Modalità di scatto della fotocamera

Modalità di scatto della fotocamera
Modalità di scatto della fotocamera

Quando si acquista una fotocamera digitale, tra le sue impostazioni ci saranno delle modalità di scatto automatiche. In sostanza si tratta di impostazioni pre-programmate per consentire la scelta del tempo di posa e dell’apertura del diaframma migliore a seconda della situazione che si sta per scattare.

Sono impostazioni di scatto molto utili per chi inizia a fotografare perché si trovano subito i parametri ottimali per riuscire a scattare anche nelle condizioni più difficili e familiarizzare subito con la fotocamera. Le modalità di scatto tra Nikon, Canon, Sony, Fuji etc sono quasi molto simili, cambia di solito solamente la lettera identificativa. In questo articolo vediamo quali sono i più comuni.

Modalità di scatto automatica

Questa è in assoluta la modalità principale che un fotografo amatoriale inizia ad utilizzare. L‘impostazione automatica sceglie in modo veloce ed automatico le impostazioni di tempi di posa, diaframma, ISO e se utilizzare il flash durante la fase di scatto. In questo caso l’unica cosa da fare sarà fermarsi, puntare e scattare.
È la prima modalità che si utilizza ed è l’ideale per chi vuole scattare una foto velocemente, di solito di giorno la modalità è sufficiente a far venir fuori belle fotografie, in condizioni di scarsa luce dipende dal tipo di fotocamera.

Modalità ritratto

Questa modalità di solito è identificata con il simbolo di un primo piano, di un volto precisamente sulla ghiera di scatto. Se scegli questa modalità verrà messo a fuoco il primo piano utilizzando una profondità di scatto ridotta in modo da tenere lo sfondo sfuocato.
Quando ci sono situazioni di scarsa luminosità il flash verrà utilizzato come riempimento.
L’utilizzo del flash fill-in è consigliato in condizioni soleggiate quando la luce è ben diretta sul soggetto e forma ombre dure. Il flash in questo caso nella modalità ritratto servirà per ammorbidirla un po’.

Modalità Macro

Questa modalità è utilizzata appunto per le fotografie di stile “macro” ovvero soggetti minuscoli. Vi ricordiamo che non basta selezionare questa modalità per riuscire a scattare foto macro decenti, bisognerà acquistare un obiettivo macro.
La funzione in condizioni di luce buone utilizzerà una profondità di campo ridotta per mettere a fuoco il soggetto in primo piano e sfocare lo sfondo, ma se la luce non è buona riuscire a scattare foto ottime sarà molto difficile. Bisogna sicuramente aiutarsi con un cavalletto perché si dovranno rallentare i tempi di posa e di conseguenza sarà necessaria la massima stabilità

Modalità panoramica

Questa modalità di scatto è abbastanza semplice da intuire, la modalità panoramica utilizza un numero f molto alto in modo da dare un a buona profondità di campo e rappresentare bene la distanza con il soggetto in primo piano.
Il flash viene utilizzato solamente nelle situazioni di scarsa luminosità ma si può disattivare tranquillamente manualmente.

Modalità sportiva

Questa modalità è disegnata con un omino che fa sport, di solito con un calciatore stilizzato. Questa modalità di scatto gioca sulla velocità dell’otturatore, poiché le attività sportive sono molto veloci e frenetiche verranno utilizzate velocità che salgono dai 1/500 in sù. Il tempo di posa elevato serve per bloccare il movimento, congelare la scena. Questa modalità di solito è utilizzata con gli scatti in sequenza in modo da catturare l’azione nella sua totalità.

Modalità Ritratto Notturno

Molto facile da intuire, questa modalità serve nelle condizioni di scarsa luminosità, ovvero la notte. La fotocamera cercherà di bilanciare l’oscurità dello sfondo in modo da mettere il soggetto in primo piano abbastanza illuminato. Il diaframma diventerà abbastanza ampio in modo da riuscire a catturare una luce sufficiente per catturare lo sfondo e mettere il soggetto in primo piano a fuoco.
L’utilizzo del flash in questi casi è quasi sempre necessario, in modo da evitare di tenere il soggetto in primo piano sottoesposto. Per risolvere questo problema alcune fotocamere in modalità ritratto notturno addirittura hanno un doppio flash in modo da creare una doppia esposizione.

Modalità Avanzate della fotocamera

Queste sono le modalità dove il fotografo decide lui stesso i parametri da utilizzare:
  • Modalità Manuale: Consente al fotografo di cambiare ogni singola impostazione
  • Priorità Diaframma: Consente al fotografo di impostare il valore dell’apertura dell’otturatore
  • Priorità di tempi: Consente di scegliere al fotografo la velocità dell’otturatore (proprio come nel caso degli eventi sportivi)
  • Program: È simile alla modalità automatica, le impostazioni dell’otturatore e del diaframma sono determinate dalla fotocamera, ma il fotografo può regolare le funzioni di ripresa e di registrazione delle immagini.

Quale modalità di scatto utilizzare?

A questa domanda potete rispondere solamente voi stessi e dipende sopratutto dal livello tecnico a cui siete arrivati. Le diverse modalità servono per agevolare gli scatti e fotografare molto più velocemente, ma è pur vero che le impostazioni manuali riescono a dare una maggiore creatività al fotografo perché potrà decidere le varie sfumature da dare alla fotografia.
Se siete agli inizi potete utilizzare la modalità automatica, per cambiare piano piano sulle modalità di scena di scatto, per poi finire sul manuale una volta compresa la differenza delle impostazioni.
Approposito, se siete alla ricerca di una fotocamera per iniziare a fotografare vi consigliamo di comprare un modello recente.

Se già invece avete una leggera pratica con le fotocamere vi consigliamo di utilizzare sin da subito la modalità manuale per riuscire a migliorare gradualmente la vostra tecnica.

E voi che modalità di scatto utilizzate? Ancora in automatico o siete già passati in manuale? Lasciateci la vostra opinione nei commenti o se hai qualche domanda in particolare postala sul nostro gruppo privato di Facebook.