Messa a fuoco differenziale, usarla al meglio

messa a fuoco

Per una buona messa a fuoco differenziale, e ottenere una buona prodondità di campo, più l’apertura massima disponibile è ampia, più lo sfondo apparira meno definito.

Per una buona messa a fuoco differenziale, mentre si scatta, bisogna avvicinarsi con lo zoom al soggetto e assicurarsi che ci sia una discreta distanza tra questo e il suo sfondo.
Su uno zoom standard si parla di valori attoro a f3.5, sebbene ci siano obiettivi “più veloci” con aperture massime di f2.8, f1.8 e cosi via.

IMPOSTARE LA FOTOCAMERA

Imposta la fotocamera alla priorità diaframma, quindi seleziona il valore di f/stop minimo consentito dal tuo obiettivo, cosi da avere la profondità di campo più bassa possibile.
Per un ottima profondità di campo ti consiglio un grandangolare, in modo da far risultare la sfocatura più evidente con uno zoom in avvicinamento.

INQUADRA E METTI A FUOCO

Imposta il punto di messa a fuoco sulla parte della scena che dovrà apparire nitida (di solito sono gli occhi o i vari dettagli della composizione) e premi a metà il pulsante di scatto per bloccare la messa a fuoco.
Non ti muovere!
Reimposta la tua composizione senza lasciare il pulsante di scatto, in modo da ottenere una composizione bilanciata.

MESSA A FUOCO DIFFENZIALE MIGLIORE

Per ridurre al minimo il movimento tra il momento del blocco della messa a fuoco e la nuova inquadratura, sposta il punto di messa a fuoco attivo nel mirino in modo da coprire il punto desiderato (questa operazione si ottiene con il pad nel retro della fotocamera)
Per una buona sfocatura, crea uno zoom in avvicinamento per controllare meglio che i dettagli che desideri siano nitidi e ben contrastati.

CORREGGI IL FUOCO

Se il soggetto è un po’ sfocato, l’errore lo hai commesso nel muoverti nel creare la composizione dopo la messa a fuoco.
Riprova a mettere a fuoco senza muoverti questa volta, se la foto risulta ancora non sufficientemente sfocata, prova con l’aiuto di un treppiede o aumentando il valore degli ISO 

RIPASSA LA LUNGHEZZA FOCALE

Commenta questo articolo

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui