HomeNews FotografiaCosa sappiamo fin'ora della OM System OM-5?

Cosa sappiamo fin’ora della OM System OM-5?

L’OM System OM-5 è una fotocamera mirrorless di fascia media rinnovata dell’azienda precedentemente nota come divisione imaging di Olympus. Sebbene non sia un enorme aggiornamento rispetto alla precedente Olympus OM-D E-M5 Mark III, ho pensato che valesse la pena dare un’occhiata alle sue specifiche.

Che cos’è il sistema OM OM-5?

Il principale cambiamento ovviamente che presenta l’OM-5 è il suo marchio, quindi vale la pena parlare di dove si trova nella formazione del sistema OM.

Negli anni precedenti, Olympus aveva i suoi modelli a forma di DSLR etichettati come OM-D E-MX, dove X è un numero diverso per il livello della fotocamera. Questo si è sviluppato in tre livelli, con E-M1 che rappresenta il top della linea, E-M5 che rappresenta il centro e E-M10 per i principianti. Più basso è il numero, migliore è la qualità costruttiva ottenuta, più funzionalità sono state incluse e più robusto è il corpo.

Olympus ha dato una svolta alle cose con la fotocamera specializzata per sport e fauna selvatica OM-D E-M1X, che era una riprogettazione completa del tipo E-M1 standard.

Sono sicuro che le nuove fotocamere del sistema OM avranno nomi più semplici in futuro e meno trattini per semplificare le cose. Allo stato attuale, l’OM-1 è la fotocamera di punta, l’OM-5 è il figlio di mezzo e posso solo presumere che ci sarà un OM-10 tra qualche anno.

Cosa cambia nella nuova OM-5?

om-5

L’OM-5 potrebbe sembrare identica all’OM-D E-M5 Mark III, ma non è proprio così.

Un chip TruePix IX più veloce ti consente di scattare scatti ad alta risoluzione a mano libera da 50 MP, aggiunge il facilissimo aiuto per l’astrofotografia Starry Sky AF e raggruppa anche la modalità di simulazione del filtro a densità neutra LiveND. Anche la stabilizzazione ottiene un piccolo incremento, fino a 7,5 stop con Sync IS e un obiettivo compatibile.

Un aspetto sottovalutato dell’OM-5 è che mette molte funzionalità in un piccolo corpo macchina. Mentre una promessa propagandata di mirrorless era costituita da fotocamere più piccole, molto di ciò non è avvenuto e le aziende hanno gravitato verso corpi a forma di DSLR come la Panasonic Lumix G9. 

L’OM-5 è resistente alle intemperie, relativamente leggera e ora classificata IP53.

La E-M5 Mark III ha avuto la reputazione di essere “plasticosa“, che è stata rafforzata solo quando un certo numero di fotocamere ha subito danni agli attacchi del treppiede durante l’uso. Sì, la piastra inferiore è ancora in plastica sull’OM-5, ma OMDS afferma che è stata rafforzata.

Il team di progettazione di Tokyo di OM Digital Solutions conferma che la fotocamera contiene una miscela di materiali molto simile alla E-M5 Mark III, ovvero un mix di parti in policarbonato e alluminio.

Lo svantaggio dell’OM-5 di dimensioni ridotte è che non è esattamente adatta a molti obiettivi Olympus e OM System. Sebbene sia ottimo per gli obiettivi compatti Zuiko come il 12-45 mm F4 Pro e il 40-150 F4 Pro, ci sono molti altri obiettivi che sono scarsamente bilanciati su questo corpo macchina.

Se vuoi scattare con obiettivi più grandi, potresti prendere in considerazione l’idea di investire nell’impugnatura ECG-5 compatibile.

Cosa cambia a livello di software?

OMDS ha deciso di attenersi al vecchio e confuso stile di menu con l’OM-5 invece di aggiornare la skin per essere intuitiva come i menu dell’ammiraglia OM-1 che sono davvero difficili da decifrare.

Il fatto è che questi vecchi menu, indipendentemente dal fatto che siano stati rifatti in un moderno aspetto monocromatico, avessero una codifica a colori o anche con l’aggiunta di MyMenu non sono mai stati buoni in realtà. 

Le fotocamere Olympus low-key sono migliorate nei video alcuni anni fa, qualcosa su cui l’OM-5 sembra basarsi. Con il suo limite di registrazione di 30 minuti aumentato, oltre al suo sistema di stabilizzazione migliorato, l’OM-5 potrebbe essere una valida pretendente per i vlogger. L’aggiunta del supporto video verticale potrebbe velocizzare i post sui social network che preferiscono anche quell’orientamento.

L’OM-5 potrebbe anche essere utile per lo streaming, grazie al supporto della webcam UVC/UAC. In breve, questo ti consente di utilizzare la fotocamera come webcam plug-and-play con quasi tutti i computer abilitati USB. Nessun software desktop traballante richiesto, nessun hack di acquisizione HDMI, basta collegare un cavo microUSB, selezionare la modalità webcam della fotocamera e il gioco è fatto, diventa una webcam!

Conclusione

In conclusione, sebbene il sistema OM OM-5 potrebbe non essere la nuova fotocamera più eccitante in uscita, non è da sottovalutare. È bello avere questo tipo di opzione in stile retrò più piccola, con molte funzionalità e che mantiene e promuove la dedizione di OM System alla protezione dagli agenti atmosferici.

Gli aggiornamenti dal suo predecessore senza aggiungere peso o dimensioni includono:

  • Processore più veloce
  • Starry Sky AF, LiveND e scatto a mano ad alta risoluzione
  • Tenuta agli agenti atmosferici con grado di protezione IP53
  • Migliorata la stabilizzazione dell’immagine
  • Piastra inferiore rinforzata/attacco per treppiede
  • Supporto nativo per webcam UVC/UAC
  • Riprese video con orientamento verticale
  • Registrazione video senza limiti

È chiaro che questi aggiornamenti minori non faranno sì che i possessori di Olympus OM-D E-M5 Mark III corrano al loro negozio di fotocamere locale per acquistarla come aggiornamento. Ma come fotocamera per i nuovi fotografi che cercano qualcosa di piccolo che possa fare tutto, il sistema OM OM-5 ha molto da offrire.

Altri articoli:

Alessio Fabrizi
Alessio Fabrizi
Alessio, fondatore di Fotografia Moderna dal lontano 2015 con l'obiettivo di creare una community unita di fotografi italiani. Cerco sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, mi diverto a fare recensioni di attrezzature fotografiche e consigliare con guide all'acquisto le migliori alternative sul mercato. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raggiungere più di 1 milione di appassionati ogni anno finendo per essere un lavoro a tempo pieno dove ogni giorno impiego il mio tempo per cercare notizie o migliorare il sito.
ALTRI ARTICOLI

ULTIMI ARTICOLI

LE MIGLIORI OFFERTE DEL GIORNO