Highsmith chiede 1 Miliardo a Getty Images

getty images-denuncia

La famosa fotografa di fame mondiale Carol M. Highsmith  ha citato in giudizio Getty Images per 1 Miliardo di dollari!

La fotografa di fama mondiale Carol M. Highsmith ha citato in giudizio il portale Getty Images per la modica somma di 1 miliardo di dollari, accusando la società fotografica di aver violato il suo copyright utilizzando 18.755 delle sue fotografie in giro per l’America.
PDNPulse ha riferito che il 70nne Highsmit ha sottoscritto la causa il 25 luglio 2016, presso la Corte federale di New York, sostenendo che Getty Images ha utilizzato le sue fotografie senza il suo consenso.

Carol M. Highsmith ed ogni angolo degli Stati Uniti

La fotografa statunitense ha praticamente fotografato ogni luogo degli Stati Uniti, ed è stato uno delle prime fotografe ad aver creato questo enorme archivio nel 21° secolo.
In difesa Getty Images ha dichiarato che Highsmith ha donato il suo immenso archivio alla biblioteca del congresso, con tanto di dichiarazione “di uno dei piu’ grandi atti di generosità della storia della biblioteca”

Di fatti le foto della fotografa sono elencate sul sito web della biblioteca come di dominio pubblico con “nessuna restrizione sulla pubblicazione.”

In sua difesa Highsmith dice di non aver mai abbandonati i suoi diritti d’autore

La fotografa ha richiesto un pagamento per ogni foto di sua proprietà che veniva visualizzata sul sito di Getty Image

“Gli imputati [Getty Images] si sono apparentemente appropriati indebitamente del generoso dono della signora Highsmith al popolo americano”, la causa si legge. “[Essi] non sono solo caricati illecitamente dei costi di licenza … ma sono falsamente e fraudolenti tenendo fuori il proprietario esclusivo del copyright.”

Mentre la responsabilità di danni di legge per Getty in questo caso è 468.875.000 dollari, PDNPulse riferisce che Highsmith sta cercando di fare una causa per 1.000.000.000 dollari in base alla precedente causa del fotograf Daniel Morel contro sempre Getty Images , in cui gli è stato assegnato 1.2 milioni di dollari per la diffusa violazione di una foto.

Commenta questo articolo