Quando usare il monopiede o il treppiede

E' meglio utilizzare un treppiede o un monopiede? In questo articolo vediamo tutte le differenze.

0
47
Differenze tra monopiede e treppiede

Aggiungere un supporto alla tua macchina fotografica per migliorare la sua stabilità e riuscire a scattare foto a velocità molto basse è uno dei primi obiettivi di un fotografo. Si riescono ad usare obiettivi più lunghi senza sforzare sul collo o sulla schiena. Si può scattare a distanza una fotografia e tanto altro. I due supporti principali per i fotografi sono il treppiede e il monopiede, ma quali sono le differenze? E’ uguale per un fotografo utilizzare l’uno o l’altro? Lo vediamo meglio in questo articolo.

Logicamente voglio precisare che utilizzare sia l’uno che l’altro supporto è sempre un valore aggiunto alle tue fotografie e le differenze sostanziali stanno nella comodità di utilizzo. Uno è più stabile ma più difficile da spostare, l’altro è più versatile ma meno stabile.

Come avrai capito, la scelta della tua attrezzatura fotografica dipende molto dal tipo di lavoro fotografico che andrai a fare. Facciamo un piccolo confronto.

Confronto tra monopiede e treppiede

Sono tutte e due accessori progettati per supportare una fotocamera, di qualsiasi tipo, dalle reflex alle mirrorless. La differenza principale sta nella quantità di gambe. Il treppiede ovviamente ne ha 3 e il monopiede è un supporto che ha una gamba sola.

Gran parte del resto della struttura è uguale, sono entrambi regolabili in altezza ed hanno piastre a sgancio rapido per rimuovere velocemente la fotocamera. Di solito le case produttrici che fanno monopiedi fanno anche treppiedi.

Ma il numero delle gambe non è da sottovalutare perché come specificato prima comporta a diversi benefici e svantaggi.

Perché utilizzare un treppiede

Avendo 3 gambe, i treppiedi sono molto più stabili. Si possono utilizzare per scattare esposizioni più lunghe di un monopiede. Si ridurranno le vibrazioni provocate da vento o movimenti improvvisi. La maniera migliore per evitare il micromosso. Ti permette di allontanarti dalla fotocamera per fare qualsiasi cosa. Cosa che con un monopiede non puoi assolutamente fare.

A che servirebbe?

Prova a pensare semplicemente ai selfie o agli autoscatti. Le foto agli animali selvatici oppure scattare più foto contemporaneamente anche quando sei da solo da diverse posizioni.

Il treppiede serve proprio per mantenere la fotocamera fissa nella posizione in cui l’hai messa. Utile anche quando si scattano macro fotografie o quando devi immortalare dei panorami.

Di solito sono l’opzione più popolare tra i fotografi e sicuramente sul mercato ci sono molti più modelli a disposizione dei monopiedi.

Per riassumere:

  • Pro: Più stabilità
  • Contro: Peso maggiore

Se ne stai cercando uno, qui ho elencato tutti i migliori cavalletti fotografici sul mercato.

Perché utilizzare un monopiede

Allora perché i fotografi dovrebbero utilizzare un monopiede? Bhe, come hai letto dai svantaggi del precedente le dimensioni ridotte ed il peso minore sono sicuramente i vantaggi principali di utilizzare un supporto ad una gamba sola.

Occupano meno spazio sul pavimento, se stai fotografando in un luogo affollato non avrai bisogno di molto spazio e puoi scattare praticamente ovunque. Se non sai come funzionano ti consiglio di leggere questo articolo su come si usa un monopiede.

Sono molto più versatili, pensa solo a dover fotografare ad una partita di calcio che ti devi spostare continuamente da un lato all’altro del campo. Con un treppiede ti sposterai molto raramente, con un monopiede puoi muoverti molto più velocemente.

  • Pro: Molto più leggero e versatile
  • Contro: Minor stabilità

Meglio il treppiede o il monopiede?

Ma quindi alla fine qual è meglio? Sicuramente tutte e due sono utili per toglierti il peso dal collo, offrono un livello di resistenza alle vibrazioni maggiore della mano libera.

Il treppiede è più stabile, ma tende ad essere molto ingombrante e ti può rallentare i movimenti. Al contrario, il monopiede non è così stabile ma è molto più versatile.

Ma quindi? Quale scegliere?

Devi capire qual è la situazione che ti si pone davanti per arrivare alla scelta migliore.

  • Se devi essere mobile e veloce nei spostamenti devi scegliere il monopiede
  • Se invece devi scattare lunghe esposizioni (per esempio sfocare l’acqua di una cascata) la scelta del treppiede è migliore.

Ma potresti anche aver bisogno di entrambi, ed invece che acquistarne tutte e due, alcuni treppiedi sono due in uno! Si convertono facilmente da un sistema all’altro.

Di solito esistono due modelli: il primo converte il palo centrale del treppiede in un monopiede, altri tipi invece funzionano rimuovendo una gamba e collegandola alla colonna centrale. Di solito questi ultimi modelli hanno delle limitazioni maggiori, ma hanno anche dei blocchi più stabili.

Puoi anche acquistarne entrambi per impiegare meno tempo nella conversione, ma sicuramente è un’opzione meno economica e sopratutto più faticosa.

I treppiedi sono ideali per la fotografia a lunga esposizione e le foto macro. I monopiedi sono ottimi per stabilizzare obiettivi lunghi mentre si è in movimento per la fotografia sportiva e naturalistica.

Fotografia Moderna, fondata nell'estate del 2015 è riuscita a dare un nuovo volto alla community fotografica italiana. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raccogliere più di 1 Milione di visitatori nel 2018 e quasi 2 Milioni di utenti nel 2019. Cercheremo di superare ogni record in questo 2020! Cerchiamo sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, ci divertiamo a fare recensioni di attrezzature fotografiche, lezioni e consigliare con le nostre guide all'acquisto alle migliori alternative sul mercato.