HomeLezioni di FotografiaDimensioni comuni per la stampa delle foto

Dimensioni comuni per la stampa delle foto

Stai cercando di stampare le tue foto, ma non sei sicuro del formato di stampa da utilizzare? Stai lottando per determinare quale dei formati di stampa fotografica standard è giusto per te? In questo articolo, chiarirò tutto ciò che riguarda le dimensioni di stampa: cosa sono, cosa è fattibile date le dimensioni dell’immagine e se è necessario considerare le proporzioni comuni durante la stampa. Concluderò con un elenco di dimensioni comuni delle immagini in modo da farti un’idea delle opzioni a tua disposizione.

Quali sono le dimensioni delle stampe fotografiche?

Le dimensioni di stampa delle foto sono un elenco di possibili dimensioni in cui è possibile stampare le foto. 

In effetti, probabilmente conosci già alcune dimensioni standard: opzioni come 8×10, 4×6 e 5×7.

Si noti che le dimensioni di stampa sono generalmente espresse in pollici, quindi una stampa 8 × 10 è di 8 pollici sul lato corto e 10 pollici sul lato lungo. 

Inoltre, tieni presente che le stampe fotografiche non hanno un orientamento chiaro. Una stampa 8 × 10 può essere alta 8 pollici e larga 10 pollici (per un risultato in stile orizzontale) o alta 10 pollici e larga 8 pollici (per un risultato in stile verticale).

Perché le dimensioni di stampa contano

Quando si tratta di stampare le tue foto, è essenziale prestare attenzione alle dimensioni di stampa delle foto. 

Questo per alcuni motivi. 

Innanzitutto, se stai creando stampe su carta e prevedi di opacizzarle e incorniciarle, la maggior parte delle tue opzioni sarà progettata per integrare le dimensioni di stampa standard. 

Se stampi una foto 8×10, potrai facilmente trovare un tappetino e una cornice che si adattino a queste dimensioni. Ma se stampi la tua foto senza considerare le sue dimensioni, potresti ritrovarti con dimensioni non standard e non sarai in grado di trovare cornici o tappetini adatti al tuo scatto. 

In secondo luogo, la maggior parte delle tipografie non consente stampe di dimensioni personalizzate. Quindi, quando effettui un ordine di stampa, vorranno verificare che le dimensioni della tua immagine corrispondano alle dimensioni della stampa che hai richiesto.

Se ordini la tua stampa online , ti verrà spesso chiesto di scegliere il “ritaglio”, che prevede il ritaglio della foto per adattarla a un formato di stampa standard. Nella peggiore delle ipotesi, ritaglieranno il file per te, il che raramente è una buona idea perché ciò rovinerebbe la composizione.

Quindi, ora che hai capito perché dovresti prestare attenzione alle dimensioni di stampa, diamo un’occhiata ad alcuni aspetti pratici della stampa, incluso come calcolare le dimensioni di stampa previste date le dimensioni in pixel dell’immagine.

Pollici vs pixel: conversione delle dimensioni dell’immagine prima della stampa

Le immagini digitali sono dimensionate in pixel. Un’immagine direttamente dalla tua fotocamera sarà spesso di circa 6000 pixel sul lato lungo e 4000 pixel sul lato largo. 

Le dimensioni precise dipendono dal sensore della fotocamera, con fotocamere full frame e APS-C che offrono una serie di dimensioni, fotocamere Quattro Terzi che offrono un’altra serie di dimensioni e così via.

Ovviamente, le dimensioni delle tue foto non sono scolpite nella pietra, grazie alla potenza del ritaglio. Ma le dimensioni originali ti offrono un punto di partenza, quindi è consigliabile controllare i tuoi file di immagine per le dimensioni direttamente dalla fotocamera.

Comunque, ecco la grande domanda:

In che modo le dimensioni dell’immagine vengono convertite in dimensioni di stampa? 

Supponi di avere quell’immagine da 6000 pixel per 4000 pixel. In quali formati puoi stamparlo? 

Bene, nel caso più semplice, dipende da un fattore: La qualità di stampa. 

Vedi, più grandi stampi le tue immagini, più peggiorerai la qualità di stampa. (Questo dovrebbe avere senso perché mentre stampi più grande, forzi un determinato numero di pixel per occupare un’area più ampia.)

Una metrica standard per stampe di buona qualità è che dovresti mirare ad avere almeno 300 pixel corrispondenti a ogni pollice della tua stampa finale. 

Quindi, se la tua foto è lunga 300 pixel e larga 300 pixel, puoi tranquillamente stampare un’immagine 1×1. Ma qualsiasi cosa più grande inizierà a causare problemi di qualità. 

Fortunatamente, la maggior parte delle fotocamere offre immagini molto più grandi di 300 pixel per 300 pixel. L’esempio che ho fatto sopra – con una foto da 6000 pixel per 4000 pixel – è piuttosto standard e stampato con 300 pixel corrispondenti a un pollice della stampa finale, otterrai un output 20×13,3 (niente male, Giusto?).

Ora, mentre 300 pixel per pollice sono la corrispondenza consigliata tra immagini digitali e immagini stampate, puoi sempre andare oltre .

Quindi, se il tuo file immagine consente una stampa 20×13 a 300 pixel per pollice, puoi facilmente spingere le dimensioni a 10×6,5 (che avrebbe una corrispondenza di 600 pixel per pollice), o a 6×4 (che avrebbe una corrispondenza corrispondenza di 1000 pixel per pollice).

(In pratica, spesso vorrai solo ridimensionare l’immagine per includere meno pixel perché la qualità dell’immagine aumenta da 300 pixel per pollice a 400 pixel per pollice e oltre non sono molto evidenti, ma ottieni il punto.)

Ma scendere al di sotto di 300 pixel per pollice danneggerà la tua stampa finale, nella maggior parte dei casi, comunque.

Quanto grande puoi stampare le tue foto?

La regola di stampa di 300 pixel per pollice è quella che sentirai spesso citare. Tuttavia, è davvero necessario prestare attenzione ad esso? Sei davvero limitato a 300 pixel per pollice?

Non necessariamente.

Vedete, mentre 300 pixel per pollice sono in media una buona linea guida per le stampe su carta progettate per essere visualizzate da vicino, spesso è possibile eliminare i pixel per pollice quando si stampa tramite altri supporti, come il metallo.

E alcune stampe non sono progettate per essere visualizzate a distanza ravvicinata. Potresti non voler visualizzare da vicino una stampa delle dimensioni di una parete , il che significa che puoi tranquillamente ridurre il numero di pixel per pollice a un valore molto più basso.

In definitiva, la risoluzione che scegli dipende da te. Mentre più pixel sono generalmente migliori quando si tratta di stampare, puoi sicuramente creare stampe a bassa risoluzione che sembrano davvero sbalorditive.

Quindi non sentirti limitato se la tua fotocamera non supera i 50 megapixel!

Quali sono le proporzioni nella fotografia?

Ora dovresti capire che la tua capacità di stampare è limitata dalla dimensione del file della tua immagine. 

Ma c’è un’altra limitazione che dovresti conoscere:

Rapporti d’aspetto. 

Le proporzioni di una foto si riferiscono al rapporto tra il lato lungo e il lato corto. Le moderne fotocamere full-frame e APS-C offrono un rapporto di aspetto 3:2, mentre le fotocamere micro-quattro-terzi offrono un rapporto di aspetto 4:3, ecc.

Quindi, con una fotocamera full frame standard da 24 MP, ti ritroverai con immagini di 6000 pixel per 4000 pixel o 3:2.

Le proporzioni sono importanti perché le proporzioni della tua stampa corrisponderanno alle proporzioni del tuo file. Una stampante non può allungare o comprimere una foto, quindi se invii un’immagine 3:2 per la stampa, verrà stampata in 3:2. 

Questo non è così limitante come potrebbe sembrare perché ci sono molte dimensioni di stampa che corrispondono a un singolo formato. Ad esempio, un formato 1:1 consente di stampare a 4×4, 5×5, 6×6 e così via, mentre un formato 3:2 consente di stampare a 3:2, 6×4, 12×8 e così via.

Ma non puoi prendere un file 1:1 e stamparlo in formato 3:2 e viceversa. 

Quindi sei bloccato con le proporzioni dei tuoi file originali (che a loro volta corrispondono alle proporzioni del sensore della tua fotocamera)?

Assolutamente no!

La potenza del ritaglio ti consente di convertire i tuoi file in qualsiasi formato immaginabile. 

Tuttavia, finirai per cambiare la composizione nel processo, inoltre il ritaglio riduce la qualità dell’immagine, quindi dovresti usare il ritaglio solo con parsimonia.

Dovresti stampare usando proporzioni comuni?

Alcuni formati di stampa sono molto più popolari di altri. 

Ad esempio, probabilmente conosci le proporzioni 5:4, perché vengono utilizzate per le stampe 8×10 e 16×20. 

Molto probabilmente conosci anche le proporzioni 3:2 perché vengono utilizzate per le stampe 4×6 e 8×12. 

Tecnicamente parlando, puoi stampare con qualsiasi formato desideri. Ma questo non è fattibile a meno che tu non abbia un ottimo laboratorio di stampa o usi la tua stampante. 

Perché?

Poiché la maggior parte dei laboratori di stampa avrà un determinato gruppo di dimensioni da cui puoi ordinare, e queste non includeranno dimensioni strane come 2 × 16 (per un rapporto di aspetto 8: 1) o 3 × 11 (per un rapporto di aspetto 11: 3 ).

Incontrerai anche problemi significativi se provi a opacizzare e incorniciare la tua stampa 3 × 11; non troverai il tappetino o la cornice giusta su uno scaffale da qualche parte. Invece, dovrai fare un ordine personalizzato, che costa in denaro e tempo.

Quindi ti consiglio di stampare con proporzioni comuni. Prima di inviare un file alle stampanti (o prima di stampare tu stesso un’immagine), guarda la tua immagine. 

Considera le proporzioni delle dimensioni di stampa comuni e scopri quale proporzione corrisponde maggiormente alla tua foto esistente.

Quindi ritaglia la tua foto, solo leggermente, per allinearla con le proporzioni che stai cercando. Alla fine ti farà risparmiare innumerevoli mal di testa.

Per quanto riguarda le dimensioni standard delle immagini:

Elenco delle dimensioni standard delle immagini

Ecco le dimensioni delle immagini offerte da quasi tutti i laboratori di stampa (e per le quali puoi generalmente trovare tappetini e cornici):

  • 3×5
  • 4×6
  • 5×7
  • 8×8
  • 8×10
  • 8.5×11
  • 10×15
  • 11×14
  • 12×18
  • 16×20

Molti laboratori offrono molte più dimensioni di queste, ma le specifiche variano, quindi ti consiglio di controllare il sito web del tuo laboratorio preferito.

Qual è il formato migliore per la stampa fotografica?

Come probabilmente puoi immaginare, non esiste una vera dimensione di stampa fotografica “migliore”. 

Formati di stampa diversi funzionano per foto diverse, quindi non dovresti certamente mirare a stampare in una dimensione specifica più e più volte.

Detto questo, ci sono motivi per scegliere una dimensione piuttosto che un’altra, a seconda del tipo di immagine che stai stampando. 

Ad esempio, le proporzioni quadrate spesso conferiscono alle tue foto un aspetto più semplicistico e minimalista. Lo spettatore catturerà l’immagine tutta in una volta, piuttosto che vagare attraverso l’inquadratura, il che è utile se la tua immagine è progettata per essere apprezzata nel suo insieme.

Le proporzioni in stile orizzontale enfatizzano le linee orizzontali rispetto alle linee verticali, il che significa che gli edifici lunghi e gli ampi paesaggi si adattano bene a proporzioni rettangolari più ampie, come 3:2. 

E le proporzioni in stile verticale enfatizzano le linee verticali rispetto alle linee orizzontali. Questo è il motivo per cui troverai spesso ritratti della testa e di tutto il corpo stampati utilizzando proporzioni rettangolari capovolte verticalmente (ad esempio, le proporzioni 3:2 menzionate nell’esempio precedente, appena capovolte su un lato).

Ti consiglio inoltre di prestare molta attenzione alle dimensioni complessive della stampa. Se il tuo scatto ha numerosi piccoli dettagli, le stampe più grandi faranno un lavoro migliore nel catturare l’attenzione dello spettatore, mentre un’immagine che si basa su un soggetto di grandi dimensioni per l’impatto potrebbe andare bene come una stampa 5×7. 

Formati di stampa fotografica: conclusione

Determinare le giuste dimensioni di stampa fotografica per le tue immagini può essere un compito arduo. 

Ma ora che conosci le proporzioni, le conversioni da pixel a pollici e le dimensioni di stampa standard, sei ben equipaggiato per stampare le tue foto e ottenere le dimensioni che funzionano meglio per te.

Quindi vai a scegliere alcune dimensioni dell’immagine! E non aver paura di sperimentare alcune proporzioni interessanti, se necessario.

Quali sono le dimensioni comuni di stampa fotografica?

Esistono alcuni formati di stampa fotografica comuni, inclusi 5x7s, 4x6s e 8x10s. Queste sono dimensioni standard che puoi ordinare praticamente da qualsiasi laboratorio di stampa (compresi i chioschi del tuo negozio di alimentari locale!).

Qual è la dimensione di una stampa fotografica standard?

Non esiste una dimensione standard! Tuttavia, le stampe 5×7 sono molto, molto comuni. Al giorno d’oggi, anche le stampe 4 × 6 sono piuttosto comuni, perché ci sono diverse app che offrono 4×6 gratuiti (o economici). Se stai cercando formati di stampa per i quali puoi facilmente trovare cornici, ti consiglio un 5×7, un 8×10 o un 11×14.

Che cos’è una comune stampa fotografica su tela?

La dimensione della stampa su tela fotografica più popolare è 24×36 pollici (60,94×91,44 cm). Questa è una dimensione relativamente grande, ma non dovrebbe essere troppo grande per la maggior parte delle persone.

Come faccio a stampare un’immagine a una dimensione esatta?

La stampa di un’immagine a una dimensione esatta comporta l’indicazione accurata delle dimensioni dell’immagine prima di premere il pulsante Stampa . Ti consigliamo di ritagliare l’immagine con le proporzioni corrette, quindi inserire i numeri PPI corretti. Tieni presente che molti laboratori ti consentiranno di eseguire il ritaglio o la regolazione all’ultimo minuto quando effettui un ordine online, ma è molto meglio farlo in anticipo; in questo modo, ti assicuri di non commettere errori e di ottenere esattamente il risultato che cerchi.
Quindi presta molta attenzione alle dimensioni di stampa che intendi utilizzare e assicurati di ritagliare e ridimensionare per inchiodare l’output.

Alessio Fabrizi
Alessio Fabrizi
Alessio, fondatore di Fotografia Moderna dal lontano 2015 con l'obiettivo di creare una community unita di fotografi italiani. Cerco sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, mi diverto a fare recensioni di attrezzature fotografiche e consigliare con guide all'acquisto le migliori alternative sul mercato. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raggiungere più di 1 milione di appassionati ogni anno finendo per essere un lavoro a tempo pieno dove ogni giorno impiego il mio tempo per cercare notizie o migliorare il sito.
ALTRI ARTICOLI
ULTIMI ARTICOLI