Strategia “3-2-1” per il backup delle foto sicuro

Una strategia molto intelligente per avere un backup delle foto sempre efficace.

Strategia Backup Foto

L’argomento del backup sicuro delle tue foto purtroppo non è molto popolare tra i fotografi anche se dovrebbe esserlo, ma mi rendo conto che ogni volta che scrivo un articolo che tocca l’argomento, riceve sempre molto traffico e condivisioni sui social media. Sembra strano ma vero, in molti hanno capito che il backup delle foto è essenziale per un fotografo!

Molti fotografi iniziano erroneamente non curandosi della loro routine di backup delle fotografie soprattutto perché spendono tutto il loro budget per la nuova fotocamera o l’obiettivo e non pensano mai a come manterranno le loro foto al sicuro. 

Purtroppo il mondo delle foto è pieno di esempi di persone che perdono ogni immagine che hanno creato semplicemente perché erano poco informate o pigre con i loro backup di foto e ho voluto raccontare qui la “strategia di backup 3-2-1” di Dan Carr di Shutter Muse perché secondo me è davvero geniale.

Spiegazione della strategia di backup 3-2-1

Poiché si tratta di un sito Web di fotografia, uso spesso la parola foto invece di file , ma la strategia di backup 3-2-1 significa che hai un totale di tre copie delle tue foto. Due dei quali sono locali ma su dispositivi diversi. Un’altra copia viene conservata fuori sede.

La tua prima copia

Dopo aver scaricato le foto dalla scheda di memoria sul computer o su un’unità esterna, questa è la prima copia. Sebbene si possa dire che questa è tecnicamente la tua seconda copia perché una copia esiste attualmente sulla tua scheda di memoria, ricordati sempre che la copia sulla scheda di memoria è intesa come una copia temporanea. Formatterai sempre quella carta ad un certo punto, e anche se non è immediatamente, è fin troppo facile confondersi su una pila di carte dall’aspetto identico. 

La tua seconda copia

La seconda copia della tua foto dovrebbe trovarsi su un dispositivo diverso rispetto alla prima copia. Ciò significa che non puoi semplicemente duplicare la cartella delle foto sul tuo computer o l’unità che hai utilizzato per la prima copia. 

Ricorda sempre che questa seconda copia esiste per proteggerti da guasti hardware. Può trattarsi di un guasto dell’unità, del computer o del contenitore in cui è installata questa seconda unità.

Il modo più semplice per affrontare questo problema è posizionare la prima copia della tua foto sul tuo computer e la seconda copia su un disco esterno di qualche tipo. 

Se l’unità interna del tuo computer non è abbastanza grande da contenere la prima copia delle tue foto, avrai bisogno di due unità esterne. Unità 1 e Unità 2. Devono essere unità separate all’interno di dispositivi separati . In altre parole, in questa fase non è possibile utilizzare un array RAID per soddisfare il requisito di due copie su due unità. 

La terza copia è online

Ci sono diversi modi per assicurarti di avere una copia fuori sede dei tuoi file per rispettare la parte finale della strategia 3-2-1. Il modo più comune è utilizzare un servizio di cloud storage come Google Drive, Dropbox, Amazon S3 o Backblaze. Ci sono così tanti servizi di cloud storage là fuori che sarebbe impossibile considerarli tutti in questo articolo, ma posso dare alcuni consigli di base.

I servizi di condivisione cloud come Google Drive e Dropbox hanno un costo per terabyte di spazio di archiviazione. Sono progettati principalmente come servizi di condivisione e non si adattano bene a backup estesi e continui di file. Potrebbero essere adatti per il fotografo hobbista con un piccolo archivio fotografico, qualcuno che già utilizza uno di questi servizi per altri servizi di archiviazione cloud.

Affinché i backup su cloud siano un’opzione praticabile, è necessaria una connessione Internet con una velocità sufficiente per garantire che il volume dei file creati venga caricato in un tempo ragionevole. Non ha senso utilizzare tali servizi se crei foto e video più velocemente di quanto possano essere caricati. Ciò si tradurrà solo in un arretrato crescente e il tuo piano 3-2-1 sarà fatto a pezzi.

C’è una terza opzione per il backup “fuori sede” ma è abbastanza PRO. Richiede una notevole quantità di conoscenze tecniche in più rispetto alle altre due opzioni ed è anche probabile che sia molto più costoso.

Se una delle tue copie di file locali esiste su un dispositivo NAS (Network Attached Storage), questo dispositivo avrà accesso a una connessione Internet. La maggior parte dei dispositivi NAS di fascia medio-alta dispone di una funzione che automatizza la duplicazione dei dati su un secondo dispositivo NAS remoto che può essere archiviato in una posizione fuori sede, in qualsiasi parte del mondo.

Guarda quali sono i migliori NAS per fotografi se vuoi provare questo metodo, è sicuramente una delle soluzioni più professionali per un fotografo.

Altri articoli che ti possono interessare:

Ho fondato Fotografia Moderna nell'estate del 2015 per dare una nuovo volto alla community di fotografi italiani. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raccogliere più di 1 Milione di visitatori nel 2019 e quasi 2 Milioni di utenti nel 2020. Cerco sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, mi diverto a fare recensioni di attrezzature fotografiche, lezioni e consigliare con le guide all'acquisto alle migliori alternative sul mercato.

Lascia un commento

Scrivi qui il tuo commento
Aggiungi il tuo nome qui