Effetto Vertigo: La Guida Completa

Come ricreare l'effetto Vertigo o Dolly Zoom con la tua macchina fotografica in un video timelapse.

0
297
Guida completa all'effetto Vertigo o Zoom Dolly
Guida completa all'effetto Vertigo o Zoom Dolly

É in assoluto uno degli effetti nel cinema più attraenti, inquietanti e surreale allo stesso tempo, l’effetto vertigo o anche chiamato zoom dolly. L’illusione ottica 3D che si crea è molto interessante e particolare e si utilizza anche nella fotografia time lapse per dar maggior enfasi alla ripresa.

Non sono necessarie macchine fotografiche particolari e questa è la prima bellezza di questo effetto perché è veramente alla portata di tutti. Infatti l’occorrente per creare l’effetto vertigo nel tuo timelapse è:

  • Una fotocamera
  • Un treppiede
  • Una bolla
  • Un obiettivo con lo zoom

Guarda questo video qui sotto per capire i diversi effetti che puoi dare ai tuoi montati grazie a questo effetto.

Andiamo a vedere ora passo passo la guida per realizzare l’effetto vertigo.

Utilizza un soggetto con i bordi definiti

Non funzionano tutti i soggetti con questo effetto zoom dolly ma solo ciò che ha i bordi ben definiti e distinti, come per esempio persone ed edifici. Non per niente sono i soggetti più utilizzati per questo effetto.

Utilizza un treppiede per tenere ferma la fotocamera

L’importanza del treppiede o del cavalletto fotografico non devo essere io a ricordartela ma devi sapere che per creare questo effetto è praticamente necessario. Il treppiede ti serve per scattare foto uniformi e nitide ed in questo caso è necessario per tenere i bordi della composizione sempre uguali e stabili.

Puoi utilizzare una bolla per assicurarti che la composizione della tua foto sia stabile e non distorta, ti consiglio ogni volta che sposti il treppiede di utilizzare la bolla per verificare che ti trovi al centro ed in piano. Cerca sempre di avere il cavalletto più stabile possibile.

Usa le linee di composizione

A questo punto è molto importante allineare la tua foto e tenere il soggetto stabile. Per fare questo ti conviene attivare nella modalità “Live View” la griglia della regola dei terzi. Grazie a queste linee verticali ed orizzontali puoi tenere stabili le tue riprese e tenere il soggetto in un punto ben definito e specifico nella cornice.

Fai una prova con lo zoom dolly

Prima di rischiare di sprecare tutto il tempo del timelapse, verifica che funziona la tecnica dello zoom dolly. Devi assicurarti di avere intorno a te degli elementi ben definiti e verificare che si veda l’effetto dello zoom intenso. Puoi farlo con degli scatti di prova con dei paesaggi che ti trovi davanti e se l’effetto ti sembra decente puoi star tranquillo che risulterà bello anche sul tuo computer.

Ora fai un passo avanti, ingrandisci e scatta

Una volta che sei sicuro che la bolla è centrata e che il soggetto si trova al centro della composizione puoi iniziare a scattare. Dopo aver fatto la prima, fai un passo avanti e assicurati che sia tutto come prima, rimpicciolisci la composizione utilizzano l’autofocus per mantenere sempre a fuoco il soggetto principale e assicurati di rimpicciolire leggermente per dare un effetto sottile.

Puoi anche allontanarti e ingrandire il soggetto per dare un risultato cinematografico. Fai un passo avanti, metti in bolla e scatta una nuova foto, assicurandoti sempre che il soggetto è ben allineato nella griglia.

Scatta almeno 24-30 foto da questo momento

Non ci sono delle regole per stabilire quante foto devi fare ma devi calcolare che per scattare un time-lapse di 10 secondi, calcola che devi scattare 24 fotogrammi per avere un secondo, vuol dire che dovrai scattare 240 foto. La frequenza dei fotogrammi dipende sempre dalle tue preferenze video. Per questo la minima quantità di foto è 24, vuol dire che otterrai un singolo secondo di video.

Migliora il tuo lavoro con Lightroom

A questo punto non ti rimane che fare una bella color correction e migliorare i tuoi colori. Puoi utilizzare un programma di editing come Lightroom perché ha la funzione molto interessante di modifica in blocco, ovvero ti permette di modificare molte foto in contemporanea con un semplice clic. Quindi se vuoi applicare un preset di lightroom su tutte le foto non devi far altro che spendere un secondo ed applicarlo su tutti i tuoi scatti per dargli una colorimetria ben precisa.

Monta il video con un programma di editing

A questo punto non ti rimane che creare il vero video timelapse con le foto che hai elaborato. Puoi farlo con qualsiasi programma di editing, io ti consiglio Adobe After Effects perché ti permette, oltre a montare tutte le foto in sequenza con un clic, di stabilizzare i movimenti più bruschi del tuo video.

Lo stabilizzatore di curvature aiuta a tenere più fluido il tuo video, evitando così di vedere tremori o movimenti bruschi nelle tue foto.

Puoi anche modificare la color-correction direttamente su AE, basta applicare un Adjustament Layer sull’intera composizione.

Finito il tutto sei pronto per condividere il tuo video sui social!

Le domande più comuni

Cosa significa Dolly Zoom

Precisamente è una tecnica cinematografica, devi muoverti e zoomare allo stesso tempo: puoi avvicinarti e rimpicciolire o al contrario allontanarti e ingrandire. Si crea di solito durante la fase di scatto ma lo puoi fare anche con un programma di editing video.

Come funziona uno zoom Dolly

Lo zoom dolly funziona grazie ad un obiettivo zoom. Devi ingrandire o rimpicciolire mentre sposti la fotocamera. 

Come si chiama quando una fotocamera esegue lo zoom indietro?

Questo si chiama dolly zoom o Vertigo Effect. Il primo a inventare questo effetto fu Alfred Hitchcock nel film Vertigo. (da cui il nome)

Per saperne di più:

Ho fondato Fotografia Moderna nell'estate del 2015 per dare una nuovo volto alla community di fotografi italiani. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raccogliere più di 1 Milione di visitatori nel 2019 e quasi 2 Milioni di utenti nel 2020. Cerco sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, mi diverto a fare recensioni di attrezzature fotografiche, lezioni e consigliare con le guide all'acquisto alle migliori alternative sul mercato.