La vera storia dietro “La Ragazza Afgana” di Steve McCurry

La vera storia di uno degli scatti più iconici della storia, una foto di Steve McCurry "La Donna Afgana"

0
45
La storia della ragazza afgana di Steve McCurry

L’articolo è tratto da Steve McCurry Untold di Phaidon pubblicato di recente : e The Stories Behind the Photographs , l’unico libro che racconta le affascinanti storie dietro le fotografie più iconiche di McCurry.

Le storie dietro le fotografie. Ediz. illustrata
102 Recensioni

Poche persone conoscono il nome di Sharbat Gula, ma la sua immagine è immediatamente familiare. La fotografia di Steve McCurry del giovane rifugiato, scattata anni prima ancora che imparasse il nome del suo soggetto, è arrivata a riassumere la tragedia dell’Afghanistan e la dignità del suo popolo di fronte alla guerra e all’esilio. 

L’immagine, conosciuta semplicemente come The Afghan Girl, o anche detta “La donna afgana” alla fine divenne la fotografia più riconosciuta nella storia della rivista National Geographic, dopo essere apparsa sulla copertina nel giugno 1985.

Il rapporto di Steve McCurry con l’Afghanistan è strettamente intrecciato con la sua carriera di fotografo. Nel 1979, il 29enne incontrò due combattenti mujaheddin nel nord del Pakistan e li accompagnò segretamente attraverso il confine per fotografare la guerra civile che si stava sviluppando in Afghanistan tra gli insorti e il governo sostenuto dai sovietici a Kabul. 

Le immagini emerse hanno lanciato la sua carriera di fotografo documentarista, i successivi viaggi nella zona di guerra afghana gli hanno portato, nel 1980, la medaglia d’oro Robert Capa per il miglior reportage fotografico. 

Nel 1982, il conflitto era una notizia di routine e McCurry era saldamente affermato nelle menti di molti editori come il fotografo preferito per coprirlo. 

Poi nel 1984, mentre viaggiava attraverso il subcontinente lavorando a progetti che riguardavano il monsone e le ferrovie indiane, la rivista National Geographic gli assegno il compito di esplorare il numero crescente di campi profughi cresciuti lungo il confine afghano-pakistano. 

Nello stesso anno si è recò nella provincia della frontiera nordoccidentale del Pakistan e da agosto a novembre esplorò molti dei circa 30 campi profughi che erano stati allestiti appena fuori Peshawar.

Steve McCurry durante le inondazioni monsoniche, Porbandar, India, 1983. © Steve McCurry / Magnum Photos via Phaidon.

Alcuni dei campi erano in funzione da anni, ma offrivano ancora poco in termini di protezione dal caldo estivo o dagli inverni gelidi. Le famiglie spesso vivevano cinque, sei o sette in una tenda o in una capanna, con miglia da percorrere per l’acqua e solo piccoli fuochi per tenerle calde. 

Tuttavia, come mostrano le immagini di McCurry, la vita andava avanti: i rifugiati turcomanni continuavano a fare tappeti tradizionali, vendendoli per le strade di Peshawar e aule temporanee venivano allestite in tende.

Nonostante questi sforzi da parte degli abitanti del campo per stabilire una routine e un senso di normalità nella loro vita quotidiana, la guerra oltre confine non è mai stata lontana. Gli ospedali istituiti dalla Croce Rossa hanno curato un flusso costante di rifugiati e un certo numero di centri di riabilitazione hanno cercato di aiutare coloro che avevano perso gli arti, di solito a causa delle mine.

Mentre McCurry girava per il campo profughi di Nasir Bagh, sentì giovani voci provenire da una tenda e si rese conto che veniva usata come scuola femminile, con una lezione in corso. Ha sbirciato dentro e ha chiesto all’insegnante se gli fosse permesso di osservare e scattare qualche foto.

Lei era d’accordo. Mentre osservava il gruppo di studenti, notò in un angolo un bambino in particolare con gli occhi penetranti. 

“Ho notato questa giovane ragazza, il cui nome ho scoperto anni dopo era Sharbat Gula. Aveva uno sguardo intenso e tormentato, uno sguardo davvero penetrante, eppure aveva solo dodici anni circa. Era molto timida e ho pensato che se avessi fotografato prima altri bambini sarebbe stata più propensa ad essere d’accordo perché a un certo punto non avrebbe voluto essere esclusa “. 

McCurry ha fotografato due ragazze, aspettando il ritratto a cui era veramente interessato. 

«Ci ​​devono essere state una quindicina di ragazze lì. Erano tutti molto piccoli e facevano quello che fanno i bambini delle scuole in tutto il mondo: correre, fare rumore e sollevare molta polvere. Ma in quel breve momento in cui ho fotografato Gula non ho sentito il rumore né ho visto gli altri bambini. È stato molto potente. ” 

La connessione era fugace. 

“Immagino che fosse curiosa di me quanto io di lei, perché non era mai stata fotografata e probabilmente non aveva mai visto una macchina fotografica. Dopo pochi istanti si alzò e se ne andò, ma per un istante tutto andò bene: la luce, lo sfondo e l’espressione nei suoi occhi “. 

L’approccio iconico di McCurry nel fotografare le persone è racchiuso in questo ritratto. Incontra i suoi soggetti faccia a faccia, abbastanza vicino da creare una connessione, per quanto fugace.

 “Mi piace lavorare con le persone, non scattare foto di nascosto. È importante stabilire un rapporto di cortesia e interesse, avvicinarsi abbastanza da guardare una persona negli occhi e parlare con lei. Gli occhi sono così espressivi; dicono così tanto su chi è una persona e cosa sta passando. Voglio che mi guardino dritto in modo che il contatto con me diventi contatto con le persone che vedranno la fotografia “. 

McCurry conosce il potere duraturo di un ritratto di raggiungere lo spettatore, di connettersi con un’altra persona attraverso il tempo e lo spazio, ma oltre a suggerire vicinanza fisica, le sue fotografie illustrano anche la maestria tecnica. 

“Mi piace lavorare con poca luce e ombre e tendo a sottoesporre per ottenere colori più ricchi e saturi. Dove c’è un’atmosfera cupa nelle mie foto, è intenzionale. Mi piace un aspetto ricco e scuro. “

Fu solo quando McCurry tornò a New York e vide la sua immagine di Sharbat Gula che si rese conto di quanto fosse forte. 

“C’è una qualità nella foto, un’ambiguità nella sua espressione, che colpisce intensamente. Non proprio un sorriso, non proprio un cipiglio, un misto di curiosità e diffidenza nei suoi occhi a cui le persone rispondono “.

L’immagine non era l’unica fotografia che McCurry ha scattato alla bambina.

 “C’era un altro frame che National Geographic avrebbe utilizzato”. 

L’editor di immagini aveva originariamente voluto pubblicare una foto di Gula che teneva su lo scialle per coprire la parte inferiore del viso, ma rivelando ancora i suoi occhi straordinari. 

Era un’immagine meno inquietante, che catturava uno spirito vivace comune ai bambini di tutto il mondo. Ma Bill Garrett, all’epoca direttore della rivista, rivedeva sempre i “secondi”, fotografie che non erano state scelte per la pubblicazione dall’editore di immagini. 

Ha detto: “Ricordo chiaramente, Steve è ora famoso La foto della ragazza afgana era nei secondi. Non appena l’ho vista, ho capito che era un’immagine straordinaria “. 

Garrett ha annullato la selezione del redattore di immagini e la fotografia di McCurry è apparsa sulla copertina. 

Garrett ricorda: “I lettori lo adoravano. La risposta è stata immediata. Steve ha scattato la foto di questa giovane ragazza una mattina in un campo profughi in Pakistan e ha creato un’immagine che ha affascinato milioni di persone in tutto il mondo. Quegli occhi verdi inquietanti guardavano fuori dalla copertina della rivista, catturando la situazione della ragazza e il nostro sguardo “.

© Steve McCurry / Magnum Photos via Phaidon.

Ci sono molte immagini nella storia della fotografia che hanno catturato l’immaginazione del pubblico e sono diventate qualcosa di più del semplice record di un momento.

 Queste fotografie si connettono con lo spettatore in un modo profondamente emotivo e hanno la capacità di continuare a farlo con ogni nuova generazione: fotografie come Death of a Loyalist Soldier di Robert Capa , 1936, Dorthea Lange’s Migrant Mother , 1936 o Che Guevara di Alberto Korda , 1960 . 

La ragazza afgana, il titolo con cui la fotografia di McCurry era conosciuta prima che il nome del soggetto fosse scoperto, ha raggiunto uno status simile. 

Per milioni di persone rappresenta la sofferenza dei bambini in guerra e le conseguenze del conflitto sulla gente comune; ma allo stesso tempo è un’immagine di resiliente bellezza, irradiata dalle spaventose condizioni in cui si è trovata.

 C’è una sottile miscela di forza e vulnerabilità nel ritratto. In un certo senso, un bambino ricambia lo sguardo di McCurry; sembra quasi sconcertata dal fatto che le sia stata scattata una foto. 

Come dice McCurry, “Le sue esatte emozioni in questa foto sono sempre state un po ‘un mistero e potresti leggere il ritratto in molti modi”. È quella molteplicità di letture – una qualità di tutte le opere iconiche – che sostiene visioni ripetute, offrendo ogni volta allo spettatore qualcosa di nuovo.

Diciassette anni dopo la sua visita ai campi profughi, McCurry è tornato con una troupe cinematografica della National Geographic Television in alcuni dei luoghi che aveva fotografato per l’articolo del 1985, con l’idea di cercare di rintracciare la ragazza afgana. 

Gli attacchi terroristici negli Stati Uniti dell’11 settembre 2001 e l’invasione dell’Afghanistan il mese successivo avevano portato una rinnovata tensione nella regione, ma nel gennaio 2002, dopo mesi di raccolta di informazioni e organizzazione di contatti, McCurry e il team arrivarono in Pakistan.

Il campo profughi vicino a Peshawar dove McCurry aveva fotografato Sharbut Gula stava per essere demolito e si sono resi conto di aver iniziato la ricerca appena in tempo. 

Hanno iniziato mostrando la fotografia agli anziani delle tribù e alle autorità del campo e, mentre si spargeva la voce, diverse donne si fecero avanti affermando di essere la ragazza nella foto, assumendo chiaramente che potrebbe esserci qualche ricompensa finanziaria coinvolta. 

“Abbiamo trovato una ragazza che la maggior parte dell’equipaggio era la ragazza afgana. Non ne ero così sicuro. I suoi occhi erano marrone scuro e gli occhi della ragazza afgana erano verdi. Poi ho ricordato la piccola cicatrice sul naso dritto della ragazza afgana, visibile nella fotografia. Il naso di questa ragazza era più corto e piatto e non aveva una cicatrice. “

Mentre la ricerca continuava, McCurry e il giornalista pakistano Rahimullah Yusufzai, che era la stessa tribù pashtun dei residenti del campo, hanno parlato con centinaia di persone. 

Hanno sentito voci che la ragazza afghana fosse morta o uccisa, e McCurry e il team erano sul punto di arrendersi quando un uomo ha affermato non solo di ricordarsi della ragazza, ma ha detto: “So dove vive suo fratello, Khashar Khan. ” Ha detto che la ragazza – ora una donna sposata – si trovava in una delle zone più pericolose dell’Afghanistan, vicino alle caverne bombardate dalle forze americane, ma ha accettato di provare a portare lei e suo fratello oltre il confine. 

Dopo un pericoloso viaggio di dieci ore, Sharbat Gula e la sua famiglia sono arrivati ​​nel piccolo villaggio dove McCurry e il team di documentari stavano aspettando.

L’usanza locale imponeva che una delle poche donne del team di produzione si incontrasse per prima. Non appena il produttore associato è entrato nella piccola stanza buia dove avrebbero dovuto parlare, ha visto gli occhi luminosi della donna e sapeva che quella era davvero la studentessa che McCurry aveva fotografato nel 1984.

Scoprì che il nome della donna era Sharbat Gula, che significa “fioraia d’acqua dolce” in Pashtu, e ha negoziato con la famiglia per permettere a McCurry di incontrarla e forse di fotografarla. 

Nonostante i sentimenti di euforia e sollievo del fotografo nel trovare finalmente il soggetto dell’immagine che per quasi 20 anni era stata una delle opere chiave della sua opera, non ha trascorso molto tempo con Sharbat Gula. 

La nostra conversazione allora fu breve e priva di emozioni. Lei si è ricordata di me perché il nostro ultimo incontro è stata l’unica volta nella sua vita in cui è stata fotografata, ed io ero forse l’unico straniero con cui fosse mai entrata in contatto. 

Quando ha visto la foto per la prima volta, era un po ‘imbarazzata dal suo scialle rosso. Un fuoco di cottura l’aveva bruciato, disse. Ho spiegato come così tante persone fossero state commosse dalla sua foto, e penso che fosse contenta, ma non sono sicuro che la fotografia o il potere della sua immagine significassero davvero così tanto per lei o fossero completamente compresi. 

Riviste, giornali, televisione non fanno parte del suo mondo. I suoi genitori erano stati uccisi e lei aveva vissuto una vita molto segreta; non aveva davvero alcun contatto con persone al di fuori di suo marito e dei suoi figli, suoceri e amici locali. Le sue reazioni all’epoca sembravano essere un misto di indifferenza e imbarazzo

McCurry ha spiegato a Sharbat Gula quanto fosse diventata famosa l’immagine originale e come un’immagine successiva avrebbe potuto aggiornare il mondo sulla continua difficile situazione dell’Afghanistan. 

Alla fine, ha accettato di essere fotografata di nuovo. McCurry ricorda di essere rimasta scioccata dal suo aspetto mentre si toglieva il velo. “Avevo ancora un’immagine di lei come una ragazzina di dodici anni, e questa era una donna di trent’anni, una che aveva vissuto una vita molto dura. 

Le persone invecchiano rapidamente nelle condizioni in cui viveva, ed è stato un po ‘sconcertante confrontare il maturo Sharbat Gula con il volto immutabile nella fotografia.

Le nuove immagini di McCurry sono apparse come una caratteristica del National Geographic e la copertina nell’aprile 2002.

Il seguito del 2002 alla storia di Gula. Immagine tramite Mashable

McCurry ha visitato l’Afghanistan numerose volte negli ultimi 30 anni da quando è stato introdotto clandestinamente attraverso il confine dai muhajadeen, e ha sviluppato una profonda comprensione delle difficoltà che la nazione deve affrontare. 

“Quando visiti un luogo così tante volte, non puoi fare a meno di vedere i problemi e vuoi richiamarli all’attenzione del mondo, anche se è solo un gesto nominale.” 

La sua immagine della ragazza afgana ha contribuito a farlo. Inoltre, McCurry pensava solo che Sharbat Gula, il soggetto di uno dei quadri più iconici della fine del XX secolo, dovesse ricevere una ricompensa, sebbene né lei né la sua famiglia facessero menzione del denaro. 

Lui e National Geographic aiutò a organizzare cure mediche immediate per suo marito e i suoi tre figli e, su richiesta di Sharbat Gula, acquistò una macchina da cucire mentre era lì, in modo che sua figlia potesse apprendere un’abilità preziosa. 

“Le ho detto chiaramente che volevamo prendere provvedimenti per aiutarla.” Nel corso degli anni, McCurry ha fornito assistenza a Sharbat Gula e alla sua famiglia in vari modi e il National Geographic ha finanziato il viaggio di lei e di suo marito alla Mecca durante l’hajj. 

Questo era il suo sogno di una vita e senza quella foto non sarebbe mai successo. È stata una bella sensazione poterle finalmente restituire qualcosa. “

McCurry ha visto anche l’opportunità di aiutare su scala più ampia. “Dopo aver riscoperto la ragazza afghana, c’è stato un rinnovato interesse per la foto originale e per la difficile situazione di Sharbat Gula. Ho sentito che era un’opportunità per entrare in contatto con gli altri per portare un po ‘di aiuto alle persone della zona “. 

National Geographic ha deciso di creare The Afghan Girl’s Fund, che ha lavorato con organizzazioni senza scopo di lucro per fornire opportunità educative per ragazze e giovani donne afghane; nel 2008 il campo di applicazione è stato ampliato per includere i ragazzi e il nome è stato cambiato in The Afghan Children’s Fund. 

Quando guardo negli occhi i bambini afgani vedo un popolo duro, cordiale, pieno di dignità e forza d’animo. La vita è dura e spietata, ma accettano le sfide con resilienza e senso dell’umorismo. La mia speranza per loro, e per i bambini di qualsiasi parte del mondo, è un’istruzione primaria solida e un’assistenza sanitaria adeguata. Ogni bambino ha diritto a queste due cose fondamentali “.

Uno sguardo all’interno di Steve McCurry Untold , che mostra il ritratto del 2002 di Sharbat Gula con suo figlio.


Da quel primo incontro nel 1984, la ragazza afgana ha continuato ad affascinare.

“Riceviamo ancora molte lettere”, dice McCurry, “oltre a dipinti e disegni basati sull’immagine. La gente ha voluto mandarle soldi o vestiti; alcuni volevano persino sposarla. Quasi ogni giorno dalla pubblicazione di questa foto abbiamo ricevuto richieste per il suo utilizzo in vari modi, o da persone che volevano contattarla. ” 

Perché un’immagine diventi iconica, deve parlare direttamente allo spettatore e offrire una connessione sia individuale che universale. 

A questo proposito, la ragazza afganaera sempre più di una semplice fotografia di una giovane studentessa. Riguardava la lotta di una nazione in guerra e la vita della sua gente, e nella sua profondità simboleggia l’approccio di McCurry alla fotografia nel suo insieme. 

Come ha osservato una volta Antony Bannon, Direttore dell’International Museum of Photography and Film, a Rochester, New York: “L’immagine è l’emblema della carriera di McCurry ed è coerente con il suo obiettivo di fotografo documentarista: rappresentare attraverso le vite degli altri preoccupazioni che sono universali e commentano la condizione umana “.

Questo splendido articolo è una libera traduzione di un articolo di Artspace.com, trovi il link tra le fonti qui sotto.

Altri articoli su Steve McCurry

FONTEArtSpace
Ho fondato Fotografia Moderna nell'estate del 2015 per dare una nuovo volto alla community di fotografi italiani. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raccogliere più di 1 Milione di visitatori nel 2019 e quasi 2 Milioni di utenti nel 2020. Cerco sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, mi diverto a fare recensioni di attrezzature fotografiche, lezioni e consigliare con le guide all'acquisto alle migliori alternative sul mercato.