Canon R6 Mark II: Recensione della fotocamera più veloce!

canon-eos-r6-mark-II-recensione

La Canon EOS R6 Mark II, come ci si può immaginare, è un miglioramento delle specifiche rispetto alla Canon EOS R6 originale ma questa volta abbiamo un’evoluzione che gli permette di superare anche la potente Canon EOS R3 con un’incredibile velocità di scatto continuo di 40 fps. 

CANON EOS R6 MARK II nu
CANON EOS R6 MARK II nu
CANON; Appareil photo numérique; 24.2 Mpixels
2.899,00 EUR

Ma la Canon EOS R6 Mark II è qualcosa di più della semplice velocità. Dal suo video sovracampionato a 6K a larghezza intera al nuovissimo sensore da 24,2 MP alla possibilità di pre-registrare sia immagini fisse che video in modo da non perdere un microsecondo dell’azione, questo è il mid-range più completo fotocamera sul mercato. 

Canon R6 Mark II Specifiche

  • Sensore:  CMOS da 24,4 MP
  • Processore d’immagine:  Digic X
  • Montaggio:  Canon RF
  • Gamma ISO:  100-102.400 (exp 50-204.800)
  • Velocità dell’otturatore:  1/16.000-30s
  • Stabilizzazione dell’immagine:  IBIS a 5 assi, fino a 8 stop
  • Dimensione massima dell’immagine:  6000 x 4000 pixel
  • Risoluzione video massima:  4K HQ 60p, 1080p 180p
  • Raffica massima:  otturatore meccanico 12 fps, elettronico 40 fps
  • Mirino:  OLED da 3,69 m di punti, 0,5 pollici, copertura 100%, aggiornamento 120 fps  
  • Scheda di memoria:  2x SD UHS-II
  • LCD:  3 -pollici, punto 1,62 m, touchscreen ad angolazione variabile
  • Dimensioni:  138,4 x 98,4 x 88,4 mm
  • Peso: 670 g (incluse batteria e scheda di memoria)

Caratteristiche principali

Canon EOS R6 Mark II

La Canon EOS R6 Mark II è un passo avanti rispetto alla R6 sia in termini di risoluzione, con un nuovissimo sensore di immagine che vanta 24,2 MP (rispetto ai 20,1 MP dell’originale), sia perché la velocità massima di scatto continuo è raddoppiata, da 20 fps a 40 fps (quando si utilizza l’otturatore elettronico; meccanicamente si trova ancora a 12 fps), e perché registra sia immagini JPG che RAW.

Il nuovo sensore consente alla fotocamera di acquisire video 4K a 60p a larghezza intera (incluso 4K 60p HQ, downsampling da 6K), nonché filmati a 1080p fino a 180p, un aumento rispetto alla registrazione a 120p del suo predecessore. Se desideri utilizzare la R6 Mark II come webcam, per lo streaming live e le videoconferenze, ora puoi semplicemente collegarla e riprodurla tramite USB, senza bisogno di driver o software aggiuntivi. 

Sia le foto che i video possiedono una funzione di pre-registrazione, che consente alla fotocamera di iniziare a catturare foto o filmati anche prima di premere l’otturatore (0,5 secondi per foto, 3 o 5 secondi per video), assicurandoti di non perdere un momento anche se sei lento con il dito sul grilletto. 

Il feroce autofocus ora è anche migliore di prima, prendendo gli algoritmi Dual Pixel AF II dalla R3 e combinandoli con un apprendimento ancora più profondo. 

Le novità della Canon R6 Mark II sono le immagini HDR con soggetti in movimento! Ora, questa è piuttosto un’impresa considerando che un’immagine HDR è composta da 3 immagini separate unite. Canon non ha spiegato come ha funzionato questa magia, ma penso che la sua nuova modalità burst potrebbe avere un ruolo. Le immagini HEIF che ottieni utilizzando le modalità di scatto HDR di Canon sono fantastiche, è vero che puoi ottenere praticamente gli stessi risultati modificando un file RAW, ma le immagini HEIF richiedono uno sforzo minore ed eviti le dimensioni mostruose e l’incompatibilità dei file RAW. 

Design

Canon EOS R6 Mark II

La Mark II è quasi identica per dimensioni, peso e proporzione all’originale, e la qualità costruttiva è eccellente, con il telaio realizzato con la miscela Canon di solida e affidabile plastica in policarbonato, questa fotocamera sembra in grado di sopportare qualche colpo. Può anche sopravvivere a un periodo di maltempo oa una gita in spiaggia, con il corpo adeguatamente sigillato contro acqua e polvere. 

L’R6 Mark II si sente molto robusto nella mano, l’impugnatura è profonda e, per mancanza di una parola migliore, è molto aderente, sento che la mia mano si sta attaccando ad esso. Posso tenere con sicurezza la fotocamera con il ragionevolmente pesante RF 24-70mm L f/2.8 USM attaccato con una sola mano. L’impugnatura è comoda per le dimensioni della mia mano medio-grande, con tutti i pulsanti facilmente raggiungibili senza troppa ginnastica con le dita. Anche se, come con quasi tutte le fotocamere mirrorless, non ho nessun posto per il mio mignolo, quindi se questo ti dà fastidio investirei in una presa per il massimo comfort. 

Per quanto riguarda l’aspetto, è un classico Canon. Un design che è rimasto pressoché invariato per 30 anni.

Dopo alcune stranezze del passato, con la tanto diffamata touch bar sulla Canon EOS R originale o la strana rotellina sulla nuova R7, è molto piacevole vedere che Canon ha mantenuto il suo trio di rotelle di controllo che ha utilizzato con molto successo sulla R6. In effetti, l’intero layout della fotocamera posteriore è lo stesso del layout dell’R6, di cui qui non troverai lamentele, questo schema di controllo copre rapidamente funzionalità sufficienti, senza sovraccaricare la fotocamera con i pulsanti.

In alto, lo spostamento dell’interruttore di accensione sul lato destro funziona molto bene poiché ora è molto più veloce e più facile avviare la fotocamera con la mano principale. La nuova aggiunta dell’interruttore rapido foto/video a sinistra è un’aggiunta meravigliosa per i tiratori ibridi, in quanto accelera davvero il processo di passaggio tra le due modalità consentendo al contempo la separazione di foto e video nei propri domini. Il nuovo menu Q2 offre un menu rapido dedicato per regolare le impostazioni video in modo specifico, mentre il menu Q1 rimane dedicato alle impostazioni foto.

I quadranti sono assolutamente eccellenti, con un’ottima sensazione di texture e feedback mentre li clicchi e una resistenza sufficiente da poter apportare piccole regolazioni senza esagerare. La disposizione dei pulsanti è molto simile alle precedenti fotocamere Canon mirrorless e DSLR, quindi gli utenti esperti possono entrare subito. I pulsanti sono ancora un po’ piatti e morbidi, non offrono un’enorme quantità di feedback tattile per sapere che li hai premuti con successo sarebbe bello per una risposta più fisica con un clic sottile o una molla più solida.

Canon continua ad avere i migliori menu del settore e ha apportato alcune utili modifiche. Il più bello è avere una serie di scorciatoie simili a tasti di scelta rapida a tre impostazioni ISO, quindi puoi toccare rapidamente il menu ISO e saltare da uno all’altro senza dover scorrere la rotellina o scorrere lo schermo. Canon continua anche la sua lunga tradizione di facile personalizzazione, puoi scambiare quasi tutti i pulsanti e le ghiere per adattarle al tuo stile di ripresa.

Messa a fuoco

Canon EOS R6 Mark II

L’autofocus Dual Pixel II di Canon non ha bisogno di presentazioni, l’utilizzo di uno qualsiasi dei punti di selezione dell’autofocus funziona perfettamente. Per l’inseguimento del soggetto sugli esseri umani, la fotocamera rimane sul viso o sull’occhio, anche in condizioni di scarsa illuminazione. 

Una novità per la R6 Mark II è l’autofocus per gli aerei, e i planespotter si rallegrano, ha funzionato perfettamente su ogni aereo che ha sorvolato la mia trafficata traiettoria di volo londinese. L’autofocus ha individuato l’aereo all’istante, ma è anche riuscito a bloccare la messa a fuoco sulla cabina di pilotaggio e quindi a seguire senza problemi il volo.

Canon ha preso la decisione molto discussa di non consentire di disattivare l’autofocus continuo su Mark II. Sugli obiettivi USM, l’autofocus continuo non è un grosso problema, ma con alcuni degli obiettivi Canon rumorosi di fascia bassa come RF 35 mm e RF 50 mm, il movimento costante dell’estensione del barilotto e il suono di accompagnamento non sono eccezionali. In ambienti tranquilli come matrimoni o spettacoli, questo sarebbe un problema. Sarei anche preoccupato per il consumo della batteria, poiché guidare il motore di messa a fuoco e il processore richiede molta energia.

L’autofocus video è ancora incredibile. Può sfruttare tutte le modalità di riconoscimento del soggetto già discusse per la fotografia, ma ora ha alcuni nuovi assi nella manica con una nuova modalità Face Only AF che arriva direttamente dalla linea Cinema EOS. Con questa opzione selezionata, se un volto viene tracciato e poi esce dall’inquadratura, l’AF non sposterà la messa a fuoco sullo sfondo; manterrà la messa a fuoco dov’è fino a quando il viso non rientra nell’inquadratura, su cui riprende il tracciamento come prima. 

Canon ha aumentato la risoluzione su EOS R6 Mark II a 24,4 megapixel, mentre solo un piccolo aumento rispetto ai 20,1 megapixel trovati nella versione precedente, per i casi d’uso per la R6, questa è una risoluzione più che sufficiente. Già eccessivo per l’uso sul Web e sui social media, con 24,4 megapixel, puoi stampare comodamente foto di viaggi o di matrimoni per la visualizzazione a casa senza preoccuparti. 

Prestazioni

Canon EOS R6 Mark II

Un’altra nuova funzionalità è la modalità pre-burst RAW, che utilizzando la modalità burst a 40 fps inizia a scattare immagini 0,5 secondi prima di premere completamente l’otturatore. Come qualcuno che non è un fotografo sportivo o naturalistico professionista, non mi adattavo al mio stile di ripresa, poiché tendo comunque a iniziare a scattare leggermente in anticipo per catturare il momento. 

La velocità di buffering è l’unica cosa che sembra trattenere questa fotocamera, e un paio di volte mi sono scontrato con il muro durante le riprese a 40 fps con un buffer di sole 75 immagini RAW. Ciò potrebbe dipendere dall’utilizzo degli slot SD UHS-II e non del più veloce CFexpress, che è una mossa molto più positiva per una fotocamera di fascia media (le schede CFexpress sono molto costose) ma è un’arma a doppio taglio quando limita il tuo titolo caratteristiche.

Questo buffer, tuttavia, non è un problema a meno che tu non voglia scattare a una velocità vertiginosa, quando si utilizza l’otturatore meccanico che è limitato a 12 fps non ho mai disturbato il limite del buffer una volta.

Ci sono anche altre gradite aggiunte creative, come il bracketing della messa a fuoco nella fotocamera, che, a differenza di altre fotocamere Canon, esegue effettivamente il compositing all’interno della fotocamera piuttosto che richiederti di farlo manualmente in un software esterno. E grazie alla stabilizzazione migliorata, che va bene fino a 8 stop a seconda della scelta dell’obiettivo, puoi farlo senza treppiede

La ROS R6 II acquisisce una gamma dinamica paragonabile ai suoi rivali quando si scatta a sensibilità inferiori. Tuttavia, a ISO 800 la Canon non è del tutto in grado di eguagliare le fotocamere Nikon e Panasonic, e il divario si allarga solo all’aumentare della sensibilità, risultando infine in una differenza di 2 stop.

CANON EOS R6 MARK II nu
  • CANON
  • Appareil photo numérique
  • Bouchon de boîtier R-F-5 / protège-griffe ER-SC2 / Courroie / Chargeur de batterie LC-E6E / Batterie LP-E6NH / Couvercle de batterie / Câble secteur
  • 24.2 Mpixels

Canon EOS R6 Mark II: Giudizio finale

Una volta era necessario scendere a compromessi su qualcosa quando si decideva di acquistare una fotocamera di fascia media come una EOS R6, sono sempre state fotocamere dalle prestazioni solide, che hanno fatto tutto bene, ma non hanno mai eccelso in qualcosa. Questa volta Canon ha capovolto il copione con la EOS R6 Mark II. 

Questa fotocamera ibrida racchiude un’oscena quantità di potenza di fuoco su entrambi i lati della medaglia, con video fino a 6K e immagini fisse da 24,2 MP a 40 fotogrammi al secondo francamente sorprendenti.

La Canon EOS R6 Mark II è di gran lunga la migliore fotocamera della serie 6 di Canon ed è una brillante sorella minore della Canon EOS R5 per coloro che non hanno bisogno della massima risoluzione ma richiedono comunque prestazioni eccellenti.

Altri articoli:

Ho fondato Fotografia Moderna nell'estate del 2015 per dare una nuovo volto alla community di fotografi italiani. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raggiungere più di 1 milione di appassionati ogni anno. Cerco sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, mi diverto a fare recensioni di attrezzature fotografiche, lezioni e consigliare con le guide all'acquisto alle migliori alternative sul mercato.