Fotografare in viaggio, viverlo al meglio

fotografare-in-viaggio
Una guida su come fotografare in viaggio e viverlo nel migliore dei modi

Quando uno ha la passione per la fotografia tende a fotografare tutto quello che ha di fronte, se poi si trova in una terra mai vista la memory card sarà colma di foto.
Ma per fotografare in viaggio con la massima serenità bisogna avere alcune accortezze che ci renderanno ancora più semplice e piacevole la nostra vacanza.

Fotografare in viaggio: Lavoriamo più di 300 giorni l’anno, e quando andiamo in ferie o ci facciamo una vacanza vogliamo godercela nel miglior modo possibile.
Se hai la passione per la fotografia è inevitabile che il tuo primo pensiero è riguardo allo spazio che occupa la reflex.

Perché non è solo la reflex, ma gli obiettivi che ti vuoi portare dietro, le memory card, il treppiedi, insomma servirebbe un trolley a parte!

Ma prima di continuare a leggere l’articolo e conoscere il modo ideale per vivere un viaggio, vuoi scaricare un piccolo manuale che può risolverti 5 problemi?

  • Iscrivendoti GRATUITAMENTE avrai subito in omaggio un manuale per risolvere i 5 problemi più comuni dei fotografi
  • Farai parte di una community con più di 2000 fotografi
  • Verrai aggiornato su contenuti importanti

Grazie per esserti iscritto!

Proseguiamo con l’articolo e riuscirai a vivere i tuoi viaggi nel miglior modo possibile!

Sappiamo benissimo sia te che io, che in vacanza il più delle volte lascerai l’occorrente a casa (se non addirittura la reflex) perché non vuoi portarti pesi sulle spalle o non vuoi avere il pensiero di stare li a controllare la tua macchinetta.

Per questo, se non sei mai partito con la tua reflex, comincia viaggiando con una buona compatta.

Devi vedere come intraprendi i viaggi, se riesci a trovare il tempo che desideri per scattare.

Se viaggi con i tuoi amici è inevitabile che avrai meno tempo a disposizione, il tuo viaggio sarà più dinamico e fidati che se non condividono i tuoi stessi interessi quella reflex non la tirerai mai fuori dal tuo zainetto.

Finirà per essere un peso inutile che ti sei portato dietro.

Ormai le compatte moderne sono ottime, risoluzioni altissime e anche molto luminose, certamente non paragonabili alle reflex, ma se cerchi degli scatti che ti ricordino il luogo e la tua vacanza senza essere troppo particolari, una buona compatta è il giusto per te.

Ti consiglio di portarti una compatta le prime volte che viaggi, in modo che ti puoi testare, vedi quanto effettivamente trovi il tempo di scattare quando sei in terra straniera.
Se ami vivere il luogo o fotografarlo.

Non tutti siamo fatti nella stessa maniera.

Molte persone, anche se amano fotografare e si sono portate dietro tutta la loro attrezzatura, magari in Thailandia mentre si trovano sopra un elefante, pensano a vivere il momento scattando 2-3 foto in tutta la giornata.

Altre persone al contrario rimangono con la macchinetta perennemente davanti il loro volto, perdendosi la realtà.

La via di mezzo è sempre l’ideale, una volta che l’hai trovata, hai raggiunto la giusta via.

Portati una compatta, e cerca di fotografare “il giusto”.

Fotografare il giusto mentre sei in viaggio vuol dire viversi il luogo, ma allo stesso tempo scattare i giusti ricordi.

Ricordati che, sopratutto se sei in luoghi non proprio raggiungibili facilmente, difficilmente ci ritornerai, per questo cerca di viverti il momento il più possibile.

Ho conosciuto persone che in viaggio, pur di scattare, si sono ritrovate 20 mila foto in cartella, ma si ricordano cosa hanno visto da dietro l’obiettivo, senza mai aver toccato con mano.

Come fotografare in viaggio nel modo giusto?

Imponendosi di scattare qualche attimo dopo aver visto.

Non subito, prima accarezza il luogo, respira l’aria differente, evidenzia di fronte a te la novità.

Qualche istante dopo puoi prendere la tua macchina fotografica e scattare le tue istantanee.

Controlla subito i tuoi scatti, se almeno 5 scatti sono venuti bene riposa la tua macchinetta e goditi di nuovo il posto.

Fidati, di quei 5 scatti probabilmente 2 li cancellerai, e ancora più sicuramente di quei 3 rimanenti solamente 2 sono quelli che ti piaceranno.

Delle fotografie scattate in viaggio solamente il 30% sono quelle che non vengono cancellate!

Quindi perché rimanere incollati all’obiettivo quando più della metà degli scatti non verranno mai visti?

Fotografare in viaggio, attrezzato nella maniera migliore

Attrezzarsi con una compatta è molto semplice, sopratutto in viaggio.
Il necessario sono:

  • un panno per pulire il tuo obiettivo
  • batterie supplementari
  • memory card aggiuntive.

Hai visto?
Tutto questo occorrente lo potrai portare comodamente in un marsupio!

Per questo ti dico che la compatta, a volte, è migliore di una reflex, sopratutto se si parla di comodità!

Una volta che hai testato che tipo di viaggiatore sei

Capirai se è meglio se ti porti dietro una compatta o puoi anche fare il passo successivo con la reflex.

Se vedi che riesci a ritagliare i tuoi spazi, se vedi che le tue fotografie non sono come te le aspettavi ma desideri qualcosa di più, forse è arrivato il momento di fare il grande passo.

Ti consiglio di comprarti uno zaino comodo, esistono modelli trolley per evitare di portare il peso sulla tua schiena, e ti consiglio di portarti dietro massimo 1-2 obiettivi.

Non esagerare, portati un buon grandangolare e un teleobiettivo.

Cerca di coprire le due fasce con zoom complementari.

Io viaggio sempre con un 18-135 e un 55-200, mi trovo a meraviglia!

Sappi che le attenzioni che dovrai porre saranno molte di più nei confronti della tua macchinetta, sicuramente se ti trovi in un luogo di mare dovrai stare attento all’acqua, e portarla al mare diventerà più complicato.

Portati un panno per pulire l’obiettivo, ma anche le pompette d’aria per pulire l’obiettivo da eventuali granuli di sabbia.

Puoi reperire tutto l’occorrente tranquillamente su Amazon.

La Reflex tienila sempre al collo, mai dietro allo zaino, è pieno di borseggiatori!

Ma ricordati, anche con la reflex, scatta subito dopo aver vissuto il luogo, assaporalo, goditelo.

Poi scatta, ma dopo aver controllato che siano venute bene le tue foto, riposa la macchinetta e viviti il momento.

Un treppiedi è sempre l’ideale da portare dietro, in tutti i casi.

Esistono quelli portatili chiamati “ragno” o da viaggio, sono comodissimi e sopratutto ti permetteranno di scattare foto con te presente! Qui troverai molte offerte!

Spero che questo articolo su come fotografare in viaggio ti sia stato molto utile, per ringraziarmi mi basta un like qui sotto!

Grazie mille!

Per il resto, ti auguro buon viaggio e posta i tuoi scatti qui nei commenti!

 

 

 

Commenta questo articolo

Condividi

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui