HomeLezioni di FotografiaColorimetria FotograficaColor Checker: A cosa serve e come si usa

Color Checker: A cosa serve e come si usa

Una delle principali difficoltà di un fotografo è quella di riuscire ad acquisire una fotografia restituendo dei colori accurati. È importante ricordare che il colore preciso e il colore gradevole non sono la stessa cosa. Se sei un fotografo commerciale, la precisione del colore è una delle tue maggiori preoccupazioni, se sei un fotografo di ritratti, l’accuratezza potrebbe essere seconda all’estetica.

Personalmente sono un grande sostenitore di qualsiasi tipo di editing automatizzato perché se riesco a modificare in batch 50 immagini per il bilanciamento del bianco e la correzione del colore in una mezza dozzina di clic in Lightroom, secondo me è il modo migliore per gestire il mio tempo.

In questo articolo ti voglio illustrare comunque lo scopo della calibrazione del colore con un target di riferimento (AKA color checker) e sul modo in cui lo dovresti utilizzare per trarne tutti i benefici.

Che cos’è la calibrazione dei colori?

L’unico obiettivo della calibrazione è regolare il colore acquisito o visualizzato in modo che si allinei con un valore misurabile noto. Affinché siamo tutti sulla stessa pagina, iniziamo con alcuni concetti fondamentali. Un sistema RGB a 8 bit ha 256 sfumature per ciascuno dei canali Rosso, Verde e Blu. Poiché 0 è un numero intero, conta come una delle 256 sfumature. In un sistema in cui il nero è 0, ciò significa che il colore rosso è espresso come 255,0,0 in codice decimale.

Quando si fotografa un target di calibrazione, si acquisisce un’immagine in cui ciascuno dei 24 o più campioni di colore viene stampato con precisione in modo che ciascun campione sia un valore RGB noto. Quando viene effettuato un confronto tra il valore noto e il valore acquisito, qualsiasi discrepanza tra i due numeri RGB costituisce la base per le regolazioni di un profilo.

Ad esempio, sebbene non sia un tipico numero di target di calibrazione, diciamo che stiamo cercando di acquisire un valore noto di 255,0,0 (rosso). Invece, catturiamo 255,100,0, che è il codice numerico per il colore arancione.

La fotocamera ha catturato l’immagine con troppo verde e per riportarla al valore corretto, dobbiamo rimuovere la tinta verde.

Sebbene sia un esempio di base e alquanto estremo, questo è fondamentalmente il modo in cui funzionano il processo di calibrazione e il software.

Come funziona un color checker

Personalmente amo molto i target di calibrazione Color Checker Passport per la maggior parte delle volte. Per chi non lo conoscesse, si tratta di un target di calibrazione piccolo e rigido che dispone di un software molto facile da usare in grado di creare sia profili .ICC che profili .DNG.

Il tipo di profilo di cui hai bisogno dipenderà dal software di editing che stai utilizzando. Adobe utilizza un profilo .DNG perché sentiva il bisogno di essere speciale. Quasi tutto il resto (Capture One per esempio) utilizza un profilo .ICC. Poiché i prodotti Adobe continuano a detenere un’ampia quota di mercato, ritengo opportuno concentrarmi sul processo per il loro software. Ci sono un sacco di ottimi video e tutorial su come integrare la calibrazione nel tuo flusso di lavoro specifico, ma questo è l’approccio generale.

Senza entrare troppo nel tecnico, ci sono alcune variabili che ritengo sia importante menzionare. Sebbene ciò non si applichi a tutte le fotocamere ea tutti gli obiettivi, sono giunto a credere che la natura della produzione di massa possa fornire diversi livelli di deviazione nelle prestazioni. Alcune di queste variazioni sono state sorprendentemente grandi e altre sono così piccole che è difficile distinguerle. In ogni caso, sia i profili generici come Adobe Color che i profili specifici del modello di fotocamera si sono rivelati deludenti per me.

Oltre al componente di calibrazione del colore, il controllo colore fornisce anche quadrati dedicati per il bilanciamento del bianco. Come ho già detto, adoro l’automazione e le modifiche in batch. Avere una misurazione affidabile del bilanciamento del bianco per diversi scenari di illuminazione è incredibilmente utile per modifiche più grandi e risparmiare il tuo tempo.

Come si usa un color checker?

Per utilizzare il Color Checker, devi posizionarlo nella scena che stai fotografando e scattare una foto. È importante assicurarsi che il Color Checker sia nella stessa luce della scena principale. In questo modo, puoi confrontare i colori nella tua foto con quelli della carta Color Checker e fare le regolazioni necessarie per ottenere la resa dei colori più accurata possibile.

Dopo aver scattato la foto con il Color Checker, devi importare l’immagine nel software di editing delle immagini. Il software di editing dovrebbe avere la funzionalità di rilevare il Color Checker e utilizzarlo per calibrare i colori nell’immagine. In questo modo, puoi ottenere colori più fedeli alla realtà.

Inoltre, puoi utilizzare il Color Checker come riferimento per creare un profilo di colore personalizzato per la tua fotocamera. Un profilo di colore personalizzato è un file che viene utilizzato dalla fotocamera per determinare come rappresentare i colori nella tua immagine. Creare un profilo di colore personalizzato può aiutare a ottenere una resa dei colori più accurata e coerente in tutte le tue immagini.

In sintesi, per utilizzare il Color Checker, devi posizionarlo nella scena che stai fotografando, scattare una foto, importare l’immagine nel software di editing delle immagini e utilizzarlo per calibrare i colori dell’immagine. Puoi anche utilizzare il Color Checker per creare un profilo di colore personalizzato per la tua fotocamera, che ti aiuterà a ottenere colori più accurati e coerenti in tutte le tue immagini.

Come acquisire un Color Checker

Il mio color checker è sempre disponibile quando sono in studio, ma quando mi capita di fotografare per strada non sempre lo porto dietro. Infatti di solito quasi tutti i soggetti che fotografo sono accompagnati da uno scatto a controllo colore. Ciò non significa che creerò necessariamente nuovi profili per ogni immagine, ma ho scoperto che non mi pento mai di avere l’opzione se ne avessi bisogno in seguito. Per fortuna, i passaggi nella fotocamera sono molto semplici e richiedono pochissimo tempo.

1. Entrambi i profili .DNG e .ICC richiedono lo scatto in formato RAW, non è possibile creare un profilo accurato da un JPEG .

2. Evitare di toccare i campioni interni con le mani per assicurarsi che gli oli della pelle non scoloriscano il grafico.

3. Cerca di posizionare il bersaglio vicino al soggetto o nella stessa luce del soggetto.

4. Cerca di riempire il più possibile l’inquadratura con il bersaglio.

5. Esponi correttamente il target, un’evidenziazione o un’ombra ritagliate impediranno la creazione di un nuovo profilo.

La tua immagine finale catturata dovrebbe assomigliare a questa. Non preoccuparti troppo di renderlo perfettamente complanare, o centrato, o livellato, o anche perfettamente a fuoco. Basta ottenere una ripresa correttamente esposta del bersaglio alla luce del soggetto.

Creare un profilo colore

La creazione e l’utilizzo di un profilo colore è altrettanto semplice:

1. Apri la tua immagine raw in Adobe Camera Raw ed esporta un DXF.

2. Salva quel .DXF in una posizione facile da trovare. In genere lo salverò nella stessa cartella dell’immagine RAW originale.

3. Trascina e rilascia il file .DXF nel software Color Checker e regola i punti verdi negli angoli in modo che ogni quadrato sia centrato con il campione di colore corrispondente.

4. Salva il profilo con un nome facile da ricordare nella posizione di salvataggio predefinita. Non cambiare la posizione!

5. Una volta che il software dice di aver creato correttamente un profilo, vai al menu del profilo in Lightroom o Photoshop. Potrebbe essere necessario un riavvio del software.

Dopo che il tuo profilo è stato applicato, c’è ancora un aggiustamento da apportare. A condizione che il tuo profilo sia specifico per l’ambiente di illuminazione in cui stavi scattando, puoi regolare il bilanciamento del bianco con Color Checker con lo strumento di selezione del bilanciamento del bianco in Lightroom o Photoshop. Basta attivare lo strumento e quindi fare clic sul quadrato grigio con una piccola tacca estratta da esso e la temperatura del colore Kelvin dovrebbe ora essere aggiornata.

Cartoncini simili a Color Checker

Il Color Checker è uno strumento utile per i fotografi che desiderano ottenere colori precisi e coerenti nelle loro immagini. Tuttavia, potresti non avere il budget per acquistare un Color Checker originale o potresti desiderare un’alternativa più economica. In questo caso, ci sono cartoncini simili al Color Checker che puoi utilizzare per ottenere risultati simili.

I cartoncini simili al Color Checker sono costituiti da una serie di piccoli quadrati colorati che rappresentano i colori standard. Tuttavia, questi cartoncini non sono necessariamente calibrati con la stessa precisione del Color Checker originale. Ciò significa che i colori potrebbero non essere esattamente gli stessi di quelli del Color Checker originale, ma possono comunque essere utili come riferimento per ottenere una resa dei colori più accurata.

Ci sono diverse opzioni di cartoncini simili al Color Checker disponibili sul mercato. Alcuni di questi cartoncini sono più economici del Color Checker originale, mentre altri sono costosi. In generale, i cartoncini più costosi tendono ad essere più precisi e offrono colori più fedeli alla realtà.

Se decidi di utilizzare un cartoncino simile al Color Checker, il processo è simile a quello del Color Checker originale. Devi posizionarlo nella scena che stai fotografando e scattare una foto. Inoltre, è importante assicurarsi che il cartoncino simile al Color Checker sia nella stessa luce della scena principale. In questo modo, puoi confrontare i colori nella tua foto con quelli del cartoncino e fare le regolazioni necessarie per ottenere la resa dei colori più accurata possibile.

In generale, i cartoncini simili al Color Checker sono una buona opzione se non hai il budget per acquistare un Color Checker originale o se desideri un’alternativa più economica. Tuttavia, è importante tenere presente che i colori potrebbero non essere esattamente gli stessi di quelli del Color Checker originale e che la precisione dei colori potrebbe variare tra i diversi cartoncini simili al Color Checker disponibili sul mercato.

Color Checker e spettrografo

Se sei un fotografo che cerca di ottenere la resa dei colori più accurata possibile nelle tue immagini, potresti essere interessato a utilizzare un Color Checker in combinazione con uno spettrografo. Uno spettrografo è uno strumento che ti consente di analizzare la luce e la composizione spettrale di un oggetto o di una scena.

In combinazione con un Color Checker, uno spettrografo può aiutarti a ottenere una resa dei colori più accurata e coerente nelle tue immagini. Ciò è particolarmente utile quando si lavora con illuminazione non standard o con oggetti o scene che hanno una composizione spettrale complessa.

Il processo di utilizzo di un Color Checker in combinazione con uno spettrografo è simile a quello del Color Checker da solo. Devi posizionare il Color Checker nella scena che stai fotografando e scattare una foto. Successivamente, devi utilizzare lo spettrografo per analizzare la luce e la composizione spettrale della scena. Questi dati possono quindi essere utilizzati per calibrare i colori nell’immagine in modo più preciso e coerente.

Color Checker indossabile

Un Color Checker indossabile è un dispositivo che può essere indossato come un braccialetto o come un oggetto da portare al collo. È costituito da una serie di piccoli quadrati colorati che rappresentano i colori standard. Ciò consente di avere sempre a portata di mano un riferimento preciso per la resa dei colori.

Inoltre, alcuni Color Checker indossabili includono funzionalità aggiuntive, come la registrazione dei dati GPS o la capacità di comunicare con la tua fotocamera o il tuo smartphone tramite Bluetooth. Ciò rende l’utilizzo del Color Checker indossabile ancora più pratico e conveniente.

Conclusione

Non credo che la calibrazione del colore sia sempre necessaria. Come abbiamo visto sopra, può esserci un grande vantaggio nel profilare la tua fotocamera. Non voglio dover modificare se possibile e spesso, la fotocamera mi avvicina abbastanza. Tuttavia, proprio come il mio argomento per scattare sia RAW che JPEG, è sempre bello averlo quando ne hai bisogno. Anche se l’unica cosa che ottengo dall’immagine di destinazione del colore è un accurato bilanciamento del bianco, vale la pena spendere tre secondi per catturare l’immagine.

Altri articoli che ti possono interessare:

Alessio Fabrizi
Alessio Fabrizi
Alessio, fondatore di Fotografia Moderna dal lontano 2015 con l'obiettivo di creare una community unita di fotografi italiani. Cerco sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, mi diverto a fare recensioni di attrezzature fotografiche e consigliare con guide all'acquisto le migliori alternative sul mercato. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raggiungere più di 1 milione di appassionati ogni anno finendo per essere un lavoro a tempo pieno dove ogni giorno impiego il mio tempo per cercare notizie o migliorare il sito.
ALTRI ARTICOLI

Lascia un commento

Scrivi qui il tuo commento
Aggiungi il tuo nome qui

ULTIMI ARTICOLI

LE MIGLIORI OFFERTE DEL GIORNO