HomeAttrezzatura FotograficaFotocamere CompatteSony ZV-1F Recensione: Vlog e semplicità!

Sony ZV-1F Recensione: Vlog e semplicità!

La Sony ZV-1F è una versione più economica della ZV-1 ma entrambe sono videocamere compatte per vlogging progettata per i creatori di contenuti, rivolte ai possessori di smartphone che desiderano una videocamera professionale senza spendere una fortuna, la ZV1F sembra molto simile al suo fratello più costoso, con alcune importanti differenze per aiutarlo a raggiungere un prezzo più basso.

In primo luogo, il nuovo modello ha un obiettivo a lunghezza focale fissa 20mm f/2, invece dell’obiettivo zoom 24-70mm f/1.8-2.8 che si trova sullo ZV-1F. Ciò offre utilmente un angolo di visione più ampio che lo rende ancora più adatto per vlogging e selfie, ma perde la versatilità extra di uno zoom.

Entrambe le fotocamere offrono una risoluzione di 20 megapixel dai loro sensori relativamente grandi da 1 pollice (13,2 mm x 8,8 mm), ma la ZV-1F ha un sensore diverso che supporta solo la messa a fuoco automatica con rilevamento del contrasto (425 punti), piuttosto che la fase ibrida. /sistema AF di rilevamento del contrasto trovato nello ZV-1F.

Ci sono diverse caratteristiche che mancano allo ZV-1F rispetto allo ZV-1, in particolare nessuna stabilizzazione ottica, nessun supporto di file RAW per immagini fisse (solo JPEG) e nessun filtro ND integrato.

Per il resto, le due fotocamere sono molto simili, condividendo entrambe le stesse dimensioni compatte, una presa per microfono, un hot-shoe sulla parte superiore, uno schermo che si apre lateralmente, riprese video 4K/30p, batteria NP-BX1 e capacità per girare gli stessi profili immagine video dei suoi fratelli maggiori della serie A7.

Caratteristiche Sony ZV-1F

Quando si considera la Sony ZV-1F è importante capire esattamente per chi è. In un mondo di storie di Instagram, YouTube e TikTok, Sony ha creato una fotocamera progettata per attrarre i creatori che desiderano maggiore qualità e flessibilità rispetto a quelle che otterrebbero scattando con uno smartphone o una action cam.

Fianco a fianco, la ZV-1F sembra una versione leggermente gonfia della popolare fotocamera RX100; è uno o due millimetri più grande in ogni dimensione, il che accentua i bordi arrotondati della fotocamera.

Tieni la ZV-1F per la prima volta e un altro importante cambiamento diventa evidente: ha un corpo in plastica o policarbonato, in contrasto con il design interamente in metallo più premium dell’RX100.

Ancora una volta, questo è stato fatto per contenere il costo della fotocamera, ma in mano il corpo sembra abbastanza solido. Tutti i componenti si incastrano molto bene insieme, non ci sono scricchiolii o giunti dall’aspetto debole, con tutto molto ben progettato e assemblato.

Obiettivi e zoom

La ZV-1F potrebbe non avere un obiettivo zoom, ma ciò non ha impedito a Sony di incorporare quello che hanno definito uno zoom graduale controllato dal tocco sia per le foto che per i video.

Con un semplice tocco dell’icona ZOOM sul pannello LCD, è possibile selezionare l’opzione 1.0x/1.5x/2.0x/4.0x. Questo utilizza una combinazione di Clear Image Zoom di Sony e zoom digitale per cambiare rapidamente l’angolo di visione.

La parte posteriore della fotocamera è quasi identica alla serie RX100 e alla ZV-1, con la familiare ghiera di controllo direzionale posizionata attorno a un pulsante di selezione centrale. Attorno a questo si trovano altri 4 pulsanti per accedere alle funzioni utilizzate regolarmente.

Ciò che è cambiato è il posizionamento del pulsante di registrazione video. Questo è passato dall’essere un pulsante piccolo, difficile da premere, in alto a destra nella parte posteriore dell’RX100, ad essere molto più grande e occupare una posizione molto più prominente sulla piastra superiore dello ZV-1F.

Questa differenza consente anche alla ZV-1F di avere un’impugnatura gommata per il pollice molto più grande e molto gradita sul retro che rende più facile l’utilizzo con una sola mano a distanza di un braccio.

Schermo lcd

Infine sul retro c’è lo schermo LCD da 3 pollici e 921.000 punti. Questo è incernierato sul lato della fotocamera e offre una rotazione di 180 gradi, il che significa che può essere ripiegato lateralmente, quindi capovolto in avanti per vlogging o autoritratti (o selfie come sono ora conosciuti), oltre a poter per ripiegare lo schermo nel corpo della fotocamera per offrire protezione quando si desidera semplicemente portare la fotocamera sciolta in una borsa o in tasca.

L’uscita HDMI consente la registrazione video esterna che ti consentirà di spremere ogni minimo dettaglio dal sensore da 1 pollice, sebbene il collegamento di qualsiasi tipo di dispositivo esterno vanifichi il punto in cui si tratta di una piccola videocamera per vlogging. Tuttavia, è un’opzione utile da avere se non altro per riprodurre video o immagini direttamente dalla fotocamera.

Connettività

La presa USB Type-C (USB 2.0) consente di fornire alimentazione sia per mantenere la ZV-1F in funzione con una batteria installata, sia per caricare la batteria quando la fotocamera non è in uso. Questo è un gradito aggiornamento rispetto alla porta Micro USB piuttosto antiquata che si trova sullo ZV-1.

Oltre ad essere più veloce, consente allo ZV-1F di agire come un’altra interfaccia audio per la fotocamera, consentendo di utilizzare le cuffie, proprio come ha fatto Fujifilm con le sue fotocamere X-T3 e X-T4.

È una caratteristica estremamente utile dato che le batterie NP-BX1 sono piuttosto piccole e a coloro che intendono girare video si consiglia di acquistarne qualcuna in più o di avere un powerbank disponibile in standby.

È possibile utilizzare il microfono stereo Sony ECM-XYST1M, con l’audio inviato attraverso la Multi Shoe anziché richiedere un cavo da 3,5 mm da collegare al lato della fotocamera.

Un altro cambiamento dall’RX100 allo ZV-1F è la rimozione del quadrante “Mode”, che è stato sostituito con un pulsante Mode accanto al pulsante di accensione della fotocamera.

Pulsanti ed ergonomia

Questo può sembrare un grande cambiamento, ma conoscendo il comportamento dei fotografi si tratta di un quadrante usato raramente che sarà in gran parte impostato nella stessa posizione a seconda della modalità preferita del fotografo. Ci vogliono un secondo o due in più per cambiare modalità usando il pulsante, ma certamente non è un rompicapo.

Oltre all’interruttore di controllo dell’otturatore e dello zoom, la piastra superiore vede anche l’aggiunta del pulsante di registrazione video. Questo è molto più grande del piccolo pulsante che si trova sulle fotocamere RX100 ed è contrassegnato da un anello rosso per identificarlo facilmente rispetto al pulsante di scatto.

Infine in alto c’è il pulsante Background Defocus. Per i vlogger lo scopo di questo pulsante è passare dallo sfondo sfocato a quello chiaro. In termini fotografici cambia l’apertura tra la più grande disponibile (f/2) e f/5.6.

È un pulsante utile da avere a disposizione per i video, ma anche per la fotografia è qualcosa che useremmo per cambiare l’apertura molto velocemente.

Con la mancanza di una ghiera modalità e della ghiera di controllo dell’obiettivo, ci vuole un po’ più di tempo per passare da alcune delle impostazioni della ZV-1F rispetto a una fotocamera della serie RX100.

Per fortuna il pulsante funzione sul retro della fotocamera funziona esattamente come sulle fotocamere della serie RX100 e A7, quindi puoi usarlo per accedere rapidamente alle funzioni di cui avrai più bisogno, come il bilanciamento del bianco, Picture Style e il Impostazioni AF.

Il pulsante “Cestino” funge anche da pulsante personalizzato “C2”, che per impostazione predefinita è impostato per accedere alla modalità Vetrina prodotti. Questa è una speciale modalità di messa a fuoco automatica che avvisa la fotocamera di spostare la messa a fuoco dal volto di una persona a un oggetto che potrebbe essere tenuto davanti alla fotocamera.

Questa è una tecnica popolare di YouTube per quando si desidera mostrare un oggetto allo spettatore, ma su fotocamere con messa a fuoco automatica più lenta può lasciare la messa a fuoco fissa sul volto del presentatore con il prodotto sfocato e viceversa. La modalità Product Showcase risolve questo problema, aggiungendo un altro vantaggio per il vlogging con ZV-1F.

Il sistema di menu della ZV-1F è identico a quello delle altre fotocamere Sony, quindi gli utenti esistenti non avranno problemi a navigarlo, mentre quelli meno familiari potrebbero trovare lo strano oggetto sepolto in una posizione curiosa. Molto utile rimane l’opzione per personalizzare il menu rapido del pulsante funzione, che può avere due versioni diverse a seconda che si stiano riprendendo foto o video.

C’è anche la schermata MyMenu, dove puoi aggiungere qualsiasi altra impostazione del menu alla tua schermata del menu personalizzata, e c’è anche l’opzione per rendere questa schermata predefinita che si apre quando viene premuto il pulsante Menu.

Prestazioni Sony ZV-1F

Lo ZV-1F manca in particolare del sensore AF ibrido che utilizza fino a 315 punti di rilevamento di fase e 425 punti di rilevamento del contrasto, come si trova sulla più costosa ZV-1. Invece, ha solo un sistema di rilevamento del contrasto a 425 punti, che sebbene generalmente abbastanza scattante, non consente lo stesso livello di tracciamento del soggetto veloce e fluido supportato dall’AF a rilevamento di fase.

Tuttavia, supporta ancora EyeAF, che rileva un occhio umano non solo durante la ripresa di immagini fisse, ma anche durante la ripresa di video, e funziona molto bene. È visibilmente abbastanza veloce da seguire un occhio sullo schermo e puoi persino selezionare l’occhio su cui desideri mettere a fuoco, proprio come sulle recenti fotocamere A7.

E così via fino alla parte fondamentale della ZV-1F, le sue funzionalità video. La ZV-1F è essenzialmente come una versione in miniatura delle fotocamere della serie A7. Praticamente tutte le impostazioni video che si trovano molto più in alto nella gamma sono qui. Il video può essere registrato con risoluzione 4K fino a 30 fps, mentre Full HD può essere girato fino a 100/120 fps a seconda che si stia girando in formato PAL o NTSC.

Ci sono anche le modalità HFR in cui puoi girare a 250, 500 o 1000 fps, con riprese salvate a 25 fps per la riproduzione in super slow motion. Va notato che sebbene il video HFR venga salvato alla risoluzione Full HD 1920 x 1080, viene potenziato da una risoluzione registrata molto più piccola; nel caso di 1000 fps questo può arrivare fino a 912 x 308 pixel.

Anche il periodo di tempo in cui è possibile registrare una clip è limitato a pochi secondi a seconda della frequenza dei fotogrammi scelta e se si sceglie la modalità Qualità o Tempo. In ogni caso, è abbastanza lungo per creare affascinanti filmati in super slow motion, ma per la maggior parte degli utenti le modalità a 100 o 120 fps saranno più che sufficienti e avranno una qualità migliore.

Tutti i profili immagine sono presenti e corretti, il che significa che puoi abbinare il filmato girato con la ZV-1F con fotocamere come la A7 III, rendendolo un accompagnamento ideale per coloro che potrebbero utilizzare quelle fotocamere in più di un ambiente di studio.

È disponibile la registrazione proxy, che consente di registrare filmati con risoluzione 1280 x 720 a bassa risoluzione insieme a filmati 4K o Full HD. Questo è ottimo per coloro che potrebbero modificare video su computer più vecchi. Modifica semplicemente utilizzando i file proxy a risoluzione inferiore, quindi passa ai file 4K a piena risoluzione quando si tratta della messa a punto finale e dell’esportazione.

La funzione di filtro ND integrata che Sony ha incluso nello ZV-1 è stata tristemente omessa dallo ZV-1F. Questo filtro 3EV ti ha aiutato a scattare con aperture maggiori nelle giornate luminose, il che è estremamente utile quando si riprendono video e si cerca di attenersi alla velocità dell’otturatore che è il doppio della regola del frame rate.

Miglior prezzo

In offerta
Sony Vlog camera ZV-1F di | Fotocamera digitale (schermo orientabile, video in 4K, slow motion, funzionalità per vlog) - Nera
143 Recensioni
Sony Vlog camera ZV-1F di | Fotocamera digitale (schermo orientabile, video in 4K, slow motion, funzionalità per vlog) - Nera
  • VLOGGING IN SEMPLICITÀ: Funzioni per vlog con schermo touch orientabile, sistema Eye AF per video nitidi, funzioni per le recensioni dei prodotti e selettore bokeh per la sfocatura dello sfondo
  • VLOGGING CON STILE: L'obiettivo da 20 mm e i filtri assicurano una straordinaria qualità di registrazione video in 4K e slow motion in Full HD, per creare un'esperienza video più coinvolgente
  • QUALITÀ AUDIO STRAORDINARIA: Fai sentire la tua voce nitidamente grazie al microfono direzionale integrato (con filtro antivento incluso) o collega uno dei microfoni esterni di Sony
  • CONDIVIDI I TUOI CONTENUTI CON IL MONDO: Associa la vlog camera allo smartphone utilizzando la nuova app Imaging Edge Mobilee trasferisci clip in pochi attimi
  • UN FUTURO PIÃ SOSTENIBILE: Nel rispetto del piano ambientale Road to Zero di Sony, ZV-1F è parzialmente realizzata con materiali riciclati, e le fibre del filtro antivento sono in poliestere riciclato

Conclusione

Rispetto al modello step-up ZV-1, offre un angolo di visione più ampio e una porta USB-C più aggiornata per una ricarica e un utilizzo delle cuffie più veloci, pur essendo più semplice da usare per il suo pubblico più orientato ai principianti.

Il rovescio della medaglia, ci sono alcune notevoli differenze e omissioni che rendono lo ZV-1 molto più adatto per alcune persone, inclusa l’offerta solo di messa a fuoco automatica a contrasto piuttosto che a rilevamento di fase e la completa mancanza di stabilizzazione ottica, supporto per file RAW e filtro ND integrato sul modello più economico.

Quindi, sebbene le due fotocamere sembrino molto simili fianco a fianco, ti consigliamo di estendere il budget allo ZV-1 se te lo puoi permettere: otterrai senza dubbio molte prestazioni extra per il tuo investimento extra.

Il che non vuol dire che dovresti evitare completamente lo ZV-1F se non puoi andare oltre il suo prezzo richiesto relativamente modesto, in quanto rappresenta ancora un significativo passo avanti per molti possessori di smartphone alla ricerca di un dispositivo di vlogging più capace.

Alessio Fabrizi
Alessio Fabrizi
Alessio, fondatore di Fotografia Moderna dal lontano 2015 con l'obiettivo di creare una community unita di fotografi italiani. Cerco sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, mi diverto a fare recensioni di attrezzature fotografiche e consigliare con guide all'acquisto le migliori alternative sul mercato. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raggiungere più di 1 milione di appassionati ogni anno finendo per essere un lavoro a tempo pieno dove ogni giorno impiego il mio tempo per cercare notizie o migliorare il sito.
ALTRI ARTICOLI
ULTIMI ARTICOLI