Fotografare sulla neve: Ecco 5 consigli

fotografare-sulla-neve-consigli
Consigli per fotografare sulla neve

Fotografare sulla neve da sempre è stato complicato. E’ uno degli scenari più complicati da fotografare, sia per le condizioni atsmoferiche, sia per il rischio di “bruciare” le vostre foto.

Fotografare sulla neve può essere una delle esperienze più belle, ma anche lo scenario più difficile, può essere addirittura più difficile che fotografare in condizioni di scarsa luminosità.

Si perchè fotografare sulla neve comporta il rischio di poter vedere tutte le vostre foto a fine giornata “bruciate”, bianche, con poche emozioni.

Questo perché il bianco della neve farà riflettere la luce in modo esponenziale fino a far impazzire il vostro esposimetro.
Queste volte il flash non ci sarà di aiuto.
Per non parlare delle condizioni atmosferiche che renderanno difficile la vostra stabilità e fermezza nello scattare.
Il freddo ci farà tremare, la neve sotto i nostri piedi non ci renderà stabili, e anche per questi motivi la neve è un osso duro da fotografare.

Ma ora ti non voglio far intimorire, anzi, voglio spronarti a fotografare ghiacciai e paesaggi delle montagne più belle del mondo, ma prima ti consiglio di leggere questo articolo per riuscire a fotografare sulla neve con le condizioni ottimali.

FERMATI UN SECONDO, PRIMA DI CONTINUARE TI SEI GIA’ ISCRITTO ALLA NEWSLETTER?

Se è la prima volta che entri nel mio sito ti consiglio di iscriverti alla newsletter di Fotografia Moderna.
Perchè dovresti?

  • Riceverai gratuitamente e senza fatica contenuti che ti aiuteranno a migliorare la tua tecnica fotografica
  • Riceverai consigli e suggerimenti esclusivi solamente a chi è iscritto alla newsletter

Ok cominciamo ora, fotografare sulla neve è difficile quanto stimolante, quindi prepara carta e penna, ma sopratutto, non perderti dei passaggi fondamentali

#1 BILANCIARE IL BIANCO E’ ESSENZIALE

fotografare-sulla-neve-consigli

Il bilanciamento del bianco un bravo fotografo lo effettua ogni volta che si appresta a fotografare, ma è sempre bene sottolinearlo.

La luce delle nostre fotografie cambia in continuazione durante le nostre giornate, ma non dipende solamente dai scenari che ci troviamo di fronte, ma anche dal fatto che il cielo sia nuvoloso, sereno, o di fronte ad un diluvio.
La macchina fotografica, ogni volta, imposta come dei filtri automatici per diminuire la dominante di colore che si andrebbe a sviluppare a seconda dei scenari.
Questo serve appunto per annientare le dominanti e far apparire i colori neutri di fronte a qualsiasi tipo di illuminazione.

Il bilanciamento del bianco avviene appunto in modo automatico, ma un buon fotografo sa’ che il bianco trovato dalla macchina fotografica non è sempre il bianco assoluto, per questo ogni fotografo professionista si porta dietro un kit per bilanciare il bianco in pochi secondi.

Con 3 euro ti porti dietro tre cartoncini per bilanciare il bianco in tutte le situazioni in cui ti trovi.
Io ho comprato questo kit, con 3 euro mi è arrivato a casa la cinghia per portarmeli sempre appresso e tre cartoncini, il bianco (per bilanciare il bianco) il grigio (per trovare le luci miste) e il nero.

Se ancora non hai dei cartoncini per bilanciare ti consiglio vivamente di comprarli subito, con 3€ euro vedi come cambieranno radicalmente le tue fotografie.

Ma torniamo a noi, perché bilanciare il bianco sulla neve è cosi importante?

Se non abbiamo un bianco impostato in modo corretto, la neve con la luce ambiente riflessa sopra potrà avere una dominante di colore scomoda da togliere in post-produzione.
Basta che il paesaggio con la neve si trova accanto a paesaggi verdi per assumere una dominante verde, difficile e fastidiosa da togliere.

Ma occhio, per questo tipo di fotografia ti consiglio di usare il cartoncino grigio più chiaro, in modo da poter ricevere le sfumature di colore dal bianco al grigio che la neve ti regala.

#2 PORTATI SEMPRE DIETRO UN TREPPIEDI SULLA NEVE

Fotografare sulla neve con un treppiede

Questa volta il treppiede non ti servirà per combattere le condizioni di scarsa luminosità, ma sarà d’aiuto per le difficili condizioni ambientali.

Quasi sempre, sulla neve si hanno delle temperature molto basse, e di conseguenza il nostro corpo risponderà nelle maniere più sbagliate per un fotografo:

  • Comincerai a tremare
  • Le tue mani non avranno la sensibilità giusta
  • Se vuoi fare delle foto/video in movimento i tuoi movimenti non saranno sciolti
  • Poca sensibilità quando vuoi giocare con lo zoom

Proprio per questo un buon treppiede ti potrà dare una grossa mano.

Questo modello di Andoer ti permette un ottima stabilità per la tua fotocamera anche nelle condizioni di terreno più disparate.
Ha una piastra regolabile e rimuovibile facilmente, in modo che puoi smontare la tua reflex in un batter d’occhio.

Certo è un modello più che buono lo ammetto, e capisco anche che 70€ non sono una spesa di tutti i giorni (ma fidati che ne valgono veramente la pena), comunque su Amazon trovi molte offerte di treppiedi di buona qualità anche a prezzi più discreti, dagli un occhiata.

Una volta trovata la composizione ideale per il tuo scatto, non fare l’errore che commentono in molti, di scattare a mano.
Ormai tutte le reflex possiedono di un telecomando per evitare di scattare toccando la fotocamera.

Il telecomando è essenziale per gli scatti prolungati, ma a temperature basse i tuoi movimenti non saranno cosi sensibili, per questo potrai toccare la macchinetta con meno grazia di quanto prevedi.

#3 GUANTI DA FOTOGRAFO, SEMPRE APPRESSO!

guanti-fotografo

Si ricollega direttamente al punto precedente, il freddo è la condizione più difficile per fotografare, e oltre al tremolio naturale, la difficoltà maggiore sarà nella sensibilità delle tue mani.

Ogni sport sulla neve ha dei guanti, perché il fotografo dovrebbe morire di freddo e fare l’eroe?

Esistono dei guanti da neve anche per i fotografi, e fidati che sono una manna dal cielo!

La particolarità di questi guanti è l’estraibilità della punta delle dita, utile quando devi cambiare obiettivo o estrarre la scheda di memoria.
Hanno anche una tasca particolare per avere le schede di memoria sempre dietro, senza dover ogni volta aprire lo zaino e cercarla.

Guarda, non dubitare su questo acquisto, oltre a ripararti dal freddo, e aver sempre a portata di mano le schede di memoria, la parte più interessante è nel grip sotto il polso, in modo da aver sempre un ottima tenuta anche se sei appoggiato.

#4 AIUTATI CON L’ESPOSIMETRO PER FOTOGRAFARE SULLA NEVE

Fotografare sulla neve con l'aiuto di un esposimetro

Per fotografare sulla neve, oltre che ad essere attrezzato, devi avere anche le conoscenze basi sull’esposizione e su come agire quando le tue foto sono sovraesposte.

L’esposimetro è un dispositivo presente in tutte le fotocamere e ci aiuta a capire quanta luce sta entrando dentro per essere impressa.

Se la luce è troppa, la fotografia verrà “bruciata” / sovraesposta, se la luce non sarà sufficiente, la fotografia verrà sottoesposta, quindi buia.

Ma grazie all’esposimetro possiamo agire direttamente per influire sulla luce che sta entrando nella nostra reflex.

nel caso che la luce sia troppa, basterà diminuire di uno stop l’esposizione della nostra fotocamera e vedere se ci sono stati miglioramenti.

esposimetro di una fotocamera digitale
esposimetro di una fotocamera digitale

Quando la linea si trova al centro vuol dire che non stiamo agendo direttamente sull’esposimetro, ma basterà usare il pad della nostra macchinetta fotografica, andando a destra per “aprire di uno stop” e di conseguenza far entrare più luce, o andare a sinistra (in negativo) per chiudere e far entrare meno luce.

Se proprio non riusciamo a ottenere un risultato ottimale possiamo aiutarci con gli ISO.

#5 USA LA FANTASIA

fotograre-la-neve

Questo sarà l’ultimo consiglio, ma non per ordine di importanza, anzi.

Se vuoi ottenere scatti sulla neve meravigliosi, il panorama non sarà tutto.
Puoi scattare fantastiche fotografie anche in una pianura, o dentro una città innevata.
Quello che rende le fotografie uniche è la fantasia, la capacità di rendere uno scatto diverso da persona a persona nonostante ci si trovi nello stesso luogo.

E’ li che si vede se una persona si attiene a fotografare per “riportare” uno scenario, o vuole dipingere ciò che ha davanti ai suoi occhi.

Non rendere la tua fotografia piatta con distese di neve, inserisci elementi di stacco sul bianco, interrompi lo scenario con colori forti o azioni.

Nella tua composizione inserisci “azione” e “dinamicità”, l’insieme tra una buona composizione e uno scenario farà si che la tua fotografia acquisti un sapore diverso.

Non aspettare lo scenario perfetto, cercalo, crealo!

 

La fotografia della copertina è di http://kayinthebay.tumblr.com/

Commenta questo articolo

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui