Compressione JPEG: Perché è Importante?

Tutte le informazioni più importanti che devi conoscere sul formato JPEG e sul tipo di compressione.

Compressione Jpeg

JPEG è un formato di file di immagine digitale. È un formato di file compresso, significa che quando si crea un’immagine JPG da un altro formato non compresso senza perdita di dati, il file di immagine JPG presenterà una perdita minore della qualità complessiva, ovviamente a seconda della compressione applicata. Il formato stesso include le diverse estensioni: .JPEG, JPG, .JFIF e .JPE. È il formato più comune per l’archiviazione e la trasmissione di immagini ed è il formato file più comune utilizzato dalle moderne fotocamere digitali.

Spiegazione tecnica del formato immagine JPG

JPG, o JPEG, sta per “Joint Photographic Experts Group” ed ha creato il formato JPEG standard nel 1992. Il concetto di base è questo: vari gradi di compressione dell’immagine possono creare un’immagine di dimensioni e qualità del file variabili. Un’immagine JPG altamente compressa creerebbe un file di dimensioni molto ridotte, ma la compressione creerebbe anche artefatti evidenti nell’immagine. Un’immagine JPG che non è affatto molto compressa, d’altra parte, avrebbe una dimensione di file maggiore, ma apparirebbe di qualità visivamente superiore.

Molti fotografi confondono la dimensione del file e la dimensione dell’immagine, ma i due sono solo in parte correlati, non è proprio scontata come cosa. Ad esempio, un’immagine da 20 megapixel potrebbe essere un file JPG di qualità molto elevata 15-20 megabyte, oppure un file JPG di qualità inferiore, ad esempio 1-5 megabyte, entrambe sarebbero immagini da 20 megapixel, ma una sarebbe comunque di qualità JPG molto più alta.

Ed è solo una delle tante curiosità dei formati delle foto!

Rapporto di compressione dell’immagine JPG

I rapporti di compressione JPG vanno da 2,7:1 a 144:1. Cioè, da una compressione da pochissima a molto alta. Questo rapporto è generalmente determinato su una scala più semplice, come 1-12 in Adobe Photoshop o 1-100 in Adobe Lightroom. In ogni caso, maggiore è il numero, maggiore è la qualità dell’immagine. 

Per la maggior parte delle applicazioni fotografiche, qualsiasi rapporto di compressione JPG compreso tra il 50% e il 100% di qualità non produrrà quasi alcuna perdita di qualità dell’immagine a seconda del supporto di visualizzazione.

Per la fotografia professionale, è pratica comune salvare sempre le immagini JPG con la massima qualità possibile assoluta, questo non produrrà sostanzialmente alcuna perdita di qualità dell’immagine percepibile dall’occhio umano, sempre a seconda del supporto di visualizzazione.

Compressione con perdita di dati: salvataggio di un JPG e modifica di un JPG

È una pratica comune per i fotografi professionisti non salvare mai un file JPG e quindi riaprirlo, eseguire ulteriori modifiche in Photoshop o Lightroom e quindi salvare nuovamente il file come JPG una seconda volta.

Questo perché, anche se si utilizza ogni volta la qualità di compressione JPG più alta possibile, la natura con perdita del formato JPG farà comunque peggiorare la qualità dell’immagine ogni volta.

È quindi pratica comune per i fotografi professionisti acquisire immagini in un formato di file raw o non compresso, eseguire tutte le modifiche in un ambiente “lossless” come l’editing raw e i formati di file PSD o TIF e infine salvare il file in JPG una sola volta, e solo quando deve essere effettivamente visualizzato.

Bitrate JPG

Parte del motivo per cui le immagini JPG sono più soggette a perdita di qualità è anche dovuto alla loro profondità di bit. Non importa quanto alta qualità imposti la compressione su un file JPG, sarà sempre un formato di file a 8 bit. 8 bit significa che l’immagine stessa viene “misurata” su una scala di soli 2^8, o 256 valori diversi per verde, rosso e blu, o un totale di 16.777.216 colori possibili. Questo può sembrare molto, ma su una scala di “solo” 1-256 per ogni colore, qualsiasi tipo di modifica applicata diventerà visibile sotto forma di transizioni tonali brusche e innaturali ovunque l’immagine non ne abbia abbastanza una gradazione uniforme con cui lavorare.

In confronto, le immagini RAW (RAW) catturate dalla maggior parte delle fotocamere digitali possono avere una profondità di file di 12 o addirittura 14 bit, che offre una varietà esponenziale di possibilità di colore. Le immagini a 12 bit possono avere oltre 4.000 toni diversi per ciascun canale di colore e le immagini a 14 bit possono avere oltre 16.000 toni diversi, quest’ultimo che produce ben 28 miliardi di combinazioni di colori. Tale incredibile gamma di colori può dare solo una differenza notevole quando si esegue un editing molto aggressivo, tuttavia la differenza tra JPG a 8 bit e raw a 12 bit è spesso sbalorditiva, con anche una “conservazione” minima applicata a luci o ombre.

Capito ora cosa vuol dire JPEG e perché è un formato “lossless“? Se hai qualche dubbio scrivi pure nei commenti qui sotto!

Altri articoli per approfondire il formato JPEG:

Ho fondato Fotografia Moderna nell'estate del 2015 per dare una nuovo volto alla community di fotografi italiani. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raccogliere più di 1 Milione di visitatori nel 2019 e quasi 2 Milioni di utenti nel 2020. Cerco sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, mi diverto a fare recensioni di attrezzature fotografiche, lezioni e consigliare con le guide all'acquisto alle migliori alternative sul mercato.

Lascia un commento

Scrivi qui il tuo commento
Aggiungi il tuo nome qui