Regola dei Terzi – La Guida Definitiva

Guida completa alla regola dei terzi
Guida completa alla regola dei terzi

Portare la tua fotografia ad un livello successivo potrebbe essere semplice seguendo la regola dei terzi, una tecnica di composizione di base facile da usare che permette di aumentare il coinvolgimento degli spettatori, massimizzare l’impatto visivo e trasformare le tue immagini da buone a foto di grande impatto..

The Rule of Thirds, ovvero la regola dei terzi, non è nient’altro che un mezzo per creare in modo affidabile composizioni fotografiche equilibrate e visivamente piacevoli basate sul modo in cui l’occhio umano si muove e si concentra naturalmente durante la visualizzazione di un’immagine. Detta anche bellezza oggettiva.

Anche se il principio è stato usato dagli artisti nel corso della storia, la tecnica è stata descritta per la prima volta e dato il suo nome nel XVIII secolo dal pittore, autore e incisore John Thomas Smith. Da quel momento la regola dei terzi è diventata una delle tecniche fotografiche più riconosciute e seguite.

Griglia della regola dei terzi
Griglia della regola dei terzi

Le basi della regola dei terzi

La regola dei terzi si basa sulla divisione di un’immagine in una griglia simmetrica di 3 x 3, con due linee verticali equidistanti che si intersecano con due linee orizzontali equidistanti. Visualizzare la griglia sovrapponendo la tua immagine può essere difficile all’inizio, ma diventa rapidamente automatico e senza sforzo quando inizierai ad usare questa tecnica costantemente per comporre le immagini.

In molti casi, sopratutto nelle macchine fotografiche moderne, la fotocamera ha la comoda funzione di azionare la griglia dei terzi per poter visualizzare immediatamente il risultato finale attraverso il mirino.

Questa griglia funge da struttura su cui sono posizionati il ​​soggetto e gli oggetti di interesse. I quattro punti in cui le linee si intersecano sono i punti focali più forti, le linee stesse sono i secondi punti focali più importanti.

La base della regola è che posizionare oggetti di interesse sui punti di intersezione o lungo le linee piuttosto che nel centro dell’immagine non solo creerà un’immagine equilibrata e visivamente accattivante, ma consentirà agli spettatori di interagire con l’immagine in modo più naturale, gli studiosi hanno dimostrato che la maggior parte delle persone si concentra naturalmente in primo luogo su uno dei punti di intersezione piuttosto che nel centro dell’immagine.

Usare la regola dei terzi per comporre fotografie assicura che gli spettatori siano immediatamente attratti dal soggetto senza distrazioni o confusione visiva. Inoltre, l’allineamento delle linee orizzontali o verticali all’interno dell’immagine alle linee della griglia può migliorare significativamente l’impatto visivo e consentire allo sguardo di viaggiare naturalmente intorno all’immagine. Questo può essere particolarmente importante in paesaggi, paesaggi marini o qualsiasi immagine con una linea dell’orizzonte evidente.

Usare la regola dei terzi per comporre le tue immagini aggiunge interesse allo spettatore e ti aiuta a raccontare la storia delle tue immagini dandogli un senso di movimento, energia e direzione.

Come usare la regola dei terzi

Una volta identificati i punti di interesse nella tua foto, inizia a determinare quali sono i più importanti e muovere la fotocamera finché non avrai gli elementi chiave posizionati vicino ai punti di intersezione o alle linee della griglia.

Idealmente, il punto di interesse più importante nell’immagine sarà allineato con un punto di intersezione.

Quando il soggetto è l’unico punto di interesse nell’immagine, la posizione più forte è generalmente l’intersezione in alto a sinistra o la linea di sinistra. Quando ci sono più punti di interesse nell’immagine, la posizione più forte è spesso l’intersezione in basso a destra.

Ma le regole sono fatte per essere infrante, e vale sempre la pena provare un soggetto solista su entrambe le linee della griglia per vedere quale funziona meglio con tutti gli altri elementi della foto.

Uso della regola dei terzi nei paesaggi

Regola dei terzi nei paesaggi
Regola dei terzi nei paesaggi

La regola dei terzi può chiarire l’elemento chiave anche in una foto paesaggistica guidando l’occhio dello spettatore verso il nostro punto cardine eliminando la confusione visiva.

Mettere la linea dell’orizzonte al centro dell’immagine tende a tagliare efficacemente l’immagine a metà, il che può impedire all’occhio di muoversi naturalmente intorno all’intera immagine.

Allineare l’orizzonte con una delle linee della griglia orizzontale stabilisce chiaramente il soggetto e crea un senso di flusso che consente all’occhio di viaggiare naturalmente intorno all’immagine.

Se posizionate l’orizzonte nel terzo superiore o inferiore dell’immagine giocherete un ruolo importante nell’importanza relativa della terra (o dell’acqua, nel caso dei paesaggi marini) e del cielo, in generale qualsiasi segmento dell’immagine ottiene più spazio sarà percepito come più importante.

Allineare l’orizzonte con la linea orizzontale più bassa renderà il cielo il punto focale principale, e allineando l’orizzonte con la linea superiore metterà l’accento principale su mare, terra o strutture.

Posizionare un oggetto di grandi dimensioni come una struttura o un albero al centro della tua foto automaticamente lo rende in primo piano per l’attenzione e la messa a fuoco dello spettatore.

Piccolo consiglio: Posizionare un oggetto di grandi dimensioni in allineamento con una delle linee verticali lo trasforma in un’ancora che incornicia e migliora il soggetto.

Creare e controllare il senso del movimento

La regola dei terzi è importante per creare e controllare il senso del movimento. Se stai fotografando un oggetto in movimento, presta attenzione alla direzione in cui si muove e allinearlo in modo tale che ci sia più spazio davanti che dietro.

Ad esempio, se stai fotografando una barca che naviga verso destra, allineala con la linea della griglia verticale sinistra. Questo fa sembrare che si stia muovendo verso il centro dell’immagine e porti automaticamente l’occhio dello spettatore nell’immagine a supporre il movimento della barca. 

Utilizzare le tecniche di composizione
Utilizzare le tecniche di composizione

Usare la regola dei terzi per enfatizzare lo spazio

Usare la regola dei terzi per allineare gli oggetti importanti nella tua immagine può dare allo spettatore un senso di spazio più forte e aiutare a raccontare una storia.

Posizionare l’oggetto più importante su un punto di intersezione tenderà a portarlo in avanti e dargli un impatto maggiore, mentre gli oggetti secondari posizionati sulle linee verticali tenderanno a ritirarsi rimanendo parte dell’azione.

Usare la regola dei terzi nei ritratti

La regola dei terzi può essere preziosa per fotografare ritratti, aggiungere equilibrio, simmetria e interesse e persino aiutare a catturare la personalità del soggetto.

Cercate di posizionare il soggetto in modo che il corpo sia allineato con una delle linee verticali e gli occhi siano allineati con uno dei punti di intersezione superiori, questo aggiunge interesse allo scatto ed elimina l’effetto “mugshot” che il posizionamento centrale del soggetto a volte crea.

Allineare la linea verticale sinistra con gli occhi nel punto di intersezione in alto a sinistra è in genere la composizione più attraente se il soggetto guarda dritto o a destra, ma se il soggetto guarda a sinistra, prova ad allineare il corpo con gli occhi a destra con il punto di intersezione in alto a destra.

Quando non usare la regola dei terzi

La regola dei terzi è un ottimo strumento per la composizione, ma non è la scelta giusta per ogni foto, mi raccomando non fare sempre di tutta l’erba un fascio.

Ci sono momenti in cui l’uso della regola dei terzi indebolisce o vanifica lo scopo della composizione. In alcuni casi, centrare un soggetto è l’opzione migliore, può aiutare a dimostrare un senso di dimensione o spazio, e il centraggio è un modo efficace per enfatizzare la simmetria di un soggetto.

I primi piani dovrebbero generalmente essere centrati orizzontalmente, ma usare la griglia della regola dei terzi per l’allineamento verticale può essere utile.

Posizionare gli occhi lungo la linea orizzontale superiore genererà un senso di equilibrio e impedirà al soggetto di apparire perso nel fotogramma.

La regola dei terzi nella post produzione

Se ritieni che un’immagine esistente possa beneficiare della regola dei terzi e nel momento che hai scattato la foto non ci hai fatto caso, tranquillo, puoi sempre utilizzare il tuo fedele programma di editing per ottenere una composizione armoniosa e bilanciata.

Molti programmi di editing di immagini, incluso Photoshop Online, incorporano una guida della regola dei terzi nella loro funzione di ritaglio.

Considerazioni finali

L’utilizzo di questa regola farà risultare la foto più forte, più equilibrata e più coinvolgente, ma come tutte le regole, è fatta per essere infranta quando la situazione lo richiede. 

Considera questa guida come ispirazione e usala quando è il momento più appropriato, ma non dimenticarti mai di utilizzare sempre il tuo giudizio creativo.

 

Questa guida di Exposure Guide è stata tradotta dallo staff di Fotografia Moderna.