Miglior Treppiede per Reflex del 2020

La guida all'acquisto con le caratteristiche ed i migliori modelli dei treppiedi per reflex sul mercato.

0
282
Miglior treppiede per reflex
Miglior treppiede per reflex

Quando arriva quel momento di provare a fare il passo successivo e scattare fotografie decisamente migliori di solito concide con il bisogno di potenziare la propria attrezzatura fotografica, e qual è il migliore amico di un fotografo? Il suo treppiede ovviamente. Tenere la fotocamera ferma è essenziale per ottenere scatti nitidi e non mossi, quindi a meno che non abbiate delle braccia ferme come quelle di un manichino, un cavalletto vi diventerà indispensabile per ottenere scatti privi di micromossi.

Ma qual è a questo punto il miglior cavalletto fotografico?

Scegliere un buon treppiede per reflex non è per nulla semplice, ne esistono talmente tanti ormai sul mercato che è normale non capire cosa si sta scegliendo, ma come ben sai, adoro aiutare i fotografi e per questo ho scelto di renderti la vita più semplice con una selezione dei migliori modelli e la guida all’acquisto delle caratteristiche più importanti che devi controllare.

Con questo articolo proverò a menzionarti le differenze dei treppiedi esistenti in modo che tu possa trovare subito quello adatto alle tue esigenze, perché devi sapere che non esiste “il migliore treppiede fotografico del mondo” ma c’è quello più adatto alle tue esigenze.

A cosa serve un treppiede?

Iniziamo proprio dal principio e capiamo a cosa serve un treppiede e capiamo se ne hai bisogno.

In breve, un treppiede ha la funzione di stabilizzare la fotocamera e di impedire all’immagine di muoversi. Ma non devi pensare che se la tua fotocamera ha uno stabilizzatore interno non ne hai bisogno, quello che ti può dare un treppiede non lo può dare nessun’attrezzatura fotografica, sopratutto se scatti a velocità molto lente.

Per esempio ti sarà indispensabile se vuoi:

E cosi via, insomma un po’ tutte le nicchie della fotografia a lunga esposizione.

Ma aspetta, detto così è semplicistico, il treppiede ti aiuterà anche a:

Quindi se ti trovi in una di queste situazioni sappi sin da subito che avere un treppiede sotto mano ti migliorerà la nitidezza delle foto e riuscirai a scattare anche a velocità molto più lente per raccogliere maggior luce.

Struttura di un treppiede

Ok, ora che hai capito il suo utilizzo devi capire anche com’è composto, la sua struttura, in modo da capire in futuro se ti si rompe o hai bisogno di agire su un pezzo di cosa stiamo parlando.

Struttura del miglior treppiede

Testa

La testa è la parte principale del treppiede, da qui si sposta la fotocamera in diverse direzioni senza dover spostare l’intero treppiede.
Ne esistono a decine di tipologie e se acquisti un treppiede a testa intercambiabile avrai la possibilità di cambiarlo in base al tipo di fotografia che stai per fare.

Questo è un consiglio che mi sento di darti se hai intenzione di utilizzare il tuo treppiede fotografico per varie tipologie, dalla fotografia sportiva ai ritratti.

Ecco i tipi di teste esistenti:

  • A sfera: Semplici da usare e molto flessibili, sono l’ideale per l’utilizzo di teleobiettivi per soggetti in movimento
  • A 3 assi: Consentono il movimento verticale ed orizzontale e sono molto utilizzati per le fotografie di architettura o macro
  • Giunto sferico con Joystick: É sempre una testa a sfera ma con una particolarità, un grilletto che ti consente di muoverti in tutte le direzioni. Comodo ed ergonomico, rende molto semplice cambiare l’obiettivo in pochi secondi. Certo sono quelli meno stabili, quindi da non utilizzare per la lunga esposizione
  • Panoramica: Consente di scattare foto a 360° e panoramiche
  • A cerniera: Permette movimenti millimetrici
  • Testa 2D: Controlla il movimento in verticale ed in orizzontale grazie ad una maniglia

Perni

Sono la parte che supporta il peso del treppiede, ne esistono di vari modelli, quelli che si adattano ai terreni più irregolari o quelli stabili adatti per la fotografia in studio.

Le gambe di solito hanno dalle 3 alle 5 sezioni, possono essere aperte e chiuse con le linguette a sgancio rapido o con un sistema di bloccaggio rotante.

Di solito il diametro per supportare attrezzature di peso medio è tra i 28 e i 38mm.

Per quanto riguarda i piedini invece, ovvero dove finiscono le gambe, possono essere realizzati in plastica, in gomma o anche in metallo per terreni più scivolosi come il ghiaccio. Ci sono anche i modelli che si possono modificare per adattarsi meglio alle superfici, ovviamente sono quelli di fascia alta.

Piastra

É l’elemento che collega il treppiede alla fotocamera e di solito si avvita direttamente al sistema sotto la fotocamera. É un sistema molto più comodo per agganciare la tua fotocamera ed evitare di doverla avvitare ogni volta.

Tipologie di treppiede fotografico

Ecco quali sono i diversi modelli che si trovano in commercio.

  • Fascia bassa: Sono treppiedi economici realizzati in plastica e non hanno parti separabili
  • Leggeri di media fascia: Progettati per essere leggeri, come per esempio i treppiedi da viaggio
  • Fascia medio alta: Sono quelli più robusti e sono progettati per tenere una maggior capacità di carico. Sono studiati per tenere i teleobiettivi.
  • Mini treppiedi: Sono piccolini, per esempio esistono i treppiedi per iphone, non supportano troppo peso e addirittura non tengono nemmeno alcune reflex.
  • Flessibili: Sono quei tripod che vedi in giro che si legano agli alberi, utili quando non c’è spazio per terra per poterli mettere comodamente
  • Monopiede: Una scelta che divide i fotografi, sono molto più maneggevoli anche se ne risente un po’ la stabilità. Guarda come si usa un monopiede se sei interessato o se ancora sei indeciso e non capisci leggi quali sono le differenze tra treppiede e monopiede.

Cosa determina la stabilità di un treppiede

Oltre che essere leggero ovviamente un treppiede dev’essere stabile, vediamo quindi cosa controllare:

  • Il peso: Più pesante è un treppiede di solito più è stabile, ma di conseguenza più difficile da trasportare. Questi di solito sono ideali per essere fissi dentro uno studio fotografico, ma se devi portarlo in giro devi prendere una via di mezzo
  • Le sezioni: Avere più di 3 sezioni influisce direttamente sulla stabilità di un treppiede
  • Diametro della gamba: Se il diametro è molto fine, questo influirà sulla stabilità, specialmente se utilizzi attrezzature pesanti. Un diametro medio di una gamba di 30cm è una buonissima via di mezzo.
  • Colonna centrale: Più estendi la colonna centrale, meno avrai stabilità. Per questo conviene prendere un treppiede già della tua altezza in modo da non doverlo allungare ogni volta e perdere stabilità.
  • Materiale: Logicamente la qualità e la durezza dei materiali sono molto importanti, come le sue finiture.

Vediamo appunto la scelta dei materiali

  • Alluminio: leggero ed economico, ma più instabile
  • Fibra di carbonio:  sono i più costosi, ma sono anche molto più leggeri dell’alluminio e molto stabili. Smorzano molto bene le vibrazioni e funzionano ugualmente bene in condizioni estreme di caldo o freddo.
  • Basalto: Condivide le caratteristiche della fibra di carbonio, tuttavia è più dura e leggera.
  • Acciaio inossidabile: sono molto pesanti, sono pensati per le apparecchiature video o per gli studi fotografici

Miglior treppiede, la classifica

Manfrotto Pixi Evo

Partiamo con un treppiede molto particolare, un Manfrotto Pixi Evo, piccolo, economico e compatto, pensato per i fotografi in viaggio per essere portato sempre nello zaino senza dare alcun fastidio.

Da chiuso ha le dimensioni di un bastone per selfie, le gambe possono essere aperte e raggiungere estensioni variabili in modo da essere impostate per le varie altezze. La testa è a sfera ma senza sgancio rapido.

Manfrotto MTPIXIEVO-RD Treppiedi da Tavolo a 2 Sezioni, Rosso
  • Mini treppiedi per DSLR entry level con lenti fino a 200 mm
  • 2 differenti angolazioni per scattare a livello del terreno
  • Possibilità di scattare in modalità ritratto
  • 2 sezioni delle gambe regolabili in 5 passi per superfici irregolari

Manfrotto Compact Advanced

Che i Manfrotto sono tra i treppiedi migliori non ci sono dubbi e questo modello è uno di quelli più acquistati in assoluto per la qualità costruttiva e il costo non esagerato.

Le gambe sono composte da 5 sezioni con chiusura a clip per regolare l’altezza del cavalletto, massima di 165 cm. Il treppiede quando è chiuso misura soli 44 cm, quindi molto portatile, nonostante il peso da 1.4kg.

La testa è a 3 vie ed è dotata di piastra a sgancio rapido.

Il Manfrotto Compact Advanced è il cavalletto fotografico da acquistare se stai cercando un buon treppiede con rapporto qualità/prezzo.

Manfrotto MKCOMPACTADV-BK Treppiede Serie Compact con Testa Tre...
  • Controlli indipendenti per bloccare i movimenti separatamente
  • Compatto e facile da trasportare
  • Ottimo anche per la fotografia generale
  • Borsa da trasporto imbottita inclusa per la portabilità

Joby Gorillapod 5K

I Gorilla sembrano essere passati di moda, ma comunque possono essere utilizzati in molti modi, montati sui tubi, sulle colonne, sui pali della luce e proprio questa loro versatilità li rende molto venduti dai fotografi alle prime armi.

La testa a sfera può essere orientata e tiene fino ad un massimo di 5kg. Molto portatile con il peso inferiore al chilo, con soli 739 grammi.

Il Joby Gorillapod 5K è senza dubbio il miglior cavalletto flessibile presente sul mercato.

JOBY Kit Gorillapod 5K, Treppiede Flessibile Professionale con...
  • Gambe flessibili e testa per fissare la fotocamera quasi ovunque
  • Struttura in alluminio anodizzato per un movimento scorrevole
  • Testa a sfera 5k con piastra rapida compatibile arca-swiss
  • Ghiere e piedini in gomma per stabilità sul terreno
  • Ghiere e piedini in gomma per stabilità sul terreno

Manfrotto MKCOMPACTACN-BK 

É un treppiede manfrotto con testa ibrida, costo ottimo e leggero e molto stabile.

Manfrotto MKCOMPACTACN-BK Treppiede con Borsa, Testa Ibrida per...
  • Piastra Quick Release circolare per un setup ottimo
  • Selettore foto/video per cambiare la modalità
  • Compatto e facile da trasportare
  • Disponibile in 3 colorazioni differenti

Manfrotto MK055XPRO3

Manfrotto Kit Treppiede a 3 Sezioni con Testa su 3 Assi in...
  • PROFESSIONALE: Il kit comprende un treppiede a 3 sezioni e una testa Pro con piastra a sgancio rapido. Un kit completo e facile da usare che durerà nel...
  • VERSATILE: Grazie alla colonna a 90° il treppiede può passare dall'orientamento verticale a quello orizzontale, senza smontare la fotocamera
  • SICURO: Grazie al sistema di bloccaggio Quick Lock, che apre le gambe del treppiede in un solo movimento e controlla ogni sezione, il kit garantisce...
  • MASSIMA PRECISIONE: Il selettore Leg Angle consente di preselezionare l'angolo delle gambe e la bolla di livellamento incorporata può essere spostata per...
  • COMPATIBILE: La parte superiore della corona è dotata di un connettore Easy Link compatibile con vari accessori, come luci LED, flash, riflettori, o con...

Qual è allora il treppiede per reflex che ti piace di più? Voglio sentire la tua opinione nei commenti!

Ho fondato Fotografia Moderna nell'estate del 2015 per dare una nuovo volto alla community di fotografi italiani. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raccogliere più di 1 Milione di visitatori nel 2019 e quasi 2 Milioni di utenti nel 2020. Cerco sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, mi diverto a fare recensioni di attrezzature fotografiche, lezioni e consigliare con le guide all'acquisto alle migliori alternative sul mercato.