HomeAttrezzatura FotograficaMirrorlessNikon Z8: Miglior mirrorless full frame di sempre?

Nikon Z8: Miglior mirrorless full frame di sempre?

Nel 2017, Nikon ha introdotto la D850, una fotocamera SLR digitale full frame da 35 mm che si è posizionata come la punta di diamante della loro gamma. Progettata per soddisfare le esigenze di fotografi professionisti in vari ambiti, come paesaggi, macro, sport, natura, moda, matrimoni e ritratti, la D850 ha rapidamente guadagnato apprezzamento nel settore.

Ora, nel 2023, assistiamo all’arrivo della controparte mirrorless: la Nikon Z8 in formato FX. Questa fotocamera, in molti aspetti, supera addirittura l’impressionante D850.

Posizionandosi giusto sotto la Nikon Z9, che è stata lanciata 18 mesi fa, la Nikon Z8 sembra condividere molte somiglianze con la sua controparte di livello superiore in termini di specifiche e caratteristiche principali.

In sintesi, la nuova Nikon Z8 condensa gran parte delle eccellenti caratteristiche dell’ammiraglia Z9 in un corpo più compatto, leggero e conveniente.

Tra i principali rivali della Nikon Z8 si annoverano la Sony A7R V e la Canon EOS R5. Nel frattempo, la Nikon Z9, la Sony A1 e la Canon EOS R3 sono alternative più orientate all’azione.

Continua a leggere per scoprire la nostra recensione completa della Nikon Z8, che comprende anche foto e video di esempio a grandezza naturale da scaricare e valutare.

Caratteristiche

La Nikon Z8 è stata annunciata per la prima volta il 10 maggio 2023 come una nuova fotocamera mirrorless full-frame professionale da 35 mm, progettata per rappresentare il successore spirituale della popolare DSLR D850.

In modo sorprendente e senza una differenza di costo significativa rispetto al modello di punta Z9, le due fotocamere sono praticamente identiche in ogni aspetto in termini di specifiche. Le principali divergenze riguardano principalmente le dimensioni, il layout dei controlli e la durata della batteria.

È quindi meritevole di riconoscimento il coraggio di Nikon nel non limitare in alcun modo la Z8 per spingere i consumatori a passare al modello successivo. Quella che abbiamo qui è effettivamente la “piccola Z9” che molti attendevano.

La Nikon Z8 pone un’enfasi chiara sulla velocità reale, raggiungendo in modo impressionante una velocità di scatto a raffica di 30 fps nonostante utilizzi un sensore da 45,7 megapixel ad altissima risoluzione.

Tuttavia, è importante notare un dettaglio cruciale: la Z8 è in grado di scattare a 30 fps solo nel formato JPEG, mentre la velocità di 20 fps è disponibile solo durante la registrazione di file Raw.

Un aspetto positivo è che la Z8 può catturare oltre 1000 file Raw in una singola raffica prima che la fotocamera inizi a rallentare, il che equivale a circa 50 secondi di registrazione continua. Questo risultato è davvero notevole.

E se 20 fps per i Raw e 30 fps per i JPEG non fossero abbastanza veloci per te, la Z8 ha una carta vincente nella manica con una sorprendente velocità di scatto di 120 fps durante la cattura di immagini fisse da 11 megapixel.

Forse la caratteristica più impressionante è che tutte le modalità di scatto continuo della Z8 includono il tracking AF/AE completo, persino quando si scatta a 120 fps!

La DSLR D850, nel frattempo, ha una velocità di scatto molto più lenta, raggiungendo fino a 7 fps per 51 immagini con la batteria EN-EL15a e fino a 9 fps per 29 immagini con la batteria EN-EL18b.

Ma come la nuova fotocamera mirrorless Z8 aumenta esattamente la sua velocità? La Z8 abbandona completamente l’uso di un otturatore meccanico, affidandosi invece a un otturatore elettronico per tutte le modalità di acquisizione.

È una delle pochissime fotocamere sul mercato a rinunciare completamente all’otturatore meccanico. La serie Sigma fp è l’unica altra fotocamera che conosciamo che segue questa strada, e si concentra chiaramente sulla videografia.

La Nikon Z8 è promossa come un dispositivo versatile rivolto sia ai fotografi professionisti che ai videomaker, il che rende la scelta di eliminare completamente l’otturatore meccanico una decisione audace.

Gli otturatori elettronici spesso soffrono di “rolling shutter” quando catturano soggetti in rapido movimento, ma Nikon afferma di aver risolto questo problema nella Z8 grazie alla combinazione di un sensore impilato, l’ultimo processore Expeed 7 (che offre una velocità di elaborazione circa 12 volte più rapida rispetto alla Z7 II) e l’utilizzo di schede di memoria CFexpress di tipo B. Sono così convinti di questa soluzione che non hanno incluso nemmeno un otturatore meccanico come backup all’interno della Z8.

Questa decisione comporta numerosi vantaggi per gli utilizzatori della Z8: la fotocamera è essenzialmente silenziosa e offre la possibilità di scegliere tra vari suoni e volumi artificiali dell’otturatore per avere un feedback sulle azioni della fotocamera.

Senza parti meccaniche in movimento, ci sono meno componenti soggetti a guasti, un aspetto fondamentale per una fotocamera che certamente affronterà un uso impegnativo. Non sarà necessario preoccuparsi dei cicli massimi dell’otturatore con la Z8.

Nonostante l’assenza dell’otturatore meccanico, la sincronizzazione del flash fino a 1/200 sec. è ancora supportata, che è quasi altrettanto rapida della velocità di sincronizzazione del flash della D850 di 1/250 sec. e, in effetti, è simile a molte fotocamere con otturatore meccanico. La Z8 offre anche le tipiche funzioni di sincronizzazione ad alta velocità di Nikon.

Il cuore della Nikon Z8 è lo stesso sensore da 45,7 megapixel presente nella Z9, con un design sovrapposto sviluppato esclusivamente da Nikon.

Questo ti permette di sfruttare l’otturatore esclusivamente elettronico della Z8 per catturare movimenti rapidi senza preoccuparti della distorsione dell’otturatore, mentre puoi goderti il mirino elettronico OLED da 3,690,000 punti con ingrandimento 0,8x che non presenta blackout e si aggiorna a 120 fps. Questo rende la visualizzazione perfetta per seguire il soggetto durante le riprese fino a 30 fps.

Gli utenti Sony hanno già beneficiato dei vantaggi di un design impilato per diversi anni, sin dal lancio della prima Alpha 9 nel 2017. Pertanto, è apprezzabile vedere Nikon competere direttamente con uno dei suoi principali concorrenti.

Il sensore CMOS BSI impilato della Z8 offre una gamma ISO nativa che va da 64 a 25.600, espandibile fino a ISO 32-102.400. La velocità massima dell’otturatore è di 1/32.000 sec., resa possibile grazie all’otturatore elettronico. Puoi selezionare questa velocità tenendo premuto il pulsante ISO sulla parte superiore della fotocamera e utilizzando la ghiera di comando posteriore. Troverai anche una familiare finestra LCD sulla piastra superiore che indica la selezione effettuata.

La Z8 è anche la seconda fotocamera Nikon in assoluto a offrire la registrazione 8K: è possibile registrare video ininterrottamente fino a UHD 8K 60p senza ritaglio.

Per gli appassionati di video, la Nikon Z8 vanta una registrazione interna a 12 bit non compressa fino a 8K/60p su scheda CFexpress, utilizzando ProRes RAW HQ e il nuovo formato N-RAW di Nikon. Questa caratteristica la rende una delle poche fotocamere sul mercato a offrire la registrazione in 8K.

Se sei interessato principalmente al 4K UHD, la Z8 lo supporta con vari frame rate fino a 120p per ottenere slowmotion. Ancora una volta, non vi è alcun fattore di ritaglio, e puoi registrare video 4K UHD sovracampionati da 8K nelle modalità 30p/25p/24p per una maggiore nitidezza e dettaglio.

La registrazione video sulla Nikon Z8 include anche la registrazione in formato 4K DCI e UHD a 10 bit senza ritaglio, con frame rate che variano da 24 a 120 fps per ottenere effetti al rallentatore. Inoltre, è possibile registrare video UHD 4K ancora più dettagliati fino a 30p, sovracampionando l’uscita nativa 8K del sensore.

La fotocamera offre l’impostazione N-Log a 12 bit e un profilo colore Flat per una maggiore flessibilità durante la fase di correzione del colore. È anche possibile utilizzare HLG (Hybrid Log Gamma) per la creazione di contenuti HDR direttamente nella fotocamera.

La Nikon Z8 è dotata di porte per microfono e cuffie, nonché di una porta HDMI Type-C standard per l’uscita verso un registratore esterno.

Una differenza significativa nel reparto video tra le due fotocamere è che la Z9 supporta la registrazione illimitata in tutte le modalità, mentre la Z8 ha alcune limitazioni. Ad esempio, la Z8 può registrare video 8K/30p per un massimo di 90 minuti e video 4K/60p per oltre 2 ore senza surriscaldamento.

La Z8 presenta un eccellente sistema di stabilizzazione dell’immagine a cinque assi integrato, che può fornire fino a 6 stop di compensazione quando abbinato a determinate ottiche della serie Z che dispongono anche del loro sistema di riduzione delle vibrazioni (VR) integrato.

La stabilizzazione interna è uno dei principali vantaggi delle fotocamere mirrorless rispetto alle DSLR, ed è anche uno dei motivi principali per preferire la Z8 rispetto alla D850.

Questo sistema di stabilizzazione è stato progettato per lavorare in sinergia con il sistema VR integrato in vari obiettivi con innesto Z. L’obiettivo e il sensore collaborano per correggere beccheggio e imbardata, mentre il sensore si occupa dei movimenti XY e del rollio.

La modalità Synchro VR intelligente offre fino a 6 stop di stabilizzazione con alcune lenti (come il Z MC 105mm F2.8 VR, Z 100-400mm F4.5-5.6 VR S e Z 70-200mm F2.8 VR S), consentendoti di scattare a mano libera per fino a 2 secondi e ottenere comunque risultati incredibilmente nitidi.

Processore e schede di memoria

Grazie al potente processore Expeed 7, la Nikon Z8 offre una gamma di modalità di tracciamento dell’autofocus basate sull’intelligenza artificiale e sull’apprendimento profondo.

La fotocamera è in grado di riconoscere dieci tipi diversi di soggetti, tra cui persone, animali, uccelli e veicoli. Il sistema di tracciamento 3D avanzato fa il suo debutto nelle fotocamere mirrorless Nikon con la Z8.

L’autofocus della Z8 è in grado di riconoscere e seguire gli occhi, anche quando sono piccoli nell’inquadratura, e funziona anche se la persona indossa maschere, caschi o occhiali da sole. Questa funzione di tracciamento funziona sia per gli esseri umani che per gli animali, tra cui cani, gatti e uccelli, anche quando sono in volo.

La Nikon Z8 ha anche la capacità di tracciare veicoli, tra cui aerei, treni, biciclette e motociclette. Inoltre, se il conducente di un veicolo indossa un casco, il sistema di autofocus si concentrerà su di esso, garantendo che il soggetto chiave rimanga a fuoco.

In modo piuttosto sorprendente, la Z8 è in grado di riconoscere anche gli aerei come soggetto, inclusi l’intero corpo dell’aereo, la parte anteriore o la cabina di pilotaggio.

È probabile che questa funzione verrà introdotta anche sulla Z9 in futuro tramite un aggiornamento del firmware, ma al momento la Z8 è l’unica fotocamera Nikon che la supporta.

Una delle differenze principali tra la Nikon Z8 e altri sistemi simili di Canon, Olympus e Sony è che la Z8 offre una modalità di tracciamento “Automatico”, in grado di riconoscere in modo affidabile il soggetto corretto. Questo evita la necessità di passare manualmente da un soggetto all’altro. Tuttavia, è ancora possibile farlo manualmente se si desidera che la fotocamera si concentri su un soggetto specifico. La modalità Auto fa comunque un ottimo lavoro nella maggior parte delle situazioni.

La Nikon Z8 dispone di uno slot per schede SD UHS-II e di uno slot CFexpress di tipo B ad alta velocità. A differenza della Z9 che ha due slot CFexpress, la Z8 segue un approccio differente nella configurazione delle schede di memoria.

Il tipo di scheda di memoria utilizzata è un aspetto fondamentale per sfruttare appieno le capacità della Nikon Z8. Poiché supporta la registrazione video 8K, lo scatto continuo e le prestazioni rapide, è consigliabile utilizzare schede CFexpress che offrano velocità di scrittura superiori a 1500 Mbps, in modo da massimizzare le prestazioni della fotocamera.

La Nikon Z8 è dotata anche di Wi-Fi e Bluetooth integrati, così come di una porta USB 3.2 di tipo C, una porta HDMI di tipo A di dimensioni standard, prese per cuffie, microfono, telecomando/accessori a 10 pin e porte Ethernet 1000BASE-T.

È importante notare che, a differenza della Z9, la nuova Z8 non dispone di tracciamento GPS integrato. Per sfruttare questa funzionalità, dovrai collegare la fotocamera al tuo smartphone tramite Bluetooth e utilizzare l’app SnapBridge.

Il corpo della Nikon Z8 è realizzato in una lega di magnesio e carbonio, conferendogli resistenza alla polvere e agli agenti atmosferici, simile alla protezione offerta dalla D850. Entrambe le fotocamere offrono un livello di impermeabilità comparabile.

Un aspetto distintivo della Nikon Z8 rispetto alla più grande e pesante Z9 è l’assenza di un’impugnatura integrata con controlli duplicati per la ripresa verticale. Questa scelta di design rende la Z8 significativamente più piccola e leggera rispetto alla Z9, posizionandosi in modo distintivo sotto di essa nella gamma di prodotti Nikon.

Secondo i dati forniti da Nikon, il corpo della Z8 è addirittura più piccolo del 30% e più leggero di 430 grammi rispetto alla Z9. Rispetto alla DSLR D850, che Nikon considera direttamente nel confronto con la Z8, la nuova fotocamera è più compatta del 15% e più leggera di 105 grammi.

Batteria e connettività

La nuova Nikon Z8 è alimentata dalla batteria EN-EL15C, la stessa batteria utilizzata anche dalle fotocamere Z7 II, Z6 II e Z5. Questa batteria offre una capacità inferiore e può fornire fino a 300 scatti secondo gli standard CIPA con una carica completa. In pratica, anche se utilizzi principalmente la modalità di scatto continuo a 30 fps della Nikon Z8, la durata della batteria dovrebbe comunque essere sufficiente per molte situazioni. Inoltre, è sempre possibile portare con sé batterie di riserva per prolungare ulteriormente l’autonomia durante le sessioni fotografiche o gli eventi.

Per quanto riguarda i formati dei file, la Nikon Z8 supporta i formati RAW, JPEG e il nuovo formato HEIF (High Efficiency Image File), che consente di ottenere immagini con una maggiore profondità di colore e minori dimensioni rispetto a un JPEG tradizionale.

Nikon ha introdotto un nuovo formato di file RAW ad alta efficienza sulla Z8. Questo nuovo formato conserva la stessa qualità e dettaglio di un RAW non compresso, ma con dimensioni dei file notevolmente ridotte, permettendo una maggiore velocità di lettura e scrittura sulla scheda di memoria e un minor spazio di archiviazione necessario per i grandi file da 45 megapixel prodotti dalla fotocamera.

La Nikon Z8 è dotata di Wi-Fi IEEE 802.11b/g/n/a/ac integrato (5 GHz e 2,4 GHz) e Bluetooth 5.0 per la connettività wireless.

Se osserviamo la parte anteriore della fotocamera, la Nikon Z8 appare quasi identica alla Z9, con la caratteristica forma a pentaprisma SLR e una costruzione robusta e solida.

Pulsanti e configurazione

La Nikon Z8 presenta un design ergonomico con un insieme di pulsanti e controlli ben posizionati per facilitare l’accesso alle impostazioni e migliorare l’esperienza di scatto. Sul lato destro dell’attacco dell’obiettivo, troverai un grande e robusto pulsante di rilascio dell’otturatore, mentre subito sotto c’è un pulsante per la modalità AF, che consente di selezionare la modalità di messa a fuoco e l’area AF utilizzando le ghiere di comando anteriori e posteriori.

Sull’altro lato dell’attacco dell’obiettivo, troverai una fila di due pulsanti funzione, leggermente diversa rispetto allo Z9. Questi pulsanti possono essere personalizzati per adattarsi alle tue preferenze e offrono un accesso rapido alle funzioni che ritieni più utili durante lo scatto.

La fotocamera offre molte opzioni di personalizzazione dei pulsanti, il che significa che puoi configurare i controlli in base alle tue preferenze per avere accesso rapido alle funzioni che usi più spesso.

Una caratteristica interessante è lo schermo sensore integrato che protegge il sensore della fotocamera quando è spenta. Questo può essere particolarmente utile per mantenere il sensore al sicuro da polvere e impronte digitali quando la fotocamera non è in uso o durante il cambio degli obiettivi.

In alto a sinistra troverai i controlli per la modalità di scatto (P, A, S, M), la modalità drive, il bracketing e il rilascio dell’otturatore. Tuttavia, potrebbe mancare una ruota o un quadrante della modalità di scatto tattile, che alcune fotocamere professionali hanno, ma la Nikon Z8 offre comunque un accesso rapido tramite il pulsante Mode sulla parte superiore della fotocamera.

Il display LCD superiore, posizionato a destra del mirino, è estremamente utile per visualizzare rapidamente le impostazioni chiave come apertura, velocità dell’otturatore, modalità drive, ISO, numero di scatti rimanenti e durata della batteria. Questo display semplifica la verifica delle impostazioni senza dover guardare attraverso il mirino o il display principale posteriore.

Conclusione

Offrendo praticamente tutte le stesse caratteristiche e prestazioni dell’ammiraglia Z9, la nuova Nikon Z8 è una fotocamera tuttofare notevole, ma in un corpo più piccolo, leggero e a un prezzo più accessibile. In breve, è una delle migliori fotocamere che abbiamo mai recensito.

Nonostante alcune differenze chiave rispetto alla Z9, come la durata della batteria leggermente inferiore e tempi di registrazione video più brevi, la Z8 offre vantaggi propri, come la maggiore portabilità, l’uso di formati di schede di memoria più versatili, porte USB-C doppie e la modalità di rilevamento del soggetto aereo.

Dopo aver utilizzato la Z8 per un po’, possiamo affermare che preferiamo l’approccio del corpo più piccolo rispetto al design a doppia impugnatura dello Z9. Il corpo della Z8 è più discreto e puoi sempre aggiungere un’impugnatura batteria opzionale per migliorare ulteriormente la maneggevolezza, soprattutto quando si utilizzano obiettivi più grandi.

Nikon ha colto di sorpresa molti, compresi noi, non solo offrendo una fotocamera così capace, ma anche proponendola a un prezzo competitivo rispetto ai principali rivali.

La Sony A7R V, con i suoi straordinari mirino e otturatore meccanico, è forse più adatta alla fotografia di immagini fisse rispetto alla Z8, ma presenta un numero di megapixel più elevato.

Nonostante sia più vecchia di 3 anni, la Canon EOS R5 è ancora una scelta valida, ma non può competere con la nuova Z8.

Fotocamere come la Sony A1, la Canon EOS R3 e la Nikon Z9 sono più orientate all’azione e hanno un prezzo superiore, lasciando la nuova Z8 in una categoria a parte.

In breve, la nuova Nikon Z8 ha superato le aspettative come successore spirituale della celebre DSLR D850 e come versione compatta della Z9: è la migliore fotocamera mirrorless full-frame tuttofare mai realizzata.

Altri articoli:

Alessio Fabrizi
Alessio Fabrizi
Alessio, fondatore di Fotografia Moderna dal lontano 2015 con l'obiettivo di creare una community unita di fotografi italiani. Cerco sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, mi diverto a fare recensioni di attrezzature fotografiche e consigliare con guide all'acquisto le migliori alternative sul mercato. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raggiungere più di 1 milione di appassionati ogni anno finendo per essere un lavoro a tempo pieno dove ogni giorno impiego il mio tempo per cercare notizie o migliorare il sito.
ALTRI ARTICOLI

Lascia un commento

Scrivi qui il tuo commento
Aggiungi il tuo nome qui

ULTIMI ARTICOLI