Come Calibrare il monitor nel modo migliore per i fotografi

0
252
Come calibrare il monitor di un pc
Come calibrare il monitor di un pc

Possiamo scattare le migliori foto del mondo ma se non abbiamo un monitor che ci mostra una resa fedele delle nostre fotografie rischiamo di buttare via tutto il nostro lavoro, ecco perché vi vogliamo spiegare in questo articolo quanto è importante calibrare un monitor.

Vi è mai capitato di notare delle sfumature di colore su un monitor, passare sul computer di un vostro amico e quei colori non si assomigliano per niente? Tranquilli, non è un vostro problema, non dovete andare dall’oculista, ma seguire questi semplici accorgimenti che vi elencheremo in questa guida in modo da calibrare il vostro schermo e riuscire a vedere/lavorare con le foto in modo fedele.

Argomenti dell’articolo:

Perché calibrare un monitor

Ecco perché bisogna sempre calibrare un monitor
Ecco perché bisogna sempre calibrare un monitor

Non esiste fotografo che tenga, le foto migliori se ritoccate in post-produzione possono regalare un’emozione in più, semplicemente perché riusciremo a dargli quel tocco che magari durante la fase di scatto non siamo riusciti a realizzare. Un esempio pratico può essere un effetto seppia sulle vostre foto in modo da dargli quel sapore di vintage sempre apprezzato. Immaginate ora che sul vostro computer elaborate correttamente la foto con il vostro software (es. Lightroom, anche magari utilizzando dei preset) e il risultato ottenuto vi soddisfa. Salvate la foto e provate ad aprirla su un altro dispositivo, o ancor meglio un altro computer. La foto risulterà la stessa? Nella maggior parte dei casi no. Questo perché? Dipende proprio dalla calibrazione dei colori del monitor. Magari il primo monitor interpreta il rosso in un modo, il secondo monitor lo interpreta diversamente.

Quindi perché si calibra un monitor?

Un monitor si calibra per far sì che il rosso (o altri colori) utilizzato sia più vicino possibile ai colori di riferimento

Questo processo permette di visionare le vostre foto/video con qualsiasi dispositivo sempre allo stesso modo, con le stesse tonalità di colore.

Come calibrare un monitor pc

Abbiamo capito ora di quanto può essere importante calibrare lo schermo, ma in pratica come si fa? È difficile? È alla portata di tutti o bisogna rivolgersi ad un esperto? Assolutamente no. È un processo che tutti noi possiamo fare, basta avere delle piccolissime capacità informatiche e riusciremo a calibrare il monitor perfettamente. Vediamo come.

La calibrazione può avvenire in due modi, tramite dei programmi specifici o tramite dei strumenti.

  • Calibrazione tramite programmi online: è il modo gratuito, abbastanza semplice ma meno preciso e professionale
  • Calibrazione con strumenti professionali: hanno un costo e non sono così immediati da utilizzare ma sicuramente il risultato ottenuto sarà il più fedele possibile.

Prima di vederli nel dettaglio devi seguire questi accorgimenti:

  1. Non accendere il monitor e iniziare la calibrazione, i pixel non sono ancora a “temperatura“. Accendilo almeno mezz’ora prima in modo che rispetti le normali condizioni operative di tutti i giorni
  2. Bisogna impostare la risoluzione nativa predefinita. Se non la ricordi prova a cercarla sul libretto d’istruzioni o sul sito ufficiale
  3. La calibrazione dev’essere effettuata in un ambiente con illuminazione moderata, non devono esserci riflessi fastidiosi sul monitor ma nemmeno luci troppo forti o troppo scure
  4. Prova a giocare con i comandi del monitor, di solito si trovano in basso a destra del monitor vicino al pulsante di accensione, se non li trovi consulta il libretto d’istruzione.

Calibrazione monitor gratuitamente senza colorimetro

Come calibrare il monitor con i programmi online
Come calibrare il monitor con i programmi online

Non tutti siamo disposti a spendere per calibrare il nostro schermo, magari perché non ne facciamo un uso professionale o magari perché non si tratta del nostro computer di riferimento, per questo esistono dei tool online gratuiti che utilizzandoli ci permettono di ottenere comunque risultati discreti.

Il funzionamento è molto simile per ognuno, basta seguire le indicazioni e settare il monitor dalle sue impostazioni:

  1. Lagom: Un servizio veramente ottimo, seguendo le loro istruzioni si potrà impostare il monitor con le bande di contrasto, per la calibrazione della fase, risoluzione, nitidezza, calibrazione della gamma, livelli del nero, saturazione del bianco, tempi di risposta, angolo di visualizzazione etc.
  2. Photo Friday: Questa è una semplice pagina per aiutarti a calibrare contrasto e luminosità del tuo monitor, basterà le regolare le impostazioni del monitor fino a che le transizioni dei colori da bianco e nero sono perfettamente visibili.
  3. Vanity Test: Forse questo è uno dei test più approfonditi, addirittura permette di individuare i pixel danneggiati e i difetti sulla retroilluminazione. È uno dei tool storici per quanto riguarda la calibrazione del monitor.

Calibrare monitor con colorimetro

Come calibrare il monitor con l'aiuto di un colorimetro
Come calibrare il monitor con l’aiuto di un colorimetro

Questo sicuramente è il modo più professionale in assoluto, gli strumenti che bisognerà acquistare trasmetteranno i valori reali delle tonalità colore e una volta impostati saremo sicuri di rispettare tutte le sfumature possibili.
Consigliamo vivamente questo metodo a chi usa il proprio computer per lavoro e dopo aver acquistato un buon monitor per fotografi vuole essere sicuro di ottenere la massima resa.

Ma perché vi stiamo dicendo che la calibrazione con il colorimetro è più affidabile? Perché il processo descritto in precedenza comunque si basa su come un individuo percepisce i colori, quindi è sempre un parere soggettivo. Al contrario questi strumenti sono dei veri e propri hardware che emettono delle sentenze insindacabili che sovrastano qualsiasi parere.

Il più semplice da utilizzare ed economico che ha conquistato la nostra fiducia è assolutamente lo Spyder Datacolor, con soli 5 minuti si riesce a garantire una calibrazione ottimale (nelle ri-calibrazioni mensili il tempo impiegato è addirittura la metà). 

Questo strumento ci permette di tarare con la massima accuratezza del colore grazie al suo motore ottico brevettato con 7 sensori i dettagli e le ombre delle foto in modo da stampare le foto senza avere sorprese. Questo strumento può essere utilizzato oltre che sui normali monitor anche sui portatili per fotografi tranquillamente, il funzionamento è il medesimo.
Leggendo anche le recensioni online possiamo confermare che non siamo i soli ad essersi trovati bene con questo strumento ma è stato veramente apprezzato dalla comunità fotografica. Comunque per maggiori informazioni trovate tutto disponibile sul loro sito ufficiale.

Oltre allo Spyder ci sentiamo di consigliare anche il calibratore X-Rite, affidabile e molto semplice da utilizzare.

Come calibrare monitor Windows

Calibrazione monitor con Windows 10
Calibrazione monitor con Windows 10

Abbiamo aggiornato il nostro articolo inserendo questo nuovo modo di calibrare il monitor del pc, sia Windows che Mac hanno inserito nelle loro funzioni gratuite anche la calibrazione del monitor dove si lavora, per questo vi consigliamo di impostare questi parametri correttamente già dalla prima volta che si utilizza il computer.

Su Windows 10 è molto semplice, basta digitare nella barra di ricerca in basso a sinistra la key “calibrazione colore” e seguire le impostazioni. (È la versione avanzata della modalità precedente in “aspetto e personalizzazione”)

Una volta completati tutti i passaggi della procedura guidata si dovrà scegliere se passare alla calibrazione precedente o accettare e salvare quella corrente, ovvero l’ultima con le modifiche in atto. Salvandola verrà creato un file .ics e verrò visualizzato come un nuovo profilo ICC (International Color Consortium) nelle impostazioni di Color Management.

Questo ti darà la possibilità di caricare velocemente dei scenari salvati, basterà aprire dalla casella di ricerca “Color Management” e selezionare il profilo ICC preferito.

Come calibrare un monitor Mac

Come calibrare un monitor Mac
Come calibrare un monitor Mac

Lo stesso processo è possibile anche sui monitor della grande mela, basterà andare su “Display” e poi selezionare “Display Calibrator Assistant”. Come per tutte le impostazioni Mac basterà seguire passo passo tutte le istruzioni sul processo di calibrazione per impostare in modo corretto la luminosità del display, il contrasto, le gamme di colore e il bilanciamento del bianco. Una volta finito il processo basterà cliccare su salva.

Conclusioni

Capito ora perché è fondamentale avere gli stessi colori su tutti i monitor di lavoro? Sopratutto se abbiamo intenzione di stampare le nostre fotografie, avere la resa finale più fedele possibile diventa quasi necessario. Voi come lo tarate il monitor? Con quale strumento? Utilizzate i programmi online o avete comprato il colorimetro?

Siamo curiosi di sentire le vostre opinioni, lasciateci un commento qui sotto!

Fotografia Moderna è stata fondata nell'estate del 2015 per dare un nuovo volto alla community fotografica di internet. Iniziata come passione e hobby è diventato in poco tempo uno dei portali più visualizzati in Italia arrivando a raccogliere più di 1 Milione di visitatori nel 2018. Cerchiamo sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, ci divertiamo a fare recensioni di attrezzature fotografiche, lezioni e consigliare con le nostre guide all'acquisto alle migliori alternative sul mercato.