HomeAttrezzatura FotograficaFotocamere IstantaneeCanon Zoemini S Recensione: Sbaraglia il mercato?

Canon Zoemini S Recensione: Sbaraglia il mercato?

Come numerose fotocamere istantanee, la Canon Zoemini S pone l’enfasi sul divertimento piuttosto che sulla qualità dell’immagine o sulle caratteristiche avanzate. Potrebbe non presentare lo stesso fascino di una fotocamera istantanea tradizionale, poiché stampa le immagini invece di svilupparle, ma grazie al suo efficace flash anulare e alla sincronizzazione con gli smartphone, puoi comunque catturare l’istante desiderato. L’assenza di uno schermo e l’impossibilità di scattare senza stampare limitano la sua flessibilità rispetto ad altri modelli ibridi più sofisticati, come ad esempio la Fujifilm Instax SQ20.

Tuttavia, va notato che la Canon Zoemini S è sufficientemente compatta da adattarsi comodamente in una tasca, una caratteristica di cui poche delle sue controparti più costose possono vantarsi. Inoltre, la risoluzione delle immagini rappresenta un passo avanti rispetto alla Polaroid Snap Touch, una scelta più economica. Se sei alla ricerca di una fotocamera tascabile in grado di catturare istantanee e consegnarti una copia fisica in pochi secondi, e sei disposto a rinunciare a qualche funzionalità extra, la Canon Zoemini S rappresenta una scelta sicura, seppur con un approccio più semplice.

Canon rappresenta uno dei protagonisti principali nel settore delle fotocamere digitali, ma quando si tratta di fotocamere istantanee è un po’ in secondo piano. Con l’attuale rinascita della fotografia istantanea, emerge la Zoemini S (conosciuta anche come IVY Cliq+ in Nord America), che sta guadagnando terreno sia rispetto alla consolidata Instax di Fuji che rispetto alla rinnovata linea Polaroid.

Si tratta di un’opzione ibrida più che di una tipica fotocamera istantanea: utilizza un sensore digitale per catturare le immagini, le quali vengono poi stampate nel formato 2×3 pollici utilizzando la tecnologia Zero Ink (Zink), al contrario degli scatti esposti alla luce che richiedono un processo di sviluppo nel tempo. Grazie alla presenza del Bluetooth e di un’app per smartphone, la Zoemini S può svolgere il duplice ruolo di fotocamera e di stampante portatile quando non hai nuove foto da scattare. Inoltre, il flash anulare integrato promette di migliorare l’aspetto dei ritratti.

Tuttavia, è opportuno notare che questa fotocamera si posiziona tra gli ibridi istantanei più basilari. Pur beneficiando delle sue dimensioni compatte, le sue funzionalità non sono altrettanto estese rispetto a rivali come la Fujifilm Instax SQ20.

Caratteristiche e specifiche

Indubbiamente, la Canon Zoemini S si presenta come una fotocamera estremamente compatta. Le sue dimensioni sono approssimativamente simili a quelle di una batteria standard per smartphone, rendendo semplice l’inserimento in tasca.

Con un peso leggermente al di sotto dei 200 g, anche quando ospita un carico completo di carta Zink, risulta notevolmente leggera. La sua struttura è interamente realizzata in plastica, ma il tocco di classe è dato dalla finitura lucida sulla parte anteriore e dalla superficie testurizzata del vassoio per la carta.

Il vassoio si estrae facilmente tramite una semplice pressione; non sono presenti cerniere o meccanismi di alimentazione carta che potrebbero causare intoppi, anche se ciò suggerisce che Canon ha progettato la Zoemini con un budget contenuto. Inoltre, non è presente alcuna filettatura per treppiede nella parte inferiore della fotocamera; al suo posto troverai solo una porta di ricarica microUSB e uno slot per schede microSD.

Inserendo una scheda microSD, la fotocamera crea una copia digitale di ogni foto scattata. Purtroppo, una volta esaurita la carta Zink, non è possibile continuare a scattare: anche con una scheda inserita, la fotocamera rifiuta di funzionare finché non viene inserito un altro pacchetto di carta. Le foto vengono espulse lentamente dal lato sinistro della fotocamera.

Le immagini vengono catturate a una risoluzione di 8 megapixel, che si colloca approssimativamente sui livelli di uno smartphone di due o tre anni fa. Poiché manca uno schermo integrato, non è possibile visualizzare le immagini in anteprima. Tuttavia, è presente un mirino ottico con linee guida per vari rapporti di proporzione.

I controlli sono estremamente semplici, comprendendo i pulsanti di accensione e scatto, un cursore per gestire il flash integrato e due levette posteriori per cambiare le proporzioni e ristampare l’ultima foto scattata, nel caso in cui desiderassi condividerla con gli amici.

Non vi è un pulsante specifico per l’attivazione, ma la Zoemini S offre anche un supporto nascosto per il Bluetooth. Associando uno smartphone, è possibile controllare la fotocamera in remoto tramite un’app complementare o inviare direttamente foto dal telefono per la stampa.

La caratteristica più evidente che distingue questa fotocamera dalla più economica Zoemini C è il barilotto dell’obiettivo con riflessi a specchio. Posizionato in modo ideale per i selfie, è circondato da un flash anulare composto da otto LED. Sebbene possa non essere altrettanto potente di quello montato su una fotocamera reflex digitale, è in grado comunque di creare ritratti uniformemente illuminati e riflessi più lusinghieri.

Canon Zoemini S - Fotocamera istantanea, Bianco perla
  • Riflessi perfetti: specchio e luce LED per selfie da condividere
  • Soluzione elegante - Disponibile nei colori nero opaco, bianco perla e oro rosa, questa leggera stampante fotografica è la compagna di viaggio perfetta, da riporre facilmente in tasca o in borsa
  • Selfie da condividere - Lo specchio frontale e la luce ad anello assicurano che i selfie siano spettacolari, mentre la funzione di scatto remoto dell'app Canon Mini Print rende le foto di gruppo un vero gioco da ragazzi
  • Stampa, stacca e attacca: con spazio per 10 fogli di carta ZinkTM con retro adesivo e antistrappo, è facile puntare, stampare e decorare i tuoi effetti personali con i tuoi scatti preferiti
  • Scatti intelligenti - Grazie alla fotocamera da 8 megapixel, lo slot per schede Micro SD e la tecnologia ZinkTM, Zoemini S ti offre tutto il necessario per scattare foto ovunque ti trovi

Conclusione

Non era essenziale che producesse immagini di qualità professionale, poiché parte dell’attrattiva della fotografia istantanea risiede nella sua natura lo-fi. Tuttavia, le stampe Zink della Zoemini S rappresentano un piccolo miglioramento rispetto alla Polaroid Snap Touch, che ha un prezzo simile. I dettagli sono resi con maggiore definizione e le immagini nel complesso appaiono più nitide. L’autofocus di base, l’esposizione automatica, il bilanciamento del bianco e la sensibilità automatica sono tutti gestiti direttamente all’interno della fotocamera, consentendo alla Zoemini di affrontare una gamma più ampia di condizioni di illuminazione rispetto a una fotocamera Fuji Instax equivalente. Questa caratteristica risulta utile poiché non sono presenti controlli manuali sull’esposizione.

Le stampe Zink non presentano la stessa nitidezza e contrasto di una stampa Instax e, di conseguenza, possono sembrare un po’ meno vivaci quando posizionate fianco a fianco. Tuttavia, vantano comunque i loro pregi. Ogni stampa è di dimensioni maggiori rispetto a una foto Instax Mini e occupa completamente il fotogramma. Inoltre, è possibile staccare la parte posteriore di ogni stampa per utilizzarla come adesivo. I pacchetti di carta Zink sono anche più convenienti: circa 50 pence a stampa rispetto agli 80 pence dell’Instax Mini di Fuji.

Più deludente è la modalità con proporzioni 2×2, che ci saremmo aspettati riproducesse il classico bordo delle foto istantanee Polaroid. Invece, questa modalità riempie solamente due terzi della stampa, lasciando il terzo inferiore vuoto. Le foto scattate in questa modalità non sono altrettanto gradevoli alla vista come una stampa Instax.

I file digitali da 8 megapixel salvati su una scheda SD si avvicinano alle prestazioni di uno smartphone di qualche anno fa. Non raggiungono l’alto livello di dettaglio dei telefoni di punta odierni, ma rimangono comunque abbastanza nitidi nell’intera immagine e vengono esposti in maniera accurata per la maggior parte dei casi. Tuttavia, il piccolo sensore può soffrire rapidamente in situazioni di scarsa illuminazione, con il rumore che diviene evidente in modo tempestivo.

Altri articoli:

Alessio Fabrizi
Alessio Fabrizi
Alessio, fondatore di Fotografia Moderna dal lontano 2015 con l'obiettivo di creare una community unita di fotografi italiani. Cerco sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, mi diverto a fare recensioni di attrezzature fotografiche e consigliare con guide all'acquisto le migliori alternative sul mercato. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raggiungere più di 1 milione di appassionati ogni anno finendo per essere un lavoro a tempo pieno dove ogni giorno impiego il mio tempo per cercare notizie o migliorare il sito.
ALTRI ARTICOLI

Lascia un commento

Scrivi qui il tuo commento
Aggiungi il tuo nome qui

ULTIMI ARTICOLI