HomeLezioni di FotografiaCulturaA cosa serve il back focus in una fotocamera?

A cosa serve il back focus in una fotocamera?

Come funziona il pulsante Back Focus e di quanto semplifica la nostra vita.

Utilizzare il pulsante back focus è una tecnica utilizzata dalla fotocamera che separa la messa a fuoco e il rilascio dell’otturatore in due pulsanti separati. Questo a cosa serve? Ad impedire che il sistema di messa a fuoco automatica si attivi continuamente appena rilasciato l’otturatore.

Fidati che ti servirà molto questa tecnica. Anche se inizialmente potrai incontrare qualche difficoltà, essere in grado di mettere a fuoco correttamente un soggetto ti permetterà di scattare foto nitide e utilizzare tecniche più avanzate.

Cos’è il back focus?

In parole povere, il back focus allontana la funzione di messa a fuoco automatica dal pulsante di scatto e la riassegna ad un altro pulsante che di solito si trova sul retro della fotocamera.

Le fotocamere digitali più avanzate identificano questa funzione con il pulsante “AF-ON”.

Come sappiamo, quando si preme il pulsante di scatto della fotocamera il sistema di messa a fuoco si attiva e cerca di mettere a fuoco un soggetto. Con un po’ più di pressione il pulsante permette all’otturatore di scattare la foto. Questo è il processo più o meno di come funziona la reflex.

Questo significa che il pulsante di scatto ha due funzioni, per mettere a fuoco e per scattare. Ma quante volte ti capita che il soggetto è fermo e vuoi mettere a fuoco e ricomporre per una composizione migliore? Certo potresti mettere la modalità AF-S, ma ogni volta che passi da un soggetto fermo a uno in movimento dovrai di nuovo tornare alla modalità precedente, non è proprio veloce ed immediato.

Inoltre se abbiamo il soggetto alla stessa distanza con la fotocamera sarà necessario disattivare la messa a fuoco automatica se si vuole riacquisire di nuovo la messa a fuoco.

Alcune fotocamere permettono di tenere premuto il pulsante di scatto a metà e comporre di nuovo la composizione, ma se sbagli e lasci il dito sarai costretto di nuovo a rimettere a fuoco.

Non è tutto così inutilmente complicato?

Vantaggi del back focus

Il grande vantaggio della messa a fuoco “back focus” è la possibilità di scattare in modalità AF-C con tutti i vantaggi di AF-S e poiché il pulsante di messa a fuoco dedicato è attivato solo quando è necessario mettere a fuoco, è possibile tenere il dito lontano da esso quando è necessario bloccare la messa a fuoco e continuare semplicemente a scattare foto.

Ma soprattutto la tecnica di back focus può essere vantaggiosa in situazioni in cui è necessario passare rapidamente dalla ripresa di un soggetto fermo a uno in movimento.

Svantaggi del back focus

Uno dei principali svantaggi di Back-Button Focus è che richiede un’eccellente coordinazione per funzionare in modo fluido. Inizialmente, potrebbe essere necessario un po ‘di tempo e di pratica per padroneggiare completamente la necessità di premere due pulsanti per svolgere il lavoro che avevi precedentemente svolto con uno.

La difficoltà nel mettere a fuoco con il pulsante posteriore è quando lo si utilizza in condizioni di ripresa impegnative in cui può diventare difficile mantenere l’elevata coordinazione necessaria, particolarmente quando si utilizza la fotocamera in condizioni climatiche molto fredde e fidati che non esistono guanti per il freddo che tengono.

Come impostare il back focus

Una mini guida per capire come si imposta nelle varie situazioni

Fotocamere Canon DSLR e Mirrorless

Se utilizzi una DSLR Canon o una fotocamera mirrorless, il processo di impostazione per la messa a fuoco con pulsante posteriore avviene nel menu delle funzioni personalizzate. A seconda del modello Canon il menù sarà strutturato in maniera diversa, ma più o meno è questa la strada da seguire:

  1. Aprire le funzioni personalizzate nel menu
  2. Scorrere fino alla schermata Controlli personalizzati
  3. Nella schermata Controlli personalizzati, impostare il pulsante di scatto su “avvio misurazione”
  4. Impostare il pulsante AF-ON su “Misurazione e avvio AF”

Nikon DSLR e fotocamere mirrorless

Se utilizzi una DSLR Nikon o una fotocamera mirrorless, il processo sarà:

  1. Aprire il menu Impostazioni personalizzate
  2. Selezionare la scheda “Autofocus”
  3. Selezionare “Attivazione AF”
  4. Selezionare “Solo AF-ON”

Per i modelli Nikon che non dispongono di un pulsante AF-ON, sarà necessario impostare il pulsante AE-L / AF-L nel menu Impostazioni personalizzate:

  1. Aprire il menu Impostazioni personalizzate
  2. Selezionare la scheda “Controlli”
  3. Selezionare “Assegna pulsante AE-L / AF-L”
  4. Scorrere le diverse opzioni nel menu fino a trovare “AF-ON”
  5. Selezionare “OK”

Messa a fuoco avanzata e Back Focus

Nel mondo in costante evoluzione della fotografia, le tecnologie avanzate hanno reso possibile raggiungere risultati eccezionali e affinare le abilità di messa a fuoco. La messa a fuoco automatica è uno degli aspetti più cruciali della fotografia, e le fotocamere moderne sono dotate di funzionalità avanzate che influenzano notevolmente il back focus. Esploriamo come queste tecnologie avanzate stanno cambiando il modo in cui gestiamo il back focus nelle nostre fotocamere.

Un punto di riferimento fondamentale in questa evoluzione è rappresentato dalla messa a fuoco automatica a rilevazione di fase e contrasto. Questa tecnologia è alla base delle fotocamere moderne, che spesso utilizzano un sistema di messa a fuoco ibrido combinando entrambi i tipi di rilevazione. Il rilevamento di fase è noto per la sua velocità e precisione, mentre il rilevamento di contrasto è particolarmente utile in condizioni di luce difficili. Questa combinazione permette alle fotocamere di adattarsi in modo intelligente alle diverse situazioni di scatto, garantendo una messa a fuoco precisa.

Ma non è tutto. Le fotocamere avanzate consentono anche regolazioni di micro-ajustment, che consentono ai fotografi di regolare finemente il back focus. Questo è un aspetto chiave per coloro che cercano la massima precisione nella messa a fuoco, poiché permette di personalizzare le impostazioni in base alle proprie esigenze e alle caratteristiche specifiche dell’obiettivo in uso.

Le funzionalità di tracciamento soggetto rappresentano un ulteriore passo avanti. Le fotocamere avanzate possono utilizzare il back focus per mantenere il soggetto in movimento a fuoco in modo continuo. Questo è particolarmente utile nella fotografia sportiva o in qualsiasi situazione in cui il soggetto è in costante movimento. La messa a fuoco continua e precisa diventa un fattore chiave per catturare immagini nitide in queste circostanze.

L’introduzione del riconoscimento avanzato del soggetto è un’altra innovazione che cambia il gioco. Questa tecnologia consente alla fotocamera di identificare e seguire soggetti specifici, come volti o animali. La messa a fuoco può così adattarsi rapidamente alle variazioni del soggetto, rendendo il back focus ancora più efficace nelle situazioni in cui è necessaria una messa a fuoco precisa e rapida.

Non possiamo dimenticare l’importanza della stabilizzazione dell’immagine (IS). Questa tecnologia, presente in molte fotocamere moderne, influenza notevolmente la messa a fuoco. La stabilità dell’immagine è essenziale, specialmente quando si utilizzano teleobiettivi o si scatta a lunghe esposizioni. La stabilità dell’immagine contribuisce direttamente a ottenere una messa a fuoco precisa, anche in situazioni di scatto complesse.

Le fotocamere di ultima generazione integrano sistemi di messa a fuoco in grado di operare in condizioni di luce molto scarsa. Questi sistemi utilizzano il back focus in modo intelligente per ottenere risultati eccezionali in situazioni di fotografia notturna o in interni con illuminazione limitata.

Come regolare il Back Focus

Nella fotografia, una messa a fuoco precisa è fondamentale per catturare immagini di alta qualità. Per raggiungere la massima precisione nella messa a fuoco, i fotografi si affidano a una serie di strumenti e accessori progettati appositamente per regolare il back focus nelle loro fotocamere. In questo articolo, esploreremo questi strumenti e accessori chiave e come possono essere utilizzati per ottenere risultati fotografici eccezionali.

  • Schede di Messa a Fuoco: Le schede di messa a fuoco sono uno strumento semplice ma efficace. Presentano pattern o dettagli che fungono da punto di riferimento per la messa a fuoco. Queste schede consentono ai fotografi di valutare con precisione la messa a fuoco e, di conseguenza, di apportare eventuali correzioni al back focus. Il loro utilizzo richiede di fotografare la scheda in condizioni di luce uniforme e regolare la messa a fuoco fino a ottenere la massima nitidezza sui dettagli della scheda stessa.
  • Software di Calibrazione: Per i fotografi alla ricerca di una maggiore precisione, i software di calibrazione rappresentano una scelta intelligente. Questi programmi guidano gli utenti attraverso il processo di calibrazione, spesso offrendo un ambiente più controllato e automatizzato rispetto alle schede di messa a fuoco. Possono essere particolarmente utili quando si lavora con obiettivi ad alta apertura o in situazioni critiche in termini di messa a fuoco.
  • Regolatori del Back Focus Integrati nelle Fotocamere: Molte fotocamere avanzate dispongono di regolatori del back focus integrati. Questi regolatori consentono di apportare regolazioni direttamente nella fotocamera, senza la necessità di strumenti esterni. Sono particolarmente utili quando si desidera un controllo immediato e intuitivo sulla messa a fuoco. I fotografi possono regolare il back focus in base alle esigenze specifiche dell’obiettivo o alle condizioni di scatto.

Una corretta taratura del back focus è fondamentale per ottenere risultati fotografici di alta qualità. Una messa a fuoco fuori fase può causare immagini sfocate e perdita di dettaglio, il che è particolarmente evidente in situazioni di fotografia con profondità di campo ridotta. È importante essere in grado di riconoscere i segni di un back focus non corretto e di intervenire quando necessario.

Alessio Fabrizi
Alessio Fabrizi
Alessio, fondatore di Fotografia Moderna dal lontano 2015 con l'obiettivo di creare una community unita di fotografi italiani. Cerco sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, mi diverto a fare recensioni di attrezzature fotografiche e consigliare con guide all'acquisto le migliori alternative sul mercato. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raggiungere più di 1 milione di appassionati ogni anno finendo per essere un lavoro a tempo pieno dove ogni giorno impiego il mio tempo per cercare notizie o migliorare il sito.
ALTRI ARTICOLI

Lascia un commento

Scrivi qui il tuo commento
Aggiungi il tuo nome qui

ULTIMI ARTICOLI

LE MIGLIORI OFFERTE DEL GIORNO