Composizione fotografica, la sua importanza

tramonto

La composizione fotografica è un aspetto che merita di essere studiato in particolar modo, a seconda di come inquadriamo lo stesso oggetto, possiamo tirarne fuori foto dal valore diverso.

Nella composizione fotografica ha valore l’effetto che risulta al nostro occhio nel momento che “leggiamo” la fotografia.
Il nostro occhio legge abitualmente da sinistra verso destra, dall alto verso il basso, e si concentra in alcuni punti d’interesse dell’obiettivo.

La regola dei terzi per inquadrare meglio

La regola dei terzi è fondamentale se si vuole creare fotografie di forte impatto e diverse dal solito.
La regola suggerisce di dividere la scena in appunto terzi, sia orizzontalmente che verticalmente, ottenendo cosi 9 quadranti.
Ora non dobbiamo far altro che posizionare il punto d’interesse della fotografia in uno di questi punti d’incrocio dei quadranti.
L’orizzonte dovrebbe esser collocato lungo il segmento orizzontale più alto.regola_dei_terzi

Composizione fotografica, dare importanza ad un oggetto

Questo è un aspetto molto utilizzato sopratutto riguardo le foto politiche o dove un soggetto deve prevalere sopra di un altro.
Mettiamo caso abbiamo due soggetti A e B e li poniamo sullo stesso piano.

composizione fotografica

Apparentemente A e B si trovano sullo stesso piano d’importanza.
Se le loro dimensioni sono uguali e si trovano allo stesso punto dell’orizzonte, l’occhio percepisce A e B come due figure dalla stessa importanza.
(Qua per differenziare i soggetti entrano in gioco le emozioni, come viene ripreso il soggetto, di schiena, sorridente, etc..)

 

composizione fotografica2

In questo caso A sarà letto come un elemento più importante di B nella scena.
La sua figura prevale nella composizione fotografica e l’occhio si concentrerà verso il quadrante di sinistra.

composizione fotografica3

Caso contrario, nonostante A rimanga nella sua posizione e anche B, il punto d’interesse si sposta verso B, cambia radicalmente la scena.

La posizione del soggetto all’interno dell’inquadratura è molto importante, ma più importante è la scelta di risaltarne l’importanza.

L’inquadratura per scegliere l’importanza del soggetto

composizione fotografica5composizione fotografica4

Due foto che sono identiche, ma possono avere due scopi completamente diversi.
La foto A (a sinistra) concentra l’attenzione sui capelli, sul bracciale che porta sul braccio destro e risalta i particolari delle labbra e gli orecchini.
La foto B (a destra) può essere utilizzata per far vedere il vestito o il fisico della modella. I dettagli che sono evidenti nella foto A, nella foto B non vengono percepiti con la stessa importanza.
Fidati, non ho fatto altro che ingrandire la foto e centrarla nello stesso riquadro! (Ho cambiato l’inquadratura del soggetto)

Oltre il fattore estetico, di una foto a mezzobusto con un piano americano, o la scelta di un primissimo piano, quindi una scelta “registica”, la composizione fotografica se abbinata alla regola dei terzi risulta più accattivante.

regola dei terzi2regola dei terziGuarda ora la differenza tra le due fotografie.
Guarda dove come sono distribuiti i punti d’interesse e come perde di “vitalità” lo scatto a sinistra.
Lo scatto è centrale, statico, non risalta alcun punto.
Al contrario lo scatto di destra assume più dinanismo, nonostante cambi effettivamente poco all’interno della composizione fotografica.

Soggetto in primo piano per richiamare l’attenzione

Avere qualcosa in primo piano è un ottimo modo per richiamare l’attenzione sopra quel soggetto.
Un elemento incisivo sullo sfondo aiuta anche a bilanciare la composizione (esempio una montagna)
Se ci aiutiamo con la messa a fuoco e rendiamo il primo piano nitido e lo sfondo di conseguenza leggermente sfocato, l’effetto finale sarà concentrato sul primo piano dell’inquadratura.

 

Potrai divertirti giocando con effetti di movimento dell’acqua per alimentare la curiosità all’interno della composizione.

 

Commenta questo articolo

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui