Terry Richardson Accusato Di Molestie Sessuali

Terry Richardson accusato di molestie sessuali
Terry Richardson accusato di molestie sessuali

Dopo lo scandalo Weinstein anche Terry Richardson è stato accusato

È la notizia del giorno, il fotografo Terry Richardson è stato accusato di molestie sessuali seguendo la scia di denunce dopo il caso Weinstein.
Il famoso fotografo Americano, autore di campagne pubblicitarie sempre molto forti e incisive è sotto l’occhio del ciclone per le denunce delle modelle con cui ha collaborato.
Richardson è uno dei fotografi più famosi del mondo degli ultimi anni, tra le sue collaborazioni troviamo marchi importanti come Gucci, Hugo Boss, Tom Ford, Tommy Hilfinger.

Terry Richardson e le Molestie Sessuali

La notizia è rimbalzata su tutti i giornali, muovendo una reazione immediata da parte della Usa Condè Nast (il colosso che controlla le riviste internazionali).

Precisamente il Daily Mail è venuto in possesso di una comunicazione interna, dove il vice presidente ha informato le testate giornalistiche con queste esatte parole”Condè Nast non collabora più con Terry Richardson e le sue fotografie non verranno più pubblicate sulle nostre riviste.

Terry Richardson con Miley Cyrus
Terry Richardson con Miley Cyrus

Terry in questi anni ha fatto parlare molto di se oltre che per il suo stile fotografico, anche per i suoi grandi guadagni.

Tra Gennaio 2016 e il Gennaio 2017 ha guadagnato 75 Milioni di dollari aggiudicandosi il premio come fotografo più ricco del mondo.

La risposta di Terry Richardson alle accuse

La replica del fotografo non ha tardato ad arrivare.
Queste sono le parole rilasciate all’Huffington Post: “Ho collaborato con donne adulte consenzienti che erano pienamente consapevoli della natura del lavoro e, come accade di regola, tutte hanno firmato la delibera.
Non ho mai usato un’offerta di lavoro o minacce per costringere qualcuno a fare qualcosa che non volesse.
Rispetto sempre quanti lavorano con me, riconoscendo loro libertà di scelta e accettando le loro decisioni”

 

Commenta questo articolo