Dentro la fabbrica di obiettivi Hikari della Nikon

Come vengono prodotte le lenti nella fabbrica Hikari
Come vengono prodotte le lenti nella fabbrica Hikari

La fabbrica Hikari è situata a circa 375 miglia a nord della città di Tokyo nella prefettura di Akita.
Aperta negli anni ’70, Hikari Glass dal 2004 è la sede principale dove si producono i vetri degli obiettivi Nikon.

C’è una possibilità su 2 che se si scatta con un obiettivo Nikon, la lente utilizzata provenga proprio da questa fabbrica.

Indice:

Fabrica Hikari a Tokyo
Fabrica Hikari a Tokyo

La polvere utilizzata contiene diversi ingredienti, tra cui proprio il quarzo. Il mix utilizzato nella mescola è segreto, gli ingredienti vengono fusi a temperature elevate e infine trasformate in vetro.

La combinazione avviene in lotti di circa 500Kg in una coppia di mixer molto grandi. È di vitale importanza che la miscela avvenga sempre nella stessa maniera, perché la fabbrica Hikari della Nikon mira a raggiungere sempre lo stesso indice di rifrazione.

Processo di miscelazione

Polvere di quarzo delle lenti nella fabbrica di Hikari
Polvere di quarzo delle lenti nella fabbrica di Hikari

Questa foto qui sotto è la famosa vasca dove si amalgama la materia prima per il famoso vetro ED della Nikon. Hikari produce 125 diversi tipi di vetro ottico, inclusi 20 “vetri speciali

Una volta che la polvere è stata miscelata e sciolta avvengono due tipi di processi di fusione, o fusione diretta o pre-fusione.

Polvere lenti nella fabbrica Nikon
Polvere lenti nella fabbrica Nikon

Processo di fusione

Il processo di pre-fusione inizia con la polvere riscaldata dentro un crogiolo di quarzo o platino (a seconda del tipo di vetro da creare), in un forno a una temperatura di oltre 1000 gradi Celsius.

Le fornaci sono sollevate a diversi metri sopra il pavimento della fabbrica. La miscela viene aggiunta ai crogioli in maniera graduale.

Con i crogioli al quarzo, parte del quarzo si scioglie nella miscela.

Una volta che il vetro è completamente fuso grazie alle temperature elevate, viene aperto un foro nel fondo per consentire al vetro fuso di fuoriuscire.

Come vengono create le lenti nella fabbrica Hakira
Come vengono create le lenti nella fabbrica Hakira

Ed ecco il risultato, come piccole scaglie di neve.

I cristalli prodotti dalle lenti
I cristalli prodotti dalle lenti

Il processo di pre-fusione non è pensato per avere esattamente la qualità di rifrazione del vetro finito.

A seconda di dove il vetro è stato posizionato all’interno del crogiolo potrebbe contenere più o meno quarzo grazie alla fusione durante il processo.

Il processo di fusione è una delle fasi più critiche dell’intero processo di produzione del vetro e si svolge in crogioli di platino all’interno di forni ad altissima tecnologia.

I dettagli esatti dei forni di fusione sono altamente protetti da Hikari Glass, non esistono fotografie per ovvi motivi di concorrenza.

Vengono prodotte lunghe barre di vetro, chiamati lingotti, che escono dalle macchine molto, molto lentamente su un nastro trasportatore lungo, in un processo chiamato “fusione“.

La fusione delle lenti nella fabbrica
La fusione delle lenti nella fabbrica

Una volta che il lingotto è stato prodotto, ciascuna barra viene sottoposta a una veloce ispezione per vedere evidenti difetti o difetti. Se c’è un difetto, queste barre di vetro possono essere riciclate o rifiutate.

Controllo visivo delle lenti

Ispezione dei vetri nella fabbrica Nikon
Ispezione dei vetri nella fabbrica Nikon

I lingotti vengono tagliati a cubetti, chiamati ‘dadi‘ usando una sega circolare.

Una particolarità di questa sega è che non funziona a “taglio” ma per attrito, il disco rotante riscalda il vetro nel punto di contatto, evitando che si crei polvere di vetro.

Ogni cubo tagliato è leggermente più grande di quello definitivo in modo che ci sia la possibilità di essere regolato con precisione nella fase successiva del processo: la rettifica.

Il taglio della lente con le sega speciale
Il taglio della lente con le sega speciale

I cubi vengono pesati e suddivisi in quattro categorie, in base al loro peso. Il peso viene regolato mediante pietre di macinazione, in una macchina molto rumorosa chiamata tumbler (nella foto sotto).

I cubi di vetro più leggeri vengono aggiunti prima al tumbler, seguito dai cubi più pesanti. In questo modo, i cubi che necessitano di più peso vengono lavorati più a lungo, e vengono tutti fuori pesando all’incirca allo stesso modo.

Macchina per pressare le lenti
Macchina per pressare le lenti

Dopo aver passato un po’di tempo dentro il “bicchiere“, i cubetti sembrano pezzi di vetro da spiaggia.

Un dipendente professionale ispeziona ciascuno di essi manualmente uno per uno, eseguendo operazioni aggiuntiva di rettifica per assicurarsi che eventuali trucioli piccoli vengano levigati.

Questo particolare pezzo ha un chip rosso, che è abbastanza grande che sfortunatamente è arrivato alla fine della riga e verrà rifiutato.

Inizia la procedura di pressatura, i blocchi di vetro, ricoperti di nitruro di boro, vengono messi dentro vassoi di ceramica e inviati su un nastro trasportatore dentro un forno particolare.

L’obiettivo è quello di ammorbidire il vetro, ma non del tutto al punto di fusione.

Processo per ammorbidire il vetro delle lenti
Processo per ammorbidire il vetro delle lenti

Il pezzo di vetro caldo viene spostato a mano e inclinato in uno stampo riscaldato.

Come viene fatto lo stampo per lenti
Come viene fatto lo stampo per lenti

Una volta che il vetro è nello stampo, un operatore attiva un pedale per premere la forma. Un orologio funge da riferimento per tempo in cui ogni fetta di vetro viene pressata.

Un esperto operatore di stampa può anche effettuare questo lavoro valutando la durezza del vetro manualmente a tatto.

All'interno della fabbrica di vetro Hikari di Nikon
All’interno della fabbrica di vetro Hikari di Nikon

Processo di raffreddamento

Dopo che si sono raffreddate, le forme di vetro vengono raccolte per l’ispezione.

Ultima ispezione per le lenti
Ultima ispezione per le lenti
torta di vetro viene ispezionata con le mani
torta di vetro viene ispezionata con le mani

Ultimo è il processo di ricottura che come per la fusione, i dettagli esatti del processo di ricottura sono altamente confidenziali. Praticamente, la ricottura è un processo di riscaldamento e raffreddamento regolato con precisione maniacale, che avviene per un lungo periodo di tempo, spesso anche diversi giorni.

L’obiettivo è rendere la densità interna dei pezzi di vetro completamente coerente e di eliminare eventuali bolle e di regolare in modo ottimale l’indice di rifrazione.

In generale, i cicli di raffreddamento più lunghi producono un vetro molto più denso con un indice di rifrazione più alto. Inversamente i cicli brevi producono un vetro meno denso con indice di rifrazione più alto.

Le temperatura specifiche e il periodo di tempo in cui tali temperature sono sostenute sono e segrete e dipendono dal tipo esatto di vetro.

Processo di raffreddamento delle lenti
Processo di raffreddamento delle lenti

Ed ecco finito il tutto, vetri grezzi confezionati e spediti ad altre strutture Nikon in Giappone, Cina e Thailandia per la lucidatura e rivestimento, prima di essere montati negli obiettivi NIKKOR.

Lenti finali Nikon
Lenti finali Nikon

Le foto sono di Carey Rose e Barney Britton in questo articolo originale.

Articoli correlati:

Commenta questo articolo

Condividi