HomeLezioni di FotografiaCulturaQuesta foto di 112 anni potrebbe mostrare l'Iceberg che affondò il Titanic?

Questa foto di 112 anni potrebbe mostrare l’Iceberg che affondò il Titanic?

La fotografia di quello che potrebbe essere l’iceberg responsabile del disastro marittimo più famoso della storia moderna, il naufragio del Titanic, è emersa recentemente e ora è messa all’asta. Si ritiene che l’immagine, scattata nelle ore gelide del mattino del 15 aprile 1912, catturi l’esatto iceberg che causò l’affondamento della nave, un evento tragico che risultò nella perdita di oltre 1.500 vite.

La foto fu scattata da John Snow Jr., un becchino della Nuova Scozia, appena due giorni dopo il tragico evento. Snow Jr. era a bordo della nave CS MacKay-Bennett come capo imbalsamatore per la ditta funebre John Snow & Co. La sua nave era stata inviata per recuperare i corpi dei passeggeri annegati, lavoro che iniziò il 16 aprile 1912, il giorno dopo che il Titanic impiegò quasi tre ore a inabissarsi definitivamente nelle acque fredde dell’Atlantico.

Delle 2.200 persone a bordo, solo 710 sopravvissuti furono salvati all’alba del giorno successivo dalla Carpathia, una nave di linea della Cunard, che fu la prima ad arrivare in soccorso. Nel corso delle operazioni di recupero, Snow Jr. riuscì a scattare una piccola fotografia, misurante 3 pollici per 5, di un frammento di iceberg che galleggiava nelle vicinanze.

Nonostante le dimensioni ridotte dell’iceberg nella foto, si presume che la sua parte sommersa fosse molto più estesa. Snow Jr. incorniciò successivamente questa fotografia, aggiungendovi la semplice didascalia “Titanic”, un gesto che ha immortalato un pezzo di storia marittima.

Il ghiacciaio che ha affondato il Titanic

Realisticamente, sarebbe stato difficile per Snow Jr. avere la certezza che l’iceberg fotografato fosse effettivamente quello responsabile del disastro del Titanic. Durante la tragica notte del 14 aprile, mentre il Titanic navigava attraverso le acque gelide del Nord Atlantico, attraversò un vasto campo di iceberg esteso per circa 98 chilometri, fino a quando non fu fatalmente colpito da uno di questi.

Le testimonianze dell’equipaggio del Carpathia e dei sopravvissuti del Titanic indicano che numerosi iceberg erano visibili in quella regione dell’oceano al sorgere del sole il giorno successivo. Anche se la nave di Snow Jr. fosse arrivata esattamente nel punto del naufragio, ciò non esclude la possibilità che l’iceberg incontrato fosse diverso da quello che aveva colpito il Titanic, a causa delle correnti marine che potrebbero aver spostato gli iceberg nella zona.

Nonostante ciò, l’antichità e il contesto della fotografia, scattata proprio nel luogo e subito dopo il naufragio, potrebbero facilmente infiammare l’immaginazione storica del pubblico e attribuirle un notevole valore.

Questo spiega perché la fotografia, passata di generazione in generazione nella famiglia Snow prima di essere venduta circa 30 anni fa a un collezionista di cimeli del Titanic, è ora all’asta. L’asta è gestita da “Henry Aldridge & Son Auctioneers of Devizes” in Wiltshire, Regno Unito, che stima che l’immagine possa essere venduta per un prezzo tra i 5.000 e gli 8.500 dollari. Le offerte attuali si attestano poco sotto le 2.500 sterline inglesi e l’asta rimarrà aperta fino al 27 aprile.

Andrew Aldridge, uno dei titolari dell’asta, ha confessato al quotidiano britannico The Mirror che “nessuno può dire con certezza che questo fosse l’iceberg che affondò il Titanic”. Tuttavia, ha aggiunto: “Ma quello che possiamo dire è che dopo la nave di salvataggio Carpathia, la Mackay-Bennett è stata una delle prime navi a raggiungere il luogo del relitto e che l’impresario di pompe funebri a bordo ha deciso di scattare una foto di questo iceberg. Deve aver avuto le sue ragioni per scattare una foto di questo iceberg, lo intitolò ‘Titanic’ e lo montò per i posteri”.

Proprio questa circostanza conferisce alla fotografia un valore potenziale così significativo. La sua precisa provenienza storica e il momento della tragedia offrono spazio sufficiente per la credenza e un tocco di morbosa meraviglia.

Alessio Fabrizi
Alessio Fabrizi
Alessio, fondatore di Fotografia Moderna dal lontano 2015 con l'obiettivo di creare una community unita di fotografi italiani. Cerco sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, mi diverto a fare recensioni di attrezzature fotografiche e consigliare con guide all'acquisto le migliori alternative sul mercato. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raggiungere più di 1 milione di appassionati ogni anno finendo per essere un lavoro a tempo pieno dove ogni giorno impiego il mio tempo per cercare notizie o migliorare il sito.
ALTRI ARTICOLI

Lascia un commento

Scrivi qui il tuo commento
Aggiungi il tuo nome qui

ULTIMI ARTICOLI