HomeAttrezzatura FotograficaSmartphoneCom'è la fotocamera del Nubia Z60 Ultra?

Com’è la fotocamera del Nubia Z60 Ultra?

La Nubia Z60 Ultra sfida il canone consolidato della fotografia per smartphone, specialmente per quanto riguarda le lunghezze focali. Mentre iPhone, Galaxy e Pixel hanno lungamente adottato una fotocamera principale di circa 24 mm, lo Z60 rivoluziona l’approccio, basando la sua fotocamera su un obiettivo da 35 mm. Dopo aver trascorso del tempo con il fiore all’occhiello di Nubia, non solo ritengo che questo telefono affronti una sfida significativa, ma potrebbe anche prefigurare una svolta verso il 35mm nel campo della fotografia mobile.

Prima di addentrarci nello Z60 Ultra, è importante capire perché le fotocamere dei telefoni tendano ad avere una visione così ampia. Dopo tutto, è raro che un fotografo citi un obiettivo più largo di 28 mm come il suo preferito. Le lunghezze focali di 24 mm e oltre cominciano a spingersi nel territorio dell’ultra-ampio, con possibili distorsioni e un punto di vista che potrebbe risultare privo di soggetto. Se dovessi ipotizzare le ragioni dietro la scelta di una fotocamera principale a 24 mm, ce ne sarebbero due: le dimensioni e la versatilità.

La storia delle lunghezze focali delle fotocamere degli smartphone

Una panoramica sulle lunghezze focali delle fotocamere degli smartphone ci porta a riflettere sul legame tra dimensioni e funzionalità ottiche. Affinché una fotocamera possa garantire una resa ottimale con minime distorsioni, è essenziale che l’obiettivo sia posizionato a una certa distanza dal sensore, richiedendo quindi spazio, una risorsa limitata negli smartphone sempre più sottili.

Nei primi giorni della fotografia mobile, lo zoom sembrava un lontano miraggio, quindi le fotocamere ultra-wide con lunghezze focali di circa 13 mm hanno goduto di popolarità prima dei teleobiettivi. Queste fotocamere ultra-wide non richiedevano una grande profondità.

Un’altra considerazione legata alle dimensioni riguarda la grandezza del sensore. Per garantire una migliore captazione della luce, i sensori degli smartphone sono cresciuti in dimensioni, arrivando fino a 1 pollice nel caso dello Xiaomi 14 Ultra. Tuttavia, sensori più grandi richiedono una maggiore profondità per consentire uno zoom più ampio.

Tutto ciò considerato, senza uno spessore considerevole, sarebbe impensabile montare una fotocamera principale con un sensore di dimensioni competitive. Passando all’utilità, prima dell’avvento delle fotocamere multiple sugli smartphone, gli utenti si dovevano accontentare di una singola fotocamera per scattare foto di famiglia, documenti, paesaggi e altre necessità quotidiane. In questo contesto, una lunghezza focale versatile di 24 mm aveva senso: non eccellente in tutto, ma sufficientemente buona per la maggior parte degli usi.

Nel 2024, con l’avanzare della tecnologia e la presenza di fotocamere ultra-wide di alta qualità e zoom ottici fino a 10x su dispositivi come il Galaxy S24, l’idea di una fotocamera principale con lunghezza focale di 24 mm sembra antiquata. Questo pensiero non è solo mio; aziende come Apple, OnePlus, OPPO e Xiaomi offrono tutte l’opzione di ritaglio software nelle impostazioni della fotocamera, consentendo alla fotocamera predefinita di attivarsi a 35 mm, anche se la lunghezza focale ottica è molto più ampia. Tuttavia, Nubia è il primo produttore di telefoni che ho incontrato a adottare la preferita dai fotografi, ossia la lunghezza focale di 35 mm, e renderla la principale lunghezza focale ottica della fotocamera.

Sistema di fotocamere del Nubia Z60 Ultra

Il Nubia Z60 Ultra è un telefono dotato di tripla fotocamera, ognuna con lunghezze focali ottiche equivalenti al formato full-frame: 18 mm, 35 mm e 85 mm. Tutte e tre le fotocamere vantano una risoluzione di almeno 50 MP e sono dotate di stabilizzazione ottica dell’immagine (OIS), un’innovazione che fino ad ora non avevo mai visto su una fotocamera ultra-wide, anche se la fotocamera più ampia della Z60 Ultra, con i suoi 18 mm, non può essere considerata particolarmente ultra-wide.

Ecco le specifiche dettagliate delle tre fotocamere:

  • Fotocamera a 18 mm (ultra-wide): risoluzione di 50 MP, sensore da 1/1,55 pollici; obiettivo f/1,8, 18 mm (100˚) con OIS.
  • Fotocamera a 35 mm (primaria): risoluzione di 50 MP, sensore da 1/1,49 pollici; obiettivo f/1.6, 35 mm con OIS.
  • Fotocamera a 85 mm (teleobiettivo): risoluzione di 64 MP, sensore da 1/2 pollice; obiettivo f/3.3, 85 mm con OIS.

Mentre l’iPhone 15 Pro offre una gamma di fotocamere che vanno da un ultra-wide da 13 mm a un grandangolo da 23 mm e terminano con un teleobiettivo da 77 mm, l’angolo di visuale del Nubia Z60 Ultra rimane costantemente più stretto.

Com’è la fotocamera del Nubia Z60 Ultra?

La fotocamera del Nubia Z60 Ultra è eccellente?
Assolutamente sì; la fotocamera del Nubia Z60 Ultra è davvero notevole. Sebbene questo telefono non sia economico, supera senza dubbio i modelli di punta come il Samsung Galaxy S24 Ultra, il Pixel 8 Pro e persino le opzioni più convenienti come il OnePlus 12. Inoltre, il sistema di fotocamere non convenzionale di Nubia si distingue per la sua brillantezza.

Partendo dalla fotocamera principale, benché non abbia il sensore più grande sul mercato, grazie alla sua distanza focale maggiore rispetto alle alternative da 24 mm, offre una spettacolare profondità di campo dietro soggetti ravvicinati. L’elaborazione delle immagini di Nubia sembra essere stata progettata per i fotografi più che per gli utenti comuni di smartphone, ricordando gli sforzi congiunti di Leica e Xiaomi.

Fin dall’inizio, abbiamo notato che Nubia applica effetti HDR meno invasivi rispetto a telefoni come Asus Zenfone 11 Ultra e Nothing Phone (2a), due recenti dispositivi che ho avuto modo di testare e che non mi hanno impressionato particolarmente con le loro fotocamere. Questo significa che le zone d’ombra possono risultare più scure e riflettere meglio la realtà. Questo non è sempre positivo: ombre meno elaborate significano anche meno informazioni che possono essere recuperate durante l’editing, ma in quest’era di fotografia AI, ho apprezzato davvero l’elaborazione più tradizionale dello Z60 Ultra.

Questa tendenza alla naturalezza si riflette anche nell’uso dell’intelligenza artificiale. Honor Magic 6 Pro e Vivo X100 Pro, ad esempio, tendono ad applicare zoom AI eccessivi, in particolare oltre 20x, rendendo gli oggetti troppo sfumati e privi di dettaglio. Questo risultava particolarmente sgradevole quando si fotografavano volti da lontano. Al contrario, lo Z60 Ultra consente a queste immagini di mantenersi più fedeli alla realtà, anche se possono presentare pixelizzazione e degradazione, una scelta che ho apprezzato in quanto appassionato di fotografia.

Tuttavia, lo zoom è un’area in cui lo Z60 Ultra potrebbe essere migliorato rispetto ai migliori smartphone con fotocamera attualmente disponibili, in particolare rispetto all’Oppo Find X7 Ultra.

Da un punto di vista pratico, scattare con la fotocamera principale da 35 mm ha prodotto immagini più dinamiche e coinvolgenti rispetto a quelle ottenute di solito con gli smartphone. Mi ha anche evitato la necessità di zoomare o ritagliare immagini così frequentemente. Inoltre, ogni volta che ho avuto bisogno di allargare l’inquadratura per scatti di gruppo o paesaggi, la fotocamera grandangolare da 18 mm ha fatto un lavoro eccezionale.

Entrambe le fotocamere da 18 mm e 35 mm offrono una messa a fuoco nitida e ravvicinata, consentendo al Z60 Ultra di scattare foto macro da diverse prospettive, rendendolo un dispositivo veramente versatile. Dopo quasi un mese con questo telefono, non ho affatto sentito la mancanza di un’angolazione ultra ampia e mi sono invece appoggiato molto più spesso alla qualità della fotocamera da 18 mm rispetto a quanto faccia di solito con un obiettivo grandangolare da 13 mm.

La fotocamera che ho trovato meno performante sul retro del Z60 Ultra è stata il teleobiettivo da 85 mm. Similmente all’iPhone 15 Pro Max, non riesce a mettere a fuoco particolarmente da vicino al soggetto – richiede circa un metro di distanza – e mostra maggiore difficoltà in ambienti poco illuminati. Sebbene sia in grado di produrre ottimi ritratti in condizioni di luce ideali, richiede un maggiore impegno rispetto alle affidabili fotocamere da 18 mm e 35 mm.

Inoltre, è importante sottolineare che le prestazioni da fotografo non si estendono alla fotocamera anteriore. Le sue foto sono al massimo nella media, ma ciò non dovrebbe sorprendere considerando che Nubia utilizza una fotocamera selfie posizionata sotto il display, invisibile fino a quando non viene attivata. Questa soluzione consente di godere di un display a tutto schermo senza notch o fori, rendendo il Z60 Ultra ideale per visualizzare, condividere e modificare foto.

C’è futuro per gli smartphone a lunghezza focale da 35 mm?

Resta da vedere se giganti come Apple, Google o Samsung seguiranno l’esempio di Nubia e adotteranno lunghezze focali ottiche simili.

Dal punto di vista tecnologico, il successo del Z60 Ultra dimostra che la tecnologia è pronta per questa evoluzione, quindi c’è motivo di essere ottimisti riguardo ad altri marchi che potrebbero abbracciare l’idea, rompendo così le catene della fotocamera principale predefinita con lunghezza focale di 24 mm. Honor ha già fatto il primo passo con la sua soluzione da 27 mm, che si è dimostrata estremamente soddisfacente.

Dopo aver sperimentato l’ammiraglia di Nubia, ritengo che molti fotografi apprezzeranno le opzioni di lunghezza focale native da 18 mm e 35 mm più delle soluzioni standardizzate da 13 mm e 24 mm, anche se è evidente che il Z60 ha ancora molto da fare per competere con la qualità dello zoom.

Alessio Fabrizi
Alessio Fabrizi
Alessio, fondatore di Fotografia Moderna dal lontano 2015 con l'obiettivo di creare una community unita di fotografi italiani. Cerco sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, mi diverto a fare recensioni di attrezzature fotografiche e consigliare con guide all'acquisto le migliori alternative sul mercato. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raggiungere più di 1 milione di appassionati ogni anno finendo per essere un lavoro a tempo pieno dove ogni giorno impiego il mio tempo per cercare notizie o migliorare il sito.
ALTRI ARTICOLI

Lascia un commento

Scrivi qui il tuo commento
Aggiungi il tuo nome qui

ULTIMI ARTICOLI

LE MIGLIORI OFFERTE DEL GIORNO