HomeAttrezzatura FotograficaSupporti di MemoriaRecensione del sistema SSD SanDisk Pro-Blade

Recensione del sistema SSD SanDisk Pro-Blade

Per i fotografi e i filmmaker, la gestione efficiente dei dati è fondamentale, specialmente quando si tratta di lavorare con file di grandi dimensioni come RAW da oltre 50 megapixel o video in 8K. Tradizionalmente, questo processo implica la cattura di immagini o video su un dispositivo di archiviazione integrato nella fotocamera, seguito dal trasferimento dei file su un disco rigido portatile, e infine sul sistema desktop per l’editing e l’archiviazione finale.

La nuova linea di prodotti SanDisk, Pro-Blade, promette di rivoluzionare questa routine. Questa serie è progettata per unificare e semplificare i vari stadi della gestione dei dati per i professionisti del settore.

Nel particolare vedremo il Transport Sandisk, la SSD Pro Mag e la Station Sandisk.

Ma riesce davvero a stare al passo con le esigenze di prestazione per file RAW di grande dimensione e video in 8K?

In questa recensione vedremo come il sistema Pro-Blade funziona e se può effettivamente soddisfare le esigenze dei professionisti della fotografia e del video. Dalla velocità di trasferimento dati alla facilità d’uso, analizzeremo ogni aspetto per aiutarti a capire se questo sistema può essere la soluzione ideale per ottimizzare il tuo flusso di lavoro.

Cos’è l’ecosistema Pro-Blade?

Per i fotografi professionisti che devono gestire enormi quantità di dati rapidamente e in movimento, la linea Pro-Blade di SanDisk potrebbe rappresentare una vera rivoluzione. Questa linea si articola attorno all’unità SSD “Mag”, un disco veloce NVMe disponibile nelle capacità di 1 TB, 2 TB e 4 TB, pensato per una gestione dati fluida e veloce.

L’innovazione di base del sistema Pro-Blade sta nel permettere di filmare direttamente sull’SSD Mag, per poi trasferirlo facilmente in un “Transport” o “Station“, due tipi di contenitori progettati per integrarsi nel flusso di lavoro portatile o desktop. Il modello “Transport” è ideale per chi è sempre in movimento, poiché supporta un singolo Mag alla volta, rendendo il trasporto e l’utilizzo dell’SSD estremamente pratici. Al contrario, il “Station” può ospitare fino a quattro SSD Mag simultaneamente, il che lo rende perfetto per un ambiente desktop più stabile, dove il volume e la frequenza di trasferimento dati sono maggiori.

L’aspetto rivoluzionario di questo sistema è la sua capacità di eliminare completamente la fase di importazione tradizionale. Grazie alla velocità ultrarapida dell’SSD Mag, questo dispositivo funge sia da supporto di registrazione che da unità di archiviazione o modifica. Questo significa che puoi girare il tuo materiale video e subito dopo collegare l’SSD al tuo sistema per iniziare la modifica o il backup senza ritardi.

Nonostante sia ottimizzato per i video, il Mag SSD è tecnicamente compatibile con qualsiasi fotocamera che supporta l’uscita USB-C, il che lo rende potenzialmente utile anche per i fotografi, specialmente quelli che lavorano con grandi volumi di foto o video. Tuttavia, potrebbe essere considerato eccessivo per chi si occupa esclusivamente di fotografia, dato che pochi fotografi hanno la necessità di collegare un SSD dedicato alla loro fotocamera.

Il cuore dell’ecosistema Pro-Blade è la sua capacità di semplificare e velocizzare notevolmente il processo di acquisizione e gestione di grandi volumi di dati, rendendo tutto il sistema particolarmente attraente per i professionisti del settore che operano in contesti dinamici e richiedono soluzioni immediate per la gestione dei loro progetti.

SSD Mag Sandisk

L’SSD Mag di SanDisk emerge come un vero colosso nel campo degli SSD, distintosi non solo per la sua robustezza ma anche per le sue prestazioni eccezionali, ideali per i professionisti del settore. Il Mag è sorprendentemente compatto, paragonabile in dimensioni a una tipica unità NVMe, ma si distingue per la sua costruzione solida e l’utilizzo di alluminio leggero e resistente per l’alloggiamento. Questo SSD è progettato per sopportare condizioni estreme: SanDisk lo garantisce resistente a cadute fino a 3 metri di altezza e a pressioni di schiacciamento fino a 4000 libbre.

Dopo aver maneggiato personalmente l’unità, non posso fare a meno di confermare l’impressione di durabilità che trasmette. Inoltre, l’alloggiamento include un’area dedicata per l’etichettatura, facilitando l’identificazione delle varie unità, un dettaglio particolarmente utile per chi gestisce più SSD in contesti professionali.

Una delle caratteristiche più intriganti dell’SSD Mag è la sua interfaccia proprietaria “Pro-Blade”, una scelta che solleva qualche perplessità a causa della natura esclusiva del connettore. Tuttavia, la modularità, la durata e la velocità di trasmissione dati offerte da questo design sono impressionanti. Con una velocità di lettura che può superare i 3000 MB/s, l’SSD Mag si dimostra un dispositivo di archiviazione estremamente efficiente, sebbene per raggiungere tali prestazioni sia necessario utilizzarlo con la stazione di ancoraggio più grande, la “Station”.

Il connettore dell’unità è progettato per resistere a oltre 2000 cicli di collegamento, e un piccolo dettaglio come la maniglia zigrinata per l’estrazione facilita l’uso quotidiano, specialmente quando l’SSD è inserito nei dock di trasporto o nelle stazioni. È importante mantenere pulita l’area dei pin del connettore, specialmente se si opera in ambienti polverosi, per garantire una lunga durata e prestazioni ottimali.

Possiamo essere sicuri che SanDisk ha chiaramente mirato al mercato professionale con l’SSD Mag, offrendo un dispositivo che non solo si adatta perfettamente alle esigenze di archiviazione e trasferimento dati ad alta velocità ma che è anche costruito per resistere agli ambienti più impegnativi. Un investimento considerabile per chi necessita delle prestazioni più elevate in termini di gestione dei dati.

Sandisk Pro-Blade Transport

Il Pro-Blade Transport di SanDisk rappresenta una soluzione ideale per i professionisti sempre in movimento, che necessitano di un sistema di archiviazione portatile affidabile e di alta qualità. Questo alloggiamento non è solo un semplice case per l’SSD Mag, ma svolge funzioni multiple: agisce come interfaccia, sistema di raffreddamento e dock.

Il meccanismo di inserimento dell’SSD Mag nel Transport è intuitivo e sicuro, con un sistema di aggancio che emette un “clic” molto rassicurante, segno di un inserimento corretto e sicuro. Sul lato opposto dell’alloggiamento, troviamo una porta USB-C 3.2 Gen 2×2 che supporta una velocità di trasmissione fino a 20 Gbps. Nonostante la confusione che spesso accompagna le denominazioni USB-C, questa interfaccia è in grado di gestire velocità di lettura e scrittura fino a 2000 MB/s, offrendo prestazioni eccellenti con la praticità di un connettore USB-C.

Il design del Transport è pulito e moderno, con un tocco di eleganza professionale dato dall’alluminio a vista, che non solo arricchisce esteticamente l’unità ma funge anche da efficace dissipatore di calore. Inoltre, l’indicatore LED posizionato accanto allo slot del caricatore fornisce un feedback visivo immediato sull’attività dell’unità, essendo sufficientemente luminoso da essere visibile da lontano, ma non tanto da risultare distraente.

Le dimensioni del case sono ben bilanciate, considerando che offre la flessibilità di sostituire il Mag SSD con un altro a piacimento, facilitando così la gestione di volumi di dati significativi in spazi ridotti. Questo rende il Transport una soluzione estremamente pratica per chi necessita di portabilità senza sacrificare la capacità di archiviazione. La sua capacità di eliminare la necessità di duplicare alloggiamenti, cavi e alimentatori lo rende uno strumento essenziale per chi cerca una soluzione compatta e funzionale per gestire dati in mobilità.

La Station Pro-Blade di SanDisk si pone come una soluzione robusta e altamente efficace per i professionisti che hanno bisogno di gestire grandi volumi di dati con la massima efficienza. Progettata per i flussi di lavoro più intensivi e per ambienti come grandi studi di produzione o settori ad alta resa, la Station offre una capacità di hosting superlativa: può contenere fino a quattro SSD Mag contemporaneamente.

Sandisk SSD Station

Questa caratteristica trasforma la station in un vero e proprio hub di dati, capace di archiviare fino a 16 TB complessivi, considerando che ogni SSD Mag può arrivare fino a 4 TB. Questo ammontare di spazio è più che sufficiente per gestire progetti di grande scala, rendendo tutti i dati rapidamente accessibili con velocità che superano i 3000 MB/s grazie all’interfaccia Thunderbolt 3. Questa velocità di trasferimento dati non solo è ideale per il lavoro quotidiano ma è vitale in contesti di produzione intensiva dove il tempo è spesso un fattore critico.

Un altro punto di forza della Station è il suo sistema di raffreddamento attivo. Questo sistema garantisce che gli SSD Mag mantengano prestazioni ottimali senza rischi di surriscaldamento, anche sotto carico pesante e continuativo. Inoltre, la possibilità di collegamento a catena tramite la seconda porta Thunderbolt 3 permette di espandere ulteriormente il sistema senza sacrificare le prestazioni, rendendo la Station estremamente versatile e adatta a crescere insieme alle esigenze dell’utente.

Le dimensioni contenute della Station, nonostante la sua grande capacità e le funzionalità avanzate, ne fanno una soluzione ideale per chi necessita di un’opzione potente e veloce per l’archiviazione di una grande quantità di filmati, integrata perfettamente in un flusso di lavoro desktop. Queste caratteristiche rendono la Station un punto di riferimento fondamentale per le produzioni di grandi dimensioni, garantendo efficienza e affidabilità senza compromessi.

Interfaccia e collo di bottiglia

Nella recensione dell’ecosistema Pro-Blade di SanDisk, un aspetto cruciale da considerare è l’interazione tra l’hardware e le specifiche interfaccia del dispositivo utilizzato. Molti utilizzatori potrebbero notare una discrepanza tra le prestazioni teoriche dell’SSD Mag e quelle effettivamente osservabili durante l’uso quotidiano, un fenomeno che ho potuto confermare nei miei test.

Il Mag SSD, quando utilizzato con il Pro-Blade Transport, promette prestazioni fino a 2000 MB/s grazie all’interfaccia USB-C 3.2 Gen 2×2. Tuttavia, raggiungere tali velocità è condizionato dalla presenza di porte compatibili sul computer utilizzato, un requisito non sempre soddisfatto, anche nelle configurazioni di computer ad alte prestazioni. Ad esempio, nessun dispositivo Apple attualmente in commercio dispone di porte USB-C Gen 2×2; per velocità superiori con dispositivi Apple, sarebbe necessario ricorrere alle connessioni Thunderbolt, non supportate dal Transport.

Quindi, il collo di bottiglia non si trova nell’SSD Mag stesso, che ha dimostrato di poter gestire velocità ben superiori in condizioni ottimali, come testimoniato dalle prestazioni del 3000 MB/s e oltre quando è collegato tramite la Station con supporto Thunderbolt. La limitazione deriva piuttosto dalla compatibilità dell’hardware di supporto, che non sempre è in grado di sfruttare appieno le capacità dell’SSD.

Questa situazione mette in luce l’importanza di una valutazione accurata dell’hardware in uso prima di investire in soluzioni di archiviazione ad alte prestazioni. Per chi necessita delle massime prestazioni, come nel caso di produzioni video di grande scala, l’adozione della Station Pro-Blade potrebbe essere la soluzione migliore. Per gli altri, come nel mio caso, la velocità offerta dal Transport tramite una porta USB-C 3.2 standard può essere più che sufficiente per le esigenze quotidiane. Questa consapevolezza aiuta a ottimizzare gli investimenti in tecnologia, assicurando che le scelte hardware si allineino efficacemente alle esigenze reali del workflow.

Opinione finale

Come fotografo che si immerge costantemente nella ricerca di soluzioni di archiviazione efficienti e robuste, devo ammettere che l’ecosistema Pro-Blade di SanDisk mi ha colpito per la sua qualità costruttiva e la versatilità di utilizzo in ambienti professionali. Nonostante il prezzo superiore rispetto a soluzioni più semplici come l’SSD portatile SanDisk Extreme V2, le prestazioni e l’adattabilità del Pro-Blade giustificano l’investimento, soprattutto per chi necessita di trasferimenti rapidi e frequenti tra diversi dispositivi.

L’assenza di supporto Thunderbolt nella custodia Transport del Pro-Blade è un piccolo neo in un prodotto altrimenti impeccabile, che limita la velocità di trasferimento a circa 1000 MB/s. Tuttavia, per chi non dispone di hardware che supporta le velocità massime, questa limitazione non sarà un grosso problema.

Ma se proprio bisogna concludere, per i fotografi che cercano un sistema di archiviazione modulare che possa tenere il passo con le esigenze di uno studio fotografico dinamico e possibilmente in movimento, l’ecosistema Pro-Blade è sicuramente una scelta eccellente. C’è poco da fare, offre robustezza, velocità e una versatilità che lo rendono un investimento prezioso nel lungo termine.

Per altre informazioni: https://www.westerndigital.com/it-it/products/accessories

Alessio Fabrizi
Alessio Fabrizi
Alessio, fondatore di Fotografia Moderna dal lontano 2015 con l'obiettivo di creare una community unita di fotografi italiani. Cerco sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, mi diverto a fare recensioni di attrezzature fotografiche e consigliare con guide all'acquisto le migliori alternative sul mercato. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raggiungere più di 1 milione di appassionati ogni anno finendo per essere un lavoro a tempo pieno dove ogni giorno impiego il mio tempo per cercare notizie o migliorare il sito.
ALTRI ARTICOLI

Lascia un commento

Scrivi qui il tuo commento
Aggiungi il tuo nome qui

ULTIMI ARTICOLI