Le 10 foto del Time che hanno fatto la storia

Lavoratori sul grattacielo
Lavoratori sul grattacielo

Le 10 foto del Time che hanno fatto la storia.

Sono centinaia di milioni le foto scattate ogni giorno, ma quali sono quelle che hanno fato la storia? La rivista TIME ha stipulato un elenco di 100 foto che hanno influito il mondo in cui viviamo.
Ecco le prime 10 foto che hanno segnato la storia secondo il TIME.

[mailmunch-form id=”247885″]

“Non c’è una formula magica per creare una foto che rimanga nella storia” hanno detto gli editori del TIME.
“Alcune immagini sono sulla nostra lista perché erano le prime nel loro genere, altri perché ci hanno fatto riflettere. Alcune hanno cambiato direttamente il nostro modo di vivere.”

Il risultato è stato una raccolta di 100 fotografie superbe che raccontano emozioni e storie umane incredibili.

 

#1 Il terrore della guerra, Nick Ut 1972

A volte i danni collaterali del fuoco amico non sono visti, questo non è stato il caso di Kim Phúc, bambino di 9 anni.
L’8 giugno del 1972, il fotografo Nick Ut era al di fuori di Trang Bang, circa 25 miglia a nord ovest di Saigon, quando l’aviazione sudvietnamita erroneamente fa cadere un carico di napalm sul villaggio.

Il fotografo vietnamita è riuscito a riprendere le immagini della carneficina, un gruppo di bambini e soldati insieme a una ragazza nuda che urlava e correva verso di lui.
Ut chiese, perché non si toglie i vestiti? Egli poi si rese conto che era stata colpita dal napalm.

Ho preso l’acqua e l’ho versata sul suo corpo. Lei urlava, ‘Troppo caldo! Troppo caldo! ‘ “Ut portò Kim Phuc in ospedale. La foto di UT dell’impatto ha sottolineato che la guerra stava facendo più male che bene.
La foto è diventata rapidamente una scorciatoia culturale per le atrocità della guerra del Vietnam.

Quando il presidente Richard Nixon si chiese se la foto era falsa, Ut ha commentato: “L’orrore della guerra del Vietnam registrato da me non doveva essere visto”.
Nel 1973 il comitato del Pulitzer ha accettato e assegnato il premio. Nello stesso anno, il coinvolgimento dell’America nella guerra finì.

Guerra in Vietnam
Guerra in Vietnam

#2 Il buddista che prende fuoco, Malcolm Browne 1963

Nel giugno 1963, la maggioranza degli americani non sapeva trovare il Vietnam su una mappa.

Browne era stato avvertito che qualcosa stava per accadere nel protestare contro il trattamento dei buddisti da parte del regime del presidente Ngo Dinh Diem. Una volta lì ha guardato come due monaci cosparsero l’uomo anziano seduto con la benzina.
Mi resi conto in quel momento esattamente quello che stava accadendo, e ho cominciato a fotografare ad alcuni secondi di distanza“.

La sua foto vincitrice del premio Pulitzer, del monaco seduto apparentemente sereno, in realtà egli è avvolto dalle fiamme. Questa foto è diventata la prima immagine iconica ad emergere da un pantano che sarebbe presto tirato in America.

L’atto di martirio di Quang Duc è diventato un segno della volatilità della sua nazione, e il presidente Kennedy poi ha commentato: “Nessuna immagine nella storia ha generato tanta emozione in tutto il mondo come quella.

La foto di Browne ha costretto le persone a mettere in discussione l’associazione degli Stati Uniti con il governo di Diem, e ben presto ha portato la decisione dell’amministrazione di non interferire con un colpo di stato.

Buddista che si da fuoco, Malcolm Browne
Buddista che si da fuoco, Malcolm Browne

#3 Bambino africano e l’avvoltoio, Kevin Carter, 1993

Kevin Carter conosceva l’odore della morte. In qualità di membro del Bang-Bang Club, un quartetto di fotografi coraggiosi dell’era dell’apartheid in Sudafrica, aveva visto più di quello che voleva vedere.

Nel 1993 è volato in Sudan per fotografare la carestia in quella terra. Esausto dopo una giornata di foto nel villaggio di Ayod, si è diretto verso la boscaglia aperta. Ha sentito piagnucolare e si è imbattuto in un bambino emaciato che era crollato sulla strada verso un centro nutrizionale.

Mentre fotografa il bambino, un avvoltoio grassoccio è atterrato nelle sue vicinanze. A Carter era stato consigliato di non toccare le vittime a causa della loro malattia, così invece di aiutare, ha trascorso 20 minuti in attesa, nella speranza che l’uccello fosse volato via.

Carter ha spaventato la creatura a distanza e guardò il bambino che continuava ad andare verso il centro. Poi accese una sigaretta, ha parlato a Dio e pianse. Il New York Times ha pubblicato la foto, e i lettori erano cosi ansiosi di scoprire cosa è successo al bambino e hanno criticato Carter per non aver aiutato il bambino.

La sua immagine è diventato rapidamente uno studio nel dibattito su quando i fotografi dovrebbero intervenire. La ricerca successiva sembrava rivelare che il bambino era sopravvissuto, morto poi 14 anni dopo a causa della febbre malarica. Carter ha vinto un Pulitzer per la sua immagine, ma l’oscurità di quel giorno non l’ha mai dimenticata.

Nel luglio 1994 scrive: “Sono ossessionato dai ricordi vividi di omicidi e cadaveri dalla rabbia e dal dolore.”

Kevin Carter, Bambino e avvoltoio
Kevin Carter, Bambino e avvoltoio

#4 Lavoratori in pausa pranzo su grattacielo, 1932

È la pausa pranzo più pericolosa mai fotografata: 11 uomini mangiano e chiacchierano tranquillamente su un grattacielo di Manhattan a 840 piedi di altezza. Gli uomini sono tra i lavoratori edili che hanno contribuito a costruire il Rockefeller Center.

Ma la foto, scattata al piano 69 della punta RCA costruzione (oggi GE Building), è stato messo in scena come parte di una campagna promozionale per il massiccio grattacielo. Mentre il fotografo e l’identità della maggior parte dei soggetti rimangono un mistero i fotografi Charles C. Ebbets, Thomas Kelley e William Leftwich erano presenti quel giorno.

Il pranzo in cima a un grattacielo è venuto a simboleggiare la resilienza e l’ambizione americana in un momento in cui entrambi erano disperatamente bisogno. Da allora è diventato un emblema iconico della città in cui è stata scattata, affermando la convinzione romantica che New York è un posto che non ha paura di affrontare i progetti.

E come tutti i simboli in una città costruita su caos e grattacieli ha generato la propria economia. E ‘l’immagine più riprodotta della agenzia fotografica Corbis.

Lavoratori sul grattacielo
Lavoratori sul grattacielo

#5 Uomo sconosciuto in rivolta contro i carrarmati, Jeff Widener 1989

La mattina del 5 Giugno 1989, il fotografo Jeff Widener era appollaiato su un balcone al sesto piano del Beijing Hotel. E ‘stata scattata un giorno dopo il massacro di piazza Tiananmen, quando le truppe cinesi hanno attaccato i manifestanti pro-democrazia accampati sulla piazza, e l’Associated Press ha inviato Widener per documentare le conseguenze.

Ha fotografato vittime sanguinanti, passanti in biciclette e l’autobus bruciato, una colonna di carri armati ha cominciato a rotare fuori della piazza. Widener riprende con il suo obiettivo un uomo che porta le borse della spesa davanti alle macchine da guerra, agitando le braccia e rifiutando di muoversi.

I carri armati hanno cercato di superare l’uomo, ma ha fatto un passo indietro nel loro percorso, salendo in cima ad uno.
Widener ha capito che l’uomo sarebbe stato ucciso, ma i carri armati non hanno fatto fuoco. Alla fine l’uomo era svanito nel nulla, ma non prima che Widener aveva immortalato il suo singolare atto di resistenza.

Altri hanno catturato la scena, ma l’immagine di Widener è apparsa sulle prime pagine di tutto il mondo. Decenni dopo l’uomo divenne un eroe globale, rimane ancora non identificato. L’anonimato rende la fotografia ancora più universale, un simbolo della resistenza ai regimi ingiusti.

Uomo sconosciuto in rivolta contro i carrarmati
Uomo sconosciuto in rivolta contro i carrarmati

#6 Uomo che cade dalle torri gemelle, Richard Drew 2001

Le immagini più viste nel 9/11 sono aerei e torri, non le persone. L’uomo che cade è diverso. La foto, scattata da Richard Drew nei momenti dopo l’11 Settembre 2001, è la fuga di un uomo dagli edifici che crollano, simbolo di individualità sullo sfondo di grattacieli senza volto.

In un giorno della tragedia di massa, L’uomo che cade è vista come qualcuno che muore. La foto è stata pubblicata sui giornali degli Stati Uniti nei giorni dopo gli attacchi. L’identità dell’uomo è ancora sconosciuta, ma si crede che fosse stato un dipendente presso il ristorante Windows on the World, in cima alla torre nord.

Uomo che cade dalle torri gemelle
Uomo che cade dalle torri gemelle

# 7 Alan Kurdi, Nilüfer Demir 2015

La guerra in Siria è in corso da più di quattro anni, quando i genitori di Alan Kurdi di 3 anni con il suo fratello più grande partono dalla costa turca per l’isola greca di Kos , a soli tre miglia di distanza.

In pochi minuti un’onda capovolge la nave, la madre e i due figli annegano. Sulla riva vicino alla città costiera di Bodrum poche ore più tardi, Nilufer Demir del Dogan News Agency, ha trovato Alan, il viso rivolto da un lato e in basso come se fosse addormentato.

“Non c’era niente da fare per lui. Non c’era più nulla per riportarlo in vita, “ha detto. Così Demir ha sollevato la sua macchina fotografica. “Ho pensato, questo è l’unico modo in cui posso esprimere l’urlo del suo corpo in silenzio.”

L’immagine risultante è diventata la fotografia che definisce una guerra continua che nel momento in cui Demir premette l’otturatore, aveva già ucciso circa 220.000 persone. L’immagine di Demir si moltiplico sui social media in poche ore, accumulando potenza con ogni azione.

Il piccolo Alan. Fotografia di Kurdi
Il piccolo Alan. Fotografia di Kurdi

#8 Fungo nucleare su Nagasaki, il tenente Charles Levy 1945

Tre giorni dopo una bomba atomica soprannominata Little Boy ha cancellato Hiroshima, in Giappone. L’esplosione ha creato una colonna di fumo alta 45.000 piedi formata di polvere radioattiva e detriti. “Abbiamo visto questo grande fungo salire, verso il cielo,” ha ricordato il tenente Charles Levy, la bomba è stata un arma dalla forza di 20 kilotoni. “E ‘stato viola, rosso, bianco, tutti i colori, qualcosa come il caffè bollente. Sembrava vivo. »L’ufficiale allora ha sparato 16 fotografie. Sei giorni dopo, due bombe hanno costretto l’imperatore Hirohito ad annunciare la resa incondizionata del Giappone nella seconda guerra mondiale. L’effetto per l’opinione pubblica americana è stata a favore della bomba nucleare, portando la nazione degli USA a celebrare l’era atomica e dimostrando, ancora una volta, che la storia è scritta dai vincitori.

Fungo Nucleare a Nagasaki
Fungo Nucleare a Nagasaki

# 9 La Terra, William Anders, NASA 1968

Era il 24 dicembre del 1968, esattamente 75 ore, 48 minuti e 41 secondi dopo che la navicella spaziale Apollo 8 è decollato da Cape Canaveral in rotta per diventare la prima missione con equipaggio ad orbitare intorno alla Luna. Gli astronauti Frank Borman, Jim Lovell e Anders Bill entrarono in orbita lunare, alla vigilia di Natale di quello che era stato un anno sanguinante, devastato dalla guerra per l’America. All’inizio della quarta delle 10 orbite, la sonda si affaccia verso la terra. “Dio mio! Guardate lì! Ecco la Terra,Wow! »Esclamò Anders. Ha scattato una foto in bianco e nero.

La terra vista dalla nasa
La terra vista dalla nasa

10 Struttura antincendio collassata, Stanley Forman 1975

Stanley Forman stava lavorando per il Boston Herald il 22 luglio 1975, quando ha ricevuto una telefonata di un incendio su Marlborough Street. Ha corso in tempo per riuscire a vedere una donna e bambino su una scala antincendio del quinto piano. Un vigile del fuoco era partito per aiutarli. “Improvvisamente la scala antincendio è crollata“, “Stavo scattando quando stavano cadendo poi mi sono girato di spalle, non volevo vederli cadere al suolo. “Bryant è morto per la caduta, il suo corpo ha ammortizzato il colpo della figlia che è riuscita a soppravvivere. La foto ha fatto guadagnare a Forman il premio Pulitzer e ha portato i comuni in tutto il paese ad emanare severe leggi antincendio per la sicurezza.

Scala antincendio in caduta
Scala antincendio in caduta

L’articolo è stato tradotto dalla classifica ufficiale del TIME