HomeLezioni di FotografiaCulturaLe conseguenze dell'acquisizione di RED da parte di Nikon

Le conseguenze dell’acquisizione di RED da parte di Nikon

La recente acquisizione inaspettata di RED Digital Cinema da parte di Nikon segna un punto di svolta significativo per l’industria delle cineprese, con ripercussioni ampie che interessano non solo Nikon e RED, ma anche l’intero panorama delle fotocamere digitali, inclusi i principali rivali di Nikon.

È importante notare, prima di approfondire l’argomento, che l’operazione di acquisizione di RED da parte di Nikon non è ancora conclusa. Sebbene non sorgano dubbi immediati sulla realizzabilità dell’accordo, fino a quando non verranno compiuti tutti i passaggi burocratici necessari, persiste il rischio che l’affare non vada in porto.

Assumendo che l’acquisizione vada a buon fine e RED diventi una filiale a pieno titolo di Nikon, quali saranno le conseguenze per il settore cinematografico?

Fondate da Jim Jannard in California nel 2005, le cineprese RED Digital Cinema hanno lasciato un segno indelebile nell’industria, essendo state scelte per la realizzazione di numerosi film di primo piano e serie TV. Titoli come “The Flash”, “The Matrix Resurrections”, “The Suicide Squad”, “Army of the Dead”, “Nessuno” e “The Irishman” hanno beneficiato della tecnologia RED, testimoniando l’importante posizione dell’azienda nell’élite produttiva mondiale.

Con questa mossa, Nikon ha significativamente innovato il proprio segmento di imaging digitale, dimostrando che, nonostante i suoi già notevoli successi finanziari e la qualità dei suoi prodotti fotografici e obiettivi, l’azienda è pronta a fare un ulteriore salto qualitativo. In particolare, Nikon ha fatto progressi considerevoli anche nel settore video, con fotocamere come la Nikon Z8 e Z9 che si dimostrano strumenti altamente competenti per produzioni video professionali.

L’unico potenziale limite del sistema Z di Nikon nel campo video potrebbe essere visto nella gamma di obiettivi specificamente progettati per il cinema, una lacuna che finora Nikon non ha colmato direttamente, sebbene i produttori terzi abbiano contribuito a mitigare questa mancanza.

L’acquisizione di RED trasforma Nikon in una forza imponente nel settore

Una volta finalizzato l’accordo, Nikon si posizionerà in cima al mercato con alcune delle fotocamere più avanzate e potenti disponibili, eccellenti sia per la fotografia che per la cinematografia. Questo le conferisce un vantaggio competitivo notevole.

Sicuramente, i corridoi di Sony e Canon avrebbero ospitato discussioni animate negli ultimi giorni, dato l’audace movimento di Nikon. L’interesse per le reazioni interne di queste aziende sarebbe stato alto.

L’attenzione si sposterà sui prossimi report finanziari di Nikon, società quotata in borsa, con grande curiosità sui dettagli finanziari dell’acquisizione di RED, un’azienda con circa 220 impiegati e strutture significative, inclusi studi cinematografici a Hollywood.

L’interesse di Nikon per RED va ben oltre le prestazioni eccezionali delle sue cineprese. La transazione potrebbe anche risolvere dispute legali precedenti, ma si presume che ci siano motivazioni più profonde. Senza dati finanziari pubblici da parte di RED, rimane spazio per speculazioni.

Indipendentemente dalle questioni finanziarie, RED porta a Nikon tecnologie all’avanguardia nel settore, come la sua tecnologia proprietaria di compressione RAW, l’elaborazione avanzata del segnale dell’immagine e un approccio unico alla scienza del colore. Queste innovazioni potrebbero essere integrate nei futuri prodotti Nikon.

Interessante è il dibattito legale sulla tecnologia di compressione di RED, che potrebbe assumere una nuova prospettiva con Nikon detentrice dei brevetti. Questa mossa potrebbe rivelarsi strategica nelle difese legali di Nikon contro rivali che mettono in discussione le sue tecnologie.

Nonostante alcune percezioni, RED non produce autonomamente i suoi sensori. Benché abile nella progettazione e ingegnerizzazione, si affida a terzi per la produzione. La sua expertise nell’utilizzo di sensori d’immagine sovrapposti, tuttavia, rappresenta un valore aggiunto per Nikon, che potrebbe esplorare nuovi utilizzi di questa tecnologia nelle proprie fotocamere. L’esperienza di RED nel settore dei sensori è indubbiamente preziosa per Nikon.

Nel loro conciso comunicato stampa riguardante l’acquisto pianificato di RED, Nikon ha delineato diversi approcci per potenziare l’attività delle cineprese digitali di RED. Questi includono l’applicazione dell’expertise di Nikon in aree come lo sviluppo di prodotti, l’ingegneria, il trattamento delle immagini, la tecnologia ottica e l’esperienza utente, oltre a sfruttare la sua vasta rete di contatti commerciali per rafforzare la presenza di RED sul mercato sia dal punto di vista logistico che promozionale.

Nikon ha compiuto passi da gigante nella tecnologia di messa a fuoco automatica, specialmente con gli ultimi investimenti nelle funzioni di autofocus guidate dall’intelligenza artificiale, promettendo novità entusiasmanti per i clienti di RED.

Come cambiano gli obiettivi?

Un aspetto particolarmente intrigante di questo accordo riguarda le ottiche. Sebbene il sistema Z di Nikon non abbia attualmente un’ampia selezione di obiettivi cinematografici, le cineprese RED offrono una varietà di opzioni di montaggio, inclusa la compatibilità con alcuni dei principali concorrenti di Nikon. Ad esempio, modelli come la Komodo 6K e la V-Raptor 8K presentano attacchi per obiettivi Canon RF. È probabile che Nikon continui a distribuire cineprese RED con attacchi Canon RF, e potrebbe persino iniziare a offrire modelli con attacco Nikon Z, sebbene le implicazioni di tale scelta restino da esplorare.

Dal canto suo, RED ha offerto una dichiarazione sintetica quanto quella di Nikon. Hanno sottolineato come l’acquisizione rappresenti un momento di svolta per Nikon, unendo la sua storica competenza nell’imaging professionale e consumer con l’innovazione di RED. Insieme, Nikon e RED aspirano a trasformare il mercato delle cineprese digitali professionali, anticipando un futuro di innovazioni produttive che spingeranno i limiti di ciò che è realizzabile in termini di produzione cinematografica e video.

Con l’acquisto di RED, Nikon si trasforma radicalmente

Attraverso l’acquisizione di RED, Nikon è passata dall’essere un partecipante minore e rispettato nel campo cinematografico, con difficoltà a ottenere un ampio riconoscimento nonostante il miglioramento significativo dei suoi prodotti, a diventare un protagonista di primo piano nel settore. In breve, Nikon ha guadagnato un posto in un dibattito a cui aspirava da tempo.

Restano, tuttavia, aperte diverse questioni sui futuri piani di Nikon per il brand, le cineprese, gli obiettivi e le tecnologie RED.

Nella ricerca di un modello su cui basare il suo nuovo status influente, Nikon può osservare il suo concorrente Sony, che domina nel mondo della fotografia e della videografia professionale.

Sony, con la sua linea di fotocamere Alpha E-Mount e un prospero segmento di cineprese, come le FX3, FX6, e FX9, impiegate in produzioni di alto livello e compatibili con gli obiettivi E-Mount, esemplifica un’integrazione efficace tra fotocamere e obiettivi. Sony possiede anche la gamma Venice, una cinepresa full-frame con attacco per obiettivi PL standard nel settore cinematografico, e produce obiettivi PL attraverso la sua serie CineAlta. Al contrario, Nikon non ha una linea di obiettivi cinematografici propri, e RED ha avuto un breve periodo di produzione di obiettivi oltre un decennio fa, con scarso successo.

Anche Canon gioca un ruolo significativo nel mercato delle cineprese, sebbene con un approccio diverso rispetto a RED o Sony, facendo leva sui direttori della fotografia che usano obiettivi EF e RF sulle cineprese RED.

Potremmo non dover attendere molto per scoprire i piani di Nikon per RED. La NAB Show, uno degli eventi più importanti del settore video, si tiene il 13 aprile a Las Vegas. RED è solita parteciparvi regolarmente; la sua assenza sarebbe notevole. Anche Nikon partecipa annualmente, e sarebbe insolito non vederli promuovere insieme la loro nuova alleanza.

Le possibilità per Nikon (e RED) sono vaste

La strategia di Nikon nell’acquisire RED, a prescindere da come intenda sfruttare questa nuova risorsa e quali prodotti verranno lanciati in futuro, segnala chiaramente la sua ascesa a potenza dominante nel settore delle cineprese digitali. Nikon è avanzata da una posizione marginale a una di primaria importanza.

Questa mossa, che si potrebbe interpretare come l’applicazione pratica del detto “Se non puoi sconfiggerli, acquisiscili”, rappresenta un’astuta strategia di business per Nikon. Il futuro si prospetta ricco di opportunità: se Nikon saprà navigare nel mercato delle cineprese digitali con la stessa abilità dimostrata nel recupero nel segmento delle fotocamere mirrorless, il suo potenziale si concretizzerà pienamente.

Alessio Fabrizi
Alessio Fabrizi
Alessio, fondatore di Fotografia Moderna dal lontano 2015 con l'obiettivo di creare una community unita di fotografi italiani. Cerco sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, mi diverto a fare recensioni di attrezzature fotografiche e consigliare con guide all'acquisto le migliori alternative sul mercato. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raggiungere più di 1 milione di appassionati ogni anno finendo per essere un lavoro a tempo pieno dove ogni giorno impiego il mio tempo per cercare notizie o migliorare il sito.
ALTRI ARTICOLI

Lascia un commento

Scrivi qui il tuo commento
Aggiungi il tuo nome qui

ULTIMI ARTICOLI