. Una volta iniziata la partita, non uso quelle due fotocamere Nikon D4S tranne che alla fine della partita, quando devo correre in campo e riprendere qualunque intervista stia accadendo, o qualche volta, devo girare per il campo durante la partita giocare e sparare a celebrità o qualunque cosa stia succedendo.

Puoi vedere altri lavori di Andrew D. Bernstein sul suo sito Web e Instagram o unirti a lui sul suo podcast o in un seminario.

Altri articoli:

Alessio Fabrizi
Alessio Fabrizi
Alessio, fondatore di Fotografia Moderna dal lontano 2015 con l'obiettivo di creare una community unita di fotografi italiani. Cerco sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, mi diverto a fare recensioni di attrezzature fotografiche e consigliare con guide all'acquisto le migliori alternative sul mercato. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raggiungere più di 1 milione di appassionati ogni anno finendo per essere un lavoro a tempo pieno dove ogni giorno impiego il mio tempo per cercare notizie o migliorare il sito.
ALTRI ARTICOLI

ULTIMI ARTICOLI

LE MIGLIORI OFFERTE DEL GIORNO