HomeAttrezzatura FotograficaSmartphoneLTPO 3.0: Vantaggi e svantaggi per gli smartphone

LTPO 3.0: Vantaggi e svantaggi per gli smartphone

La maggior parte degli smartphone nel 2023 offre una frequenza di aggiornamento elevata, che sia 90 Hz, 120 Hz o addirittura 165 Hz, ma ciò spesso ha un impatto negativo sulla durata complessiva della batteria.

Tuttavia, tutto sta per cambiare con l’introduzione dei display AMOLED LTPO 3.0 che mirano a migliorare notevolmente l’efficienza energetica pur offrendo le prestazioni fluide che i consumatori si aspettano.

È una caratteristica chiave in molti flagship del 2022 e del 2023, tra cui iPhone 14 Pro, OnePlus 11 e Samsung Galaxy S23 Ultra, ma cos’è esattamente LTPO 3.0 ed è davvero migliore dei pannelli AMOLED standard?

Ecco tutto ciò che devi sapere sui display LTPO 3.0.

Cos’è l’LTPO 3.0?

LTPO 3.0 è l’ultima versione della tecnologia LTPO disponibile su alcuni smartphone di fascia alta. In poche parole, questa tecnologia consente ai display di passare dinamicamente da una frequenza di aggiornamento all’altra senza la necessità di un componente aggiuntivo tra il controller grafico e la GPU. Mentre i display LTPO iniziali erano limitati a una gamma di frequenze da 10Hz a 120Hz, le versioni più recenti come LTPO 2.0 e LTPO 3.0 supportano un intervallo più ampio da 1Hz a 120Hz.

Questo potenzialmente migliora notevolmente l’efficienza energetica del display, poiché il display può adattare la frequenza di aggiornamento in base al contenuto visualizzato. Ad esempio, può ridurre automaticamente la frequenza quando viene mostrata un’immagine statica e aumentarla istantaneamente a 90 o addirittura 120 Hz quando si scorrono i menu o si giocano giochi che richiedono un alto numero di fotogrammi al secondo.

Il display può anche ridurre la frequenza a 1 Hz quando visualizzi elementi come un display sempre attivo, contribuendo a migliorare notevolmente l’efficienza energetica del pannello.

Per comprendere meglio, i pannelli OLED standard non possono regolare dinamicamente la frequenza di aggiornamento senza l’aggiunta di un componente esterno, che aumenta ulteriormente il consumo energetico. Questo è il motivo per cui molti telefoni spesso supportano una commutazione tra frequenze di 60 Hz, 90 Hz e 120 Hz, mentre i display LTPO possono variare da 1 Hz a 120 Hz.

Un display LTPO è diverso da un display OLED standard per smartphone?

LTPO è tecnicamente una versione ottimizzata della tecnologia OLED, ma ci sono delle differenze. Come accennato, i pannelli OLED standard non possono regolare dinamicamente la frequenza di aggiornamento senza l’aggiunta di un componente aggiuntivo tra il controller grafico e la GPU, mentre i display LTPO non richiedono questo componente aggiuntivo.

La differenza risiede nella costruzione del display LTPO e, più specificamente, nel tipo di retroilluminazione utilizzata. Per contestualizzare, la retroilluminazione controlla il comportamento di ogni pixel ed è costituita da transistor a film sottile conosciuti come TFT. I display LTPO combinano transistor a film sottile in silicio policristallino (LTPS) a bassa temperatura e transistor in ossido di indio gallio zinco (IGZO), dove il primo offre una maggiore efficienza energetica e il secondo consente la regolazione dinamica della frequenza di aggiornamento.

Quali sono i vantaggi di un display LTPO?

Come accennato, il principale vantaggio nell’utilizzo di un display LTPO rispetto a un display OLED standard è l’efficienza energetica migliorata, soprattutto con frequenze di aggiornamento elevate. Mentre i pannelli OLED sono già più efficienti dal punto di vista energetico rispetto agli schermi LCD, la tecnologia LTPO fa un ulteriore passo avanti.

Questa tecnologia avanzata consente al display di adattare dinamicamente la frequenza di aggiornamento in base al contenuto visualizzato. Ad esempio, può abbassare automaticamente la frequenza quando visualizzi immagini statiche e aumentarla rapidamente a 90 o 120 Hz quando interagisci con il dispositivo, come nel caso della navigazione dei menu o nei giochi che richiedono una frequenza elevata di fotogrammi. Inoltre, il display può ridurre la frequenza a soli 1 Hz quando visualizzi elementi come il display sempre attivo, contribuendo significativamente all’efficienza energetica.

Questo permette di sfruttare appieno la frequenza di aggiornamento elevata senza sottoporre la batteria a uno stress costante causato dalla frequente elaborazione a 120Hz.

Altri articoli:

Alessio Fabrizi
Alessio Fabrizi
Alessio, fondatore di Fotografia Moderna dal lontano 2015 con l'obiettivo di creare una community unita di fotografi italiani. Cerco sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, mi diverto a fare recensioni di attrezzature fotografiche e consigliare con guide all'acquisto le migliori alternative sul mercato. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raggiungere più di 1 milione di appassionati ogni anno finendo per essere un lavoro a tempo pieno dove ogni giorno impiego il mio tempo per cercare notizie o migliorare il sito.
ALTRI ARTICOLI

Lascia un commento

Scrivi qui il tuo commento
Aggiungi il tuo nome qui

ULTIMI ARTICOLI

LE MIGLIORI OFFERTE DEL GIORNO