Recensione BenQ PD2700U: Perfetto per i fotografi

Il monitor BenQ PD2700U è sicuramente uno dei migliori schermi per i fotografi, vediamo tutte le caratteristiche in questa recensione.

0
262
Recensione BenQ PD2700U

Sei in cerca di un monitor per fotografi ma ancora non ne hai trovato uno? Il BenQ PD2700U è in assoluto uno dei monitor preferiti per la fotografia, una qualità di resa dei colori straordinaria e una nitidezza dei dettagli perfetta per chi lavora in post-produzione. In questa recensione vedrai perché ti consiglio di acquistare il BenQ PD2700U se vuoi il massimo per rapporto qualità/prezzo.

Un monitor professionale per chi lavora con i colori e l’editing in generale, una grandezza da 27 pollici con una risoluzione massima da 4k. Vogliamo chiedere altro? Inizialmente non pensavo potesse essere così fedele come letto nelle altre recensioni sul web ma una volta provato il monitor con i miei stessi occhi, ho potuto confermare tutti i pareri letti in giro.

Sicuramente è uno dei migliori monitor per fotografi, ma a questo punto per le sue caratteristiche è ideale anche per chi lavora di grafica o di video-editing.

Fa parte della serie PD, ovvero la serie creata apposta dalla BenQ per i fotografi, grafici e designer e tutte le sue caratteristiche sono rivolte a questo tipo di pubblico. Come per esempio il supporto del 100% della gamma cromatica sRGB, fondamentale per chi ha bisogno di sfruttare tutte le sfumature dei colori.

Ma vediamo nel dettaglio le sue caratteristiche tecniche

Scheda Tecnica BenQ PD2700U

  • Risoluzione: 3840×2160 pixel
  • Dimensione: 27 pollici aspect ratio 16:9
  • Tecnologia pannello: IPS con retroilluminazione a LED
  • Luminosità: 350 cd/㎡
  • Contrasto nativo: 1300:1
  • Angolo di visione: 178/178
  • Tempo di risposta: 5 millisecondi
  • Frequenza di aggiornamento: 60Hz
  • Gamma cromatica: 100% sRGB/Rec. 709
  • Supporta lo standard HDR10

Passiamo ora dopo l’aspetto tecnico alla parte estetica.

Calibrazione del monitor BenQ

Il design e la qualità dei materiali

Parliamoci chiaro, anche l’occhio vuole la sua parte e trovare delle cornici molto sottili con finitura opaca è sempre meglio che un monitor vecchio stile che stimola anche poco creativamente.

Molto facile da montare, sono solo 3 pezzi come tutti i monitor (basetta, sostegno e schermo). Un lato positivo è il sostegno che si infila dietro lo schermo molto facilmente e si chiude la vite di sicurezza a mano libera senza bisogno di cacciaviti.

Si può regolare in altezza e l’inclinazione, con un grado di rotazione orizzontale di 45% per lato, molto utile perché in caso di foto verticali si può girare come schermo verticale per trovarsi al massimo delle possibilità con il software di editing.

Rotazione monitor BenQ PD2700U

Compatibilità e connettività

Ci sono molte possibilità di collegare il monitor, c’è un’entrata HDMI 2.0, una DisplayPort 1.2 e una mini DisplayPort 1.4. Infine quattro classiche porte USB tipo A e due prese USB tipo B.

Da sottolineare le molteplici prese USB per avere tutte le periferiche collegate a portata di mano. L’ingresso dei cavi è situato verso il basso come ogni monitor e si collegano facilmente alla scocca del monitor.

Ma andiamo a vedere ora la recensione approfondita.

Connettività monitor BenQ PD2700U

Recensione del BenQ PD2700U

La caratteristica che contraddistingue questo modello dagli altri monitor BenQ è la qualità dei colori, ricca di sfumature e completa nella gestione del colore. Una gamma cromatica del 100% sRGB già calibrato correttamente dalle impostazioni di fabbrica evitando così calibrazioni del monitor manualmente o con particolari strumenti per la calibrazione.

Comunque all’interno della confezione arriva un foglio con tutti i dettagli tecnici della calibrazione se si vogliono salvare nelle preferenze delle personalizzazioni particolari. Comunque sia all’interno del menu del monitor ci sono sempre le classiche opzioni predefinite per personalizzare il monitor.

Modalità adatta ai fotografi

Un esempio è la modalità CAD/CAM dove si aumentano i contrasti in modo automatico (buona per le fotografie paesaggistiche perché si evidenziano i piccoli dettagli) o la modalità Animazione dove si possono notare quasi tutte le sfumature della luce. Le modalità Darkroom e HDR sono pensate apposta per i fotografi per le loro caratteristiche.

Modalità BenQ PD2700U

Ti voglio dare un consiglio, se lavori in post-produzione con Photoshop o Lightroom utilizza lo spazio colore sRGB.

Possiede anche la classica impostazione DualView per vedere due diverse modalità di colore nello stesso momento.

Si possono collegare due monitor contemporaneamente utilizzando l’uscita DisplayPort se devi fare delle lavorazioni di editing elaborate ed hai bisogno di avere costantemente due fotografie accanto, ma puoi fare anche il contrario grazie alla funzione KVM Switch, ovvero visualizzare due diversi PC su un singolo monitor utilizzando solo un monitor e una tastiera.

Molto utile quest’ultima funzione per chi ha poco spazio fisico sulla propria postazione di lavoro. Davvero un ottimo monitor, che insieme al BenQ SW320 formano i prodotti di punta della BenQ.

A livello medico ha fatto dei grossi passi avanti con le tecnologia Eye-Care, Flicker-Free e Brightness Intelligence, tutte dedicate all’affaticamento della vista dell’utente migliorandone la produttività e sopratutto la sofferenza visiva nel caso di utilizzo prolungato.

Spazio colore del monitor BenQ

Problemi del BenQ PD2700

Ma dobbiamo essere obiettivi in questa recensione e menzionare anche i problemi di questo monitor, che per fortuna non ne ha molti.
Il più fastidioso è sempre quello che hanno tutti gli schermi da 27 pollici da 4K, ovvero lo scaling dei mezzi pixel.

Se si imposta la risoluzione a 3840×2160 e uno scaling del 100% i testi e le icone si vedono davvero molto piccole, ma è inevitabile. Si può sempre ricorrere all’aumentare lo scaling a 200%-300% ma le icone subiscono diversi problemi sulla gestione dei pixel e sembrano un po’ smangiucchiate.

Questo succede perché i software che lavorano con i pixel lavorano con numeri interi e se hai un bottone da 3×3 con lo scaling al 150% il bottone diventa 4,5×4,5.

Certo son problemi di UX Esperience più che problemi tecnici ma è doveroso menzionarli. Certo che se non sei un precisino sotto questi aspetti è un problema tranquillamente superabile. Oppure si può superare ancora più facilmente, basta impostare una risoluzione più bassa come per esempio 2560×1440.

Oppure la soluzione ancora più efficace è quello di acquistare un monitor da 32 pollici, stesse caratteristiche e le icone e i testi con lo scaling al 100% su vedono perfettamente.

A parte questo piccolo problema le mie opinioni sul BenQ PD2700U possono essere solo che positive e lo consiglio a tutti i fotografi che stanno cercando un monitor come si deve.

BenQ PD2700Q Monitor per Designer, 27 Pollici QHD, 2560 x 1440...
196 Recensioni
BenQ PD2700Q Monitor per Designer, 27 Pollici QHD, 2560 x 1440...
  • Monitor 27 pollici, risoluzione QHD, 2560 x 1440
  • 100% Rec 709 e sRGB con tecnologia IPS
  • Funzione DualView che permette la divisione in due dello schermo
  • Tre modalità di visualizzazione: Darkroom, CAD/CAM e Animation
  • Software Display Pilot che permette di preimpostare diverse modalità di visualizzazione da abbinare ai software usati frequentemente
BenQ PD3200Q Monitor per Designer 32 Pollici QHD, Modalità...
196 Recensioni
BenQ PD3200Q Monitor per Designer 32 Pollici QHD, Modalità...
  • Copertura al 100% degli spazi colore sRGB e Rec.709 grazie al pannello VA
  • Funzione DualView, mostra sullo schermo immagini affiancate con diverse modalità di visualizzazione (es. sRGB e CAD/CAM) senza la necessità di avere due...
  • Modalità di visualizzazione Darkroom, CAD/CAM e Animation
  • Regolabile in altezza, pivot e sensore eco
  • Tecnologia Eye-Care, il flicker free e low blue light proteggono gli occhi dell'utilizzatore

Guarda gli altri monitor BenQ:

Fotografia Moderna, fondata nell'estate del 2015 è riuscita a dare un nuovo volto alla community fotografica italiana. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raccogliere più di 1 Milione di visitatori nel 2018 e quasi 2 Milioni di utenti nel 2019. Cercheremo di superare ogni record in questo 2020! Cerchiamo sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, ci divertiamo a fare recensioni di attrezzature fotografiche, lezioni e consigliare con le nostre guide all'acquisto alle migliori alternative sul mercato.