HomeAttrezzatura FotograficaLibriWorkers di Sebastião Salgado sarà ripubblicato da Taschen

Workers di Sebastião Salgado sarà ripubblicato da Taschen

Nel 1993, Sebastião Salgado presentò al mondo “Workers”, un’opera pionieristica che esplorava le condizioni spesso pericolose dei lavoratori manuali globalmente. Oggi, il messaggio dell’opera rimane potente, con la celebre casa editrice Taschen che si appresta a rilanciare il libro.

“Workers: An Archaeology of the Industrial Age” di Sebastião Salgado è un tributo alla tradizione millenaria del lavoro manuale, arricchito da fotografie emozionanti che offrono una visione di una vita che molti ritenevano ormai obsoleta. In realtà, soprattutto nelle regioni meno sviluppate, questa forma di vita persiste.

“Quest’opera rende onore ai lavoratori, segnala il tramonto dell’era del lavoro manuale e celebra coloro che ancora oggi operano seguendo le tradizioni secolari”, afferma Salgado. Considero Salgado uno dei fotografi più eccezionali mai apparsi sulla scena, con una capacità unica di catturare l’essenza della natura in modo ineguagliabile. Il suo progetto successivo, “Genesis”, rientra tra i più esaltanti libri fotografici, con il suo esplorare natura, fauna e culture indigene attraverso immagini maestose che hanno ispirato molti, me incluso, a iniziare a fotografare. L’attenzione meticolosa di Salgado per tematiche di rilevanza e la profondità di riflessione si sono manifestate nel corso del suo primo significativo progetto a lungo termine: “Workers”.

Workers e la fotografia impegnata

Salgado descrive il suo stile come “fotografia impegnata”, mirata a una “profonda comprensione dell’umanità”, e negli ultimi quarant’anni ha ritratto i suoi soggetti con immensa dignità, concentrandosi particolarmente su quelli più isolati e ignorati dalla società.

In “Workers”, Salgado offre una “lettura archeologica delle forme di lavoro che hanno segnato l’esistenza umana dall’epoca preistorica, passando per la rivoluzione industriale, fino ai giorni nostri”. Attraverso le sue fotografie, egli celebra con onestà e rispetto lo spirito indomito di uomini e donne impegnati in alcuni dei contesti lavorativi più ardui del pianeta.

Il volume racchiude 400 pagine di immagini che documentano scenari estremi: dal caldo soffocante delle miniere di zolfo in Indonesia, alle tempestose campagne di pesca nel mare siciliano, fino alle immense distese delle miniere d’oro in Brasile, mostrando svariate facce della fatica manuale e degli esseri umani che la sopportano. Taschen afferma che “Salgado rivela con le sue fotografie gli strati della realtà visiva, svelando il dinamismo dell’attività umana che alimenta il motore della civiltà contemporanea”.

Le potenti immagini vengono accompagnate da un testo introduttivo dello stesso Salgado e dello scrittore brasiliano Eric Nepomuceno, che arricchisce l’opera con una profonda “iconografia fotografica”. Le didascalie dettagliate offrono ulteriori spiegazioni sul metodo di Salgado e sul contesto delle scene immortalate.

Alessio Fabrizi
Alessio Fabrizi
Alessio, fondatore di Fotografia Moderna dal lontano 2015 con l'obiettivo di creare una community unita di fotografi italiani. Cerco sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, mi diverto a fare recensioni di attrezzature fotografiche e consigliare con guide all'acquisto le migliori alternative sul mercato. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raggiungere più di 1 milione di appassionati ogni anno finendo per essere un lavoro a tempo pieno dove ogni giorno impiego il mio tempo per cercare notizie o migliorare il sito.
ALTRI ARTICOLI

Lascia un commento

Scrivi qui il tuo commento
Aggiungi il tuo nome qui

ULTIMI ARTICOLI