HomeNews FotografiaIntervista Adobe: "Non vogliamo ingannare nessuno con l'AI"

Intervista Adobe: “Non vogliamo ingannare nessuno con l’AI”

Nel campo del fotoritocco, Adobe rimane il gigante indiscusso grazie alla diffusione di Photoshop e Lightroom. Abbiamo avuto l’opportunità di intervistare Julieanne Kost di Adobe per approfondire il suo punto di vista sull’impatto dell’intelligenza artificiale e sul fotoritocco in generale.

Il Festival Internazionale di Fotografia Xposure a Sharjah, negli Emirati Arabi Uniti, merita una maggiore attenzione in Occidente, poiché attrae alcuni dei migliori fotografi del mondo. Tra gli ospiti illustri delle edizioni passate figurano Steve McCurry, Don McCullin e la leggenda dello sport Neil Leifer, che ora è un visitatore abituale dell’evento. Sharjah si trova a soli 20 minuti di taxi dall’aeroporto di Dubai, rendendolo facilmente raggiungibile e combinabile con una visita alla metropoli.

Uno dei relatori più interessanti di Xposure di quest’anno è stata Julieanne Kost, rinomata evangelista digitale di Adobe. I suoi video su YouTube e i suoi articoli sul blog su come sfruttare al meglio Lightroom e Photoshop hanno un vasto pubblico globale, quindi è probabile che il suo nome ti sia già familiare.

Julieanne ha partecipato a Xposure per presentare alcune delle sue straordinarie immagini di paesaggi astratti e ha anche condotto workshop Adobe. Nonostante l’agenda fitta, ha dedicato del tempo per discutere con AP di questioni più ampie riguardanti la sua azienda, compresa l’intelligenza artificiale.

Di seguito l’intervista con Amateur Photographer liberamente tradotta:

Adobe è rimasta sorpresa dalla quantità di interesse e commenti, positivi e negativi, generati dall’introduzione dello strumento di riempimento generativo generato dall’intelligenza artificiale in Photoshop?

Non direi che siamo rimasti sorpresi. Sapevamo che eravamo sulla buona strada e avevamo lavorato così tanto internamente sull’intelligenza artificiale e poi sul Generative Fill e su Photoshop, che penso che tutti abbiano visto il significato che avrebbe potuto avere e come avrebbe potuto aiutare non solo i fotografi, ma anche i designer e chiunque altro. lavorare con le immagini.

Come risponde Adobe alle accuse di aver aperto le porte a immagini “false” e di non essere riuscita a realizzare la minaccia esistenziale che l’intelligenza artificiale potrebbe presentare all’integrità della fotografia?

Sto parlando solo per me stesso, ma ho trovato le funzionalità di intelligenza artificiale davvero molto utili. E, naturalmente, il Generative Fill non è stata la prima incursione di Adobe nell’intelligenza artificiale. Da un po’ disponiamo di filtri neurali, strumenti di rimozione, ecc.

Quindi ci sono stati molti modi diversi in cui l’intelligenza artificiale mi ha aiutato come fotografo, non per fissare le immagini, ma quando non è possibile ottenere uno scatto particolare. Forse sei su una barca e stai cercando di utilizzare un treppiede, ed è difficile ottenere una lunga esposizione, o quando non hai un obiettivo sufficientemente ampio, o se stai cercando di unire insieme le immagini e tu non prenderla nel modo giusto.

Non sono un fotoreporter, quindi non sto cercando di “ingannare” nessuno con le mie fotografie. Nel mio lavoro mi concentro maggiormente nel cercare di mostrare l’emozione che ho provato mentre ero sul posto. Voglio mostrare la bellezza di un iceberg, ad esempio, quindi se elimino altri elementi indesiderati utilizzando Generative Fill o qualcosa del genere, mi aiuta a raccontare la mia storia e a trasmettere quell’emozione allo spettatore.

Quindi è lecito ritenere che vedremo più strumenti basati sull’intelligenza artificiale in Photoshop e Lightroom, come l’utilissimo e veloce strumento per il cielo e il mascheramento dei soggetti in Lightroom Classic?

Lo presumo! Non ho una sfera di cristallo da condividere con il mondo, ma penso che tutto ciò che può aiutare gli utenti con l’editing banale sia fantastico. Non vogliamo sederci lì e creare una maschera sul cielo per un’ora e mezza se possiamo semplicemente premere un pulsante e migliorarla e farla sembrare come vogliamo per raccontare la storia. È fantastico.

Sai approssimativamente quale percentuale di utenti di Lightroom utilizza Lightroom Classic basato su desktop anziché le versioni basate su cloud o mobili?

No, non lo so…

Lo chiediamo perché sembra che ci sia un grosso lavoro educativo da fare per convincere le persone a modificare le immagini sui telefoni …

Quindi abbiamo diverse versioni, giusto? Abbiamo Lightroom Classic, in cui puoi comunque creare una raccolta e sincronizzarla con il tuo dispositivo mobile. Lo uso sempre perché sono molto organizzato e ordinato. Mi piace essere in grado di sapere quando pubblicherò su Instagram, così posso andare avanti e creare la mia raccolta e sincronizzarla in modo da non aver bisogno del mio computer.

Ma quando lavori su un monitor di grandi dimensioni, l’immagine può apparire diversa, giusto? Se aggiungi una vignetta o qualcosa del genere e sembra fantastica sul monitor e sai che verrà stampata bene, ma poi la vedi sul telefono e la vignetta potrebbe essere troppo leggera o troppo pesante.

Quindi la possibilità di tornare indietro e regolare un po’ il dispositivo di scorrimento in modo che tutto si sincronizzi è un vero risparmio di tempo per me e mi consente di pubblicare esattamente ciò che desidero.

Ma sì, non avrei mai pensato di modificare qualcosa sul mio telefono, ma adesso lo faccio sempre. Può essere difficile selezionare l’argomento sullo schermo del telefono, ma se posso semplicemente toccare un pulsante e fare in modo che l’intelligenza artificiale selezioni l’argomento, è davvero utile.

Sono molto ordinato e organizzato e so dove sono tutti i miei file, ma non tutti sono uguali. Essere in grado di utilizzare l’ultima versione di Lightroom e avere tutto nel cloud ed essere in grado di salvarlo e modificarlo lì in modo che sia tutto accessibile è molto utile.

In qualità di evangelista digitale e leader di workshop che partecipa a eventi in tutto il mondo, che tipo di domande su Lightroom e Photoshop ricevi ancora e ancora?

Non ricevo più molte domande di modifica adesso. Quando ho iniziato mi sono chiesto, wow, cos’è lo strumento di ritaglio e come funziona? Ora mi viene chiesto, ad esempio, la differenza tra 8 bit e 16 bit, o qual è lo spazio colore o la risoluzione corretta per la stampa. Forse le persone non hanno mai stampato prima o lo stanno esternalizzando.

Pensi che potremmo arrivare al punto in cui i produttori di fotocamere e telefoni saranno in grado di integrare così tanti strumenti di editing (inclusa l’intelligenza artificiale) nei loro prodotti che i software di editing di terze parti come quello di Adobe potrebbero non essere più necessari?

Penso che sia davvero un’ottima domanda. I grandi produttori di fotocamere e telefoni lo stanno già facendo tramite la fotografia computazionale, ma hanno anche molte altre cose a cui devono pensare. La qualità degli strumenti di modifica delle immagini di Adobe è semplicemente fantastica. Sì, potrei usare un preset, ma sapere come sfruttarlo al massimo utilizzando gli strumenti sottostanti ti porterà a un livello superiore molto più velocemente.

Alessio Fabrizi
Alessio Fabrizi
Alessio, fondatore di Fotografia Moderna dal lontano 2015 con l'obiettivo di creare una community unita di fotografi italiani. Cerco sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, mi diverto a fare recensioni di attrezzature fotografiche e consigliare con guide all'acquisto le migliori alternative sul mercato. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raggiungere più di 1 milione di appassionati ogni anno finendo per essere un lavoro a tempo pieno dove ogni giorno impiego il mio tempo per cercare notizie o migliorare il sito.
ALTRI ARTICOLI

Lascia un commento

Scrivi qui il tuo commento
Aggiungi il tuo nome qui

ULTIMI ARTICOLI