Intervista a James Maher, maestro della Street Photography di New York

Intervista ad uno dei più grandi fotografi di New York specializzato in Street Photography, James Maher.

0
116
Intervista James Maher
Intervista James Maher

Sono riuscito ad intervistare James Maher, uno dei più grandi fotografi di New York, specialista della Street Photography. Per ovvi motivi inserisco prima la versione in inglese, di seguito troverete la versione in italiano dell’intervista.

Versione in inglese dell’intervista a James Maher

Today we talk to James Maher, a great New York photographer who has managed to express all his talent by telling the life of the Big Apple and all its nuances.

Welcome James, thank you for taking part in this interview! You are the author of one of the most beautiful photographic books in New York, I have to congratulate you on your work you do every day, but first you want to talk a little about yourself? Who is James Maher? Since 2002 you have been photographing the city of New York, how do you find new ideas day after day?

I really appreciate that Alessio! I’m a lifelong New Yorkers and I find my inspiration from telling stories within this city. The people here are what drive and inspire me but my aim is to create work that gives insight into what it feels like to be here and live here.

Sometimes these stories are not positive ones. I recently finished a project called Luxe City, which explores the changing nature of New York since 9/11. With wealthy people moving back here from all over the world over the last few decades, New York has been dealing with a loss of character, increasing luxurification, suburbanization, and gentrification. With that you see more issues of stress, loneliness, and loss of purpose when exploring and photographing the city. I find this to be a fascinating thing to photograph, but it is a sad story.

I find new ideas by walking and exploring and letting my work do the talking. I educate myself about New York, both on the current events happening and in the history of the city. I am a certified history and tour guide here as well and am fascinated by history.

To give you an example of how I find new ideas, I spent the last eight years on two black and white projects in mostly luxurified areas of Manhattan. Once those were finished, my new project switches things up completely, exploring deeper residential areas of Brooklyn, which are much quieter and quirkier than my Manhattan photography. I use a medium format camera and am shooting this project in color.

It’s a completely different experience, but my goal is to get lost and walk as much as possible and let the work guide me to a point of view over time.

2) I have recently been to NY and I was really amazed by the beauty of a “young” city. Apparently there is little historical is true, but the architectural beauty of the neighborhoods, the unique style of Soho or the romance of Greenwich Village would make any city in the world pale. I want to throw a spear at anyone who says there are only skyscrapers in NY, there is much, much more! What are your favorite subjects? As a true man from Manhattan, where should a photographer go to feel inspired?

You can of course find stories anywhere. The grand areas and architecture will allow you to find both iconic photographs but also unique and special ones as well. However, I love getting lost and just finding new places.

In Manhattan, the downtown areas inspire me the most, including the Lower East Side, the East Village, SoHo, and Chinatown. The mix of the people, the old and the new, and the quirky places are the best. I walk across the Manhattan Bridge as often as possible as well.

That being said, I think Brooklyn is just as interesting in a completely different way. It’s a large borough, but I think you can really go nearly anywhere to find unique and quirky images. I spend a lot of time photographing Downtown Brooklyn, Bushwick, Williamsburg, and Coney Island, which are the most popular areas of Brooklyn to visit, but I spend even more time exploring quieter neighborhoods, such as Sunset Park, Ditmas Park, you name it. Get off at a random subway stop and just explore.

3) Street photography expresses the emotions of a city’s culture, but it is not at all easy as a photographic niche. The fear of taking pictures of strangers is inside each of us in some way, can it be overcome?

New York is easier than most places because everyone is used to seeing people with cameras. I just make it look like I’m a tourist photographing the background and I feel like I can geta way with anything with a smaller camera. I haven’t had a single person stop me in about five or six years.

This being said, I now photograph in extremely quiet neighborhoods with a big medium-format camera, so I act a little bit more obvious with it. I feel that sometimes the more obvious you are, as long as you are being respectful and careful of the subject you photograph, you can photograph with a lot of freedom here. If you look legitimate, people will treat you that way. Photography is a special thing.

If anyone ever stops me, I flatter them and talk about what I am doing and they usually seem to understand. But they stop me so rarely.

4) Walking through the streets of NY I realized that the architectural verticalism of the city creates within us positivity and desire to do. I can imagine how you feel when you go around the streets and find something new every day, it’s like a continuous challenge with the most famous city in the world. Undress her but at the same time honor him from every corner. What other city in the world makes you excited like NY?

Regarding finding new subject matter, I find you can’t think so hard about it. You have to learn to love the walking and exploring, and if you do the moments will come. Sometimes you will have bad streaks but you need to be optimistic. The unique moments will come and even out over time.

You know the phrase, the grass is always greener on the other side? Well I am infactuated with street photography outside of cities. I find suburban street photography to be fascinating and wish I could have more time to do that type of work. I love the work of William Eggleston, Todd Hido, Alec Soth, Stephen Shore, etc. That is why I love to explore quieter areas of New York in addition to the chaotic areas.

5) In Italy, unfortunately, the role of the photographer is being lost a bit, now the niche that is surviving is only that of weddings. For the photos of magazines, documentaries or other poor materials are used and often self-produced by journalists with their smartphones, decreasing the importance of the photographer. Is it still an important role in America? Is it an easy job to work on?

It is certainly not an easy job, making a living here as a photographer, but it’s much much better than the alternative. It is both tougher and easier to make a living these days. The traditional ways of making a living have went down, but the internet has opened up new opportunities.

The work is here but you have to spend a lot of time marketing to geti t. That’s the part I hate, but at the same time it feels empowering to have control over your fate in photography. I make a living through a mix of photography workshops and tours, event and portrait photography, print selling and licensing, and writing. I don’t shoot weddings, but yes if you are good that is a great way to make money here.

6) What advice would you like to give to those who are recently approaching Street Photography?

There are three sides to becoming a good street photographer I believe, the shooting, the editing, and the researching. You have to go shoot on a regular basis, wherever you are. Go to quiet areas, boring areas, busy areas. Go to the same places over and over and over again. Just shoot as often as possible and the photography gods will reward you.

Try not to think too hard when you are shooting, but think hard when you are editing. Editing is where you see your progress and begin to organize your work. This is where a style, a sensibility, and projects and ideas are born. Editing can be a lot of fun so I highly suggest embracing it.

And make sure to educate yourself on the history of street photography. This will open your eyes to the possibilities of what you can create. I think its vital to educate your eyes as much as possible.

7) What is your photographic equipment?

I currently use the Fuji X100T and the Fuji GFX 50R. I use 50mm and 35mm prime lenses 100% of the time these days.

8) This is a common question of all my interviews, a little philosophical we say: James Maher how does he live his life, in color or in black and white?

Both. I try to adapt myself to the ever changing circumstances of my life and of the city. My sensibilities may remain constant, but my photographic practices alter depending on what I want to accomplish. And I like trying new things.

Thank you so much for participating and dedicating part of your time to me! See you next time!

I hope to see you soon!

To know more:

Web:  http://www.jamesmaherphotography.com
Facebook:  http://www.facebook.com/MaherPhotography
Instagram: https://www.instagram.com/jamesmaherphoto

Versione Italiana dell’intervista a James Maher

Oggi parliamo con James Maher, un grandioso fotografo di New York che è riuscito ad esprimere tutto il suo talento raccontando la vita della Grande Mela e di tutte le sue sfumature.

Benvenuto James, grazie per aver partecipato a quest’intervista! Sei l’autore di una dei libri fotografici più belli di New York, devo complimentarmi con te per il tuo lavoro che svolgi ogni giorno, ma prima ci vuoi parlare un po’ di te? Chi è James Maher? È dal 2002 che fotografi la città di New York, come fai a trovare giorno dopo giorno nuove idee?

Grazie a te Alessio! Sono un newyorkese che vive da una vita qui e trovo la mia ispirazione nel raccontare storie in questa città. Le persone qui sono tutto ciò che mi guida e mi ispira, ma il mio obiettivo è quello di creare un lavoro che dia un’idea di come ci si sente a stare qui e vivere qui.

A volte queste storie non sono positive. Di recente ho terminato un progetto chiamato Luxe City, che esplora la natura mutevole di New York dall’11 settembre. Con le persone benestanti che si sono trasferite qui da tutto il mondo negli ultimi decenni, New York ha avuto a che fare con una perdita di carattere, aumentando la lussificazione, la suburbanizzazione e la gentrificazione. Con ciò vedi più problemi di stress, solitudine e perdita di obiettivi quando esplori e fotografi la città. Trovo che sia una cosa affascinante da fotografare, ma è una storia triste.

Trovo nuove idee camminando, esplorando e lasciando che il mio lavoro mi parli. Mi educo su New York, sia sugli eventi in corso che sulla storia della città. Sono una storia certificata e guida turistica e sono affascinato dalla sua storia.

Per darvi un esempio di come trovo nuove idee, ho trascorso gli ultimi otto anni in due progetti in bianco e nero in aree prevalentemente lussureggianti di Manhattan. Una volta terminati, il mio nuovo progetto cambia completamente prospettiva, esplorando le aree residenziali più profonde di Brooklyn, che sono molto più silenziose e bizzarre delle mie fotografie di Manhattan. Uso una fotocamera di medio formato e sto realizzando questo progetto a colori.

È un’esperienza completamente diversa, ma il mio obiettivo è quello di perdersi e camminare il più possibile e lasciare che il lavoro mi guidi verso un punto di vista nel tempo.

2) Sono stato recentemente a NY e sono rimasto davvero sbalordito dalla bellezza di una città “giovane”. Apparentemente c’è poco di storico è vero, ma la bellezza architettonica dei quartieri, lo stile unico di Soho o il romanticismo di Greenwich Village farebbero impallidire qualsiasi città del mondo. Voglio scagliare una lancia contro chi dice che esistono solo grattacieli a NY, c’è molto ma molto di più! Quali sono i tuoi soggetti preferiti? Da vero uomo di Manhattan dove dovrebbe andare un fotografo per sentirsi ispirato?

Ovviamente puoi trovare storie ovunque. Le grandi aree e l’architettura ti permetteranno di trovare sia fotografie iconiche uniche e speciali. Tuttavia, adoro perdermi e trovare nuovi posti.

A Manhattan, le zone del centro mi ispirano di più, tra cui il Lower East Side, l’East Village, SoHo e Chinatown. Il mix di persone, il vecchio e il nuovo e i luoghi bizzarri sono i migliori. Attraverso il Manhattan Bridge il più spesso possibile.

Detto questo, penso che Brooklyn sia altrettanto interessante in un modo completamente diverso. È un grande quartiere, ma penso che tu possa andare quasi ovunque per trovare immagini uniche e bizzarre. Trascorro molto tempo a fotografare Downtown Brooklyn, Bushwick, Williamsburg e Coney Island, che sono le aree più popolari di Brooklyn da visitare, ma passo ancora più tempo a esplorare quartieri più tranquilli, come Sunset Park, Ditmas Park. Scendi a una fermata casuale della metropolitana ed esplora.

3) La fotografia di strada esprime le emozioni della cultura di una città, ma non è per nulla facile come nicchia fotografica. La paura di scattare foto agli estranei è dentro ognuno di noi in qualche modo, si può superare?

New York è più facile della maggior parte dei luoghi perché tutti sono abituati a vedere le persone con le telecamere. Mi sembra solo di essere un turista che fotografa il panorama e mi sento di riuscire a cavarmela con qualsiasi cosa con una fotocamera più piccola. Non ho avuto una sola persona che mi fermasse da circa cinque o sei anni.

Detto questo, ora fotografo in quartieri estremamente tranquilli con una grande fotocamera di medio formato, quindi mi comporto in modo un po ‘più sincero. Sento che a volte più sincero sei, fintanto che sei rispettoso e attento al soggetto che fotografi, puoi fotografare con molta libertà . Se sembri legittimo, le persone ti tratteranno in quel modo. La fotografia è una cosa speciale.

Se qualcuno mi fermerà mai, li lusingherò e parlerò di quello che sto facendo e di solito sembrano capire. Ma mi fermano così raramente.

4) Passeggiando per le strade di NY mi sono reso conto che il verticalismo architettonico della città instaura dentro di noi positività e voglia di fare. Posso immaginare cosa provi quando giri per le vie e trovi giorno dopo giorno sempre qualcosa di nuovo, è come una sfida continua con la città più famosa del mondo. Spogliarla ma allo stesso tempo rendergli onore di ogni angolo. Quale altra città al mondo ti fa emozionare come NY?

Per quanto riguarda la ricerca di nuovi argomenti, trovo che non ci si possa pensare così tanto. Devi imparare ad amare camminare e l’esplorazione, e se lo fai i momenti arriveranno. A volte avrai serie negative ma devi essere ottimista. I momenti unici arriveranno e si estenderanno nel tempo.

Conosci la frase, l’erba è sempre più verde dall’altra parte? Beh, sono influenzato dalla fotografia di strada al di fuori delle città. Trovo che la fotografia di strada suburbana sia affascinante e vorrei poter avere più tempo per fare quel tipo di lavoro. Adoro il lavoro di William Eggleston, Todd Hido, Alec Soth, Stephen Shore, ecc. Ecco perché amo esplorare le aree più tranquille di New York oltre alle aree caotiche

5) In Italia purtroppo si sta perdendo un po’ il ruolo del fotografo, ormai la nicchia che sta sopravvivendo è solo quella dei matrimoni. Per le foto delle riviste, documentari o altro vengono utilizzati materiali scadenti e spesso autoprodotti dai giornalisti con i propri smartphone facendo diminuire l’importanza del fotografo. In America è ancora un ruolo importante? Lavorativamente parlando è un mestiere facile?

Non è certamente un lavoro facile, guadagnarsi da vivere qui come fotografo, ma è molto meglio dell’alternativa. Oggigiorno è più duro e più facile guadagnarsi da vivere. I modi tradizionali di guadagnarsi da vivere sono diminuiti, ma Internet ha aperto nuove opportunità.

Il lavoro è qui, ma devi dedicare molto tempo al marketing per ottenerlo. Questa è la parte che odio, ma allo stesso tempo sembra avere il potere di avere il controllo del tuo destino nella fotografia. Mi guadagno da vivere attraverso un mix di workshop e tour fotografici, fotografia di eventi e ritratti, vendita di stampe, licenze e scrittura. Non fotografo matrimoni, ma sì, se sei bravo, è un ottimo modo per fare soldi.

6) Che consiglio ti senti di dare a chi si sta avvicinando da poco alla Street Photography?

Ci sono tre modi per diventare un buon fotografo di strada, credo, lo scatto, il montaggio e la ricerca. Devi andare a fotografare regolarmente, ovunque tu sia. Vai in zone tranquille, aree noiose, zone affollate. Vai negli stessi posti ancora e ancora e ancora. Fotografa il più spesso possibile e gli dei della fotografia ti ricompenseranno.

Cerca di non pensare troppo durante le riprese, ma di pensare intensamente durante le modifiche. La post-produzione è dove vedi i tuoi progressi e inizi a organizzare il tuo lavoro. È qui che nasce lo stile, una sensibilità, progetti e idee. La post-produzione può essere molto divertente, quindi consiglio vivamente di farla..

E assicurati di educare te stesso sulla storia della fotografia di strada. Questo ti aprirà gli occhi sulle possibilità di ciò che puoi creare. Penso che sia fondamentale educare i tuoi occhi il più possibile.

7) Qual è la tua attrezzatura fotografica?

Attualmente uso una Fuji X100T e Fuji GFX 50R. Attualmente uso obiettivi prime da 50 mm e 35 mm il 100% delle volte.

8) Questa è una domanda comune di tutte le mie interviste, un po’ filosofica diciamo: James Maher come vive la sua vita, a colori o in bianco e nero?

Tutti e due. Cerco di adattarmi alle mutevoli circostanze della mia vita e della città. Le mie sensibilità possono rimanere costanti, ma le mie pratiche fotografiche cambiano a seconda di ciò che voglio realizzare. E mi piace provare cose nuove.

Grazie mille per aver partecipato e avermi dedicato parte del tuo tempo! Alla prossima!
Speriamo di vederci presto!

Ho fondato Fotografia Moderna nell'estate del 2015 per dare una nuovo volto alla community di fotografi italiani. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raccogliere più di 1 Milione di visitatori nel 2019 e quasi 2 Milioni di utenti nel 2020. Cerco sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, mi diverto a fare recensioni di attrezzature fotografiche, lezioni e consigliare con le guide all'acquisto alle migliori alternative sul mercato.