Adobe Fonts Photoshop: La Guida che ti serviva!

adobe font photoshop

Sapevi che puoi usare Adobe Fonts sul Photoshop ? Assolutamente sì, Adobe Fonts è incluso nella tua iscrizione a Creative Cloud ed è un ottimo modo per migliorare i tuoi progetti di progettazione grafica e persino le tue foto con una tipografia decisamente più accattivante di quella di base quindi, se vuoi saperne di più su cos’è effettivamente Adobe Fonts e come collegarlo a Photoshop, continua a leggere!

Cos’è Adobe Fonts?

Adobe Fonts è una libreria online contenente migliaia di font. Se lavori nella grafica da molto tempo, potresti avere familiarità con Typekit; nel 2011, Typekit e Adobe hanno iniziato a collaborare e nel 2018 Adobe Typekit è diventato Adobe Fonts.

Se disponi di un abbonamento Creative Cloud a pagamento, puoi utilizzare Adobe Fonts gratuitamente all’interno di qualsiasi applicazione Adobe. Tieni presente che una licenza gratuita è estesa sia ai progetti personali che a quelli commerciali, tuttavia le licenze per i clienti e quelle perpetue hanno un costo aggiuntivo. 

Puoi accedere ad Adobe Fonts dal tuo browser o dall’interno delle tue app Adobe.

Quando usare Adobe Fonts?

Adobe Fonts è uno strumento straordinario che renderà la tua vita semplice e la tua opera d’arte speciale ogni volta che dovrai aggiungere del testo a un disegno .

Il servizio non solo contiene oltre 20.000 caratteri, ma semplifica anche la gestione delle licenze. Se scarichi font da diverse librerie, devi tenere traccia dei termini di licenza di ognuno, il che può essere un vero grattacapo. E devi mantenere i caratteri su tutti i tuoi computer e sui computer dei tuoi clienti (se vogliono modificare il tuo lavoro).

Adobe Fonts, tuttavia, è condiviso tra le app Creative Cloud su tutti i tuoi dispositivi ed è gratuito anche per lavori commerciali. Inoltre, hai il pieno controllo: puoi attivare e disattivare i font, così come l’intera funzionalità di Adobe Fonts, a piacimento.

Ecco alcune situazioni in cui dovresti prendere in considerazione l’utilizzo di Adobe Fonts in Photoshop:

  • Design del logo
  • Disegno del modello
  • Immagini per i social
  • Filigrane per le foto
  • PDF
  • Collage

In altre parole: ogni volta che devi aggiungere del testo, Adobe Fonts è la strada da percorrere.

Come accedere a un font in Photoshop

Per accedere a un font Adobe mentre sei in Photoshop, assicurati di avere un documento aperto, quindi attiva lo strumento Testo. (Fai clic sull’icona Testo nella barra degli strumenti o utilizza la scorciatoia da tastiera “T”.)

Quindi, nella barra degli strumenti Opzioni verso la parte superiore dello schermo, apri il menu a discesa Tipo di carattere. Vedrai l’icona Creative Cloud.

Fai clic sull’icona e il menu filtrerà tutti i caratteri non Adobe, lasciandoti solo i caratteri che provengono dalla raccolta Adobe Fonts.

Seleziona il carattere che desideri, quindi fai clic sul documento. Quando digiti, apparirà il tuo nuovo carattere!

Nota: se apri il menu a discesa Tipo di carattere solo per scoprire che non hai Adobe Fonts, dovrai scaricare i caratteri dal sito Web di Adobe Fonts. 

Come aggiungere font su Photoshop

Se non disponi di font Adobe o desideri cercarne altri, fai clic sull’icona Creative Cloud in alto a destra nel menu a discesa Tipo di carattere (accanto a “Altro da Adobe Fonts”). Verrai immediatamente reindirizzato al sito Web di Adobe Fonts. Tieni presente che dovrai essere online e aver effettuato l’accesso al tuo account Creative Cloud per utilizzare questa funzione.

Una volta lì, puoi navigare per lingua, classificazione, proprietà e altro. Se trovi una famiglia di caratteri che ti piace, vai avanti e fai clic. Si aprirà per rivelare tutti i caratteri che formano la famiglia. Puoi persino digitare del testo e vedere come appare in ogni font.

Se desideri aggiungere un carattere a Photoshop, fai clic su Attiva carattere e, se sei interessato all’intera famiglia di caratteri, fai clic sul pulsante Attiva caratteri in alto a destra nella pagina.

Se questa è la prima volta che usi Adobe Fonts, vedrai un pop-up “Attivazione font riuscita”. Puoi spuntare l’opzione “Non mostrarmelo più” per evitare di vederlo ogni volta. Quindi fare clic su OK .

(Ricorda che l’attivazione di troppi font rallenterà Photoshop, quindi attiva solo quelli che ti servono!)

Ora puoi tornare a Photoshop e utilizzare il carattere. Apri il menu Tipo di carattere dallo strumento Testo e cerca il carattere attivato.

Tutti i font Adobe hanno accanto il logo Creative Cloud, quindi sono facili da identificare. Ma se vuoi trovare più rapidamente il font scelto, fai clic sull’icona Adobe Cloud per filtrare le opzioni del menu.

Adobe Fonts in Photoshop: cose da sapere

Se attivi un font Adobe, sarà attivo per 180 giorni dopo il suo ultimo utilizzo. Una volta trascorso il periodo di 180, il carattere verrà automaticamente disattivato per mantenere Photoshop senza intoppi.

Se hai bisogno di accedere a un font disattivato, puoi sempre tornare ad Adobe Fonts – vedi la sezione precedente! – e riattivarlo. Inoltre, se apri un file con un carattere disattivato, Photoshop ti chiederà se vuoi riattivare il carattere ancora una volta, quindi non c’è motivo di preoccuparsi o mantenere migliaia di caratteri attivati ​​per ogni evenienza.

Quando progetti un progetto, ricorda che alcuni font hanno caratteri alternativi. Per vedere se questo è vero per il font scelto, puoi selezionare un carattere e andare al pannello Glifi. (Se il pannello non è attivo, seleziona semplicemente Windows>Glyphs .) L’inclusione di caratteri alternativi renderà il tuo design più personale, anche se se vuoi rendere le cose ancora più personali, puoi utilizzare lo strumento Penna per adattare e riprogettare qualsiasi font Adobe.

Un’altra caratteristica interessante è che puoi utilizzare Adobe Fonts al di fuori delle app Adobe. Troverai i tuoi font Adobe attivi in ​​altri programmi basati su testo come Word.

Come trovare un Adobe Fonts

Con oltre 20.000 caratteri tra cui scegliere, può essere difficile restringere la ricerca e trovare il carattere ideale per il tuo progetto. Fortunatamente, Adobe Fonts ha diverse categorie e funzionalità per aiutarti, tra cui:

  • La barra di ricerca . Se conosci già il nome del font o del designer che stai cercando, puoi utilizzare la barra di ricerca per trovarlo.
  • Ricerca visiva . Basta caricare un file immagine con testo; Adobe Fonts utilizzerà quindi Adobe Sensei per analizzare il testo e offrirti la corrispondenza di carattere più vicina.
  • Raccomandazioni . Qui puoi trovare suggerimenti basati sui font che hai attivo, cosa è di tendenza, cosa consiglia il team di Adobe, ecc.
  • Pacchetti di caratteri . Questo è il mio preferito. Il team di Adobe cura questi pacchetti in base all’utilizzo (come i fumetti), alle tendenze (come il nuovo naturalismo) e alle caratteristiche dei caratteri (ad esempio, contrasto elevato).

Ora che hai attivato il tuo font Adobe, puoi sempre usarlo per digitare altro testo. Puoi anche modificare i livelli di testo esistenti ruotandoli, cambiando il colore del carattere, ecc.

Il tuo nuovo font Adobe rimarrà attivo e lo troverai in Photoshop per 180 giorni. Successivamente, si disattiverà automaticamente.

Se hai bisogno di modificare il tuo progetto dopo che il font è stato disattivato, non preoccuparti. Quando riaprirai il progetto, avrai la possibilità di riattivare il font o sostituirlo!

Adobe Fonts in Photoshop: ultime parole

Come puoi vedere, Adobe Fonts è molto facile da usare e apre un mondo di possibilità. Spero che questo articolo ti sia piaciuto e che abbia trovato utili queste informazioni. Ora divertiti a trovare e usare tanti bei font!

Altri articoli:

Ho fondato Fotografia Moderna nell'estate del 2015 per dare una nuovo volto alla community di fotografi italiani. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raggiungere più di 1 milione di appassionati ogni anno. Cerco sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, mi diverto a fare recensioni di attrezzature fotografiche, lezioni e consigliare con le guide all'acquisto alle migliori alternative sul mercato.