HomeNews FotografiaMary Ellen Bartley al Museo Morandi di Bologna

Mary Ellen Bartley al Museo Morandi di Bologna

“Morandi’s Books” di Mary Ellen Bartley rappresenta la prima mostra personale in Italia della fotografa americana, allestita presso il Museo Morandi sotto l’egida dei Musei Civici di Bologna.

La mostra

Mary Ellen Bartley: Morandi’s Books
DoveMuseo Morandi, via Don Giovanni Minzoni 14, Bologna
QuandoFino al 7 luglio 2024
OrariMartedì e mercoledì dalle 14 alle 19. Giovedì dalle 14 alle 20. Venerdì, sabato, domenica, festivi dalle 10 alle 19.
Ingresso6 euro intero; 4 euro ridotto. Previste altre riduzioni
Infowww.mambo-bologna.org/museomorandi/

Parte degli special projects della dodicesima edizione di Art City Bologna in occasione di Arte Fiera 2024, l’esposizione è visitabile fino al 7 luglio. Il museo, che custodisce la più vasta raccolta pubblica delle opere di Giorgio Morandi, offre il contesto ideale per questa mostra.

Le opere di Mary Ellen Bartley indagano e danno nuova interpretazione all’arte di Giorgio Morandi, celebrando il 60° anniversario dalla sua scomparsa attraverso un dialogo con i linguaggi dell’arte contemporanea. Le fotografie di Mary Ellen Bartley presso il Museo Morandi di Bologna
Mary Ellen Bartley è rinomata per le sue fotografie che indagano le proprietà tattili e visive dei libri stampati, esplorando il loro potenziale astratto. Parte del suo lavoro si svolge in biblioteche e archivi, dove sviluppa progetti ispirati dalle collezioni e dagli ambienti in cui si immerse.

Durante una residenza artistica a Bologna, iniziata nel maggio 2020 presso Casa Morandi e interrotta a causa della pandemia di Covid-19, per poi riprendere nel 2022, Bartley ha creato le 21 fotografie esposte in due sale del Museo Morandi.

“Morandi’s Books” nasce da questa esperienza: una serie di composizioni fotografiche che includono libri e oggetti appartenuti a Morandi, conservati nella sua casa-museo. Attraverso le mani di Bartley, volumi dedicati a Corot, Ingres, Piero della Francesca, Rembrandt e Cézanne – maestri ammirati da Morandi – diventano protagonisti silenziosi delle sue composizioni, affiancati talvolta da oggetti e scatole di latta, estratti dalla polvere dello studio dell’artista e reintrodotti in uno spazio fotografico che ne esalta dignità estetica e valore formale.

L’esposizione è arricchita da un video, realizzato dalla stessa Bartley, che narra l’incontro con le opere e i libri di Morandi, descrivendo l’esperienza vissuta e l’approccio adottato per la realizzazione del progetto.

Nella sua pratica artistica, Bartley ha onorato elementi quali la luce, i colori e le forme geometriche, elementi fondamentali nell’opera di Morandi, per evocare e accentuare concetti ormai fragili nel contesto sociale odierno quali la semplicità, il silenzio, la pace, l’ordine, la meditazione e la riflessione. Giorgio Morandi e Mary Ellen Bartley rappresentano due figure artistiche separate dal tempo e dalla diversità dei mezzi espressivi, tuttavia congiunte nella loro comune ricerca dell’essenzialità e nella valorizzazione delle cose semplici.
Attraverso le sue fotografie, Bartley ha saputo reinterpretare alcuni degli elementi iconici di Morandi – come bottiglie, scatole, vasi, tazze e altri oggetti quotidiani – conferendo loro un nuovo ruolo nelle sue composizioni, spogliandoli del loro significato convenzionale per lasciar emergere la loro pura essenza.

Alessio Fabrizi
Alessio Fabrizi
Alessio, fondatore di Fotografia Moderna dal lontano 2015 con l'obiettivo di creare una community unita di fotografi italiani. Cerco sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, mi diverto a fare recensioni di attrezzature fotografiche e consigliare con guide all'acquisto le migliori alternative sul mercato. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raggiungere più di 1 milione di appassionati ogni anno finendo per essere un lavoro a tempo pieno dove ogni giorno impiego il mio tempo per cercare notizie o migliorare il sito.
ALTRI ARTICOLI

Lascia un commento

Scrivi qui il tuo commento
Aggiungi il tuo nome qui

ULTIMI ARTICOLI