Philippe Halsman: Da Salvador Dalí a Audrey Hepburn

Philippe-Halsman-fotografo

Philippe Halsman nasce a Riga, in Lettonia ma inizia la sua carriera fotografica a Parigi. Nel 1934 aprì uno studio di ritratti a Montparnasse, dove fotografò molti noti artisti e scrittori, tra cui André Gide , Marc Chagall , Le Corbusier e André Malraux, passando alla storia per aver utilizzato un’innovativa fotocamera reflex a doppio obiettivo da lui stesso progettata.

Halsman fa parte del grande esodo di artisti e intellettuali fuggiti dai nazisti, arrivò negli Stati Uniti con la sua giovane famiglia nel 1940, dopo aver ottenuto un visto d’emergenza grazie all’intervento di Albert Einstein.

La prolifica carriera di Halsman in America nei successivi 30 anni comprendeva reportage e copertine per tutte le principali riviste americane. Questi incarichi lo hanno portato faccia a faccia con molti dei principali statisti, scienziati, artisti e intrattenitori del secolo. I suoi ritratti incisivi sono apparsi su 101 copertine per la rivista Life, un record che nessun altro fotografo ha ancora eguagliato.

Parte del successo di Halsman è stata la sua gioia di vivere e la sua immaginazione, combinate con la sua abilità tecnologica. Nel 1945 fu eletto primo presidente dell’American Society of Magazine Photographers(ASMP), dove ha guidato la lotta per proteggere i diritti creativi e professionali dei fotografi. Nel 1958 i colleghi di Halsman lo nominarono uno dei dieci più grandi fotografi del mondo. Dal 1971 al 1976 ha tenuto un seminario presso The New School dal titolo Ritrattistica psicologica .

Halsman ha iniziato una collaborazione di trentasette anni con Salvador Dali nel 1941 che ha portato a un flusso di insolite fotografie di idee , tra cui Dali Atomicus e la serie Dali’s Moustache . All’inizio degli anni ’50, Halsman iniziò a chiedere ai suoi soggetti di saltare per la sua macchina fotografica alla fine di ogni seduta. Queste immagini straordinariamente spiritose ed energiche sono diventate una parte importante della sua eredità fotografica.

Scrivendo nel 1972, Halsman ha parlato del suo fascino per il volto umano. “Ogni volto che vedo sembra nascondere – e talvolta rivelare fugacemente – il mistero di un altro essere umano. Catturare questa rivelazione è diventato l’obiettivo e la passione della mia vita.

Nel corso della sua carriera, Halsman si è divertito a confrontare il suo lavoro con quello di un bravo psicologo che considera i suoi soggetti con una visione speciale. Con i suoi modi cortesi e l’accento europeo, Halsman si adattava anche allo stereotipo popolare in un’epoca in cui gli americani consideravano la psicologia con affascinato scetticismo. In effetti, Halsman era orgoglioso della sua capacità di rivelare il carattere dei suoi modelli. Come ha spiegato, “Non può essere fatto spingendo la persona in posizione o sistemando la sua testa in una certa angolazione. Deve essere ottenuto provocando la vittima, divertendola con battute, cullandola con il silenzio o facendo domande impertinenti che il suo migliore amico avrebbe paura di dare voce.”

Nella primavera del 1952, Halsman mise al lavoro la sua tecnica distintiva quando Life lo mandò a Hollywood per fotografare Marilyn Monroe. Halsman ha chiesto a Monroe di stare in un angolo e ha posizionato la sua macchina fotografica direttamente di fronte a lei. Più tardi, ha ricordato che sembrava “come se fosse stata spinta in un angolo con le spalle al muro senza possibilità di fuga”. Quindi Halsman, il suo assistente e il giornalista di Life hanno organizzato una competizione “ardente” per attirare l’attenzione di Monroe. “Circondata da tre uomini ammirati, sorrideva, flirtava, ridacchiava e si contorceva di gioia. Durante l’ora in cui l’ho tenuta con le spalle al muro si è divertita regalmente, e io… ho scattato tra le 40 e le 50 foto”.

In questa sua foto la Monroe indossa un abito da sera bianco e sta con la schiena contro due pareti, una scura, l’altra chiara, gli occhi socchiusi e la bocca scura e macchiata di rossetto semiaperta. Eppure Halsman ha abilmente evitato qualsiasi rappresentazione esplicita del vero soggetto dell’immagine. Usando il linguaggio eufemistico dell’epoca, l’assistente di Halsman ammirava la capacità del fotografo di realizzare immagini “suggestive” di belle donne che mostrassero ancora “buon gusto”, enfatizzando “l’espressione” piuttosto che le “dotazioni fisiche”. E poi l’assistente ha aggiunto: “Halsman è molto abile nel provocare l’espressione che vuole”.

Libri di Philippe Halsman

Philippe Halsman
Philippe Halsman
Devillers, Sonia (Autore)
9,90 EUR
Jump Book
Jump Book
Halsman, Philippe (Autore)
35,00 EUR
In offerta
Dali's Mustache
Dali's Mustache
Halsman, Philippe (Autore)
12,50 EUR −5% 11,82 EUR
Philippe Halsman
Philippe Halsman
Collectif (Autore)
39,43 EUR
In offerta
Philippe Halsman, ¡Sorpréndeme!
Philippe Halsman, ¡Sorpréndeme!
38,00 EUR −21% 30,05 EUR

La tecnica di Halsman: Jumpology e la sua influenza sulla fotografia moderna

Come accennato in precedenza, Philippe Halsman è stato famoso per la sua tecnica di fotografia nota come Jumpology. Questa tecnica consisteva nell’incoraggiare i suoi soggetti a saltare mentre venivano fotografati, con l’obiettivo di catturare immagini uniche e dinamiche dei suoi soggetti.

Halsman ha sviluppato questa tecnica negli anni ’40, e ha scattato centinaia di fotografie utilizzando questa tecnica.

La Jumpology di Halsman ha avuto un’influenza significativa sulla fotografia moderna, in particolare sulla fotografia di ritratto. La sua tecnica ha permesso di catturare immagini più naturali e spontanee dei suoi soggetti, rispetto alle pose più tradizionali utilizzate nella fotografia di ritratto dell’epoca.

La sua tecnica di Jumpology è stata anche ripresa e utilizzata da molti altri fotografi, sia per ritratti che per fotografie di moda e pubblicità.

Da Salvador Dalí a Audrey Hepburn

Durante la sua lunga carriera, Philippe Halsman ha scattato migliaia di fotografie di celebrità e personaggi famosi. Tra queste, alcune sono diventate particolarmente famose e iconiche.

Una delle fotografie più famose di Halsman è quella di Salvador Dalí, scattata nel 1948. In questa foto, Dalí è ritratto mentre salta in aria con un gatto in mano. Questa foto è diventata un simbolo della tecnica di Jumpology di Halsman e della sua relazione con Dalí.

Una delle fotografie più iconiche di Halsman di Audrey Hepburn è quella scattata nel 1951 per la copertina di Life. In questa foto, Hepburn è ritratta mentre salta in aria con un abito lungo e un sorriso malizioso. Questa fotografia è diventata un simbolo della bellezza e della gioia di vivere di Hepburn.

Halsman ha anche scattato una famosa serie di fotografie di Marilyn Monroe, tra cui una in cui lei salta in aria con un abito bianco. Queste fotografie sono diventate icone della bellezza e della sensualità di Monroe.

Queste fotografie iconiche di Halsman dimostrano la sua abilità nell’utilizzare la tecnica di Jumpology per catturare immagini uniche e dinamiche dei suoi soggetti, e la sua capacità di creare immagini che diventano simboli delle personalità dei suoi soggetti.

Frasi famose di Halsman

  • Delle migliaia di persone, famose e sconosciute, che si sono sedute davanti alla mia macchina fotografica, spesso mi viene chiesto quale fosse il soggetto più difficile, o il più facile, o quale immagine sia la mia preferita. Quest’ultima domanda è come chiedere a una madre quale figlio le piace di più.
  • Tutte le dimensioni dei negativi e delle carte da stampa sono arbitrarie e determinate dal produttore. La forma reale è l’immagine circolare dell’obiettivo. Devo comporre all’interno di quel cerchio. Pertanto, il problema del quadrato rispetto al rettangolo non mi disturba. È facile comporre un’immagine orizzontale o verticale all’interno di un cerchio. È possibile comporre questo sia quando si scatta la foto o successivamente in camera oscura. Molte volte la mia immagine finale è quadrata. Non permetto alle proporzioni della carta di dettare la mia composizione. Cambio le proporzioni se non si adattano alla mia idea di come dovrebbe essere l’immagine.
  • La maggior parte delle persone si irrigidisce per l’autocoscienza quando posa per una fotografia. L’illuminazione e la raffinata attrezzatura fotografica sono inutili se il fotografo non riesce a far loro cadere la maschera, almeno per un momento, in modo da catturare sulla sua pellicola la loro vera personalità e carattere non distorti.
  • La parola “fotografia” può essere interpretata come “scrivere con la luce” o “disegnare con la luce”. Alcuni fotografi stanno producendo bellissime fotografie disegnando con la luce.. Alcuni altri fotografi stanno cercando di raccontare qualcosa con le loro fotografie. Stanno scrivendo con la luce.
  • Sono scivolato nella fotografia come si scivola nella prostituzione. Prima l’ho fatto per compiacere me stesso, poi l’ho fatto per compiacere i miei amici, e alla fine l’ho fatto per i soldi.
  • Sì, non posso più nasconderlo: di solito seleziono il contenuto piuttosto che la forma. Invece di creare un’immagine graficamente sorprendente, sono più interessato a catturare la verità interiore.
  • Un buon ritratto è incredibilmente difficile da creare, c’è troppa tentazione di assecondare l’individuo piuttosto che ritrarlo come era realmente.
  • Faccio in modo che la donna guardi la macchina fotografica come simbolo di tutti gli occhi che vedranno la foto che sto facendo.
  • Non dirigo il soggetto – l’unica cosa che cerco è di aiutarlo a superare le sue paure e inibizioni. Cerco di catturare ciò che sento riflette qualcosa della sua vita interiore. L’obiettivo principale per me non è imporre le mie idee sull’argomento, ma piuttosto arrivare alla verità psicologica dell’argomento e presentarla in una forma valida, una forma grafica – ma sacrificherei sempre il design per il contenuto.
  • Non dirigo il soggetto – l’unica cosa che cerco è di aiutarlo a superare le sue paure e inibizioni. Cerco di catturare ciò che sento riflette qualcosa della sua vita interiore. L’obiettivo principale per me non è imporre le mie idee sull’argomento, ma piuttosto arrivare alla verità psicologica dell’argomento e presentarla in una forma valida, una forma grafica – ma sacrificherei sempre il design per il contenuto.
  • In un salto il soggetto, in un’improvvisa esplosione di energia, vince la gravità. Non può controllare contemporaneamente le sue espressioni, i suoi muscoli facciali e degli arti. La maschera cade. Il vero sé diventa visibile. Basta scattare con la fotocamera.
  • Un vero ritratto dovrebbe, oggi e tra cento anni, essere la testimonianza di come appariva questa persona e che tipo di essere umano era.
  • Gli oggetti interessanti non solo rendono le nostre fotografie più interessanti, ma a volte sono capaci di stimolarci a realizzare una fotografia insolita.
  • …“Qual è lo scopo della mia fotografia, del mio fotografare?” Quello che sto cercando di catturare nella foto è… sto cercando di riassumere una personalità per quanto umanamente possibile. So che è come la [costante matematica] “pi”. Non ottieni mai la risposta completa e definitiva, ma puoi avvicinarti il ​​più possibile. Mi sembra che se sto producendo un documento psicologico onesto su un essere umano, questa immagine potrebbe in seguito diventare il simbolo visivo dell’intera personalità del mio soggetto. In alcuni casi è andata così. Ad esempio, la mia immagine del professor Einstein è ora l’immagine a cui tutti pensano quando viene menzionato Einstein. È stato utilizzato sul francobollo ed è stato utilizzato sulla copertina di molte delle sue biografie. Probabilmente è anche uno dei ritratti più profondi e interessanti che ho realizzato.
  • Cosa voglio catturare di più nelle mie fotografie? L’emozione umana e l’essenza dell’essere umano. Sono meno interessato a forzare i miei soggetti in una forma visivamente interessante e metterli su uno sfondo insolito.
  • Questa è l’essenza di un’opera d’arte: non toccare mai il fondo. Se un’immagine ha per tutti esattamente lo stesso significato, è un luogo comune, e non ha senso come opera d’arte. Lo stesso vale per un ritratto: se non è ricco di carattere e di significato, è un ritratto scadente.
  • Non è solo qualcosa che c’è e che otteniamo nel nostro ritratto perché ci capita di avere una pellicola a colori nella nostra macchina fotografica. Il colore è fattore descrittivo ed emozionale di grande forza. Il suo potere emotivo può essere illustrato dal modo in cui usiamo parole colorate per descrivere stati d’animo o caratteristiche: sentirsi blu, vedere rosso, essere giallo, ecc. C’è un’enorme differenza nella caratterizzazione tra un ritratto a colori realizzato alla luce fredda di un giornata nuvolosa e una fatta nel bagliore rossastro del sole al tramonto.

Altri articoli:

Ho fondato Fotografia Moderna nell'estate del 2015 per dare una nuovo volto alla community di fotografi italiani. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raggiungere più di 1 milione di appassionati ogni anno. Cerco sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, mi diverto a fare recensioni di attrezzature fotografiche, lezioni e consigliare con le guide all'acquisto alle migliori alternative sul mercato.