Come organizzare una mostra fotografica

I consigli principali e gli errori da non fare alla tua prima mostra fotografica

0
64
Come organizzare una mostra fotografica
Come organizzare una mostra fotografica

Qual è il miglior modo per far conoscere i nostri lavori nel tempo più breve e veloce possibile? Assolutamente con una mostra. Ma è così difficile organizzarne una? In questo articolo ti mostro come organizzare una mostra fotografica di successo con semplici concetti chiave.

In molti credono che per organizzare una mostra fotografica basta stampare le proprie foto ed appenderle su un muro, ma non è assolutamente così. Ed è proprio questo il motivo perché molte mostre sono fallimentari e deprimenti senza lasciare nulla dentro allo spettatore. Ma iniziamo a vedere i punti più importanti.

Che cos’è una mostra fotografica

In molti sono convinti che una mostra è semplicemente esporre il proprio portfolio con le migliori foto che hanno fatto nella loro carriera, ed è proprio qui che cade l’asino. E’ l’errore principale.

Esporre tutte le foto alla rinfusa, anche se oggettivamente belle, non porta nulla di costruttivo all’osservatore tranne una soave visione di pochi secondi.

Quindi che bisogna fare? Costruire una storia. Esporre tutte le foto collegate da un filo logico.

Per esempio si può seguire la linea guida di un viaggio, magari in Australia ed esporre tutte le foto di quei momenti raccontando la storia, la cultura e gli eventi in quella determinata zona. Sicuramente le persone appassionate dell’emisfero Australe apprezzeranno il tuo lavoro. Ma non devi seguire una linea guida solo geografica, puoi tranquillamente utilizzare qualsiasi tema, per esempio il cibo.

Puoi far vedere com’è cambiato il cibo nel tempo, dal tozzo di pane dei nostri nonni fino ai piatti gourmet dei nostri giorni passando per i piatti di pasta dei nostri genitori. Un esempio che mi è venuto così su due piedi.

Quindi, per fartela breve, non devi organizzare una mostra con le tue migliori foto, ma devi raccontare una determinata storia. Ecco che cos’è una reale mostra fotografica.

Come guadagnare con una mostra fotografica

E’ innegabile che molte mostre vengono fatte per riuscire a guadagnare qualcosa con i nostri lavori, ma non devi compiere il classico degli errori, ovvero quello di sperare di guadagnare solamente con la vendita delle tue foto. Esistono molti modi, come collaborazioni o eventi a pagamento.

Magari il produttore di un determinato prodotto visionando le tue foto ritiene che il tuo stile potrebbe portare il loro prodotto al successo, per questo motivo devi sempre essere presente alle tue mostre ed essere sempre a disposizione.

Un consiglio, non scrivere mai il prezzo sotto ogni opera, abbassa la qualità della tua mostra. Al massimo stampa un piccolo catalogo con i prezzi e mettilo all’ingresso.

Sei sorpreso? Mica si guadagna solo con un blog fotografico!

Come trovare il locale per la mostra

Di solito i comuni mettono a disposizione dei locali gratuiti per valorizzare la cultura, devi solamente fare richiesta per esporre i tuoi lavori. Esistono anche le associazioni culturali che in cambio di una quota simbolica ti mettono a disposizione il loro locale.

Sicuramente una galleria d’arte è molto più prolifica, sono locali più grandi e con un maggior flusso di persone, ma si pagherà un prezzo fisso per l’utilizzo dei loro spazi e chiedono anche una percentuale sull’opera venduta. Se cerchi una galleria ti consiglio di muoverti in anticipo sulla tua data di inaugurazione perché di solito sono sempre piene.

Quando far partire la mostra

La data migliore? Non esiste, ma di sicuro il periodo con più persone parte dal venerdì tardo pomeriggio, in modo che poi le persone hanno tutto il sabato e domenica per visitare la tua mostra.

Avere la mostra aperta durante la settimana è solamente un costo maggiore con meno possibilità, visto che le persone di norma lavorano dal lunedì al venerdì.

Meglio una mostra personale o collettiva?

Ti sarà capitato sicuramente di assistere ad una mostra con più di un fotografo, questo succede semplicemente per dividere le spese e avere un maggior bacino di persone.

Il ragionamento è semplice, 1 persona richiama 100 persone, 3 persone potenzialmente riescono a portare 300 persone. Ma a questo punto devi considerare anche il fattore concorrenza perché è inutile nasconderlo, ma se i tuoi lavori richiamano meno attenzione finirai per passare le tue persone agli altri fotografi.

Quindi la scelta se farla personale o collettiva dipende essenzialmente dalla tua professionalità, dalla tua storia. Se sei un fotografo affermato, che hai già un tuo seguito, io ti consiglio di farla personale e di iniziare a rischiare. Magari verrà meno gente, ma sicuramente sarà totalmente interessata a te.

Se invece sei un fotografo alle prime armi, metterti a disposizione ed in gioco con altre persone ti darà il primo lancio.

Come fare pubblicità alla tua mostra

Siamo arrivati al punto più importante, io capisco benissimo che internet è il posto migliore per far pubblicità, il più veloce ed economico, ma non è il solo. Oltre a creare eventi su Facebook e invitare i tuoi amici più stretti, stampa qualche volantino pubblicitario, ma non consegnarlo a tutti quelli che passano, al contrario, seleziona le persone.

Magari se conosci qualche artista amico chiedi di poterti pubblicizzare alla sua mostra, gli prometti che contraccambierai il favore.

Il costo? Ormai con i diversi servizi online le spese sono minime, puoi utilizzare:

Sono solamente due dei servizi a basso costo, con meno di 20 euro puoi stampare più di 2.000 bigliettini!

Ma cosa ci devi scrivere sopra?

Come fare il volantino della mostra

Puoi chiedere aiuto ad un tuo amico grafico o trovarne uno su Fiver a pagamento, ma se vuoi provvedere da solo e limitare le spese ti consiglio di utilizzare Canva. Servizio gratuito, si può accedere facilmente da ogni computer e rimangono le modifiche memorizzare. Comunque, ecco cosa devi mettere sul tuo volantino

  1. Titolo della mostra
  2. Poche foto rappresentative della mostra per dare subito l’idea di quale saranno le opere esposte e la tipologia
  3. Il nome di chi espone
  4. Il luogo dell’esposizione con la data e l’orario di apertura dell’inaugurazione

Come invitare personaggi influenti

Ora non ti resta che trovare il tuo influencer di turno, c’è poco da fare, ma come li utilizzano i grandi marchi per farsi pubblicità anche te nel tuo piccolo ne puoi usufruire.
Prova a vedere su Instagram quelli seguiti, non devi mirare ovviamente ai grandi numeri, al Fedez della situazione, ma puoi chiedere a chi ha 10 mila follower di partecipare gratuitamente alla tua mostra e magari per ringraziarlo gli dedichi un tuo lavoro o magari qualche gadget.

Cerca le loro email per le collaborazioni e non aver paura di invitarli, ti metto qui sotto una lettera di default riutilizzabile:

Buongiorno (Nome dell’influencer) sono (il tuo nome) e sono un fotografo professionista. Ho visto i tuoi lavori sul tuo sito personale e ti volevo fare i miei complimenti per il tuo talento. Ti volevo informare che il giorno ** sto inaugurando la mia mostra sul (tema della mostra) a (luogo della mostra), sarei veramente felice se tu potessi partecipare!
Per ringraziarti della tua presenza, ovviamente sarai mio ospite, ho fatto dei gadget ricordo della mostra che sarei felice di offrirti.
Aspetto tue notizie, grazie mille!

Come fare un comunicato stampa

Come ti ho detto prima, internet è il primo luogo dove pubblicizzarti e avere un articolo che pubblicizza la mostra tra i siti di fotografia più importanti sicuramente ti darà una maggior visibilità.
Ma un consiglio vivissimo, non mandare lo stesso comunicato a tutti i blog, devi scriverlo in maniera personale e diverso, anche perché rischi che molti siti nemmeno lo pubblichino per non avere contenuti uguali ad altri siti.

Mettere un libro delle firme all’uscita

Ti sei mai chiesto a cosa serve quel famoso librone bianco dove lasciare il tuo saluto? E’ un semplice dispendio di tempo? Assolutamente no. In teoria serve a contare quante sono state le persone realmente interessate e quante hanno partecipato alla mostra.
Le persone colpite dal tuo evento ci terranno a lasciare un saluto e sono quelle più importanti da conteggiare.

Musica e buffet alla mostra

Come poter rendere la permanenza delle persone più felice? Offrendo qualcosa, magari prendi un piccolo catering con le classiche stuzzicherie a basso costo e mettile a disposizione all’ingresso.
Un consiglio sulla musica, non mettere qualcosa che possa distogliere l’attenzione, ma melodie rilassanti a volume molto basso, quasi impercettibile, in modo che accompagni il percorso dello spettatore senza distrarlo dalle foto.

Stessa cosa per le luci, non “aprire tutto” come potrebbe fare il miglior Biascica di Boris, ma cerca di dare maggior risalto alle tue opere come vedi in qualsiasi mostra d’arte.

Cosa aspettarsi dalla mostra

Cosa ti devi aspettare? Mille persone che arrivano al tuo evento con la vendita di tutte le foto? Magari, sarebbe troppo bello. Ma cerco di portarti subito alla realtà.
Ci saranno 30-50 persone alle tue prime esperienze e già è un successo, ma non devi fare l’errore di calcolare la riuscita dell’evento a seconda delle opere vendute, ma dall’opinione generale della mostra.

Chiedi opinioni sincere, in modo da capire quali sono i tuoi errori e non compierli alla mostra successiva.

Allora sei riuscito a capire quali sono i consigli migliori per dare una mostra fotografica? Ne hai mai fatta una? Quali sono stati i tuoi risultati?

Fotografia Moderna, fondata nell'estate del 2015 è riuscita a dare un nuovo volto alla community fotografica italiana. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raccogliere più di 1 Milione di visitatori nel 2018 e quasi 2 Milioni di utenti nel 2019. Cercheremo di superare ogni record in questo 2020! Cerchiamo sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, ci divertiamo a fare recensioni di attrezzature fotografiche, lezioni e consigliare con le nostre guide all'acquisto alle migliori alternative sul mercato.