HomeNews FotografiaAsus è la prima a realizzare un QD-OLED di dimensioni ragionevoli

Asus è la prima a realizzare un QD-OLED di dimensioni ragionevoli

La tecnologia QD-OLED è assolutamente sorprendente e riesce a migliorare ulteriormente i già straordinari vantaggi dell’OLED standard. Purtroppo, finora è stata introdotta solo in formati ultra-wide o in dimensioni pari a quelle dei televisori da salotto. Tuttavia, ora stanno per verificarsi dei cambiamenti significativi.

Asus ha annunciato il ROG Swift OLED PG32UCDM, un monitor QD-OLED da 32 pollici, 4K e 240 Hz che, secondo quanto afferma l’azienda, ha trovato un equilibrio ideale tra dimensioni e risoluzione. I punti di forza di questo monitor risiedono nel pannello QD-OLED, che rappresenta il culmine della tecnologia dei pannelli al momento attuale.

“I pannelli OLED sono attualmente una delle tecnologie di visualizzazione più popolari sul mercato, grazie alla loro eccezionale riproduzione dei colori, alla velocità di risposta istantanea e alla capacità di generare veri neri. Gli OLED costituiscono la base dei mirini elettronici di quasi tutti i principali produttori di fotocamere e sono la ragione per cui la maggior parte dei mirini delle moderne fotocamere mirrorless appare così realistica”, ha spiegato PetaPixel all’inizio di quest’anno, quando Canon ha deciso di entrare nel mercato per competere con Samsung, attualmente l’unico produttore di pannelli QD-OLED.

Come illustrato dall’esperto Simon Cohen di Digital Trends, la tecnologia QD-OLED è un ibrido che combina la tecnologia OLED tradizionale con i punti quantici per ottenere un risultato ancora migliore. La tecnologia QD-OLED, di proprietà di Samsung, è stata introdotta negli ultimi due anni e ha affrontato due dei principali problemi dell’OLED tradizionale: la luminosità e il fenomeno del burn-in.

Il QD-OLED è in grado di produrre colori estremamente precisi e vivaci che superano ampiamente la maggior parte dei pannelli OLED o LCD disponibili. Al contempo, questa tecnologia offre un alto livello di luminosità, che in passato rappresentava un punto debole degli OLED tradizionali. In passato, gli acquirenti dovevano fare una scelta tra elevata luminosità utilizzando i pannelli LCD o un contrasto e una resa cromatica migliori offerti dall’OLED. Ma oggi non è più così.

Fino ad ora, questa tecnologia, per quanto valida, era disponibile solo su televisori di grandi dimensioni e a costi elevati (di almeno 55 pollici di diametro) oppure su schermi ultra-wide più orientati ai giocatori che ai fotografi e ai cineasti. Tuttavia, attraverso il marchio ROG, Asus sta cambiando la situazione.

Poiché ogni pixel può essere controllato singolarmente, i neri possono essere veramente neri grazie alla capacità di accendere e spegnere ogni singolo pixel. Inoltre, la tecnologia QD-OLED di seconda generazione presente nel ROG Swift OLED PG32UCDM promette ancora più ricchezza cromatica e un layout sub-pixel ottimizzato per una maggiore chiarezza e luminosità. Asus afferma che questo display raggiungerà una luminosità di picco di 1.000 nit con livelli di nero perfetti, rendendo l’esperienza HDR davvero spettacolare.

Asus e le soluzioni di raffreddamento per i display

Asus dichiara di aver implementato una soluzione di raffreddamento particolarmente robusta in questo display per gestire il calore emesso dal pannello, elemento cruciale per garantire una lunga durata del display.

“Una pellicola di grafene posta dietro l’intero pannello lo mantiene fresco e confortevole. Il grafene è il materiale nanotecnologico più sottile e resistente al mondo, con un coefficiente di conducibilità termica fino a 5.300 W/mK, più di cento volte superiore a quello dell’argento, del rame, dell’oro o dell’alluminio. Le basse temperature operative garantite da questa soluzione di raffreddamento consentono al display di raggiungere e mantenere livelli di luminosità di picco elevati”, afferma Asus.

“La tecnologia di raffreddamento premium del PG32UCDM ti offre anche la tranquillità che il tuo monitor avrà una lunga durata, contribuendo a minimizzare il rischio di burn-in.”

Il monitor supporterà sia HDMI 2.1 che DisplayPort 1.4 con Display Stream Compression. Nonostante l’azienda non abbia fornito dettagli specifici sulla resa cromatica, i pannelli QD-OLED hanno già dimostrato prestazioni eccezionali in questo ambito, ottenendo punteggi elevati nei profili di colore sRGB, DCI-P3 e Adobe RGB. Non ci sono motivi per prevedere cambiamenti in questa caratteristica nella prossima generazione della tecnologia presente in questo monitor.

Sebbene l’estetica di questo monitor sia indirizzata in gran parte ai giocatori, rappresenta probabilmente la soluzione all-in-one migliore sia per i professionisti creativi che per gli appassionati di videogiochi. Tuttavia, è molto improbabile che questo livello di prestazioni sia economico. Nonostante Asus non abbia ancora reso noti i prezzi al momento dell’annuncio, ci si può aspettare che il costo sia di almeno qualche migliaio di dollari quando il monitor verrà lanciato nel 2024.

Altri articoli:

Alessio Fabrizi
Alessio Fabrizi
Alessio, fondatore di Fotografia Moderna dal lontano 2015 con l'obiettivo di creare una community unita di fotografi italiani. Cerco sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, mi diverto a fare recensioni di attrezzature fotografiche e consigliare con guide all'acquisto le migliori alternative sul mercato. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raggiungere più di 1 milione di appassionati ogni anno finendo per essere un lavoro a tempo pieno dove ogni giorno impiego il mio tempo per cercare notizie o migliorare il sito.
ALTRI ARTICOLI

Lascia un commento

Scrivi qui il tuo commento
Aggiungi il tuo nome qui

ULTIMI ARTICOLI

LE MIGLIORI OFFERTE DEL GIORNO