HomeAttrezzatura FotograficaReflexMacchina Fotografica Analogica: Guida all'Acquisto

Macchina Fotografica Analogica: Guida all’Acquisto

La fotocamera analogica è sparita per molti fotografi, molti di voi probabilmente non le hanno nemmeno mai viste ma vi posso giurare che c’è un ottimo mercato dietro alle fotocamere analogiche sia nei negozi che su internet.

Ti stai chiedendo perché?

C’è poco da fare, le fotocamere analogiche sono piccoli gioielli senza tempo, alcuni con una grande maestria artigianale, di una precisione e resistenza che ha portato molte di loro a continuare a funzionare perfettamente a 50 anni dalla loro fabbricazione.

Tutto il contrario della obsolescenza programmata o di cambiare telecamera ogni anno come succede ai giorni d’oggi.

Ogni fotocamera analogica contiene milioni di storie, milioni di fotografie e aneddoti dietro di essa. 

Se sei un amante del retrò e del vintage, tra l’altro ti consiglio questa mega guida con suggerimenti e trucchi per fotografare in bianco e nero e ottenere le immagini più spettacolari, perché se sei un amante dell’analogico è molto probabile che sei anche appassionato di fotografia in bianco e nero.

E ora, andiamo a ciò che ci interessa oggi: la telecamera analogica.

Vantaggi di una fotocamera analogica

Prezzo

Contrariamente a quanto si può pensare, si trova del buon materiale analogico a prezzi bassi su internet o nei negozi di fotografia specializzati. Per ottenere una fotocamera e un obiettivo analogici, dovrai spendere meno rispetto a qualsiasi modello digitale fidati.

Finalmente impari a visualizzare prima lo scatto

Non c’è uno schermo LCD qui per aiutarti o per guidarti che ti dica se hai scattato la foto bene o meno. Ogni volta che premi l’otturatore, stai spendendo dei soldi, quindi cosa ti rimane? Pensare e non fotografare a casaccio come puoi fare oggi con le reflex.

Visualizza l’anteprima della scena, trova l’inquadratura migliore, attendi il momento giusto, assicurati di aver misurato la luce correttamente e solo a quel punto premi l’otturatore. La fotografia analogica ‘ti dà’ la migliore lezione che puoi avere come fotografo: pensa prima di premere l’otturatore.

Scatterai in modalità manuale

Molti analogici, compresi i più classici e senza tempo, hanno solo una modalità manuale . In questo caso sei faccia a faccia con la fotografia e devi conoscere per forza le basi. Quindi è qui che devi davvero impegnarti per capire perché apertura, velocità dell’otturatore o ISO interagiscono tra loro. 

Segui l’intero processo

Se ti piace molto il mondo analogico, partecipare all’intero processo dall’inizio alla fine. Soprattutto in bianco e nero, lo sviluppo dei negativi da soli non richiederà più di mezz’ora per ciascuno di essi e l’investimento è relativamente basso.

Se hai mai sviluppato una foto saprai che se la magia esiste, è qualcosa di simile a quella: aspettare e vedere come appare, a poco a poco e finalmente davanti a te, quell’immagine che ti ha dato tanto lavoro, in una stanza buia dove tutto è rosso. Se vuoi davvero provarlo, troverai sicuramente un posto che ti affitterà lo spazio del laboratorio con i relativi ingranditori, prodotti chimici e corso introduttivo. La camera oscura è sempre molto affascinante.

Bone e pellicole

Questa sezione esamina vantaggi e svantaggi per diversi motivi. Il vantaggio principale è che, fortunatamente, esistono ancora e che ognuno di loro è unico e diverso dall’altro. Alcuni contengono colori saturi, altri sono più freddi, altri hanno più o meno grana, più o meno contrasto, ognuno di loro ti offrirà immagini uniche e diverse.

Permettono inoltre di fare buoni ingrandimenti senza perdere in qualità, una delle cose che sembra che oggi il sistema digitale non sia riuscito a superare.

Il fascino del fumore

I romantici e i romantici del sistema analogico parlano sempre del rumore (grano) del film e del rumore digitale.  Ad oggi, la “bellezza” del rumore da pellicola, degli alogenuri d’argento, non è stata superata. Il rumore o la sua assenza nella fotografia analogica è un elemento in più, così come ogni fotocamera o ogni bobina è unica e diversa.

Emozionarsi sempre

Questo è il vantaggio più grande della fotografia analogica. 

Guardi con fervore i negativi, immaginando le immagini che contengono. Se la bobina è a colori vedi solo una plastica marrone, se la bobina è in bianco e nero, una plastica grigia.

Svantaggi della fotocamera analogica

Certo non è tutto oro quel che luccica, anche la modalità analogica ha degli svantaggi, altrimenti nessuno avrebbe abbandonato le proprie fotocamere analogiche in qualche angolo di memoria per sostituirle con una digitale.

ISO

A differenza della fotografia digitale, in questo caso l’ISO (o ASA) è definito da quello dettato dalla bobina che avete scelto. Ciò significa che avrai lo stesso ISO invariabile per tutte le situazioni che si presentano. Hai una variabile in meno con cui giocare, quindi dovresti cercare di compensare con diaframmi e velocità.

Se prima di iniziare a fotografare prevedi di aver bisogno di più ISO (e non hai ‘rilasciato’ il mulinello) puoi forzarlo fino a 3 passaggi, ma quando si tratta di svilupparlo è probabile che il laboratorio ti addebiterà per questo, e talvolta piuttosto costoso.

Bianco e nero o a colori?

Qualunque cosa ti piaccia in quel particolare momento, questa è la pellicola che hai, non importa se quell’immagine sembrava migliore a colori o in bianco e nero. Ciò che hai scelto non può essere modificato. 

Filtri fotografici

Quello che abbiamo incorporato in digitale con il nome di bilanciamento del bianco , in analogico lo si ottiene attraverso filtri fisici di diversi colori, a seconda della temperatura colore che si vuole compensare.

Dove compro una fotocamera analogica?

Forse a questo punto hai qualche curiosità se prima non ce l’avevi. Per trovare una fotocamera analogica a buon prezzo, inizia con la più ovvia; tra i tuoi conoscenti.

  • In soffitta : nella spazzatura dei tuoi nonni, genitori, zii, amici… Sicuramente qualcuno ha una macchina fotografica.
  • Antiquari: Dipenderà dal fatto che conoscano bene o meno il materiale fotografico, se se ne occupino bene o meno.
  • Mercati: Sono molto di moda e si possono ottenere vere meraviglie, anche se se non si è molto esperti in materia è meglio evitarli, è difficile sapere quando una macchina fotografica è in buone condizioni se non si sa nemmeno dove l’otturatore.
  • Negozi di fotografia specializzati: Di ​​solito sono molto più cari di quelli che puoi trovare in rete, ma ti offrono (dovrebbe) un prodotto rivisto in buone condizioni, con una garanzia da 6 mesi a 1 anno.
  • In rete: Come in tutti i prodotti che potresti aver acquistato tramite questo sistema, controlla le opinioni degli utenti sul venditore e rivedi attentamente le immagini e la spiegazione. Online è dove di solito puoi fare più ricerche e ottenere le migliori offerte.

Cosa considerare quando si acquista una telecamera analogica

  • Controllare la parte esterna : se presenta graffi, ruggine o grossi urti che potrebbero suggerire che qualcosa all’interno potrebbe essere stato danneggiato. Una cosa sono i graffi di utilizzo e un’altra i colpi più gravi.
  • Controlla l’obiettivo: dovrebbe essere intatto, non dimenticare che è la parte più importante di qualsiasi fotocamera. Niente graffi, niente aberrazioni, niente funghi e preferibilmente niente polvere (sebbene se sei estremamente interessato all’ottica un buon servizio tecnico può pulirla).
  • Il diaframma: Verificare che si muova senza intoppi e si apra e si chiuda uno per uno in corrispondenza dei numeri f del diaframma.
  • Il grilletto e l’otturatore: verificare che l’otturatore funzioni alla velocità corretta, nonché che l’otturatore si apra e si chiuda correttamente.
  • Specchi: Se si tratta di una fotocamera con specchio, verificare che sia in buone condizioni: pulita, senza graffi, ecc. e che torni nella posizione iniziale dopo lo scatto.

Migliori rullini fotografici

A colori

  • Kodak Portra 400: Grana molto fine, famosa per la sua riproduzione e saturazione del colore.
  • Kodak Ektar 100: ampiamente utilizzato nei paesaggi per il modo in cui riproduce il blu e il verde.
  • Fujifilm Velvia 50 (ASA) (Slide): lo puoi trovare in tutti i formati (35mm, medio e grande formato). Grana quasi inesistente e colori intensi e saturi.
  • Fujifilm Provia 100F (Slide): contrasto elevato e colori molto vividi pur essendo nitido e con poca grana.
  • Fujifilm Pro 400H: un’opzione intermedia bilanciata tra saturazione e grana.
  • Fujifilm Superia 1600: è la bobina con la più alta sensibilità ISO (ASA) a colori che esista oggi.

In bianco e nero

  • Kodak T-Max 400 (ASA): toni morbidi e grana molto fine, presumibilmente il migliore (meno rumore) a 400 ASA.
  • Ilford HP5 400 (ASA) Molto versatile, poiché per le sue caratteristiche è un mulinello “intermedio”, né troppo rumore né troppo contrasto, ma con qualcosa di entrambi.
  • Ilford Delta 3200 (ASA) Questa è la bobina in bianco e nero più sensibile oggi sul mercato.
  • Kodak Tri-X: è una delle pellicole in bianco e nero più vendute e più popolari. Più contrastato e più granuloso del suo partner ASA presso Kodak ; il T Max.
  • Ilford PanF50: È famoso per la sua rumorosità quasi inesistente che permette grandi ingrandimenti senza perdere qualità. Tuttavia, l’ISO (ASA) è molto basso, quindi è consigliato solo in ambienti con luce sufficiente.
  • Fujifilm Neopan Acros 100 Grana molto fine e grande dettaglio e con una delle migliori gamme di grigi sul mercato.

Tipi di fotocamere analogiche

Quando si parla di fotocamere analogiche, possiamo dividerle in fotocamere da 35 mm, medio formato e grande formato, a seconda della pellicola per cui sono progettate. Il grande formato è, ed era, molto specializzato e finalizzato alla realizzazione di grandi ingrandimenti o architetture.

A meno che tu non voglia creare un museo in casa ti consiglio di iniziare con quelle da 35mm e poi magari con quelle di medio formato.

Fotocamere a telemetro

Potrei parlarti di telemetri, triangolazioni, distanza o le diverse finestre del mirino. Ma preferisco cercare di spiegarlo in modo più semplice. I telemetri non hanno uno specchio come le reflex, quindi l’immagine viene stampata direttamente sulla bobina. Ciò aumenta la nitidezza e diminuisce il tremolio associato a questo movimento.

Ma significa anche che ciò che vedi attraverso il mirino non è esattamente ciò che vede il bersaglio. Il suo sistema di messa a fuoco si basa su un proprio sistema per misurare la distanza attraverso quello che viene chiamato ‘telemetro’ e che, in modo pratico, consiste nel combinare l’immagine reale e quella fornita dal telemetro e altri meccanismi, in uno.

Se vuoi approfondire ti consiglio di leggere la guida sulle fotocamere a telemetro scritta qui su Fotografia Moderna.

Fotocamere TLR

Si tratta di una reflex con due obiettivi “twin” (Twin Lens Reflex). L’obiettivo posto nella parte superiore offre l’immagine al mirino, mentre quello nella parte inferiore è quello che cattura l’immagine e la fa passare alla bobina.

L’immagine è formata su un vetro sopra la fotocamera, quindi di solito viene ripresa dalla vita e guardando in basso. I suoi vantaggi rispetto alle SLR (Single Lens Reflex) sono che l’otturatore non influisce sul mirino, ovvero visualizzi sempre liberamente attraverso l’obiettivo superiore. Questo lo rende utile per lunghe esposizioni o oggetti in movimento.

Sono molto precisi nella messa a fuoco, molto nitidi e molto silenziosi. Sono anche ingombranti e pesanti, e avendo due ottiche il prezzo si moltiplica in lunghezze focali. Di solito funzionano con bobine di medio formato, anche se alcuni modelli sono stati adattati per funzionare sia con 35mm che con 120.

Polaroid

Sono stati i primi a creare le fotocamere istantanee su carta e sono stati accolti molto bene fino all’avvento della fotografia digitale. La fotocamera stessa, insieme alla carta che funge da bobina, ha agito come un laboratorio portatile e automatico, fornendoci un’immagine immediatamente rivelata. Polaroid ha smesso di produrre le sue bobine fino a quando “The Impossible Project” ha deciso di rilevare una delle sue fabbriche e ricominciare a distribuirle.

Foro stenopeico

Se hai una scatola di latta e un ago per fare un buco, hai già una macchina fotografica lo sapevi? Una scatola impermeabile, un foro come obiettivo attraverso il quale passerà la luce, e all’interno del materiale fotosensibile dove verrà registrato il negativo dell’immagine.

Naturalmente, per rivelarlo avrai bisogno di un laboratorio o procurarti le sostanze chimiche necessarie per farlo da solo. 

Conclusione

Ci sono tanti piccoli dettagli magici che capirai solo quando avrai tra le mani una fotocamera analogica. Quando ti chiedi dove sia stata prima quella fotocamera, quali luoghi ha visitato, cosa ha fotografato, quali mani l’hanno tenuta, quali venti, sabbie o mari ha attraversato. I secondi prima di premere l’otturatore, il rumore della sua meccanica, lo sforzo che dedichi a creare ogni immagine, il rumore e la sensazione che produce una bobina.

Alessio Fabrizi
Alessio Fabrizi
Alessio, fondatore di Fotografia Moderna dal lontano 2015 con l'obiettivo di creare una community unita di fotografi italiani. Cerco sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, mi diverto a fare recensioni di attrezzature fotografiche e consigliare con guide all'acquisto le migliori alternative sul mercato. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raggiungere più di 1 milione di appassionati ogni anno finendo per essere un lavoro a tempo pieno dove ogni giorno impiego il mio tempo per cercare notizie o migliorare il sito.
ALTRI ARTICOLI

Lascia un commento

Scrivi qui il tuo commento
Aggiungi il tuo nome qui

ULTIMI ARTICOLI