9 consigli per la Fotografia Paesaggistica

Come scattare foto paesaggistiche di qualità? Ci sono dei suggerimenti particolari da seguire?

0
158
Come scattare fotografie paesaggistiche

La fotografia paesaggistica è in assoluto una delle nicchie preferite dai fotografi professionisti ma anche da quelli amatoriali. Una ricchezza di paesaggi naturali che esplodono di drammaticità e carisma, in continua evoluzione a seconda delle stagioni. Ma è così facile riuscire a scattare delle belle foto ai paesaggi? Assolutamente no, ma se seguirai questi consigli riuscirai a realizzare delle foto diverse dalle solite.

Crea la profondità di campo

In assoluto il primo suggerimento valido per quando si parla di foto di paesaggi, il senso di profondità è fondamentale. Prova a creare questa sensazione mantenendo a fuoco tutti gli elementi dell’immagine.

Per realizzare questo effetto devi utilizzare un’apertura molto piccola, da F/16 a F/22 in modo da mantenere gli oggetti in primo piano e lo sfondo nitidi. Posiziona la tua fotocamera su un treppiede per eliminare le vibrazioni della fotocamera, in modo da annientare il micromosso, visto che ad aperture piccole entrerà molta meno luce nell’obiettivo.

Utilizza un obiettivo grandangolare

Se stai cercando un obiettivo per foto dei paesaggi devi cercare assolutamente tra i grandangolari, poiché sono quelli che riescono a mostrare una visione più ampia dell’insieme, in modo da dare anche gli spazi stretti una sensazione di spazio aperto.

Questi obiettivi tengono anche a dare una maggiore profondità di campo e ti consentono di utilizzare velocità di scatto più elevate visto che sono più luminosi. Scattare una foto con apertura F/16 renderà nitido sia il soggetto in primo piano che lo sfondo dietro.

Aiutati con i filtri

Per ottenere la migliore foto possibile puoi aiutarti con i filtri polarizzanti, questi oscurano il cielo mettendo in risalto il blu, contrastandolo a sua volta con il bianco delle nuvole.

I filtri ND, a densità neutra, impediscono l’ingresso di troppa luce nella fotocamera. Molto utile nei giorni con tanta luce, poiché la fotocamera in quei momenti non è in grado di offrire una bassa velocità di scatto dell’otturatore. Rischieresti di sovraesporre eccessivamente la foto.

Dai spazio al movimento

Se stai cercando di fotografare l’acqua in movimento, puoi dargli un bell’effetto di seta scegliendo la lunga esposizione. Puoi farlo tranquillamente selezionando nelle modalità di scatto la priorità di tempi e scegliere un’esposizione da 2 secondi in su. Puoi anche utilizzare la priorità di apertura e scegliere un valore piccolo come F/32 per far entrare più luce.

Se fotografi con luce solare molto forte, utilizza un filtro ND per ridurre la quantità di luce in modo da consentire alla fotocamera di lavorare con tempi di posa più lunghi.

Devi sempre utilizzare un treppiedi per questo tipo di foto per far sì che l’immagine resti nitida.

Gioca con i riflessi dell’acqua

L’acqua è uno degli elementi che più ti sarà d’aiuto durante le foto paesaggistiche. Può essere utilizzata per creare meravigliosi effetti e giochi di riflessi.

Il momento migliore sicuramente per questo tipo di scatto corrisponde ai due momenti della Golden Hour, ovvero la prima ora dopo l’alba e l’ultima prima del tramonto. La luce è meno forte, i raggi del sole sono più caldi e la rifrazione con il cielo regala bellissime sfumature di colori.

Metti la fotocamera su un treppiede e imposta la modalità priorità di tempi, scegli una bassa velocità e imposta una sensibilità ISO abbastanza bassa.

Utilizza elementi esterni nella composizione

Le foto paesaggistiche non sono un sinonimo di solo natura, quindi perché non dovresti includere elementi esterni, come per esempio le persone?

Una foto di paesaggi può essere completata utilizzando un bambino o una bella ragazza nella composizione. Ricordati le regole di composizione fotografica e metti l’elemento nella posizione adeguata per dar maggior interesse alla foto.

Scegli una velocità elevata se vuoi bloccare l’azione o una velocità più lenta se vuoi registrare tutto il movimento.

Utilizza la regola dei terzi

Questa più che una regola è un suggerimento, perché puoi utilizzare la regola dei terzi come qualsiasi altra tecnica di composizione. In questo caso se riesci a posizionare l’immagine nei quadranti avrà un risultato diverso. Per esempio se posizioni il soggetto nella zona centrale avrai un impatto più deciso del soggetto nella composizione, posizionandolo in uno dei nodi laterali invece si da maggior dinamismo.

Puoi anche utilizzare la sezione aurea per esempio, quando si parla di composizione sono delle regole personali che si può scegliere se seguirle o no, è una questione soggettiva.

Impostazioni raccomandate

Durante le foto di giorno cerca di utilizzare aperture più piccole per far entrare meno luce e dare alla composizione maggior nitidezza, come per esempio un‘apertura F/22.

Se invece stai cercando di dare movimento all’acqua, alle persone, o agli uccelli nella composizione, utilizza un filtro davanti l’obiettivo per ridurre la quantità di luce in ingresso e gioca con le velocità dell’otturatore.

Di solito si sceglie di impostare almeno 2 secondi per riuscire a cogliere il movimento. Il treppiedi è d’obbligo in queste situazioni.

Attrezzatura consigliata

Avere una scelta più ampia in queste situazioni è sempre la soluzione migliore, ma capisco bene che non puoi portarti dietro 4 obiettivi per questioni di peso. Quindi cercherò di darti consigli diversi.

Per esempio se scatti di giorno e trovi una luce intensa, avere un paraluce ti aiuta ad evitare il bagliore nelle foto.

Oltre il filtro a densità neutra o il filtro polarizzante per ridurre i riflessi nelle foto e risaltare i dettagli del cielo con le nuvole, portati anche un flash esterno, ti aiuterà ad illuminare le zone d’ombra nelle distanze ravvicinate.

Se stavi cercando un’articolo dove scoprire le tecniche per la fotografia paesaggistica, mi dispiace, ma hai sbagliato articolo. Sono della forte convinzione che alcune foto di paesaggi non hanno bisogno di particolari tecniche o studi, ma basta sedere e aspettare il momento giusto per ottenere quel colpo magico.

Ti basterà un po’ di pazienza, e sopratutto un bel po’ di pratica. Poi sarai in grado di catturare, con il tempo, delle fotografie sorprendenti.

Per saperne di più:

Fotografia Moderna, fondata nell'estate del 2015 è riuscita a dare un nuovo volto alla community fotografica italiana. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raccogliere più di 1 Milione di visitatori nel 2018 e quasi 2 Milioni di utenti nel 2019. Cercheremo di superare ogni record in questo 2020! Cerchiamo sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, ci divertiamo a fare recensioni di attrezzature fotografiche, lezioni e consigliare con le nostre guide all'acquisto alle migliori alternative sul mercato.