Ralph Gibson: Il mistero e l’erotismo

ralph-gibson

Ralph Gibson è un fotografo d’arte degli stati uniti noto perché le sue immagini spesso incorporano frammenti con sfumature erotiche e misteriose, costruendo un significato narrativo attraverso la contestualizzazione e la giustapposizione surreale creando un qualcosa di incredibile. Ralph Gibson ha studiato fotografia mentre era nella Marina degli Stati Uniti e poi al San Francisco Art Institute

I suoi albori professionali iniziano come assistente di Dorothea Lange e ha continuato a lavorare con Robert Frank in due film. Gibson ha mantenuto un fascino per tutta la vita per i libri e la creazione di libri.

Dall’apparizione nel 1970 di The Somnambulist, il suo lavoro è stato costantemente spinto verso la pagina stampata. Ad oggi ha prodotto oltre 40 monografie, i suoi progetti più attuali sono State of the Axe pubblicato dalla Yale University Press nell’autunno del 2008 e Nude di Taschen (2009). Le sue fotografie sono incluse in oltre centocinquanta collezioni museali in tutto il mondo e sono apparse in centinaia di mostre. Gibson ha ricevuto borse di studio dal National Endowment for the Arts (1973, 1975, 1986), un Deutscher Akademischer Austauschdienst (DAAD) Exchange, Berlin (1977), una borsa di studio del New York State Council of the Arts (CAPS) (1977) e la John Simon Guggenheim Memorial Foundation (1985). 

Intensificando il contrasto ed enfatizzando la grana del film nelle sue stampe, Gibson si concentra sui minimi dettagli: il bordo di un tavolino da caffè, l’arco di un fianco, il luccichio di una forchetta. Le opere di Gibson sono sia formalmente vigorose che eternamente evocative.

Le sue fotografie sono nelle principali collezioni private e pubbliche di tutto il mondo, tra cui il Metropolitan Museum of Art , il Museum of Modern Art e la Bibliothèque Nationale de France.

Successi

Il suo libro Syntax ha ricevuto una menzione per il Rencontres d’Arles Book Award nel 1983. È stato decorato come Officier de L’Ordre des Arts et des Lettres (1986) e nominato Commandeur de L’Ordre des Arts et des Lettres (2005 ) dal governo francese. I suoi premi includono: Leica Medal of Excellence Award (1988), “150 Years of Photography” Award, Photographic Society of Japan (1989), una Grande Medaille de la Ville d’Arles (1994) e il Lucie Award alla carriera (2008 ). Gibson ha anche ricevuto un dottorato onorario in Belle Arti dall’Università del Maryland (1991) e un secondo dottorato onorario dalla Ohio Wesleyan University (1998). Ha lavorato esclusivamente con Leica per quasi 50 anni. Gibson attualmente vive a New York e viaggia spesso in Europa e in Brasile.

Libri di Ralph Gibson

In offerta
Self-exposure: An Unauthorized Autobiography
Self-exposure: An Unauthorized Autobiography
Gibson, Ralph (Autore)
42,00 EUR −7% 38,91 EUR
In offerta
Ralph Gibson. Tropismo. Antologia fotografica
Ralph Gibson. Tropismo. Antologia fotografica
Aa.Vv. (Autore)
46,00 EUR −9% 42,00 EUR
State of the Axe: Guitar Masters in Photographs and Words
State of the Axe: Guitar Masters in Photographs and Words
Used Book in Good Condition; Gibson, Ralph (Autore)
26,49 EUR

Frasi celebri di Ralph Gibson

Mi interessa produrre forme troncate in proporzione alla cornice e alla composizione, forme preferibilmente luminose. Non mi interessa la figura intera. Voglio forme astratte.

Abbraccio l’astratto nella fotografia ed esisto su pochi frammenti di ordine estratti dal caos della realtà.

Vedi, non mi interessa la mediocrità in fotografia. Non mi interessa vendere merda di gatto ai cani. Voglio solo fare le mie cose. Se alla gente piace il mio lavoro, tanto meglio. Se non lo fanno, peccato.

Comunicare richiede che anche chi vede l’opera capisca. Fortunatamente, le persone rispondono allo stimolo visivo su più di un livello. L’astrazione, ad esempio, ha sempre giocato un ruolo importante nell’espressione artistica e sta diventando sempre più accettata nelle fotografie. Non c’è niente di nuovo nell’astrazione nella pittura, ma per qualche ragione le persone rispettano la pittura più della fotografia. Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che le fotografie sono così ampiamente utilizzate dai media in questa cultura da essere considerate mere cose effimere… guardi una fotografia una volta e poi giri pagina.

Tradizionalmente, la fotografia si è occupata di registrare il mondo così come si trova. Prima che apparisse la fotografia, i migliori artisti dell’epoca, i pittori e gli scultori, si preoccupavano di rendere la realtà con tutta la somiglianza consentita dalla loro abilità. La fotografia, invece, ha reso la realtà artistica molto più disponibile, più rapida e su scala molto più ampia.

Poter vedere concretamente ciò che è stato creato in una frazione di secondo è un lusso raro. Anche se fissata nel tempo, una fotografia evoca tanto sentimento quanto quello che viene dalla musica o dalla danza. Qualunque sia la modalità – dall’istantanea al momento decisivo fino al montaggio multimediale – l’intento e lo scopo della fotografia è quello di rendere in termini visivi sensazioni ed esperienze che spesso sfuggono alla capacità delle parole di descrivere. In ogni caso, gli occhi ce l’hanno e l’immaginazione volerà sempre più lontano del previsto

Mi viene in mente che all’inizio si lavora con passione per imparare la fotografia. Questo richiede anni e l’imbarcazione di solito si forma durante questo periodo. Poi col passare del tempo ci si trova sempre più nel ruolo di servire il medium… Poi, come nell’esempio di diversi maestri che ho avuto il privilegio di conoscere personalmente, sembra che essendosi dedicati totalmente al medium, si diventa fotografia.

È importante avere la propria firma visiva, qualcosa che consenta allo spettatore di sapere immediatamente che si tratta del lavoro di un fotografo specifico. Non si tratta di stile, è il modo in cui metti insieme un’immagine. È il nostro modo personale di percepire la nostra realtà individuale. La fotografia è un mezzo insolitamente amorfo in quanto tutto ciò che stai facendo è rilasciare l’otturatore. Tuttavia, la struttura del mezzo risiede nell’intelligenza dell’occhio!

Per me la fotografia è un processo sottrattivo. Se stai facendo un disegno, aggiungi delle linee finché non hai finito, quindi è un processo additivo. Se stai realizzando una scultura in marmo, sottrai e continui a scheggiarla finché non ottieni quello che vuoi. Allo stesso modo, in un mondo di infiniti oggetti possibili da fotografare, elimino tutto ciò che non voglio in una cornice fino a quando non mi rimane finalmente ciò che voglio.

La foto per l’immagine della copertina è stata presa da un frame di questa intervista a Ralph Gibson da parte del canale The Art of Photography

Altri fotografi che devi conoscere:

Ho fondato Fotografia Moderna nell'estate del 2015 per dare una nuovo volto alla community di fotografi italiani. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raggiungere più di 1 milione di appassionati ogni anno. Cerco sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, mi diverto a fare recensioni di attrezzature fotografiche, lezioni e consigliare con le guide all'acquisto alle migliori alternative sul mercato.