Sony A6300: Recensione e Miglior Prezzo

La recensione di una delle fotocamere mirrorless che ha conquistato il mercato Sony, la A6300.

0
11
Sony A6300 Recensione

La recensione della Sony A6300 è una mia libera traduzione di un articolo pubblicato su una delle più importanti riviste fotografiche, Imaging Resource, troverai la fonte alla fine dell’articolo, e penso sia una delle migliori che si possono trovare in rete, per questo motivo ho deciso di tradurla per poterla farla leggere anche a voi.

La reputo in assoluto come una delle migliori mirrorless Sony e leggendo questa recensione ti renderai conto di che fotocamera stiamo parlando.

Sony Alpha 6300 Kit Fotocamera Digitale Mirrorless Compatta con...
529 Recensioni
Sony Alpha 6300 Kit Fotocamera Digitale Mirrorless Compatta con...
  • Fotocamera digitale Mirrorless Sony con sensore APS-C CMOR Exmor 24.2 megapixel
  • Kit con obiettivo SEL 16-50 mm
  • Processore di immagini BIONZ X, 425 pt Fast Hybrid AF 11 fps
  • Mirino OLED XGA 2.359 MP, ISO massima pari a 100-51.600
  • Registrazione video 4K, Silent Shooting Mode, Flash integrato, display 3" LCD inclinabile 180°

La Sony A6300 è il seguito di una delle fotocamere più popolari degli ultimi anni, la A6000. Dati i voti grandiosi del modello predecessore, è un’impresa difficile da seguire. Tuttavia, Sony ci è riuscita, aggiungendo così tante nuove funzionalità e miglioramenti delle prestazioni. Con una migliore qualità costruttiva, un nuovo sensore ad alta velocità, AF e prestazioni burst notevolmente migliorate, una migliore qualità dell’immagine e funzionalità video avanzate, la Sony A6300 è una fotocamera con aggioramenti significativi.

Leggi la nostra recensione approfondita della Sony A6300 per scoprire una tra le migliori mirrorless sul mercato.

VANTAGGI

  • Eccellente qualità dell’immagine
  • Prestazioni ad alta sensibilità ISO migliorate
  • Migliore qualità JPEG
  • Autofocus veloce
  • Inseguimento del soggetto molto buono con funzione di visualizzazione live in tempo reale
  • Costruzione del corpo interamente in magnesio
  • Video 4K

SVANTAGGI

  • Cancellazione lenta del buffer (nessun supporto UHS-II)
  • Nessun touchscreen
  • Menu non intuitivo 
  • Il Wi-Fi può essere un po ‘frustrante da usare.

La recensione della Sony A6300

A metà del 2014, la Sony ha lanciato un prodotto con un fascino spettacolare. L’Alpha A6000, afferma il suo produttore, è una tra le fotocamere mirrorless più vendute fino ad oggi.

Ora, la A6300, ha un compito molto difficile da seguire, ma sembra essere più che all’altezza del compito.

L’A6300 conserva quasi tutto ciò che ha reso così popolare il suo predecessore, ma apporta alcune modifiche molto utili. Fondamentali tra questi sono un nuovo sensore di immagine e algoritmi di elaborazione delle immagini aggiornati che, insieme, portano livelli di rumore inferiori e autofocus molto migliorato. 

C’è anche un nuovissimo mirino elettronico a risoluzione più alta, reso ancora più utile dalla possibilità di scattare con un feed live view a velocità fino a otto fotogrammi al secondo incredibilmente veloci. Aggiungi alcuni grandi perfezionamenti alle capacità di acquisizione video della fotocamera e l’A6300 sembra essere davvero un prodotto molto promettente.

Se hai scattato con il suo modello precedente, il corpo in lega di magnesio dell’A6300 ti sembrerà davvero molto familiare. La sua altezza e larghezza sono identiche a quelle della fotocamera precedente, mentre la sua profondità è aumentata di circa 3,6 mm, un cambiamento che viene accompagnato da un leggero aumento di 60 g di peso. 

Quasi tutti i controlli esterni e gli elementi di design rimangono esattamente dove erano nel modello precedente. In effetti, ci sono solo un paio di cambiamenti di controllo con cui dovrai familiarizzare.

l primo di questi può essere trovato sul piano superiore, dove il selettore di modalità non ha più posizioni separate iAuto e Superior Auto (iAuto +). Entrambe le modalità sono ancora presenti, ma ora sono raggruppate sotto un’unica posizione Auto sul quadrante, una modifica che libera spazio per una seconda modalità Richiamo memoria.

Quel tweak piacerà sicuramente ai fotografi più esperti, così come l’altro cambio di controllo significativo: un nuovo interruttore con pulsante centrale sul ponte posteriore, che sostituisce il pulsante di blocco dell’esposizione automatica della fotocamera precedente. 

Con l’interruttore nella parte inferiore del suo lancio, il pulsante fornirà comunque la capacità di blocco AE, ma se l’interruttore viene spostato verso l’alto, sarai invece in grado di alternare la messa a fuoco tra controllo automatico e manuale.

Sony rileva di aver migliorato la resistenza alla polvere e all’umidità dell’A6300 rispetto alla fotocamera precedente, sebbene in quest’area ci sia un punto interrogativo. Nei suoi materiali per la stampa, Sony osserva che mentre l’A6300 “è progettato per una resistenza ottimale alla polvere e all’umidità”, “non è impermeabile o resistente agli schizzi”

Non consigliamo quindi di utilizzare l’A6300 in più di una leggera pioggiarellina.

Caratteristiche Tecniche

Nel cuore della A6300, troverai lo stesso abbinamento di un sensore di immagine CMOS da 24 megapixel e del processore di immagini BIONZ X che ha costituito le fondamenta dell’A6000. 

Tuttavia, non è lo stesso sensore di prima. 

Il chip di nuova concezione ha la stessa identica risoluzione di uscita di 6.000 x 4.000 pixel, ma ora utilizza cavi in ​​rame per migliorare le prestazioni di lettura e un migliore rapporto segnale / rumore. Presenta anche quasi 2,4 volte il numero di pixel dell’autofocus a rilevamento di fase su chip rispetto alla fotocamera precedente, un cambiamento che discuteremo più approfonditamente tra poco.

Sebbene la gamma di sensibilità standard da ISO 100 a 25.600 equivalenti rimanga invariata rispetto alla A6000, ora c’è una funzione di espansione ISO che aumenterà il limite superiore a ISO 51.200 equivalente senza ricorrere alla riduzione del rumore multi-frame (sebbene MFNR sia ancora supportato) e la telecamera mostra anche livelli di rumore inferiori dalla nuova pipeline di imaging nell’A6300.

Sebbene le prestazioni siano state chiaramente un obiettivo di progettazione per Sony durante lo sviluppo dell’A6300, la sua velocità di acquisizione burst massima rimane invariata a 11 fotogrammi al secondo. 

La profondità dello scatto a questa velocità massima è altrettanto vicina quanto non fa differenza invariata, con una previsione di 44 fotogrammi JPEG grandi / extra fini o 21 fotogrammi RAW / RAW + JPEG in una raffica (che abbiamo confermato nei nostri test di laboratorio sulle prestazioni). Tuttavia, ora hai una scelta di più frame rate di cattura a raffica – 11, otto, sei o tre fps – e questa seconda opzione dall’alto è molto più utilizzabile che mai.

Il motivo del miglioramento è che Sony ha lavorato per risolvere uno dei principali bugbear del mirino elettronico. Tradizionalmente, gli EVF sono disapprovati dai fotografi sportivi perché ciò che stai vedendo tra i fotogrammi catturati in una raffica ad alta velocità non è una visione dal vivo del soggetto, ma piuttosto l’immagine che è stata appena catturata. 

Ciò significa che c’è un ritardo tra l’azione nel mondo reale e ciò che vedi attraverso il mirino. Rimane vero per l’A6300 alla massima velocità di acquisizione a raffica, ma non quando si abbassa la velocità a otto fps.

A questa velocità un po ‘ridotta, la telecamera mostra un feed di live view reale, punteggiato da una serie di brevi blackout quando ogni fotogramma viene catturato. 

Questo è simile a quello che vedresti con una reflex digitale tradizionale, che deve anche avere un oscuramento del mirino ogni volta che lo specchio viene sollevato per consentire alla luce di raggiungere il sensore di immagine, e quindi rende le riprese con l’A6300 molto più simili a una reflex digitale. 

Questo metodo migliorato di scatto a raffica con feed live view è dovuto principalmente alla nuova e più rapida lettura del sensore di immagine. Tuttavia, l’esperienza complessiva è aiutata anche da miglioramenti al mirino stesso.

Sebbene il mirino elettronico dell’A6300 abbia le stesse dimensioni del pannello OLED da 0,39 pollici di prima, insieme alla stessa copertura del 100% dichiarata dal produttore, ingrandimento 1,07x (equivalente 35 mm: 0,7x), punto oculare da 23 mm e da -4 a + 3 m – 1 regolazione diottrica, ora è migliore di quella della fotocamera precedente in due modi chiave.

In primo luogo, la risoluzione totale è aumentata del 63%, con un numero di punti di 2.359.296 punti invece dei 1.440.000 punti della fotocamera precedente. In secondo luogo, ora puoi regolare la frequenza dei fotogrammi del mirino per un movimento più fluido. Oltre alla velocità standard di 60 fotogrammi al secondo, l’aggiornamento del mirino può ora essere potenziato fino a un rapido 120 fps.

Autofocus da record

Un’altra importante area di miglioramento della A6300 può essere trovata nel suo sistema di messa a fuoco automatica. L’abbiamo già accennato molto brevemente nella nostra discussione sul nuovo sensore di immagine, ma c’è molto di più in questa particolare storia.

Ancora etichettato come “4D Focus”, il sistema AF della A6300 ha ora molti più punti di messa a fuoco tra cui scegliere rispetto a prima e, utilmente, questi coprono quasi l’intero campo visivo. Sony ci dice che con un totale di 425 punti di messa a fuoco automatica a rilevamento di fase offerti, l’A6300 ha il maggior numero di punti PDAF di qualsiasi fotocamera mirrorless fino ad oggi. Aggiungi altri 169 punti di rilevamento del contrasto e la densità dei punti AF è davvero spettacolare.

Questa elevata densità di punti paga quando si tratta di tracciamento autofocus, poiché la fotocamera ha molte più informazioni con cui lavorare. Mentre il soggetto si muove, A6300 può ora seguirlo intorno al fotogramma in modo molto più accurato. E come bonus aggiuntivo, sarai anche in grado di utilizzare i punti PDAF con obiettivi Sony con attacco Alpha adattati, proprio come puoi fare con le recenti fotocamere full frame della serie Sony A7. Questa è la prima volta per una delle fotocamere con sensore APS-C dell’azienda.

E non è tutto qui. Sony afferma anche che il sistema di messa a fuoco automatica dell’A6300 è solo leggermente più veloce del sistema di impostazione del record dell’A6000, impiegando solo 0,05 secondi per determinare un blocco della messa a fuoco. (Ovviamente, sarebbe difficile notare una differenza nel mondo reale, poiché la fotocamera precedente poteva bloccare la messa a fuoco in 0,06 secondi, ma immaginiamo che tagliare ancora un altro centesimo di secondo non fosse un compito da poco.) E sì, le prestazioni dell’AF meritano l’ennesima novità mondiale, secondo Sony.

Altri miglioramenti dell’AF includono la disponibilità di Eye AF durante le riprese con autofocus continuo, proprio come si è visto nelle recenti fotocamere della serie A7, insieme alla possibilità di combinare la funzione di ingrandimento della messa a fuoco con l’autofocus e una funzione AF spot flessibile estesa. Ci sono anche alcuni miglioramenti specifici per l’acquisizione di filmati, come vedremo tra poco.

Per molti aspetti, le capacità di esposizione dell’A6300 rispecchiano quelle della fotocamera precedente. Tuttavia, un paio di punti ci hanno colpito durante l’ispezione delle specifiche del nuovo modello. 

Per prima cosa, ora c’è una modalità di scatto silenzioso, che dovrebbe renderla un’opzione molto migliore per la fotografia naturalistica, i matrimoni o qualsiasi altra cosa in cui il rumore dell’otturatore potrebbe spaventare o distrarre i soggetti. 

C’è anche una funzione di bracketing dell’esposizione più generosa. In precedenza, l’A6000 ti limitava a soli cinque fotogrammi in una serie di parentesi o tre fotogrammi se la dimensione del passo era 1 EV o superiore. Ora, l’A6300 riprenderà fino a cinque fotogrammi con una dimensione del passo di 3 EV, o nove fotogrammi con una dimensione del passo fino a 1 EV.

Le registrazioni video

Sony ha apportato alcuni miglioramenti al set di funzionalità video dell’A6300. Ne abbiamo già accennato uno un attimo fa nella nostra discussione sull’autofocus: la società afferma che la nuova fotocamera può mettere a fuoco due volte più velocemente durante l’acquisizione di filmati, rispetto al modello precedente. 

Ovviamente, la messa a fuoco automatica rapida non è sempre una buona cosa per i video, quindi ora puoi anche regolare la velocità della messa a fuoco automatica e la sensibilità di tracciamento.

L’A6300 è anche la prima fotocamera APS-C dell’azienda con capacità di acquisizione video 4K in formato Super 35 mm. Registrato utilizzando la compressione XAVC S, di per sé una nuova aggiunta, il video 4K dell’A6300 viene sottocampionato da 6K di dati completi letti dal sensore di immagine, senza che si verifichi alcun pixel binning. E se preferisci privilegiare il frame rate rispetto alla risoluzione, un’altra novità assoluta per la gamma APS-C di Sony è la possibilità di acquisire video Full HD a 120 frame al secondo con un bitrate di 100 Mbps.

C’è anche un nuovo jack per microfono esterno da 3,5 mm sull’A6300, che consente di utilizzare un microfono esterno senza accessori proprietari. (In precedenza, avresti avuto bisogno di uno dei microfoni o adattatori per slitta multi-interfaccia di Sony.) E la sensibilità massima in modalità filmato è stata ora aumentata da ISO 12.800 a 25.600 equivalente.

Sony ha aggiunto una funzione Gamma Display Assist che semplifica il controllo della messa a fuoco e dell’inquadratura durante la ripresa di filmati S-Log. È disponibile anche S-Gamut e anche la funzione di zebra striping dell’A6300 è stata migliorata. È ora possibile utilizzare i profili immagine e acquisire anche i dati del codice temporale / bit utente.

Durata della batteria

Un ultimo cambiamento che ci ha davvero colpito è l’impressionante miglioramento che Sony ha apportato alla durata della batteria dell’A6300. La precedente A6000 era limitata a 360 scatti con una carica con il monitor LCD, o solo 310 fotogrammi quando si scattava utilizzando il mirino elettronico. 

L’A6300 aumenta questo valore a ben 400 fotogrammi sullo schermo LCD, il che rappresenta un miglioramento dell’11% – e questo è quando si utilizzano gli stessi identici pacchi batteria NP-FW50 della fotocamera precedente. 

Quando si utilizza l’EVF, c’è un guadagno del 13% ancora maggiore, con un totale di 350 colpi ora possibili con una carica. Con il mirino dell’A6300 sono quasi tanti i fotogrammi che l’A6000 è riuscito a gestire sul pannello LCD!

Connettività

La connettività include sia dati USB che uscite video HDMI, e c’è ancora connettività di rete wireless Wi-Fi più una radio NFC per un facile accoppiamento con i dispositivi Android. E come ci si aspetterebbe da una moderna fotocamera Sony, è possibile integrare le funzionalità di base con le app PlayMemories Camera dell’azienda, alcune gratuite, altre disponibili a un piccolo costo, per abilitare funzionalità come il controllo remoto della fotocamera, la fotografia time lapse e un molto altro ancora.

Sony Alpha 6300 Kit Fotocamera Digitale Mirrorless Compatta con...
529 Recensioni
Sony Alpha 6300 Kit Fotocamera Digitale Mirrorless Compatta con...
  • Fotocamera digitale Mirrorless Sony con sensore APS-C CMOR Exmor 24.2 megapixel
  • Kit con obiettivo SEL 16-50 mm
  • Processore di immagini BIONZ X, 425 pt Fast Hybrid AF 11 fps
  • Mirino OLED XGA 2.359 MP, ISO massima pari a 100-51.600
  • Registrazione video 4K, Silent Shooting Mode, Flash integrato, display 3" LCD inclinabile 180°

La recensione originale è stata scritta da Mike Tomkins , Jeremy Gray, Zig Weidelich e William Brawley

FONTEImaging Resource
Fotografia Moderna, fondata nell'estate del 2015 è riuscita a dare un nuovo volto alla community fotografica italiana. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raccogliere più di 1 Milione di visitatori nel 2018 e quasi 2 Milioni di utenti nel 2019. Cercheremo di superare ogni record in questo 2020! Cerchiamo sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, ci divertiamo a fare recensioni di attrezzature fotografiche, lezioni e consigliare con le nostre guide all'acquisto alle migliori alternative sul mercato.