Ricampionamento di una foto per la stampa

Ricampionamento foto - interpolazione pixel

Per ridimensionare una foto per la stampa, Photoshop fornisce un’opzione di ricampionamento.

Se la casella Ricampiona immagine è selezionata (serve per il ricampionamento della foto), qualsiasi intervento sulla dimensione del documento (la sua larghezza e altezza fisiche) o sulla risoluzione dell’immagine influirà sul numero di pixel che costituiscono lo scatto quando viene stampato.

Se ridimensionate verso l’alto, vi occorrono più pixel, e l’unico modo in cui Photoshop può ottenerli è crearne di nuovi, si parla di “interpolazione“.

I nuovi pixel interpolati non contengono dati veri come se fossero stati catturati dalla fotocamera, ma si basano sui pixel originali circostanti.
Se i pixel interpolati sono troppi, l’immagine può diventare morbida e la stampa deludente.

In genere quando si ridimensiona un immagine per la stampa si lascia Ricampiona Immagine deselezionata, cosi che vengano ridistribuiti i pixel veri senza generarne di fittizi.

Se si stampa senza ricampionamento

Photoshop regola la risoluzione dell’immagine distribuendo i pixel esistenti su un’area più estesa nel caso di una stampa più grande o raggruppandoli nel caso di un immagine più piccola.

Il ricampionamento dei pixel è necessario in un paio di situazioni:

  • Quando si deve aumentare il numero dei pixel in un immagine per poterla stampare più grande
  • Per abbassare la risoluzione dell’immagine a 72ppi, un valore ideale per vedere le immagini a video e ridurre le dimensioni del file, rendendolo più gestibile per il caricamento in internet

Attivate la casella Ricampiona Immagine e selezionate nel menu adiacente un metodo di campionamento:

 

  • VICINA PIU’ PROSSIMA: E’ l’opzione di ricampionamento più veloce ma di peggiore qualità, consigliata solo per immagini artistiche
  • BILINEARE: Offre una qualità media e opzioni per la velocità
  • BICUBICA: Qualità più morbida
  • BICUBICA PIU’ NITIDA

Entrambe le opzioni Bicubica sono metodi di ricampionamento precisi e copiano i dati in forma cubica attorno al nuovo pixel per creare una gradazione di colore più progressiva.

Usate BICUBICA più morbida per ingrandire le dimensioni dell’immagine e BICUBICA PIU’ NITIDA per ridurle.
Le opzioni Bicubica danno i risultati migliori, ma ricordate di non interpolare troppi pixel, o pregiudicherete la qualità della stampa!

Non hai ancora Photoshop? Guarda i prezzi sul sito ufficiale dell’Adobe!

Ricordati inoltre di ottenere il colore giusto quando stampi le tue foto!

Commenta questo articolo