HomeNews FotografiaPanasonic: G9 II grande per bilanciare meglio la fotografia

Panasonic: G9 II grande per bilanciare meglio la fotografia

Uno dei principali vantaggi del sistema Micro Quattro Terzi risiede nella sua capacità di rendere fotocamere e obiettivi molto più compatti grazie alle dimensioni ridotte del sensore. È quindi sorprendente per alcuni notare che il G9 Mark II è fisicamente così grande, quasi quanto il full-frame S5II di Panasonic.

Durante un colloquio con PetaPixel alla fiera CP+ a Yokohama, Giappone, il mese scorso, è stato spiegato che, considerando gli specifici scenari d’uso previsti e l’attenzione particolare alla fotografia, il G9 Mark II doveva essere più imponente e simile in dimensioni all’S5 full-frame II e all’S5 IIX.

“Alcuni ritengono che il G9 Mark II sia eccessivamente grande per un sistema Micro Quattro Terzi. Tuttavia, noi pensavamo che, date le caratteristiche comuni a entrambe le fotocamere, potessero condividere la stessa struttura”, spiega Tomoki Nakanishi, supervisore del marketing nell’unità business Imaging di Panasonic, riferendosi all’S5 II.

Panasonic ha altresì chiarito che tale decisione è stata presa considerando i fotografi specializzati in birdwatching e fotografia della fauna selvatica.

“Inoltre, abbiamo implementato la pre-RAF e il rilevamento automatico degli animali, pensando specificamente a questo pubblico”, aggiunge Yuta Sugawara, marketing nell’unità business Imaging di Panasonic. “Questa è anche la ragione per cui abbiamo annunciato contemporaneamente il rinnovo degli obiettivi 35-100 mm e 100-400 mm.”

“La G9 Mark II si dimostra particolarmente efficace nelle riprese con teleobiettivi e, come ben saprai, l’obiettivo stesso cresce di dimensioni in questi casi”, continua Nakanishi. “La G9 Mark II non è progettata per la fotografia street, quindi è stata concepita con un occhio verso l’ergonomia durante l’uso dei teleobiettivi.”

“Sicuramente, nel complesso, la G9 Mark II viene vista come una fotocamera Micro Quattro Terzi piuttosto grande. Tuttavia, se confrontiamo le dimensioni con quelle del G9 originale, non sono poi così diverse”, afferma Sugawara.

I due esperti spiegano che, data la natura pesante dei teleobiettivi, pur essendo più compatti nel sistema Micro Quattro Terzi, è stato cruciale considerare il bilanciamento durante l’uso. Data la natura della G9 II come fotocamera maggiormente orientata verso i fotografi anziché i videomaker, questa scelta di design ha senso, sebbene Chris Niccolls e Jordan Drake di PetaPixel non siano completamente convinti.

Questi teleobiettivi per specifici casi d’uso fotografici non sono l’unica ragione per cui il corpo macchina è così simile all’S5 II. Poiché il G9 II e l’S5 II sono stati sviluppati contemporaneamente, era logico condividere alcune parti.

“In sostanza, S5 II e G9 Mark II erano in fase di sviluppo contemporanea e abbiamo cercato di creare un corpo macchina che potesse adattarsi sia al formato full frame che a quello Micro Quattro Terzi. Questa è stata la nostra sfida”, spiega Nakanishi.

Alessio Fabrizi
Alessio Fabrizi
Alessio, fondatore di Fotografia Moderna dal lontano 2015 con l'obiettivo di creare una community unita di fotografi italiani. Cerco sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, mi diverto a fare recensioni di attrezzature fotografiche e consigliare con guide all'acquisto le migliori alternative sul mercato. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raggiungere più di 1 milione di appassionati ogni anno finendo per essere un lavoro a tempo pieno dove ogni giorno impiego il mio tempo per cercare notizie o migliorare il sito.
ALTRI ARTICOLI

Lascia un commento

Scrivi qui il tuo commento
Aggiungi il tuo nome qui

ULTIMI ARTICOLI

LE MIGLIORI OFFERTE DEL GIORNO