HomePost-ProduzioneSoftwareAdobe Firefly non ruba il tuo lavoro!

Adobe Firefly non ruba il tuo lavoro!

Adobe ha annunciato Firefly , quello che definisce il primo di una nuova famiglia di modelli di intelligenza artificiale generativa (AI) incentrati sulla creazione di immagini ed effetti di testo che protegge la proprietà intellettuale dei tuoi lavori caricati online. La società afferma che Firefly è composto da più modelli che sono “su misura per servire i clienti con una vasta gamma di competenze e background tecnici, lavorando su una varietà di casi d’uso diversi”.

Non prende spunto da foto “rubate”.

Separandosi da altre IA generative, Adobe afferma che la sua piattaforma non è stata costruita sulla base di immagini rubate, invece, si vanta in particolare che Firefly è stata addestrata esclusivamente su immagini Adobe Stock, quindi contenuti con licenza aperta e contenuti di pubblico dominio in cui il copyright è scaduto.

La società afferma che Firefly si concentrerà su immagini ed effetti di testo ed è progettato per generare contenuti sicuri anche per uso commerciale.

“Le centinaia di milioni di immagini con licenza di livello professionale di Adobe Stock sono tra le migliori sul mercato e aiutano a garantire che Firefly non generi contenuti basati su proprietà intellettuale di altre persone o marchi”, “I futuri modelli Firefly sfrutteranno una varietà di risorse, tecnologia e dati di formazione di Adobe e altri. Con l’implementazione di altri modelli, Adobe continuerà a dare la priorità al contrasto di potenziali pregiudizi dannosi”, afferma Adobe.

Adobe afferma che Firefly si basa su un approccio “incentrato sul cliente” all’IA generativa ed è realizzato appositamente per avvantaggiare creatori e artisti integrando le loro competenze. Nello specifico, Adobe afferma che le richieste ai creatori di contenuti sono cresciute in modo significativo: sono raddoppiate nell’ultimo anno secondo un recente studio di Adobe. 

A tal fine, Adobe prevede di consentire agli utenti di Firefly di addestrare l’intelligenza artificiale con il materiale specifico in modo che le immagini e gli effetti generati si adattino a uno stile personale o al linguaggio del marchio personalizzandolo. Adobe sta inoltre pianificando di rendere Firefly disponibile tramite API su varie piattaforme per consentire ai clienti di integrarsi in flussi di lavoro e automazione personalizzati.

Content Authenticity Initiative di Adobe

“Adobe ha fondato la Content Authenticity Initiative (CAI) per creare uno standard globale per l’attribuzione affidabile di contenuti digitali. Con oltre 900 membri in tutto il mondo, il ruolo di CAI non è mai stato così importante“, aggiunge Adobe, parlando dei modi in cui Firefly non “ruberà” i lavori caricati online e che non è autorizzato a utilizzare.

“Adobe sta spingendo per standard di settore aperti utilizzando gli strumenti open source di CAI che sono gratuiti e sviluppati attivamente attraverso la Coalition for Content Provenance and Authenticity (C2PA) senza scopo di lucro. Questi obiettivi includono un tag universale per le credenziali di contenuto “Non addestrare” nelle credenziali di contenuto dell’immagine per consentire ai creatori di richiedere che il loro contenuto non venga utilizzato per addestrare i modelli. Il tag Content Credentials rimarrà associato al contenuto ovunque venga utilizzato, pubblicato o archiviato. Inoltre, i contenuti generati dall’intelligenza artificiale verranno contrassegnati di conseguenza”.

Coloro che sono interessati a provare Firefly da soli possono registrarsi per la versione beta sul sito Web di Adobe .

Alessio Fabrizi
Alessio Fabrizi
Alessio, fondatore di Fotografia Moderna dal lontano 2015 con l'obiettivo di creare una community unita di fotografi italiani. Cerco sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, mi diverto a fare recensioni di attrezzature fotografiche e consigliare con guide all'acquisto le migliori alternative sul mercato. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raggiungere più di 1 milione di appassionati ogni anno finendo per essere un lavoro a tempo pieno dove ogni giorno impiego il mio tempo per cercare notizie o migliorare il sito.
ALTRI ARTICOLI
ULTIMI ARTICOLI