DJI Mavic 2 Pro: È ancora un drone straordinario!

Recensione, caratteristiche, scheda tecnica e funzioni del drone DJI Mavic 2 Pro.

DJI Mavic 2 Pro Recensione

Il DJI Mavic 2 Pro è un drone pieghevole a raccogliere l’amore della comunità fotografica grazie al suo sensore da 1 pollice portatile e pratico di marchio Hasselblad. Ma non solo qualità nelle registrazioni, anche pilotarlo è sempre più semplice grazie ai sensori di collisione in ogni direzione.

Il drone è stato lanciato insieme a un altro costruito con la stessa fusoliera ma una fotocamera diversa, il DJI Mavic 2 Zoom e si può affermare tranquillamente che insieme si sono assicurati la posizione di DJI come produttore dei migliori droni sul mercato danno anche ai clienti due diverse opzioni: fotocamera da 20 megapixel o lo zoom ottico.

A partire dalle somiglianze, i droni Mavic 2 sono entrambi costruiti su una bella e solida fusoliera grigia con bracci pieghevoli a molla. La parte anteriore presenta due “occhi” che danno la visione binoculare AI del drone che, a sua volta, viene utilizzata per prevenire gli incidenti e pilotare meglio il drone.

Ci sono fotocamere simili nella parte inferiore e posteriore, mentre i lati sono dotati di telecamere singole con sensori di distanza. È corretto sostenere che questo non è veramente “omnidirezionale“, ma in pratica la protezione contro le collisioni è bilanciata verso le direzioni in cui è più necessaria durante il volo.

Troviamo il classico attacco USB-C, scheda MicroSD e pulsanti di ripristino, doppie luci a LED che non solo hanno un bell’aspetto, ma aiutano il sistema di visione in bilico o in atterraggio.

La fotocamera che contraddistingue il Mavic 2 Pro è la Hasselblad da 1 pollice da 20 megapixel e mentre il branding dovrebbe essere preso con le pinze (per chi non lo sapesse DJI possiede una partecipazione di maggioranza di Hasselblad), la registrazione a 10 bit e l’apertura regolabile (ƒ da /2.8 a ƒ/11) e la modalità RAW sono caratteristiche ovviamente molto interessanti per chi ricerca la qualità.

Il Mavic 2 Pro pesa 907 g ed è accompagnato da un controller che può essere paragonato per dimensioni a un joypad per console. Dovrai comunque collegare il telefono per ottenere la visualizzazione live dalla fotocamera del drone.

La recensione

l design di base del Mavic deriva dal Mavic originale del 2016 e rimane la base molto apprezzata degli ultimi modelli; è facile da ripiegare per tutta la sua portata di 354 mm, molto robusto ma portatile. Ti ricordo che è importante utilizzare una superficie di atterraggio piatta poiché le gambe sono corte, specialmente nella parte posteriore, quindi il decollo o l’atterraggio dall’erba non sono adatti all’elica.

Il controllo è semplice e l’app di accompagnamento di DJI, DJI Go 4, offre suggerimenti utili per i non esperti. Ci sono tre modalità di velocità, tra cui “Sport” in cui il drone può volare fino a 72 km/h

Immagini e video vengono registrati su una scheda MicroSD o su una memoria integrata da 8 GB, non molto ma utile in caso di emergenza è sempre meglio averla. Puoi scaricarli sul tuo telefono tramite l’app (a meno che tu non abbia scelto di scattare in H265) per rivederli sul campo o li puoi trasferire comodamente tramite un cavo USB-C. Anche gli aggiornamenti software vengono gestiti dall’app e se ti posso dare subito un consiglio assicurati la notte prima che non ci siano aggiornamenti perché oltre a impiegare parecchio tempo ti finiranno la batteria.

Qualità della fotocamera

La fotocamera del Mavic 2 Pro cattura immagini fisse da 5472 x 3648 pixel con sensore CMOS da 1 pollice. È più di 4 volte la superficie del sensore del Mavic 2 Zoom, il che significa che non ha problemi a ottenere altri due stop di ISO (fino a 12.800). Questo e l’accesso al software a un’apertura regolabile significa che la modalità manuale sembra più utile per un fotografo rispetto alla maggior parte dei droni consumer.

La fotocamera scatta foto RAW a 16 bit, ma se si sceglie JPEG è possibile renderizzarle utilizzando un profilo Hasselblad Natural Color Selection (HNCS). Il profilo HNCS fa un ottimo lavoro con le riprese aeree (avvicinandosi all’estremità più calda della scala) e molti potrebbero ritrovarsi a risparmiare tempo scegliendo di sceglierlo rispetto alla propria elaborazione RAW.

Nulla da dire, il Mavic 2 Pro produce costantemente immagini ricche di dettagli, la gamma dinamica è chiaramente superiore a quella del fratello. La versione Pro ha tutte le funzionalità fotografiche dello Zoom tranne una, la modalità Super Resolution, perché dipende dall’obiettivo Zoom ma sono presenti scatti a raffica, bracketing dell’esposizione e scatto a intervalli.

Come fa i video il DJI Mavic 2 Pro?

La scheda tecnica del Mavic 2 Pro è semplicemente incredibile, video 4K girati a 10 bit, supporto HDR, uscita Dlog-M per la correzione. Quindi se stai cercando video a 30 fps e ancor meglio 2,7K per 60 fps, allora Mavic 2 Pro è una scelta eccellente, la migliore sul mercato.

Se stai cercando la magia del 4K a 60 fps per creare uno slow motion fluido, il Mavic 2 Air registra leggermente meglio a questa risoluzione ma per i fotografi esperti, lavorare con 10 bit non sarà un problema, giusto il consumatore medio si potrebbe spaventare dall’aspetto piatto del video che non può essere elaborato sul telefono. Ovviamente c’è anche la modalità Normale come alternativa.

Gli scatti inclinati espongono anche una certa distorsione a barilotto che potrebbe richiedere una correzione.

Il drone è completamente equipaggiato con un’ampia gamma di scatti automatici (DJI’s QuickShots), che trasferiscono il controllo del drone e della fotocamera e producono fantastici scatti unici mentre si utilizza l’IA per tracciare un soggetto. 

Gli stessi sistemi possono anche tracciare i soggetti per aiutarti a realizzare scatti più lunghi che prima sarebbero stati impossibili senza un operatore di ripresa separato. 

Tutte queste tecnologie sono ben implementate, il che le rende facili da usare, ma è giusto dire che sono presenti anche nel fratello più economico di questo drone, e alcune di esse possono essere trovate anche nel molto più economico DJI Mini 2.

Giudizio finale

Questo è un eccellente drone, costruito su una materiali solidi e sarà il tuo miglior amico per molto tempo. La relativa silenziosità delle eliche, i lunghi tempi di volo e la stabilità della modalità hover sono eccezionali, mentre i sensori a tutto tondo sono anche rassicuranti contro urti improvvisi durante le sessioni di volo.

L’unica nota che mi sento di fare, a meno che tu non abbia una buona ragione per il video a 10 bit (e tutto il carico di editing aggiuntivo che comporta), i DJI stessi sembrano offrire una serie di alternative più economiche (vedi I migliori droni DJI ) che nella maggior parte delle condizioni di illuminazione sono in realtà più pratici o proprio come nel caso del Mavic 2 Zoom hanno ancora più funzioni. 

I fotografi professionisti, soprattutto con una propensione per le immagini fisse, finiranno comunque per essere molto felici con il DJI Mavic 2 Pro.

Quanto costa il Mavic 2 Pro?

In offerta
DJI Mavic 2 Pro Drone con Fotocamera Hasselblad L1D-20c, Video HDR a 10 bit, 31 Min di Autonomia, Sensore CMOS 1” 20 MP, Hyperlapse, Rilevamento Ostacoli Omnidirezionale, Grigio
1.117 Recensioni
DJI Mavic 2 Pro Drone con Fotocamera Hasselblad L1D-20c, Video HDR a 10 bit, 31 Min di Autonomia, Sensore CMOS 1” 20 MP, Hyperlapse, Rilevamento Ostacoli Omnidirezionale, Grigio
  • MAVIC 2 PRO: Mavic 2 Pro è dotato della fotocamera Hasselblad L1D-20c, la cui tecnologia HNCS consente di scattare meravigliose foto aeree da 20 MP, con colori sorprendenti
  • DETTAGLI MIGLIORATI: Il sensore CMOS da 1 pollice presenta un’area attiva 4 volte più sensibile rispetto a quello del primo Mavic Pro; prestazioni ottimali negli ambienti a bassa luminosità
  • DLOG-M A 10 BIT: Mavic 2 Pro supporta un profilo colore D-LOG a 10 bit, che consente una maggior flessibilità nella gradazione del colore; preserva dettagli più definiti nelle aree chiare e scure
  • VIDEO HDR: Con il supporto HDR 10 bit 4K, sarà possibile collegare Mavic Pro 2 ad uno schermo TV 4K con HLG per riprodurre i filmati nelle giuste tonalità di colore
  • APERTURA REGOLABILE: L’apertura variabile f/2.8-f/11 offre una qualità dell’immagine sorprendente in qualsiasi condizione di illuminazione; F/2.8 con poca luminosità, e f/11 in ambienti illuminati
Ho fondato Fotografia Moderna nell'estate del 2015 per dare una nuovo volto alla community di fotografi italiani. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raggiungere più di 1 milione di appassionati ogni anno. Cerco sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, mi diverto a fare recensioni di attrezzature fotografiche, lezioni e consigliare con le guide all'acquisto alle migliori alternative sul mercato.

Lascia un commento

Scrivi qui il tuo commento
Aggiungi il tuo nome qui