HomeLezioni di FotografiaCultura5 Fotografie che hanno Cambiato il Mondo

5 Fotografie che hanno Cambiato il Mondo

Affermare che queste cinque fotografie abbiano cambiato il mondo non è una dichiarazione da prendere alla leggera; tuttavia, l’impatto straordinario di queste immagini è così significativo che non si può davvero sottolineare abbastanza quanto fossero cruciali.

La Giornata Mondiale della Fotografia ci offre l’opportunità di rivolgere lo sguardo al passato della disciplina e riflettere su quanto la fotografia sia stata, sia attualmente e continui ad essere essenziale in ogni aspetto della nostra vita.

Dall’innovazione tecnologica e dall’indagine del mondo naturale (e oltre), alla documentazione degli orrori dei conflitti e delle battaglie umanitarie, la fotografia statica possiede un potere unico nel trasmettere messaggi che vanno al di là delle parole o persino delle immagini in movimento.

Il team di The School of Photography ha selezionato le immagini più iconiche della storia e le ha ridotte a queste cinque. Guarda il video brillante qui sopra o continua a leggere per una descrizione di queste fotografie rivoluzionarie e assicurati di consultare l’articolo completo della School of Photography per ulteriori dettagli su queste straordinarie fotografie e sui loro autori.

Latticed window at Lacock Abbey – Henry Fox Talbot, 1835

L’opera “Latticed Window at Lacock Abbey” è stata catturata da Henry Fox Talbot nell’agosto del 1835 ed è un positivo derivante da ciò che potrebbe essere il più antico negativo fotografico esistente.

In quel periodo, stavano emergendo altri processi fotografici, ma erano estremamente costosi e le immagini fotografiche non potevano essere replicate. Ogni foto era unica, simile a un dipinto o a un disegno. Tuttavia, Fox Talbot aveva una prospettiva unica, considerando la fotografia come un mezzo tipografico, in modo simile alle incisioni e ad altre forme di riproduzione stampata dell’epoca.

Egli ideò il processo del calotipo, che consentiva di creare un negativo da cui poter ottenere molteplici positivi. Sebbene il processo del calotipo sia evoluto e migliorato nel corso del tempo, la base di ottenere positivi da un negativo è rimasta valida fino all’avvento della fotografia digitale.

Questo innovativo approccio ha reso la fotografia più conveniente e accessibile per le persone comuni. Questo è il primo esempio di tale procedura, e indubbiamente rappresenta un punto di svolta nella storia, come una delle foto che hanno cambiato il mondo. Chi può dire cosa sarebbe stata la fotografia senza questo processo rivoluzionario?

The Horse in Motion – Eadweard Muybridge, 1878

Credito-immagine-Eadweard-Muybridge
Credito-immagine-Eadweard-Muybridge

“The Horse in Motion” è una serie di cartoline realizzate da Eadweard Muybridge, comprendente sei carte, ognuna delle quali presenta una sequenza di sei a dodici “elettrofotografie automatiche” che rappresentano il movimento di un cavallo. Muybridge catturò queste fotografie nel giugno del 1878. Una scheda aggiuntiva includeva la singola immagine del cavallo Occident che trotta ad alta velocità, la quale era stata precedentemente pubblicata da Muybridge nel 1877.

Questa serie rappresentò il primo esempio di cronofotografia, uno dei primi metodi utilizzati per documentare fotograficamente il passaggio del tempo, principalmente per studiare le diverse fasi del movimento, per scopi scientifici. Questo lavoro segnò un passo cruciale nello sviluppo della cinematografia.

L’opera di Muybridge fu commissionata da Leland Stanford, un industriale, ex governatore della California e appassionato cavaliere. Stanford era interessato ad analizzare la andatura del cavallo per risolvere una scommessa che aveva fatto: affermava che un cavallo solleva tutte e quattro le zampe da terra durante la corsa.

Earthrise – William Anders, 1968

Credito-immagine-NASA-William-Anders
Credito-immagine-NASA-William-Anders

“Earthrise” è una fotografia della Terra e di una parte della superficie lunare, catturata dall’astronauta William Anders il 24 dicembre 1968 durante la missione Apollo 8, che segnò il primo viaggio con equipaggio in orbita attorno alla Luna. A cinquant’anni di distanza dal momento dello scatto, Anders ha riflettuto: “Abbiamo scelto di esplorare la Luna e invece abbiamo scoperto la Terra”.

Nel libro “Life’s 100 Photographs that Changed the World”, il fotografo di natura selvaggia Galen Rowell ha definito “Earthrise” come “la fotografia ambientale più influente mai scattata”. Un altro autore l’ha riconosciuta come l’inizio del movimento ambientalista. Di fatto, questa immagine ha ispirato la celebrazione annuale della Giornata della Terra (con l’hashtag #Earthrise).

La foto è stata catturata con una Hasselblad 500 EL altamente modificata, dotata di un motore elettrico. La fotocamera presentava un semplice anello di mira anziché il tradizionale mirino reflex e venne caricata con un rullo da 70 mm contenente pellicola Ektachrome personalizzata prodotta da Kodak. La foto fu scattata utilizzando un obiettivo da 250 mm, con un tempo di scatto di 1/250 secondi e apertura f/11.

Execution – Eddie Adams, 1968

Credito-immagine-foto-AP-Eddie-Adams
Credito-immagine-foto-AP-Eddie-Adams

Eddie Adams era un fotoreporter statunitense dell’Associated Press, noto per i suoi ritratti di celebrità e politici, nonché per la sua copertura di ben 13 guerre. La sua fotografia che immortalò l’esecuzione di un prigioniero Viet Cong gli valse il Premio Pulitzer nel 1969.

In seguito, Adams ricordò di aver pensato che il generale di brigata Nguyễn Ngọc Loan, capo della polizia nazionale della Repubblica del Vietnam nel distretto, avrebbe “minacciato o terrorizzato” Nguyễn Văn Lém – il quale era stato arrestato con l’accusa di aver ucciso il tenente colonnello sudvietnamita Nguyen Tuan, sua moglie, i loro sei figli e la madre ottantenne dell’ufficiale.

Adams, intuendo possibili minacce, afferrò la sua macchina fotografica per documentare l’evento. Tuttavia, la foto immortalò il microsecondo in cui il proiettile sparato da Loan raggiunse la testa di Lém, in una strada di Saigon il 1° febbraio 1968, durante le prime fasi dell’offensiva del Tet. Questa immagine divenne una delle più celebri e influenti della guerra, contribuendo ad alimentare il movimento contro la guerra.

Nel tempo, quella fotografia iniziò a tormentare Adams. “Stavo ricevendo denaro per aver catturato l’atto di un uomo che uccideva un altro. Due vite distrutte e io venivo pagato per questo. Mi ero trasformato in un eroe.” Questo suo tormento fu riflessione in un successivo scritto: “Due individui sono morti in quella foto. Il generale ha ucciso il vietcong; io ho ucciso il generale con la mia macchina fotografica”.

Death of Alan Kurdi – Nilüfer Demir, 2015

Credito-immagine-Nilufer-Demir
Credito-immagine-Nilufer-Demir

Alan Kurdi era un bambino siriano di tre anni di origine curda, la cui immagine ha fatto il giro del mondo dopo che è annegato il 2 settembre 2015 nel Mar Mediterraneo, vicino a Bodrum, in Turchia. Lui e la sua famiglia erano rifugiati siriani che cercavano di raggiungere l’Europa durante la crisi dei rifugiati europei.

Le foto del suo corpo senza vita furono scattate dal giornalista turco Nilüfer Demir e si diffusero rapidamente in tutto il globo, scatenando una risposta internazionale. Poiché si diceva che la famiglia di Kurdi avesse cercato di raggiungere il Canada, la sua morte e l’ampia crisi dei rifugiati divennero un tema cruciale anche nelle elezioni federali canadesi del 2015.

Questa immagine è stata attribuita all’aumento delle donazioni a organizzazioni di beneficenza che si occupano di migranti e rifugiati. In particolare, l’organizzazione di beneficenza Migrant Offshore Aid Station registrò un aumento delle donazioni di ben 15 volte nelle 24 ore successive alla pubblicazione dell’immagine.

“Alcune volte, i fotoreporter catturano immagini così potenti che il pubblico e i leader politici non possono ignorare ciò che mostrano”, disse Nick Logan di Global News lo stesso anno. Egli paragonò l’effetto delle immagini del corpo di Kurdi alle immagini catturate durante l’evento noto come “Bloody Sunday”, quando attivisti per i diritti civili furono brutalmente picchiati dalle truppe statali dell’Alabama durante il movimento per i diritti civili.

Altri articoli:

Alessio Fabrizi
Alessio Fabrizi
Alessio, fondatore di Fotografia Moderna dal lontano 2015 con l'obiettivo di creare una community unita di fotografi italiani. Cerco sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, mi diverto a fare recensioni di attrezzature fotografiche e consigliare con guide all'acquisto le migliori alternative sul mercato. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raggiungere più di 1 milione di appassionati ogni anno finendo per essere un lavoro a tempo pieno dove ogni giorno impiego il mio tempo per cercare notizie o migliorare il sito.
ALTRI ARTICOLI

Lascia un commento

Scrivi qui il tuo commento
Aggiungi il tuo nome qui

ULTIMI ARTICOLI

LE MIGLIORI OFFERTE DEL GIORNO