Come Modificare le Foto: 12 Consigli per Principianti

Consigli semplici per modificare le foto e quali sono i passaggi fondamentali se sei un principiante.

Consigli su come modificare le foto

Iniziare a fotografare potrebbe non essere facile, ma sicuramente è molto gratificante, ci sono molti aspetti che un principiante deve imparare ed uno di questi è sicuramente capire come modificare le foto nel miglior modo possibile.

Certe volte non bastano le app per modificare le foto ma bisogna conoscere bene quali sono i parametri principali da modificare per rendere le fotografie più interessanti. Un processo liberatorio che se seguito da un approccio intelligente ti renderà le foto sicuramente migliori. In questo articolo cercherò di darti i suggerimenti più importanti per il fotoritocco.

Trovare il tuo stile

La cosa più importante, se posso consigliarti, è avere uno stile unico che desideri applicare alle tue foto perché avere uno stile coerente ha molti vantaggi, dà alle tue immagini un aspetto caratteristico in modo che le persone riconoscono immediatamente le tue foto appena le vedono.

Lasciati ispirare da altri fotografi

Non ti sto dicendo che non devi guardare altri fotografi, anzi, la creazione di uno stile di solito inizia con la ricerca dell’ispirazione, trova i fotografi le cui foto si adattano ai tuoi gusti, cerca di definire quali sono gli elementi che più attirano la tua attenzione e falli tuoi.

Sperimenta

Non devi porti dei limiti, prova i preset, guarda i tutorial, guarda i prima e dopo degli altri fotografi, cerca uno stile di editing più adatto a te senza aver paura di sperimentare finché non ti senti felice.

Scatta in RAW per fotoritocco di alta qualità

Ricordati sempre che scattare in formato RAW ti dà un vantaggio decisamente importante rispetto all’utilizzo classico dei JPG. Stiamo parlando di un formato senza perdita di dati, conserva tutti i dati dell’immagine al contrario dei file JPEG compressi.

Non ti preoccupare quindi se i file RAW richiedono molto più spazio, durante la modifica delle foto danno il meglio di sé, è molto più facile correggere il bilanciamento del bianco, aggiungere della nitidezza o modificare le aree sovraesposte.

Quindi prima di scattare le foto, configurare le impostazioni della fotocamera per scattare in RAW. E se vuoi aver sia Raw che la comodità di piccoli file JPEG basta impostare la fotocamera per salvare tutte le foto in entrambi i formati.

Scegliere il miglior software di fotoritocco

Il primo passo per una buona post-elaborazione è scegliere il miglior software.Prenditi il ​​tuo tempo per esplorare il software che hai scelto, più lo conosci, più riuscirai a risparmiare tempo durante la fase di editing.

Usare la combinazione di più programmi ha i suoi vantaggi ma di solito per i principianti consiglio di imparare a fondo un singolo software di editing, troppi programmi contemporaneamente possono essere pesanti da apprendere. Ricordati sempre, ogni software offre qualcosa di unico e funziona in modo diverso.

Comunque, indipendentemente da ciò che scegli, assicurati che il programma supporti i file RAW altrimenti è come se non avessi fatto nulla. Lavorare con le immagini decompresse ti permetterà di non perdere di qualità durante la modifica, questo ti dà più libertà quando aggiusti le immagini e lavori con i livelli e le curve.

Ci sono alcuni punti da considerare prima di scegliere quale software si intende utilizzare:

Scegliere un software a pagamento

Ovviamente il prezzo è sempre uno dei limiti dei software, alcuni marchi, come quelli della suite Adobe, offrono un piano di abbonamenti mensili che ti permettono di utilizzare diversi programmi a quel prezzo.

Altri, come DxO PhotoLab , funzionano con un acquisto una tantum scegliendo tra la versione base e quella premium, a seconda delle proprie esigenze.

Altri software a pagamento più conosciuti sono Capture One , Affinity Photo e Luminar.

Scegliere un software gratuito

Ma se hai appena iniziato potrebbe essere normale non voler investire nessun euro in un software di editing, anche perché fortunatamente si trovano in rete molte alternative che puoi scaricare o utilizzare online gratuitamente.

Ti consiglio: Gimp, RawTherapee, Canva, Fotor e Darktable.

Ritaglia per immagini più equilibrate

Una delle prime modifiche da eseguire prima di passare all’elaborazione dei colori è ritagliare la foto se necessario. Questo ti garantisce che non dovrai più occupare delle proporzioni e della composizione dell’immagine nell’editing.

Certo alcuni fotografi sono contrari al ritaglio delle foto, lo vedono come un fallimento della composizione, ma questo non è vero, anzi, il ritaglio a parer mio può essere uno strumento utile per migliorare la composizione generale.

Puoi ritagliare elementi non necessari che sono finiti nella composizione, come per esempio degli oggetti all’angolo dell’immagine.

Sperimenta le regolazioni di base

Prima di andare troppo nello specifico prova le regolazioni di base, gioca con l’esposizione, il contrasto, le luci, ,le ombre, la chiarezza e la saturazione. Guarda quanto ciascuno di essi influisce sull’immagine.

Per capire come funzionano queste regolazioni usa dei preset nelle immagini, questo perché quando si aggiungono è possibile vedere come funzionano e quali cursori vengono regolati in modo da imparare come regolare le immagini a tuo piacimento.

Una volta che hai acquisito familiarità con le regolazioni generali puoi passare a quelle più approfondite e ad alcuni strumenti importanti come: la saturazione selettiva, il filtro graduato, il filtro radiale , lo strumento di clonazione o il pennello di regolazione.

Regola il bilanciamento del bianco dell’immagine

Il bilanciamento del bianco rappresenta in poche parole la correttezza dei colori nella tua immagine che implica la regolazione della temperatura e della tinta del colore. La regolazione del bilanciamento del bianco ha due obiettivi: i colori diventano realistici e che i bianchi nella foto rimangono bianchi realmente.

Ci sono cursori di bilanciamento del bianco nella maggior parte dei programmi di fotoritocco ma puoi lavorare con i singoli cursori HSL per regolare separatamente ogni colore.

Alcuni software offrono anche uno strumento di selezione del bilanciamento del bianco automatico con un semplice campionatore di colore.

Sperimenta con variazioni di colore

Questo processo ti aiuta a sviluppare il tuo stile di editing personalizzato perché oltre all’illuminazione generale delle foto, la scelta del colore predominante è quello che definisce lo stile delle tue foto. 

Decidi come modificare le tue immagini, se per esempio desideri toni caldi o freddi, colori saturi o sbiaditi. 

Regola con il pannello HSL e non esitare a spingere i tuoi limiti e ottenere nuovi risultati.

Correzione della prospettiva

Avere una prospettiva corretta contribuisce a dare un valore maggiore alla tua immagine. La prospettiva gioca un ruolo importante nella composizione dell’immagine, guida gli occhi dello spettatore attraverso l’immagine.

Quando si scatta con un obiettivo grandangolare, la distorsione prospettica è spesso un problema, ma fortunatamente abbiamo scoperto che si può risolvere con la maggior parte dei programmi di editing.

Ti consiglio di utilizzare anche il raddrizzamento in modo da avere almeno una linea esattamente orizzontale o verticale nella tua foto.

Quando si tratta di paesaggi , questa linea è solitamente l’orizzonte

Rendi più nitide le tue foto

Avrai già notato che foto stampate evidenziano ogni dettaglio, ti sembrerà strano farlo, ma fidati che aumentare la nitidezza prima della stampa migliorerà le tue stampe.

Le immagini in formato RAW spesso perdono nitidezza rispetto a quando sono in formato JPEG.

Ma visto che è un formato senza compressione che memorizza tutti i dettagli, hai la possibilità di regolare la quantità di nitidezza senza rovinare la foto.

Devi essere consapevole però che se aumenti la nitidezza in modo esagerato porterà la foto ad avere un aspetto forzato e innaturale con il rischio di farla diventare granulosa.

Evita di modificare eccessivamente le foto

Non ti deve sfuggire di mano questa pratica, inizialmente è molto facile lasciarsi trasportare dalle modifiche eccessive alle foto, trasformando così le tue foto con un aspetto esagerato, molto comune nel caso di foto HDR o nel ritocco dei ritratti.

Per capire se si è esagerato con la modifica confronta la foto originale con quella modificata, se ti accorgi che la foto è stata completamente modificata vuol dire che hai esagerato.

Tranquillo, dopo una pratica costante questa tendenza ad esagerare svanirà e ogni volta otterrai risultati molto più raffinati con l’esperienza.

Sviluppa il tuo flusso di lavoro

Ottimizzare il flusso di lavoro è molto importante per 3 motivi:

  • Ti dà struttura: sapere esattamente cosa fare ti fa risparmiare tempo durante l’elaborazione delle tue immagini.
  • Garantisce che le tue foto siano organizzate e classificate
  • Ti aiuta ad avere coerenza quando si tratta di nomi di file, dimensioni e filigrane.

Esporta le tue immagini

L’esportazione delle immagini gioca un ruolo cruciale in un processo di editing fotografico efficiente ed avere un set di impostazioni salvato per scopi diversi consente di risparmiare tempo e rimanere efficienti.

La scelta del formato di file corretto durante l’esportazione è importante. Di solito è sufficiente salvare le foto in formato JPEG se vuoi condividerla sui social o con i tuo amici ma se vuoi salvarla e tenere comunque presente molte informazioni per una futura elaborazione è bene conoscere altri formati.

Per esempio il formato TIFF, consente di salvare i progressi di modifica e conserva le informazioni e la qualità del file.

Se hai paura del copyright puoi aggiungere una filigrana durante l’esportazione, software come DxO o Lightroom ti consentono di salvare la filigrana personalizzata con un semplice clic.

Conclusioni

Il fotoritocco è come un’arma a doppio taglio, può migliorare le tue foto radicalmente ma anche peggiorarle. Se posso darti un consiglio: impara un procedimento alla volta fino a conoscerlo bene, poi approfondisci man mano gli altri stumenti.

Sei d’accordo sul fatto che la post-produzione migliora le foto? Cosa ne pensi?

Ho fondato Fotografia Moderna nell'estate del 2015 per dare una nuovo volto alla community di fotografi italiani. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raccogliere più di 1 Milione di visitatori nel 2019 e quasi 2 Milioni di utenti nel 2020. Cerco sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, mi diverto a fare recensioni di attrezzature fotografiche, lezioni e consigliare con le guide all'acquisto alle migliori alternative sul mercato.